Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 487869601 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicitą
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e societą
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli pił letti del mese
settembre 2019

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali, limitatamente alle classi di concorso indicate nell'allegato - secondaria di II grado
di m-nicotra
999 letture

Utilizzazione e Assegnazione: Personale Docente scuola secondaria di I grado - Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posto comune e di sostegno dei docenti non in possesso di titolo specifico. A.S. 2019/20. Movimenti
di a-oliva
996 letture

Incarichi di reggenza Dirigenti scolastici - A.S. 2019/2020
di m-nicotra
874 letture

Istituto San Vincenzo, al via il nuovo anno scolastico con la cerimonia di accoglienza dei nuovi docenti
di m-nicotra
734 letture

L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
di m-nicotra
684 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganą
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasą
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e societą
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilitą
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilitą
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Universitą
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione č ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritč e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: ''L’ombra di quel che eravamo'' di Luis Sepulveda

Rassegna stampa
Dialogare con lo scrittore cileno Luis Sepùlveda significa accettare di intrattenere una conversazione allegorico-simbolica per cui ad ogni domanda corrisponde un racconto, si tratti della storia, di un aneddotto, dei suoi romanzi, di temi della società contemporanea, della notte precedente passata in bianco a lottare con le zanzare, sarà con una narrazione che Sepùlveda proporrà il suo punto di vista. E così come la realtà viene presentata attraverso il raccontare, il suo nuovo romanzo L'ombra di quel che eravamo (La sombra de lo que fuimos, traduzione Ilide Carmignani, Guanda, 14,50 euro) nasce da un vissuto reale. «Per spiegare com'è nata l'idea del libro devo tornare indietro a tre anni fa, quando con un gruppo di amici ci siamo riuniti a Santiago. C'erano uomini, donne, giovani e bambini. I giovani erano i nostri figli, i bambini i nostri nipoti. A un certo punto ci siamo resi conto che eravamo lì, nella casa di un amico con cui avevamo condiviso tanto, l'uomo più ricercato dal regime di Pinochet, perché capo di quell'organizzazione armata che non aveva mai smesso di fare opposizione. Tutti noi eravamo stati in carcere o avevamo vissuto qualche forma di esilio. Eppure eravamo lì felici, bevevamo e mangiavamo e raccontavamo storie a figli e nipoti, e aneddoti della militanza, ma niente veniva raccontato in toni epici. Ridevamo anche di noi stessi. E allora mi è venuta voglia di raccontare un giorno, un giorno solo di quattro personaggi che si incontrano e si trovano a vivere un'avventura che ha qualcosa di epico e che ha a che fare con il nostro passato».

In un magazzino di Santiago del Cile si danno appuntamento Lucho Arancibia, Lolo Garmendia e Cacho Salinas. Convocati dall'anarhico Pedro Nolasco, detto l'Ombra, i tre amici, ex-militanti e sostenitori di Salvator Allende, hanno in comune tante imprese ma anche uno sguardo amareggiato sulla vita. Come li descrive l'autore: Più grassi, più vecchi, pelati e con la barba grigia proiettavano ancora l'ombra di quel che erano stati. Ed è proprio a proposito dei suoi personaggi che Sepùlveda svela il suo modo di lavorare a una nuova storia: «riesco a scrivere un romanzo solo quando sono pienamente sicuro dei miei personaggi: li amo. Questo affetto mi permette di renderli esseri indipendenti. Sono loro poi a scrivere il romanzo, l'autore è una specie di cronista che li segue. Per questo romanzo in particolare mettere la parola fine è stata più dura del solito. Mentre tu scrivi esisti solo in quel mondo, in quell'atmosfera, con quei personaggi e arrivando alla conclusione del libro sei costretto ad affrontare un'altra perdita.
Non sono un alcolista, ma quando metto la parola fine mi scolo una bottiglia di whisky, poi il giorno dopo mi sveglio e dico: 'Vabbé è andata anche questa'».

Con questa confessione Sepùlveda ci ricorda dello spirito favolosamente positivo che i popoli sudamericani riescono ad esprimere spesso anche di fronte a situazioni decisamente tragiche o drammatiche. «Una particolarità dell'uomo cileno che non hai mai smesso di stupirmi è proprio quella di ridere di noi stessi. E in questo siamo radicalmente diversi per esempio dai nostri vicini Argentini. Loro se vengono abbandonati dalla loro donna entrano in depressione, vanno dallo psicanalista, scrivono un tango lacrimoso. Il cileno invece organizza un festino, non perché ci sia realmente qualcosa da festeggiare, ma perché in qualche modo bisogna raccontare quello che è successo, trasformarlo in qualcosa di allegorico, trovare delle spiegazioni. In qualche modo bisogna ridere anche di questo. C'è qualcosa di salvifico in questo atteggiamento, l'ho visto in diverse occasioni. Senza indugiare in particolari macabri, negli anni del carcere, ci torturavano e una delle pratiche più ricorrenti era strappare le unghie dei piedi, una cosa dolorosissima, che lascia i piedi gonfi, infetti eppure non c'era una volta che qualcuno non facesse una battuta: "Sono appena tornato dal podologo. È un cane, ma non gli ho certo lasciato la mancia"».

Tra passato e presente, memoria e vissuto contemporaneo Sepùlveda riesce ad essere al contempo immerso profondamente in un tempo d'azione, passione e sofferenza politica di cui è stato protagonista, ma anche ad avere uno sguardo sereno, benevolo che non gli impedisce una visione lucida e ottimista sulle nuove generazioni. «I giovani, quella della mia generazione, hanno ricevuto il testimone dalla generazione precedente e l'hanno delusa. Ma per i giovani di oggi la situazione è ancora più dura, loro devono partire da zero. Noi dovevamo solo continuare il lavoro di un'altra generazione. Sembra che ci sia tra di loro grande disinteresse per la vita sociale e la comunità, in realtà i giovani di oggi sono alla ricerca di spiegazioni e nuove forme di rappresentazione. Provo molto più imbarazzo io al pensiero di dover spiegare un giorno che una parte talmente vasta è riuscita ad eleggere Berlusconi. Sarà estremamente difficile.
Provo profondo rispetto per i giovani di oggi perché si trovano soli e a mani nude. Noi avevamo ricevuto una consegna chiara, la generazione prima ci aveva messo in mano una bandiera, noi a loro consegniamo una sconfitta: abbiamo provato a cambiare il mondo e non ci siamo riusciti. È stata la società a cambiare noi e si vede dai partiti politici di oggi che da sinistra sono andati al centro entrando in una nebulosa.
Se facciamo un passo indietro nel tempo, noi cileni abbiamo, avevamo, abbiamo avuto una cultura politica segnata in grande misura e formata dagli anarchici cileni ed europei consolidatasi agli inizi del '900 nel nord del paese intorno alle miniere. In quei luoghi è nata una classe operaia forte e combattiva, con il maggior vigore mai esistito in America. C'erano i tolstojani, i vegetariani furibondi, quelli che difendevano il nudismo e il sesso libero. Tutte queste tendenze messe insieme hanno poi portato alla formazione di una mentalità sociale e politica molto aperta e senza dogmatismi. Questo è l'unico patrimonio che lasciamo, che rivendico e intendo difendere perché il maggior valore del paese».












Postato il Domenica, 27 settembre 2009 ore 14:32:07 CEST di Maria Allo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternitą dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi