Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 487867004 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
settembre 2019

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali, limitatamente alle classi di concorso indicate nell'allegato - secondaria di II grado
di m-nicotra
998 letture

Utilizzazione e Assegnazione: Personale Docente scuola secondaria di I grado - Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posto comune e di sostegno dei docenti non in possesso di titolo specifico. A.S. 2019/20. Movimenti
di a-oliva
994 letture

Incarichi di reggenza Dirigenti scolastici - A.S. 2019/2020
di m-nicotra
873 letture

Istituto San Vincenzo, al via il nuovo anno scolastico con la cerimonia di accoglienza dei nuovi docenti
di m-nicotra
733 letture

L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
di m-nicotra
682 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·Ciao Andrea. La Sicilia democratica e antifascista ti ricorda con grande affetto
·Concorso per presidi va avanti, il Consiglio di Stato accoglie l’appello del Miur. Bussetti: 'Ora le assunzioni'
·Concorso presidi, Tar del Lazio annulla lo scritto
·Le avventure dei Cyberkid: impegno continuo per il futuro dei nostri ragazzi
·La certificazione ECDL cambia nome e diventa ICDL


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: Cancogni: «I letterati? Al capolinea»

Rassegna stampa

 In quella zona c’è un punto che è sede di un osservatorio, che sarà un’altura di circa seicento metri. Da questo belvedere si può osservare una distesa di boschi che, specialmente in autunno, è uno spettacolo unico per i colori delle foglie, gialle, arancioni, in certi punti scarlatte. Una cosa straordinaria: per un raggio di circa cinquanta chilometri non vedi un’abitazione.

Ci sono, ma non si vedono, perché sono coperte dalla vegetazione». Festeggia questo compleanno con un nuovo libro, anche se da anni non scrive più, dopo un periodo molto intenso tra la metà degli anni Ottanta e gli anni Novanta che hanno segnato per lui una 'nuova giovinezza' narrativa con romanzi quali Lettere a Manhattan , Matelda, Il Mister e Sposi a Manhattan . Dice: «In questi libri si può parlare, sia pure vagamente, di una ispirazione cristiana». Sono anche gli anni in cui si dedica ancora attivamente al lavoro di giornalista: «Nel 1998 ho avuto una udienza col Papa. In seguito a questa udienza, mi fu poi proposto di collaborare all’Osservatore Romano. Ho collaborato scrivendo cinquanta o sessanta articoli di terza pagina e ho finito la mia collaborazione giornalistica nel 2001». Poi gli eventi lo portano a decidere di mettere la parola 'fine' sulla sua attività: «Nel 2002-2003 mi venne una depressione tremenda, per la quale non potetti fare niente per tre anni, con scarso rimpianto per quello che avrei potuto fare.

Poi, quando mi è passata la depressione, mi è anche passata la voglia di scrivere. E, dunque, è finita la mia carriera di giornalista e di scrittore». Anche se le pagine dei giornali, le antologie e anche qualche libro passato, hanno custodito la memoria di un lavoro sommerso, di un genere letterario che a Cancogni è sempre stato a cuore, quello del racconto: «Per ciò che mi riguarda, appartengo alla generazione di scrittori, ora scomparsa, che vedeva nel racconto (parlo degli anni Venti e Trenta) un mezzo di espressione più intenso e spontaneo del romanzo, più vicino alla poesia». Negli anni Trenta pubblica molto sulle riviste che incoraggiavano questa 'vocazione', da Solaria , a Letteratura, dal Frontespizio alla Ruota.

Ora, a cura di Simone Caltabellotta, la casa editrice Elliot manda in libreria a giorni La sorpresa (pagine 408, euro 19.50), una scelta tra i molti racconti scritti tra il 1936 e il 1993. Per lo scrittore «l’idea di raccogliere in un libro racconti vecchi e più recenti spero che sia un invito verso quello che considero il più naturale, e allo stesso tempo più difficile, genere letterario». I racconti degli anni Trenta e Quaranta guardano all’esempio del Joyce di Gente di Dublino e perseguono una sorta di 'poetica', condivisa con Cassola, che portava ad indagare «il senso del mistero dell’essere nel mondo». E aggiunge: «Personalmente non pensavo che dovesse essere tanto 'oggetto' di letteratura, quanto che questo stupore della realtà fosse esso stesso letteratura, che questo sentimento costituisse anzi la cosa più importante della vita».

