Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 485858197 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1228 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
878 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
689 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
683 letture

Sulla povertà
di m-nicotra
606 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Regionale
Ufficio Scolastico Regionale

·Personale docente di scuola secondaria di I e II grado - Convocazione per incarico a T.I. da concorsi regionali
·Avviso espressione di preferenza delle sedi di dirigenza scolastica
·Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
·Sicilia - Operazioni di attribuzione degli incarichi dei Dirigenti scolastici: conferme, mutamenti, mobilità interregionale con decorrenza 01/09/2019
·Rettifica elenco esclusi dalle graduatorie di conferma incarico di presidenza a.s. 2018/19


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: POPPER E LA TRADIZIONE ANTIMETAFISICA

Rassegna stampa

Popper e l'antimetafisica

di Roberto Lolli*

Popper e la tradizione antimetafisica

La critica di Karl Raymund Popper (1902-1994) alle inclinazioni metafisiche del pensiero si ritrova sia all’interno delle sue riflessioni epistemologiche sia in quelle politiche. In ciò il filosofo viennese si ritrova già perfettamente all’interno di quell’ambito della filosofia anglosassone nella quale andrà a inserirsi, sino a diventare un giorno baronetto, dopo la fuga dall’Austria nel 1937. Infatti, una lunga tradizione, che va da Ockham fino a John Stuart Mill, vede i filosofi anglosassoni impegnati in una lotta intellettuale per delimitare i confini della scienza e, una volta stabilita questa linea di demarcazione, per applicare alla politica le conseguenze delle premesse fissate a livello gnoseologico-epistemologico. Pertanto, dal punto di vista didattico, affrontare il tema di Popper e l’antimetafisica è una straordinaria occasione per richiamare agli studenti una serie di autori e di temi fortemente correlati.

È soprattutto all’esempio di John Locke che possiamo ricondurre l’iniziativa antimetafisica di Popper. In Locke, infatti, la critica all’innatismo cartesiano nel campo gnoseologico era la necessaria premessa per smantellare le indimostrabili pretese di fondazione dell’autorità politica sul campo del trascendente, quali quelle sostenute da Robert Filmer nel De Patriarcha, manifesto dell’assolutismo tradizionalista: Dio, secondo Filmer, avrebbe donato ad Adamo la sovranità sul mondo e questa sarebbe discesa per rivoli segreti fino alle case regnanti contemporanee, che i popoli lo volessero oppure no. Al contrario, se per Locke non esistono le idee innate non esiste neppure la sovranità innata, ma è solo la costruzione del tutto umana del patto sociale, per altro nelle forme limitate indicate dal Secondo Trattato sul Governo, a fondare l’ordine politico.

La critica alla metafisica dell’antimetafisica: Popper e il Circolo di Vienna

Popper nella sua Logica della scoperta scientifica (1931) contesta alcune premesse a suo giudizio ancora intrise di metafisica che continuavano ad apparire, al di là delle dichiarate intenzioni di segno completamente opposto, anche all’interno delle posizioni neopositiviste del Circolo di Vienna. Secondo Popper, infatti, il paradigma verificazionista dei neoempiristi viennesi – Hahn, Neurath, Carnap, Schlick. tra i principali – contiene elementi che contraddicono la volontà di affermare una ‘visione scientifica del mondo’: non è sufficiente dichiarare di voler liquidare gli aspetti metafisici del linguaggio ordinario per sostituire ad ambigui enunciati i sorvegliati e dettagliati protocolli, se poi la ‘Verità’ continua a essere oggetto che si presume ‘verificabile’ empiricamente sotto forma di ‘corrispondenza’ tra l’asserto di base e il riscontro ‘certificato’ nella realtà esterna. Per quanto inconsciamente – in fondo l’ambiente è ancora freudianamente viennese – all’interno della posizione verificazionista del Circolo di Vienna continua ad agire un supporto alla metafisica cui Popper contrappone un diverso approccio, quello ‘falsificazionista’.

Popper rovescia l’impianto ‘realista’ su cui per secoli si è basata la ricerca scientifica: non è sufficiente verificare in ‘n casi’ che una teoria sia suffragata dall’evidenza empirica se i casi possibili sono anche solamente ‘n+1’, poiché basta quell’unico caso, se difforme, a confutare l’intera teoria. La natura deve invece essere interrogata al contrario, cercando sistematicamente non la ‘verifica’ di una teoria quanto piuttosto la sua ‘falsificazione’. Condizione di ciò è che la teoria sia ‘falsificabile’, ovvero che i suoi enunciati siano almeno potenzialmente confutabili e il compito della ricerca consiste proprio nel trovare i limiti e i punti di crisi della teoria e non solo nel corroborarla. Per questo Popper giudica non scientifiche alcune accreditate teorie, quali la psicanalisi e il marxismo poiché non contengono elementi di falsificabilità o meglio non permettono ai critici di lasciarsi confutare in quanto tendono a interpretare eventi anche in contraddizione tra loro quali prove a sostegno in ogni caso valide.

Più tardi, nel prosieguo della propria carriera, Popper riconoscerà motivi di utilità alle inclinazioni metafisiche del pensiero, specie in Congetture e confutazioni (1972), ricollegandosi alla funzione regolativa assegnata da Kant alle idee metafisiche (Io, Mondo, Dio) nella sezione Dialettica trascendentale della Critica della Ragion Pura: pur essendo gli assunti metafisici non falsificabili e, pertanto, sempre non scientifici, essi costituiscono lo stimolo alla ricerca e un orientamento per l’indagine sulla natura.

La critica al totalitarismo metafisico

Nella riflessione politica che si concretizza ne La società aperta e suoi nemici (1945), la critica alla metafisica di Popper non è affatto sfumata, bensì diventa un impegno di lotta militante: la guerra che si sta combattendo mentre il filosofo compone l’opera si svolge anche tra le sue pagine. Solo che i nemici contro i quali egli rivolge le sue armi sono i pensatori che nel corso della storia si sono resi più di tutti responsabili, a suo giudizio, di avere costruito la struttura delle ideologie autoritarie e totalitarie del presente, vale a dire Platone, Hegel e Marx.

La critica di Popper a Platone rappresenta forse il più grande esempio, nella storia della filosofia, dell’attacco di un pensatore a un proprio predecessore: “Benché io ammiri molte cose nella filosofia di Platone […] non ritengo sia mio compito quello di aggiungere agli altri, innumerevoli, un nuovo atto di omaggio al suo genio. Mi propongo, piuttosto, di smantellare ciò che, a mio giudizio, vi è di nocivo in questa filosofia. È la tendenza totalitaria della filosofia politica di Platone” (La società aperta e i suoi nemici, tr. D. Antiseri, Roma, Armando 1996, p.56). Popper vede nella teoria delle Idee la malta metafisica con la quale si cementa la struttura dell’archetipo degli stati totalitari, la Kallipolis platonica, la Città Perfetta consacrata all’ordine immarcescibile, immutabile e metastorico. Su questo schema si sono sovrapposte nella storia altre utopie, alcune innocue altre terribili prove di ingegneria sociale, quali le tirannidi totalitarie del Novecento. Hegel viene accusato di aver concepito la giustificazione ideologica dello Stato etico e Marx di avere fatto un uso anti-umano della profezia storica, ingabbiando il mobile articolarsi delle vicende umane entro un perimetro di necessità e di ineluttabilità.

Ciò che per Popper accomuna i tre filosofi è stato, soprattutto, l’utilizzo dell’arma metafisica della ‘Verità’ non intesa quale nobile aspirazione umana verso il perfezionamento, ma quale parametro universale per decidere chi debba servire e chi comandare, chi vivere e chi morire. La società aperta, invece, come la scienza falsificazionista, è consapevole dei limiti umani e li tollera proprio perché nessun discorso è vero o falso a priori e, pertanto, è sempre disponibile a riformare se stessa.

*Insegna Filosofia e storia presso il Liceo scientifico 'A. Roiti' di Ferrara. Ha curato con P. Salandini l'opera di storia della filosofia Filosofie nel Tempo, diretta da Giorgio Penzo, 4 voll., Roma, SpazioTre, 2000-2006.









Postato il Lunedì, 16 novembre 2009 ore 00:00:00 CET di Salvina Torrisi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi