Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 556448641 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
novembre 2022

La forza della lettura al Liceo Lombardo Radice con Libriamoci
di a-oliva
838 letture

Quando l’arte porta lontano: primo premio, premio del presidente della giuria e menzione d’onore per il Convitto Cutelli al Premio Enrico Bonino
di a-oliva
728 letture

LA SCUOLA COME LA VORREI. Il Ministro Valditara interroga i presidi
di a-oliva
521 letture

La scuola fuori… non come prima di Lorenzo Bordonaro e Teresa Garaffo
di a-oliva
462 letture

Ma il Merito non era di sinistra?
di a-oliva
453 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

I video della scuola
I video della scuola

·Video e rap per la Shoah. Il Coro interscolastico di voci bianche 'Vincenzo Bellini'
·25 aprile, lontani ma vicini: i giovani cantori di Torino cantano 'Bella ciao'
·Caro virus, non sei simpatico e gentile
·L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
·Premiazione concorso #Zerobullismo, la tua storia contro il bullismo in rete - Liceo Classico 'Tommaso Fazello' di Sciacca


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Bullismo e Cyberbullismo: L’attenzione negata: la vicenda della scuola di Salò, quali riflessioni?

Opinioni
Come scrive Talcott Parsons in Sociological theory in a modern society, il solo mezzo di cui dispone la scuola per l’integrazione sociale è il modello dell’insegnante attraverso il quale si induce ad agire per gli interessi comuni e reciproci della comunità sociale. Un docente che non vede, o fa finta di non vedere un fatto così grave consumato in sua presenza  ( e perlomeno è questa la versione dei fatti fornita dalla stampa ma da appurare del tutto in sede processuale) è una negazione dell’esistenza dell’altro, di se stesso e della relazione che dovrebbe incarnare.

Tecla Squillaci


Ho lasciato trascorrere qualche giorno dalla notizia di quanto accaduto nella scuola di Salò prima d’intervenire, per lasciare che lo stupore sedimentasse un po’. A volte, è necessario prendere le giuste distanze che solo il tempo può darci prima di considerare i fatti nella loro giusta dimensione.
Questa vicenda eclatante, che ha dell’incredibile , esiziale certamente per il mondo della scuola, ci spinge a riflettere su quel delicato rapporto che spesso anche gli stessi docenti danno per scontato che è la relazione educativa.
In ogni relazione educativa si instaura un necessario transfert alunno-insegnante. Dico necessario, perché, almeno per chi ha una certa dimestichezza con la psicoanalisi, sa che il transfert è il punto cruciale attraverso cui uno dei due soggetti, in questo caso l’alunno, trasferisce tutta la propria carica emotiva ed anche i conflitti irrisolti sulla figura dell’insegnante come figura di riferimento, per prenderne consapevolezza, rielaborarli e superarli.
Non è soltanto una identificazione con il modello rappresentato dall’adulto ma una strategia, un meccanismo proprio della psiche umana ,inconscio, per cui si creano i presupposti della crescita e lo scioglimento dei blocchi emotivi ( come avviene del resto nel transfert classico tra paziente e terapeuta).
Nella fase della pre adolescenza avviene una crisi, un’impasse, chiamata dagli psicologi col termine tecnico di breakdown dell’età evolutiva. Una fase in cui riemergono tutti i conflitti latenti, in cui devono avvenire, fondamentali per la strutturazione della personalità, il superamento del complesso edipico e l’intera rielaborazione del proprio status, della funzione normativa del Super Ego e del suo adattamento con la realtà sia per mezzo dell’integrazione che per mezzo della sublimazione positiva degli impulsi.
Riemerge anche l’angoscia; la paura dell’annientamento post simbiotico ( che segue la fase simbiotica nella psicologia dell’età evolutiva), come ben si evince dagli studi di Anna Freud e di Melanie Klein.
Angoscia che se non trova la giusta canalizzazione nel transfert educativo con l’adulto può sfociare in episodi di aggressività o di autolesionismo ( vedi anoressia).
Nel momento in cui l’oggetto di tale transfert, per diversi motivi , si sottrae inconsapevolmente al proprio ruolo di modello educativo, ne viene meno per stabilità, coerenza, coesione del comportamento e della parola, il messaggio subliminare che viene dato all’alunno è questo: non sono in grado di offrirti il modello di adulto che tu cerchi. Bisogna stare attenti ai messaggi subliminari che si lanciano ai ragazzi. E non solo a quello che viene detto. E questo equivale ad un’attenzione negata per l’alunno.
Inutile ribadire che tutto questo avviene a livello incoscio, a livello dell’ Es e non dell’ Ego. Durante il breakdown dell’età evolutiva gli adolescenti cercano un modello di stabilità, punti di riferimento puntuali e coerenti.
Come scrive Talcott Parsons in Sociological theory in a modern society, il solo mezzo di cui dispone la scuola per l’integrazione sociale è il modello dell’insegnante attraverso il quale si induce ad agire per gli interessi comuni e reciproci della comunità sociale.
Un docente che non vede, o fa finta di non vedere un fatto così grave consumato in sua presenza  ( e perlomeno è questa la versione dei fatti fornita dalla stampa ma da appurare del tutto in sede processuale) è una negazione dell’esistenza dell’altro, di se stesso e della relazione che dovrebbe incarnare.
Al di là di queste considerazioni, in quello che è successo esiste una complementarietà di colpe.
La colpa dei ragazzi che a quell’età, 14-15 anni, viene loro riconosciuta una certa capacità d’intendere e di volere, la colpa del docente che non vede o fa finta di non vedere, la culpa in educando dei genitori ( come più volte sancito da costante giurisprudenza in diverse sentenze di cassazione) e un’altra colpa, non attribuibile giuridicamente ma non meno grave delle altre: la colpa sociale.
Su quest’ultima non farò alcuna analisi ma mi limito a riportare un brano tratto da un famoso romanzo di Thomas Mann, La montagna incantata, affinchè ognuno leggendolo ne tragga le proprie personali conclusioni. La necessaria premessa riguardo il brano  è che vede protagonisti due giovani: uno, italiano, Settembrini, e l’altro un giovane ingegnere tedesco di nome Castorp. Quest’ultimo ama la cultura e  l’eloquenza italiane ma considera disdicevole  l’estrema importanza data dagli italiani alla ricchezza come unico metro di valutazione di una persona. La prevalenza dell’homo oeconomicus sull’homo humanus. Ed ecco cosa risponde in tal senso Settembrini: “… io sono d’opinione che a lei, come homo humanus, non  piacerebbe stare troppo dalle nostre parti. Anche a me che ci sono di casa quel modo di valutare le persone sembra a volte una cosa ripugnante… da noi nessuno frequenterebbe la casa di chi non facesse servire a tavola i vini più costosi… vede, bisogna avere una pelle abbastanza dura per vivere ogni giorno con la gente che vive laggiù, in Italia, per poter rimanere  insensibili a domande come questa: quanto guadagna costui? E sopportare  il viso  che fanno ponendola…” ( Der Zauberberg – T. Mann- romanzo scritto nel 1924 ma, come i veri grandi romanzi, sempre attuale).

Tecla Squillaci
stairwayto_heaven@libero.it








Postato il Venerdì, 02 aprile 2010 ore 08:24:06 CEST di Tecla Squillaci
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati

Opinioni

contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.52 Secondi