Ritroviamo qui le pagine di un giovane scrittore che lavora sul 'sublimine': «Per me aveva due facce: da un lato quella, esaltante, dell’illuminazione improvvisa, dall’altro una, invece, terrorizzante. Era esattamente questo che volevo dire in quei primi racconti: il sentirsi improvvisamente un essere vivente nel mondo, e anzi il senso stesso di esistere tra le cose». Già allora emerge questa dimensione di un fondamento religioso, anche se intuito in una forma strettamente laica, un religioso che ritorna nell’ultimo periodo.

Del resto per Cancogni l’arte del racconto, nel Novecento, viene portata a compimento estremo da tre scrittori, tutti americani, dove la tradizione delle short stories è molto più radicata anche tra i lettori che non in Italia: «Direi assolutamente Carver, poi Flannery O’Connor, che secondo me è superiore nei racconti che non nei testi lunghi, e poi Cheever». È scettico Cancogni oggi: se negli anni Trenta accettava la tesi di Bo della «letteratura come vita» e impegno totale, oggi non riesce a immaginare «in base a che e perché si debba scrivere». E spiega: «I miei ultimi romanzi sono nati da una ispirazione religiosa, altro oggi non riesco a vedere: non si può parlare più di una letteratura impegnata, engagé , alla Sartre, oggi, è inverosimile.

Per quale religione laica ci si batterebbe? Cosa può ispirare ideologicamente uno scrittore oggi? Nulla, non c’è assolutamente niente. Lo stile di per sé non può essere sufficiente». Lo tengano a mente i molti scrittori 'finti' che sgomitano a tutto spiano per prendersi i premi più blasonati. E non solo loro.

Prima della seconda guerra mondiale, Cancogni insegna storia e filosofia in un liceo come supplente, poi dopo la guerra, che ha fatto sul fronte greco-albanese, si dedica al giornalismo. Lo fa con rigore, con ironia, come quando sfida la scuola italiana in un articolo che appare su «La Nazione del Popolo» nel 1945 intitolato La modesta proposta, perorando la causa di un apprendimento basato sulla memoria e il nozionismo (l’eco è tale che Firenze si riempie di scritte sui muri per contestare le affermazioni del giovane redattore). Ma lo fa soprattutto con un grande senso dell’andare controcorrente, come quando conduce un’inchiesta contro la corruzione apparsa su «L’Espresso» il 22 gennaio del 1956 con il titolo Capitale corrotta = Nazione infetta, una miccia che infiammò gli anni cinquanta facendo esplodere lo scandalo dell’ "Immobiliare", e da cui partì quello che può definirsi il primo processo della Tangentopoli italiana. Eppure Manlio Cancogni non riesce a pensarsi come un vero giornalista di inchieste, pur pubblicando su «La Nazione del Popolo», «L’Italia Libera», «Frontespizio», «Letteratura», «L’Europeo», «Botteghe Oscure», «L’Espresso» e ancora «Risorgimento Liberale», «Il Popolo», «Mondo», «Il Corriere della Sera», «Il Giornale Nuovo», «L’Osservatore Romano». Ma Cancogni non è soltanto un giornalista: il suo esordio narrativo avviene nel 1942 con Delitto sullo scoglio, anche se è soprattutto dalla seconda metà degli anni cinquanta che la sua penna si dedica alla letteratura trovando maggiori attenzioni e aggiudicandosi ambitissimi premi letterari come lo Strega (il Grinzane arriverà nel 1987 con Il genio e il niente). Per un paio d’anni alla fine dei Sessanta Cancogni dirige la prestigiosa rivista «Fiera Letteraria».

Fra i suoi numerosi romanzi e racconti del periodo ricordiamo La linea del Tomori e Azorin e Mirò. Verso l’inizio degli anni Ottanta Cancogni si tira un po’ indietro, preferisce la riservatezza. Intanto sulla sua produzione intervengono in molti – da Baldacci, a Pampaloni, Montale, De Robertis; da Bo a Siciliano, Garboli e Citati; Walter Mauro gli dedica ampio spazio nella Letteratura Italiana Marzorati e Iole Fiorillo compie uno studio di riferimento sull’opera di Cancogni.

Infine, Cancogni accetta l’invito di un’università americana e inizia il pendolarismo fra la Versilia e gli States. Sembra la fine della sua carriera letteraria.

Invece alla fine degli anni novanta con Lettere a Manhattan, il romanzo a lungo rimasto inedito, Fazi Editore riesce a strapparlo dal suo isolamento. Cancogni per fortuna si lascia convincere e riprende a scrivere…










Postato il Mercoledì, 22 luglio 2009 ore 15:31:16 CEST di Maria Allo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 3.66
Voti: 6


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi