Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 487863299 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
settembre 2019

Utilizzazione e Assegnazione: Personale Docente scuola secondaria di I grado - Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posto comune e di sostegno dei docenti non in possesso di titolo specifico. A.S. 2019/20. Movimenti
di a-oliva
992 letture

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali, limitatamente alle classi di concorso indicate nell'allegato - secondaria di II grado
di m-nicotra
992 letture

Incarichi di reggenza Dirigenti scolastici - A.S. 2019/2020
di m-nicotra
872 letture

Istituto San Vincenzo, al via il nuovo anno scolastico con la cerimonia di accoglienza dei nuovi docenti
di m-nicotra
730 letture

L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
di m-nicotra
682 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Non vogliamo una scuola di sole 'competenze'
·Il 27 settembre i COBAS scioperano insieme a Fridays for future
·Ferdinando Pagliarisi (segretario generale Cisl Scuola): “Dispersione fa rima con disoccupazione”
·Nuovo confronto aperto sulla Scuola italiana. Il punto di vista dei Collaboratori del Dirigente Scolastico
·Concorso straordinario infanzia e primaria. Rettifica erronea attribuzione punteggi per titoli e servizi


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: In viaggio con Dickens e il suo Canto di Natale

Rassegna stampa
L' attenzione rapita verso il prodigioso racconto di Charles Dickens risale all’infanzia, quando leggendolo lo inscrissi subito, immediatamente, nella costellazione dei libri della mia anima, accanto all’appena citato capolavoro di Melville e all’Isola del tesoro di Robert Louis Stevenson. Da qui, da questa intuizione infantile, poi elaborata e confermata negli anni a venire, vorrei iniziare per tentare di definire l’unicità assoluta del prodigioso racconto-canto del sommo autore di lingua inglese, il geniale prestidigitatore del Circolo Pickwick.

Il pubblico che vedo accorrere a questa versione cinematografica dell’opera è diverso da quello che attende un nuovo film di Wim Wenders, o di Kenneth Branagh. Ne sento parlare con eccitazione in palestra, da parte di ventenni o trentenni che sanno tutto di Mourinho o delle scarpe Adidas, ma crollerebbero di fronte a un interrogatorio duro sull’identità di Amleto, o anche di Pinocchio.
Al cinema, nella sala gremita, posto straprenotato, ero circondato da coppiette di fidanzatini impacciati, dal lessico limitato, ma dall’incontestabile emozione: «Allora domani facciamo l’albero», la lapidaria conclusione di un giovane bergamasco mentre, sui titoli di coda, baciava pieno di allegria la ragazza.

È un fatto importante, un mito della letteratura entra in casa di tutti (almeno potenzialmente) senza fanfare, senza dichiararsi nella sua importanza. Un po’ come quando Roberto Benigni portò Dante in piazza, facendo le debite proporzioni. Dickens non è certo Dante (nessuno tranne Shakespeare è Dante, e forse anche un po’ di più). In compenso Benigni con Dante è più bravo del regista Robert Zemeckis, che realizza in A Christmas Carol un Canto di Natale meritevolmente aderente al testo, ma troppo sbilanciato negli effetti speciali, e in questo senso poco dickensiano. Poco dickensiano perché dickensiana è la dimensione straordinaria nel quotidiano, il miracolo nella natura. Film comunque consigliabile, magnificamente recitato, sciaguratamente concluso nella versione italiana con una stornellata di Andrea Bocelli, ma comunque da vedere.

Senza rinunciare però all’acquisto del dvd ora in vendita anche in edicola (11,90 euro) Il Bianco Natale di Topolino, che contiene il capolavoro cinematografico assoluto sull’opera, Canto di Natale di Topolino, realizzato nel 1983 dalla Disney, cartoni animati non digitali, magnifica fiaba natalizia, uno straordinario Paperone, uno dei vertici del cartone animato. Che è connaturato al soggetto: sono spiriti, fantasmi, quelli che guidano Scrooge alla rinascita, e il cartone animato è il genere cinematografico più spirituale, fantasmatico, facendo a meno anche della presenza corporea degli attori.

Parlavamo di Dante: quanto Dante nel racconto dell’avaro e misantropo Scrooge (tre viaggi, oltre le leggi di tempo e luogo, guidato da spiriti, come nella Commedia), e quanto Shakespeare (la verità dei fantasmi, la realtà folgorante e svelante del sogno)! Analogamente a Shakespeare, Dickens, ovunque ma qui con molta più evidenza, fonde la visione con la realtà quotidiana e mescola, come il maestro, il registro tragico a quello fiabesco e a quello comico.

Credo che lo stupore che ancora oggi genera, all’improvviso, questa storia incantevole, sia lo stesso che colpì me, bambino: il miracolo della notte di Natale, certo, ma anche l’accettazione dello spirito come entità non ingannevole ma anzi buona, la fiducia nell’immateriale, e la vertigine del viaggio nel tempo e nello spazio. Qui, per comprendere il segreto di questo mito, dobbiamo tornare alla letteratura di mare che ha nel capolavoro di Stevenson e in quello di Melville gli astri di riferimento, a cui si aggregano come in una costellazione, Robinson Crusoe, e l’opera di Joseph Conrad.

La letteratura di mare è essenzialmente metafisica: la metafora dell’equipaggio sulla barca, in balia delle onde, è la rappresentazione quintessenziale, elementare del destino dell’uomo che naviga sulle onde della vita, mosse dal destino, a cui il navigatore risponde guardando verso un lontano orizzonte, cercando una nuova riva. Oltre il mare c’è il mondo sconosciuto e l’anelito che ci spinge a imbarcarci, come dice Ismaele in Moby Dick, è l’archetipica attrazione verso l’acqua e il mistero della vita.

Ci si potrebbe domandare: che c’entra il ricco avaro e misantropo Ebeneezer Scrooge, nella sua Londra bancaria e usuraia, in pieno ottocento, con gli eroi che salpano per mare? Non solo c’entra, ma è il loro erede: l’età delle scoperte e della pirateria, e dei tesori sepolti, e delle baleniere, è finita. Il mondo è borghese, non si salpa se non per affari. Ma all’uomo borghese, prigioniero della sua City, una notte, si profila, in forma di sogno o spirito, l’occasione per un grande viaggio, una straordinaria avventura: nel proprio passato, prima, e poi nel proprio futuro, e quindi nel presente che sarà rigenerato. Scrooge potrebbe rifiutare, invece accetta l’invito. Salpa, infatti, con lo spirito, in cielo, il primo e l’ultimo di tutti i mari.

È lui il navigatore che può essere ognuno di noi. Non più il coraggioso esploratore, ma l’uomo che riceve una visita e l’accoglie, segue lo spirito, salpa, alla ricerca di se stesso e del senso ultimo della vita. Nell’età che ha visto l’uomo levarsi in volo con l’aeroplano e toccare in volo il suolo della Luna, Scrooge, il cittadino, l’avaro, l’inaffettivo che diverrà buono, è il nostro modello, il nostr
o Ulisse, il nostro navigatore, il nostro grande nocchiero.








Postato il Martedì, 22 dicembre 2009 ore 16:47:31 CET di Maria Allo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi