Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 487864541 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
settembre 2019

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali, limitatamente alle classi di concorso indicate nell'allegato - secondaria di II grado
di m-nicotra
993 letture

Utilizzazione e Assegnazione: Personale Docente scuola secondaria di I grado - Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posto comune e di sostegno dei docenti non in possesso di titolo specifico. A.S. 2019/20. Movimenti
di a-oliva
992 letture

Incarichi di reggenza Dirigenti scolastici - A.S. 2019/2020
di m-nicotra
873 letture

Istituto San Vincenzo, al via il nuovo anno scolastico con la cerimonia di accoglienza dei nuovi docenti
di m-nicotra
730 letture

L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
di m-nicotra
682 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione è ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: INTERVISTA A CHIKA UNIGWE,UNA SCRITTRICE CONTRO LA TRATTA

Rassegna stampa

Perché ha deciso di articolare il suo romanzo attorno a un tema così complesso, difficile e scabroso come quello del traffico di donne e della prostituzione?
«Sono nata a Enugu e sono cresciuta in una famiglia molto cattolica. Il tema della prostituzione era tabù, non se ne parlava mai in casa. E poi, all’epoca, era un fenomeno ancora molto nascosto. Finché sono rimasta in Nigeria non ne sapevo nulla. Poi ho incontrato un belga che è diventato mio marito, e mi sono trasferita nel suo Paese nel 1995. Sono rimasta scioccata nel vederle qui, nelle vetrine dei sexy shop a vendere il loro corpo e mi sono chiesta cosa ci fosse dietro».

Sono migliaia le ragazze nigeriane trafficate e costrette a prostituirsi. Possibile che in Nigeria non se ne sappia nulla?
«Adesso c’è molta più consapevolezza anche nel mio Paese. Io però ho fatto le mie ricerche qui. Mi rendo conto che per qualcuno può essere scioccante scoprire questa realtà dal mio libro, come lo è stato per me trovarmela di fronte qui. Spero, però, che questo romanzo possa contribuire a sensibilizzare su questo fenomeno».

Perché tante ragazze lasciano la Nigeria per poi finire su una strada o in una vetrina?
«In Nigeria non hanno alcuna prospettiva. Molte hanno studiato, vorrebbero lavorare. Ma non trovano nulla. E allora se ne vanno in cerca di una vita migliore. In Nigeria c’è molta ricchezza concentrata in poche mani. Non c’è uguaglianza e c’è molta corruzione a tutti i livelli. A Lagos vivono diciassette milioni di persone, si possono trovare bellissimi palazzi e auto lussuose e lì accanto c’è gente senza casa e senza niente. Molte ragazze non sanno cosa le aspetta, altre si dicono che è meglio fare le prostitute che vivere in un immondezzaio».

Sisi, Ama e Joyce, Efe sono ragazze che hanno studiato, che hanno lasciato la famiglia, il fidanzato, o sono fuggite dalla guerra. Sono le protagoniste del suo romanzo, eppure quelle che lei racconta sembrano le storie vere di molte ragazze finite nel giro della prostituzione…
«In effetti è così. Ho parlato con loro in Belgio, sono andata a vedere i posti in cui lavorano, ho cercato di capire come sono arrivate e come si sentivano. Con le ragazze il contatto è stato facile. Sono stata aiutata da un senso di solidarietà spontaneo, dovuto al fatto che veniamo dallo stesso Paese. La maggior parte mi ha confessato di essere stata forzata a fare la prostituta».

Lei racconta anche dei traffici che ci stanno dietro. Non è stato più difficile e pericoloso indagare anche su questo aspetto?
«L’obiettivo era di far vedere che dietro la prostituzione c’è un grande giro d’affari. Le ragazze hanno molti problemi, vogliono a tutti i costi uscire dalla povertà. L’unica prospettiva è provare ad andarsene. E c’è chi offre loro questa via d’uscita, che non è una via di liberazione, ma di schiavitù».

La Nigeria è un Paese estremamente ricco di materie prime, petrolio innanzitutto, e con grandi potenzialità. Perché tante ragazze farebbero qualsiasi cosa pur di andarsene?
«Non sono solo a loro a voler lasciare il Paese. La Nigeria ha visto in questi anni una fuga di cervelli impressionante. Molti giovani che hanno studiato e che hanno grandi capacità alla fine decidono di emigrare perché pensano che in Nigeria non abbiano alcuna chance. Ne conosco molti. Conosco anche gente che ha cercato di rientrare con tante idee e progetti, ma ha trovato molte porte chiuse, perché pochi lavorano veramente per cambiare il sistema. Le ragazze spesso se ne vanno perché non hanno altra scelta. Alcune hanno una buona istruzione, ma non significa molto. Hanno la responsabilità di una grande famiglia a loro carico. Oggi a Benin City, la città da dove prevengono molte di loro, sta crescendo una classe media piuttosto significativa grazie al loro "lavoro"».

Come uscire dal circolo vizioso?
«Creando consapevolezza e cercando i cambiare questo sistema dal di dentro, innanzitutto attraverso l’impegno, il lavoro e la valorizzazione delle donne».








Postato il Mercoledì, 14 ottobre 2009 ore 06:51:31 CEST di Maria Allo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi