Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 486096027 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicitą
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e societą
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli pił letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertą educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1258 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilitą dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
986 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
760 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
728 letture

Sulla povertą
di m-nicotra
674 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganą
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasą
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e societą
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilitą
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilitą
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Universitą
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Comunicati
Comunicati

·Catania ritorni la cittą delle mille fontanelle di acqua corrente
·Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identitą e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
·Convegno nazionale sul middle management nella scuola italiana
·Necessitą di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolaritą dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
·Emanuele Navarro della Miraglia nel centenario della sua morte e 140 anni dopo la pubblicazione de 'La Nana' il primo romanzo del Verismo italiano


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritč e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: PERCORSO DIDATTICO:ANTICLERICALISMO E LETTERATURA

Rassegna stampa

L'Italia e l'anticlericalismo: spunti didattici

di Giulia Pezzella*

 

Uno dei temi caratterizzanti del dibattito politico italiano tra la metà e la fine dell'Ottocento è stata la "questione romana", a cui era collegata la più ampia discussione sul potere temporale della Chiesa.

Obiettivo di questo percorso è illustrare come l’anticlericalismo fosse diffuso nella seconda metà dell’Ottocento e come sia stato anche utilizzato dal nuovo Stato unitario alla stregua di strumento di legittimazione. Un tema che può interessare le classi che frequentano l'ultimo anno del triennio delle superiori.

Anticlericalismo e letteratura: alcuni spunti

Come è noto, la letteratura è un documento storico molto importante. Sono stati scelti due autori, Giosue Carducci e Antonio Ghislanzoni, che potranno essere analizzati singolarmente o anche all'interno di un unico ragionamento.

Verranno sottoposti agli studenti testi del primo Carducci. L'inquadramento del personaggio nel contesto storico-politico diventa particolarmente importante per poterne comprendere l'evoluzione: il giovane sostenitore delle idee democratiche e repubblicane, difensore del progetto unitario, è critico nei confronti del governo che si trova ad affrontare il problema dell'annessione dello Stato pontificio e di Roma capitale. In questo periodo appare evidente l'adesione all'anticlericalismo di cui il poeta toscano è stato - è noto - il  principale esponente in ambito accademico e culturale, come ricordano le sue biografie e i vari manuali di storia della letteratura.

Dalla prima produzione carducciana si potrebbero trarre diversi esempi di questa tendenza; significativo in tal senso è “Voce dei preti” (Juvenilia, 1860), ma il testo che pare opportuno proporre è tuttavia il famoso “Inno a Satana”.

Scritto nel 1863, pubblicato due anni dopo la sua composizione e ristampato poi nell’imminenza del Concilio Vaticano I, l'inno è un documento importante non solo per l'analisi delle idee di Carducci, ma anche quale testimonianza di una cultura e di una mentalità viva in quegli anni.

Il poeta toscano rovescia qui l'interpretazione e il simbolismo di Satana proprio del mondo reazionario: se per i conservatori Satana era l'emblema del male e quindi anche della modernità e del progresso, per Carducci diventa il simbolo degli aspetti positivi della vita. La prima parte, ricca di spunti non solo per il contenuto ma anche per la scelta delle diverse figure mitologiche, introduce alla spiegazione dell'oscurantismo cattolico. Il mago e l'alchimista ne sono i simboli del periodo medievale, dominato dalla superstizione e dalla negazione della scienza, ma anche il filosofo Abelardo. Di particolare interesse il riferimento polemico alla vita ascetica e monastica: "triste" perché fugge la natura; pericolosa (secondo la Chiesa), in quanto dedita anche alla lettura dei classici, che spinge al peccato.

 

Ma d'altre imagini

D'età più bella

Talor si popola

L'insonne cella.

Ei, da le pagine

Di Livio, ardenti

Tribuni, consoli,

Turbe frementi

Sveglia; e fantastico

D'italo orgoglio

Te spinge, o monaco,

Su 'l Campidoglio.

 

Il dogmatismo non riesce a imbavagliare l'uman pensiero, nonostante i roghi.

 

E già già tremano

Mitre e corone:

Dal chiostro brontola

La ribellione,

E pugna e prèdica

Sotto la stola

Di fra' Girolamo

Savonarola..

 

Il testo si conclude con i celebri versi dedicati al treno a vapore, metafora del progresso:

 

Un bello e orribile

Mostro si sferra,

Corre gli oceani,

Corre la terra:

Corusco e fumido

Come i vulcani,

I monti supera,

Divora i piani;

Sorvola i baratri;

Poi si nasconde

Per antri incogniti,

Per vie profonde;

Ed esce; e indomito

Di lido in lido

Come di turbine

Manda il suo grido,

Come di turbine

L'alito spande:

Ei passa, o popoli,

Satana il grande.

 

Si può in questo caso ricordare come il nuovo mezzo di locomozione fosse stato di recente guardato con sospetto da uno di quei papa-re (Gregorio XVI) dalla tirannia dei quali la città di Roma si era per sempre liberata.

 

Inoltre, può essere di stimolo il riferimento a due testi tratti da Libro proibito (1878) di Antonio Ghislanzoni, l’ardente mazziniano che fu tra l’altro autore del libretto della Aida verdiana:

 

"La cremazione"

Contro il sistema della cremazione

Protestano con ira i collitorti

I gesuiti ed i preti retrivi;

Noi non cremiam che i morti,

La Santa Inquisizione

Preferì sempre di cremare i vivi.

 

"Miracoli"

Allor che al mondo annunziasi

Qualche molesto evento:

«Oh! il dito dell’Altissimo!»

Sclamar dai preti io sento.

D’un prete la Perpetua

Ier l’altro ha partorito…

A compier tai miracoli

Di Dio bastar può il dito?

 

I due brevi componimenti possono esemplificare come l’anticlericalismo fosse un fenomeno diffuso e dai molteplici aspetti, un tema in grado di stimolare alcune riflessioni anche in relazione ad alcuni dibattiti attuali.

Un'ulteriore riflessione potrebbe essere avviata portando gli studenti a notare come il recupero dell’immagine della Roma papalina fu in seguito utilizzato proprio per disprezzare il nuovo Stato unitario e il parlamentarismo, sottoponendo alla loro attenzione alcune pagine del Piacere dannunziano. Nel Libro primo del romanzo, per esempio, si legge che il protagonista, Andrea Sperelli, “venne a Roma per predilezione” e che “Roma era il suo grande amore. Non la Roma dei Cesari, ma la Roma dei Papi; non la Roma degli Archi, delle Terme, dei Fori ma la Roma delle Ville, delle Fontane, delle Chiese”; ed è la Roma del barocco con cui la Chiesa post-tridentina aveva voluto manifestare la sua forza a fare da cornice all’amore tra il protagonista ed Elena Muti: ancora nel Libro primo i due passano passeggiando per la città e ovunque lasciano “una memoria d’amore”. Visitano le chiese, “le ville dei Cardinali e dei principi”: Villa Pamphili, Villa Albani, Villa Medici “e la Villa Ludovisi, un po’ selvaggia, profumata di viole, consacrata dalla presenza della Giunone cui Wolfgang adorò, ove in quel tempo i platani d’Oriente e i cipressi dell’Aurora, che parvero immortali, rabbrividivano nel presentimento del mercato e della morte…”.

 

Percorrendo la Roma anticlericale

Una visita della città può, inoltre, stimolare riflessioni sulla politica monumentale praticata dal nuovo Stato unitario. In particolare, spunti interessanti sono offerti dalla statua di Giordano Bruno collocata in campo dei Fiori, il luogo dove il filosofo fu arso vivo il 17 febbraio 1600. In un clima di rinnovato interesse per la storia della lotta alle eresie e dell'Inquisizione, segni manifesti dell'intolleranza cattolica, la vicenda del filosofo si presentava come paradigmatica e divenne assai popolare (ancora nel 1909 la prima quartina del sonetto di Trilussa a lui dedicato recitava “Fece la fine de l’abbacchio ar forno / perchè credeva ar libbero pensiero, perchè si un prete je diceva: - È vero - / lui rispondeva: - Nun è vero un corno!".

La scelta di erigere la statua a Roma fu operata in un contesto particolare e dopo lunghe polemiche. Sul finire degli anni Ottanta del XIX secolo, infatti, dopo il fallimento dei tentativi conciliatori di Crispi, i rapporti tra lo Stato italiano e la Chiesa si erano fatti oltremodo tesi. Nel dicembre 1887, il sindaco di Roma, Giovanni Torlonia, era stato rimosso senza alcuna motivazione ufficiale, ma con tutta probabilità perché aveva reso pubblico omaggio al vicario pontificio per il giubileo di Leone XIII; Crispi aveva fatto pressioni sul Consiglio comunale allo scopo di modificarne la composizione, in maggioranza clericale, anche appoggiando pubblicamente la richiesta di concessione dell’area per l’erezione della statua in bronzo del filosofo, richiesta precedentemente presentata da un comitato universitario. Dimostrazioni popolari accompagnarono la discussione della richiesta in Campidoglio; anche il Papa intervenne, osservando che la concessione dell’area avrebbe offeso il sentimento religioso della popolazione romana. Nel maggio 1888 la proposta venne respinta. Le elezioni del giugno successivo, indette per rinnovare un quinto del consiglio comunale videro una schiacciante vittoria dei liberali “bruniani”; l’area per la statua fu quindi concessa.

 

Interessante sarebbe, sicuramente, una visita all’area del Ghetto di Roma, risanata dopo il 20 settembre anche per marcare una netta soluzione di continuità con il governo precedente, illiberale e oscurantista, che aveva per secoli lasciato vivere migliaia di ebrei romani in un’area degradata. Il nuovo tempio sarebbe sorto tra due simboli della ritrovata libertà romana, il Campidoglio e il Gianicolo, ed era intenzione dei committenti che fosse visibile da ogni punto panoramico della città. Nella progettazione dell'edificio venne privilegiato l'aspetto architettonico, non essendoci modelli antichi di riferimento, che risultò ispirato a forme assiro-babilonesi. Una nota particolare merita la cupola della nuova sinagoga di Roma, che nella sua geometria si distingue nettamente dalle molte altre dello scenario cittadino.

E, per concludere il giro della capitale anticlericale, è opportuno andare al Gianicolo, teatro di difesa nel 1849 della Repubblica romana. Divenne dopo il 1870 parco pubblico e una sorta di memoriale del Risorgimento cittadino; nel 1895 venne inaugurata sul suo punto più alto la statua equestre di Garibaldi. Secondo le versioni ufficiali questa volgeva lo sguardo al Vaticano e dopo il 1929, su indicazioni della stessa Santa Sede, fu ruotata verso la città. Una nota leggenda romana sottolinea come adesso Garibaldi guardi la città, mostrando il posteriore al Vaticano...

 

*Dottore di ricerca in storia dei partiti e movimenti politici, autrice, collabora con la casa editrice Leonardo International.









Postato il Mercoledģ, 14 ottobre 2009 ore 00:00:00 CEST di Salvina Torrisi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternitą dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.39 Secondi