Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 487869383 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
settembre 2019

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie provinciali, limitatamente alle classi di concorso indicate nell'allegato - secondaria di II grado
di m-nicotra
999 letture

Utilizzazione e Assegnazione: Personale Docente scuola secondaria di I grado - Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posto comune e di sostegno dei docenti non in possesso di titolo specifico. A.S. 2019/20. Movimenti
di a-oliva
996 letture

Incarichi di reggenza Dirigenti scolastici - A.S. 2019/2020
di m-nicotra
874 letture

Istituto San Vincenzo, al via il nuovo anno scolastico con la cerimonia di accoglienza dei nuovi docenti
di m-nicotra
734 letture

L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
di m-nicotra
683 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·Ciao Andrea. La Sicilia democratica e antifascista ti ricorda con grande affetto
·Concorso per presidi va avanti, il Consiglio di Stato accoglie l’appello del Miur. Bussetti: 'Ora le assunzioni'
·Concorso presidi, Tar del Lazio annulla lo scritto
·Le avventure dei Cyberkid: impegno continuo per il futuro dei nostri ragazzi
·La certificazione ECDL cambia nome e diventa ICDL


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: LUIGI PIRANDELLO PITTORE

Rassegna stampa
Le testimonianze dei familiari ci convincono sempre di più che “certamente le ore più gioiose e serene degli ultimi mesi della sua vita turbinosa sono state quelle dedicate alla pittura.” In appendice, Alfred Binet, il doppio e il personaggio pirandelliano, è un saggio che prende in esame le incidenze del lavoro più importante dello psicologo francese: Les altérations de la personnalité (1892) sull’opera pirandelliana. Con fine acume, Carlo Di Lieto disvela le interazioni testuali tra Binet e Pirandello, soprattutto nella scrittura drammaturgia, per coglierne le interconnessioni psicoanalitiche sull’io diviso e sullo scenario del doppio. Il grande pittore partenopeo Franco Girosi, mi riferì in una delle nostre solite interminabili conversazioni, molto desiderate e volute da me “per afferrare la storia”, che frequentò a Roma, e molto, Fausto Pirandello (da ricordare di questo pittore una retrospettiva che ho visto nell’inverno scorso al “Museo Correale” di Sorrento). Mi parlò di ciò negli anni Ottanta; mi sottolineò le capacità di Fausto e del padre Luigi Pirandello anche come pittore, e nulla vieta di pensare che i tre abbiamo anche dipinto insieme, in studio o all’aperto. Sarebbe bello ed importante comprendere se nell’Archivio Girosi, che spero ci sia, è possibile trovare prove della comunanza artistica tra Fausto Pirandello e Franco Girosi.
 
Ed ora "L'identità perduta. Pirandello e la psicoanalisi", un contributo fondamentale ed innovativi alla conoscenza della sua opera e ci fanno conoscere un Pirandello diverso, dandoci un ritratto a distanza ravvicinata di un autore la cui arte si origina prima di tutto dal travaglio di un'"io diviso".
Non sono mancate, nel corso degli ultimi decenni, le interpretazioni in chiave psicoanalitica dell'opera di Pirandello (basti ricordare, in questo senso, i contributi di Alonge e Macchia). Gli studi di Carlo Di Lieto, ora raccolti nel volume "L'identità perduta. Pirandello e la psicoanalisi", pubblicato da Genesi Editrice in occasione del 70° anniversario della scomparsa del grande scrittore, illuminano di nuova luce questa problematica ed apportano contributi fondamentali, sia per la vastità delle conoscenze specifiche dell'autore, sia per la capacità che Di Lieto ha di far emergere un Pirandello intimo, privato, relativamente poco conosciuto ma non meno interessante di quello a noi più noto. Di Lieto, ricorrendo agli strumenti della psicoanalisi, analizza la genesi e lo sviluppo dell'arte pirandelliana come fatti che riguardano prima di tutto l'uomo Pirandello e la sua coscienza dimidiata, infelice, anzi - come ci suggerisce egli stesso - "captiva", cioè prigioniera della sua stessa fenomenologia e non più pienamente protagonista di essa. Una coscienza che a volte sembra disperdersi e quasi annullarsi nella realtà e poi ne riemerge con le sue intense luci, con la sua particolare nota di compassione umana, con i suoi dolenti paradossi. "L'identità perduta" ha anche il fascino dei ritratti ravvicinati e riesce a comunicare al lettore una diversa percezione dell'opera dell'autore siciliano: all'immagine di un Pirandello geniale costruttore di trame e scrittore d'indole filosofica - come egli stesso volle definirsi - si affianca ora quella di un Pirandello strettamente condizionato dall'inconscio, per il quale la creazione artistica è espressione di una sofferenza interiore antica, primitiva, che lo investe in modo molto diretto, ma di cui poi egli stesso si fa interprete. Tutto ciò non sminuisce affatto la grandezza dello scrittore; anzi il raffronto, che implicitamente si propone nelle pagine di Di Lieto, tra gli schemi e le formule della psicologia moderna e l'eccezionale vitalità della scrittura pirandelliana, che nulla perde anche quando Pirandello indugia in notazioni psicologiche oppure esprime il suo segreto male di vivere, è uno dei fattori che ancora una volta fa balzare fuori da queste pagine un gigante.
Il tema che affiora con maggiore incisività da questa raccolta di saggi è quello della perdita d'identità, problema che da Luigi Pirandello è analizzato in opere famose come "Il fu Mattia Pascal" e "Sei personaggi in cerca d'autore", ma che è anche vissuto con profondo coinvolgimento emotivo e poi riemerge intensamente proprio quando egli infonde vita ai suoi personaggi, quasi come se essi - prendendo forma - la sottraessero a lui. Questo riversarsi dell'identità di uno scrittore nei suoi personaggi, con i conseguenti contraccolpi (fra i quali l'insorgere di un angoscioso sentimento di svuotamento e talvolta quasi di sgretolamento dell'io), è fenomeno che spesso caratterizza la creazione artistica, ma che in Pirandello raggiungeva un'intensità straordinaria. Come osservava Anton Giulio Bragaglia, che Di Lieto cita, egli "visse la vita dei suoi personaggi in luogo della propria". Pertanto, nel complesso processo genetico dell'arte pirandelliana, uno dei fenomeni più interessanti, descritto da Pirandello stesso in una lettera alla prediletta Marta Abba, è quello della "fuga" dei personaggi dall'autore, dell'acquisizione da parte loro di una vita fantasmatica ed indipendente, che sfugge al suo controllo, proprio come accade in un processo psicotico.
D'altronde l'"io diviso" di Pirandello non ha solo i connotati conflittuali e contradditor” che la psicologia contemporanea attribuisce alla nevrosi ma una sua particolare fisionomia che sembra prendere forma di fronte al problema dell'essere e del nulla, dell'inautenticità e dell'inafferrabilità dell'esistenza, come ben mette in rilievo Di Lieto in uno dei saggi più belli ("Il sentimento del nulla ne 'L'uomo dal fiore in bocca'"). Ma "L'identità perduta" offre tante possibilità di esplorazione dell'opera pirandelliana: particolarmente interessante è l'analisi delle dinamiche di "Non si sa come" - con prospettive che fanno pensare a fatti di cronaca come il delitto di Cogne - e quella dell'"io diviso" di Vitangelo Moscarda, protagonista di "Uno, nessuno e centomila". Sempre molto serrato è poi il confronto con le tendenze più significative della psicologia contemporanea (fra gli autori citati da Di Lieto ritroviamo Freud, Groddeck, Klein, Lacan, Laing, Lawrence, Jaspers, Jung, Matte Blanco, Mauron, Musatti, Rank, Reich e tanti altri), che si sviluppa attraverso una serie quasi inesauribile di citazioni e di riferimenti. Talvolta però è proprio la sovrapposizione dei vari modelli interpretativi, insieme al costante ricorso al linguaggio tecnico della psicoanalisi, a rendere un po' ardua la lettura dell'opera.
 La passione per la pittura accomunava tutti i membri della famiglia Pirandello: i fratelli Innocenzo e Lina e poi i figli Fausto, divenuto famoso, e Stefano. Però in Luigi questa passione diventa espressione e conforto di una "disarmonia interiore", di una vita tormentata e travagliata da molteplici vicissitudini - tra le quali la lunga, incurabile malattia psichica della moglie - e soprattutto diviene l'altro polo della sua ricerca artistica, un'esperienza riparatrice e quasi salvifica rispetto all'angoscia del vivere.









Postato il Martedì, 14 luglio 2009 ore 23:04:42 CEST di Maria Allo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi