Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 487863814 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
settembre 2019

Utilizzazione e Assegnazione: Personale Docente scuola secondaria di I grado - Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posto comune e di sostegno dei docenti non in possesso di titolo specifico. A.S. 2019/20. Movimenti
di a-oliva
992 letture

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali, limitatamente alle classi di concorso indicate nell'allegato - secondaria di II grado
di m-nicotra
992 letture

Incarichi di reggenza Dirigenti scolastici - A.S. 2019/2020
di m-nicotra
873 letture

Istituto San Vincenzo, al via il nuovo anno scolastico con la cerimonia di accoglienza dei nuovi docenti
di m-nicotra
730 letture

L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
di m-nicotra
682 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·Un'annosa 'quaestio', la presunta didattica delle competenze
·Profondo sud: i danni della legge 107 e il meridione sempre più povero
·Lettera al ministro Bussetti, autismo ed elezioni
·Sulla povertà
·Concorso Dirigenti: Parlando con il Ministro Bussetti


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: Il primo delitto della storia? Risale all'Età della Pietra

Rassegna stampa
Ci avevano chiamato - un po’ per scherzo e un po’ per inconfessabile complesso di superiorità - la «Strana Coppia». Noi, l’unica specie di ominidi trionfalmente scampata a qualunque disavventura, e loro, i possibili «cugini» con cui abbiamo vissuto per almeno 10 mila anni tra Europa e Medio Oriente e poi misteriosamente scomparsi. Strani davvero. Oppure male assortiti. I Sapiens alti e snelli, scuri di carnagione, aggressivi e socievoli, tanto creativi da dipingere grotte e montare collanine. I Neandertal piccoletti e tozzi, chiari di pelle, testardi e introversi, capaci di resistere anche al gelo dell’ultima glaciazione. Adesso la strana coppia si sbriciola sotto il caso in stile «Csi» scoperto dal professore della Duke University, in North Carolina.

Il killer è svanito, scappato per sempre in una comoda finestra temporale vasta alcune decine di migliaia di anni. Ma ha lasciato la traccia dell’arma del delitto, la punta di una freccia, che quel giorno si conficcò nel torace della sua vittima. I resti di Shanidar-3 - l’hanno battezzata così - sono stati ritrovati in una caverna del Nord-Est iracheno ed è a partire da quei frammenti di ossa che Churchill ha ricostruito il thriller. «Certo, non posso dire che sia stato ucciso durante un “blitzkrieg” dell’Età della pietra, con i nostri progenitori che marciano compatti e massacrano i nemici Neandertal. Ma - spiega l’antropologo americano - la ferita è proprio quella di un “proiettile” lanciato da un aggressore».

La prova è racchiusa nella lesione ancora evidente della nona costola sinistra e le analisi incrociate dei biochimici hanno permesso di ricostruire il prima e il dopo. Lo sconfitto Neandertal era un tipo già in là negli anni, un quarantenne, forse addirittura cinquantenne, tormentato dall’artrite (la malattia più diffusa tra i contemporanei, abituati a infernali sonnellini all’addiaccio). Potrebbe essere stato un capo, o forse solo il «vecchio» della sua micro-tribù. Comunque, sopravvisse al suo giorno più terribile. Cadde, si rialzò, gridò qualcosa nella sua lingua gutturale che alcuni antropologi stanno tentando di decodificare, fu soccorso da compagni premurosi. Lo portarono nella caverna dove cercò di sopravvivere con la forza della disperazione e qualche bistecca portata in dono dai più giovani prima di scivolare nell’agonia, probabilmente con un polmone forato e un’infezione che ne divorava progressivamente l’organismo.

I gruppetti di Neandertal, che tanto abili si erano dimostrati nella caccia collettiva ai mammuth e ai bisonti, stavano perdendo la sfida «high tech» lanciata a sorpresa dai Sapiens. Con un cervello più voluminoso, ma meno sviluppato nella corteccia orbitofrontale, quella della razionalità cartesiana, non furono folgorati dagli stessi «eureka moment» degli avversari. Nella competizione per gli habitat migliori persero progressivamente. Comunicavano di meno e quindi erano condannati a una minore creatività. I prototipi di fionde capaci di lanciare sassi e oggetti appuntiti e i rudimentali archi esibiti dai Sapiens - sostiene la vulgata dei ricercatori - andavano troppo al di là delle loro capacità immaginative. Formidabili per il fisico da Schwarzenegger, perdevano punti nelle astrazioni ingegneristiche alla Bill Gates.

Il primo delitto racchiude una millenaria gara di intelligenza? Può darsi. Ma il professor Churchill sa bene che nel suo settore le controversie sono infinite. Se una teoria sostiene che qualche Sapiens si innamorò di qualche Neandertal e, forse, insieme fecero figli, il genetista del Max Planck Institute di Lipsia, Svante Paabo, ribatte che il nostro e il loro Dna sono incompatibili. Comunque sia, la recente scoperta di un flauto neandertaliano in Slovenia ha spazzato via l’immagine di questi ominidi come dei bruti: è per questo che l’ultimo test di Churchill sembra un estremo atto di scortesia, se non di anglosassone perfidia. «Ho usato alcune carcasse per testare la ferita: i maiali sono perfetti per simulare il torace di un Neandertal!».








Postato il Lunedì, 27 luglio 2009 ore 13:03:36 CEST di Maria Allo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.25 Secondi