Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 486091268 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1258 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
984 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
758 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
728 letture

Sulla povertà
di m-nicotra
674 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ministero Istruzione e Università
Ministero Istruzione e Università

·Pubblicato il calendario con le date delle prove scritte per l’anno scolastico 2019/2020
·L’amore per il teatro comincia sui banchi di scuola
·Scorrimento graduatoria Azione #7 PNSD - 'Ambienti di apprendimento innovativi', finanziati ulteriori 1.006 progetti
·Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
·Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: HEIDEGGER E LA RIFLESSIONE SUL NICHILISMO

Rassegna stampa
  Heidegger e il nichilismo
 
Suling Wang

di Ferdinando G. Menga*

 


All’interno della tradizione di pensiero, con il termine nichilismo viene connotata quell’epoca, iniziata con la tarda modernità e il cui tramonto è probabilmente ancora di là da venire, il cui senso complessivo è costituito da una radicale perdita di senso nei confronti del mondo, della verità e dell’orientamento del vivere sociale. In altre parole, nichilismo vuol dire che, da un certo punto in poi nella storia dell’umanità occidentale, del fondamento dell’essere, che sostiene e lega assieme tutte le cose, non ne è più niente.

Heidegger, la metafisica e Nietzsche
Soltanto che è proprio questa connessione fra essere e nulla, ovvero questa perdita del fondamento, a risultare il pensiero più difficile da pensare. Questa è la tesi di fondo sostenuta da Martin Heidegger, allorquando egli, nel criticare la tradizione intera del pensiero, cioè la metafisica, le rimprovera l’incapacità di porsi all’altezza di un tale pensiero. Incapacità che si rivela, poi, tanto più vistosa quanto più, al culmine di tale tradizione, è Nietzsche stesso ad annunciare esplicitamente suddetta connessione attraverso la sentenza: ‘Dio è morto!’.

Partiamo anzitutto dalla necessaria illustrazione della congiunzione che Heidegger opera fra Nietzsche, la metafisica e il nichilismo.
La lettura heideggeriana di Nietzsche si orienta fondamentalmente alla messa in luce della permanenza di quest’ultimo all’interno della tradizione metafisica, vale a dire all’interno di quella pratica di pensiero che, avendo sempre operato nell’ordine della rappresentazione e presentificazione dell’essere, lo ha anche e già sempre ridotto all’ente, cancellandone così l’ulteriorità rispetto al mero piano ontico. Per questo, Heidegger afferma anche che una tale tradizione, che vive della costitutiva tensione verso l’oggettivazione dell’essere, può essere definita anche come storia dell’oblio dell’essere, cioè dimenticanza del fatto che, se si vuole pensare adeguatamente l’essere, bisogna allora cogliere anzitutto che esso non si trova affatto sul piano dell’ente e di ogni determinazionepossibile di ente. L’essere, invece, è esattamente il trascendens puro e semplice rispetto all’ente.

L’immanenza sostituisce la trascendenza
Questo anzitutto, ma non solo, poiché per Heidegger, Nietzsche non resta semplicemente all’interno della metafisica, ma, con la sua posizione nichilista, ne rivela anche il compimento, cioè il dispiegamento massimo delle intime possibilità. E questo dal momento che il suo pensiero, con l’espresso annuncio della morte di Dio, cancella il luogo stesso della trascendenza, precludendo così ogni ulteriore possibilità di conservare una qualsivoglia traccia di ulteriorità dell’essere rispetto al mero piano ontico.
Nietzsche, in effetti, al primato della trascendenza sostituisce definitivamente il predominio dell’immanenza, poiché il nucleo essenziale della sua proposta nichilista si concretizza nel fatto che, di fronte alla scoperta del carattere illusorio di ogni forma di trascendenza a governo e sostegno del vivente, resta una sola possibilità di reazione: che il vivente stesso, a partire da sé, ovvero dalla sua sola volontà di potenza, divenga il fondamento di tutte le cose e il produttore di tutti i valori, compreso quel valore dell’essere, classica prerogativa della trascendenza.
Essendo questo l’esito a cui tende l’assunto nichilistico nietzscheano, si capisce bene allora come, per Heidegger, ciò non possa che rappresentare anche l’assoluto compimento della metafisica, in quanto l’assolutizzazione del piano ontico operata da una tale volontà di potenza comporta inevitabilmente la completa cancellazione della differenza fra essere ed ente.


Dal nichilismo inautentico al nichilismo autentico
Una tale impostazione nichilistica, tuttavia, non determina, per Heidegger, soltanto il compimento della metafisica, ma, a ben guardare, rivela anche un’implicazione ulteriore, che è quella di un occultamento del nichilismo nella sua forma autentica che si dà proprio in un legame essenziale con la logica stessa di donazione dell’essere. Secondo una tale logica di donazione, infatti, il nihil riguarda intimamente l’essere, in quanto è proprio il sottrarsi dell’essere all’ente, ovvero il suo assentarsi che si ritrae nel ni-ente, a donare lo spazio stesso di presenza per l’ontico. Questo è, perciò, il nichilismo pensato in modo autentico: l’avvertimento che il movimento di sottrazione dell’essere, nel mentre stesso dona la presenza all’ente, altro non è che la dinamica del nihil vero e proprio, ovvero il trascendersi dell’essere dall’ente in quanto ni-enti-ficare. Ecco, dunque, l’apice speculativo a cui Heidegger conduce la sua meditazione: l’essere che dona la presenza sottraendosi e tenendosi in sé equivale a dire che l’essere si dà come – ovvero è – il niente.


L’inconsapevolezza metafisica del nichilismo di Nietzsche
In conclusione, è a questa autenticità del nichilismo che il pensiero metafisico di Nietzsche non sarebbe giunto. E questo dal momento che un siffatto pensiero, insistendo sulla produzione di presenza a partire dall’immanenza del vivente, non si sarebbe messo all’altezza di capire che, non la presenza dell’ente, ma il nihil stesso è al cuore dell’essere proprio nel mentre esso la provoca col suo assentarsi. Ma non solo: ciò che un siffatto pensiero inautentico del nichilismo non si sarebbe messo in grado di comprendere è che il nihil riesce a essere tanto più se stesso, cioè assentarsi dell’essere, quanto più resta indisturbato da un pensiero che, permanendo nell’affermazione della presenza, alla fine, nemmeno nota questo assentarsi.
Il nichilismo di Nietzsche si rende colpevole pertanto di una tale inconsapevolezza metafisica che si imbeve di presenza. Il nichilismo di Heidegger, invece, si rivelerebbe autentico proprio in quanto gesto di pensiero che, capace di penetrare nel cuore dell’essere, ne comprende anche la logica, cioè comprende che l’abbandono dell’essere da parte della presenza, in fondo, è il gioco stesso che l’essere conduce per preservarsi indisturbato nel suo stesso essere niente, appunto nihil originario.


*
Collabora con la cattedra di Filosofia del Diritto dell’università di Catania. Oltre ad aver pubblicato numerosi saggi su riviste italiane e straniere, è autore della monografia: La passione del ritardo. Dentro il confronto di Heidegger con Nietzsche (Milano, Franco Angeli, 2004).










Postato il Lunedì, 28 dicembre 2009 ore 00:00:00 CET di Salvina Torrisi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi