Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 487714299 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
settembre 2019

Utilizzazione e Assegnazione: Personale Docente scuola secondaria di I grado - Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posto comune e di sostegno dei docenti non in possesso di titolo specifico. A.S. 2019/20. Movimenti
di a-oliva
945 letture

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali, limitatamente alle classi di concorso indicate nell'allegato - secondaria di II grado
di m-nicotra
945 letture

Incarichi di reggenza Dirigenti scolastici - A.S. 2019/2020
di m-nicotra
844 letture

Istituto San Vincenzo, al via il nuovo anno scolastico con la cerimonia di accoglienza dei nuovi docenti
di m-nicotra
687 letture

L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
di m-nicotra
660 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni Scolastiche
Istituzioni Scolastiche

·Parla il preside della scuola più grande d’Italia: ‘Come gestisco 3.900 studenti’
·Istituto San Vincenzo, al via il nuovo anno scolastico con la cerimonia di accoglienza dei nuovi docenti
·L’Università di Messina con il corso di laurea in Scienze e Tecnologie della Navigazione approda all’ITT Ettore Majorana di Milazzo
·Fiera Didacta Italia 2019: intervento della Rete Nazionale dei Licei Classici
·Incontro - Gemellaggio Sicilia-Cina. 'Scambiando si impara'


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: Luigi Sturzo, la laicità dei liberi e forti

Rassegna stampa
Un partito di «centro» ma non moderato, bensì «temperato» (i cattolici dovevano scegliere legittimamente: «o sinceramente conservatori, o sinceramente democratici») radicato nella società e nel territorio, dove il movimento cattolico operava già da tempo, capace di coniugare progetto e riforma dello Stato secondo i principi di sussidiarietà e di solidarietà, con un chiaro programma «consono, iniziale, concreto e basato su elementi di vita democratica».
Il Partito Popolare, non si rivolge quindi direttamente ai cattolici ma si apre con il noto appello «ai liberi e ai forti», anche se furono in grande maggioranza i militanti di Azione cattolica e anche non pochi sacerdoti a sostenerlo. Esso segna la conclusione della lunga marcia nelle istituzioni del movimento cattolico, iniziata già all’indomani dell’unità d’Italia superando in modo innovativo e originale (come avrebbe avvertito lo storico Chabod) «questione romana» e «non expedit», intransigentismo dell’Opera dei congressi e rifiuto dello Stato unitario nelle sue espressioni laicistiche che solo con la Grande Guerra sarebbero venuti meno. È il tema della libertà – o forse più compiutamente quello delle libertà – quello che caratterizza, anche quando la breve stagione del Partito Popolare si sarà conclusa con il fascismo, il pensiero, l’impegno di Sturzo negli anni del suo esilio in Francia, Inghilterra, Stati Uniti.

«La libertà – scriverà nel 1949 sul quotidiano Il popolo – è come l’aria: se l’aria manca si muore; la libertà è come la vita… la libertà è dinamismo che si attua e si rinnova». Nel 1946 Sturzo torna in Italia. Einaudi lo nomina senatore a vita. La Democrazia cristiana è al governo del Paese. Il tema delle libertà, arricchita in modo particolare dall’esperienza americana, torna con forza nei suoi non pochi interventi. Il suo rapporto amichevole con De Gasperi non nasconde il dissenso con il leader democristiano e con il gruppo dirigente del partito su non pochi punti: dalla riforma agraria, dall«operazione Sturzo», subita dal sacerdote siciliano per le amministrative di Roma del 1952, alla riforma elettorale. Ma in quegli anni ’50 che vedono la fine del centrismo e i primi passi 'aperturisti' della Dc, le battaglie di Sturzo denunciano il crescente peso dell’industria pubblica e delle partecipazioni statali nella vita economica del Paese e soprattutto l’occupazione invasiva dei partiti nella società con una degenerazione del sistema politico che avrebbe impedito ogni e qualsiasi riforma dello Stato.

Di qui i suoi continui appelli ad un recupero dell’etica nella vita pubblica. Dove spesso avevano spazio 'i mestieranti' della politica. C’è in queste battaglie di Sturzo una certa rigidità e anche astrattezza che sembrano non tener conto, in nome della libertà economica propria del sistema liberista americano, della realtà sociale e anche politica del nostro Paese. Quando nel 1954 la Pira interviene per salvare una grande fabbrica fiorentina, la Pignone, minacciata di chiusura, la critica sturziana è durissima provocando la reazione altrettanto dura del sindaco: «Non vorrei che con la scusa di non volere lo Stato totalitario non si voglia in realtà lo Stato che interviene per sanare le strutturali iniquità del sistema finanziario economico e sociale del cosiddetto Stato liberale».
Sturzo non poteva certo immaginare la crisi mondiale di questi mesi che ha rivalutato l’intervento pubblico nell’economia, dando in un certo senso ragione a La Pira. Ma ormai l’8 agosto 1959 la vita terrena di Sturzo si era conclusa. Il suo testamento rivela la sua intensa spiritualità. L’aveva avvertita anche Piero Gobetti: «Sturzo sente i problemi più vivi dello spirito senza averne il terrore degli asceti; la sua religiosità non è un tormento, ma uno stato di serenità, quasi uno stato di grazia per usare termini sacri in un discorso che vuol essere profano».








Postato il Giovedì, 06 agosto 2009 ore 14:23:07 CEST di Maria Allo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi