Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483694241 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4265 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1428 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
823 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
742 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
656 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ministero Istruzione e Università
Ministero Istruzione e Università

·Piano nazionale scuola digitale - Avviso pubblico per l'individuazione di 120 docenti costituenti le équipe formative territoriali
·Formazione GPU, dal 15 luglio sarà online la piattaforma di formazione
·#Maturità 2019, la traccia più scelta è quella sull’illusione della conoscenza
·#Maturità2019, al via mercoledì con la prova di Italiano. Ammesso il 96,3% degli iscritti
·#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: S. Valentino conosciamo la vera storia del famoso Santo

Rassegna stampa

Un vecchio proverbio milanese suonava così: “A San Valentin gh’emm la primaver vicin” (A San Valentino la primavera è vicino”).  Oggi questo vecchio detto popolare è forse un po’ in disuso, perché ormai le nostre abitazioni sono ben riscaldate, e quindi non molto conosciuto, però è sicuramente ben noto a tutti che San Valentino si celebra il 14 febbraio e che in tale data si festeggiano gli innamorati. Forse (anzi quasi sicuramente!) non tutti sanno perché questa festa si celebri proprio in tale data, vediamo di dare qui una breve spiegazione storica.

Valentino era un sacerdote che viveva nella Roma imperiale del III° secolo d.C. Quel periodo è rimasto tristemente famoso per le feroci persecuzioni cui erano sottoposti i cristiani, in special modo i predicatori qual era Valentino. Lui, proprio per questo motivo, svolgeva il suo ministero soprattutto di notte, girando anche nelle taverne e nei vicoli più malfamati portando a tutti conforto, non solo con le parole, ma anche con cibo e vestiario. Infatti, grazie alla sua fede ed alla sua eloquenza fluida ed appassionata, riuscì a convertire migliaia di persone e, fra queste, quelle più abbienti gli davano sostegno materiale che da Lui veniva poi distribuito ai più disagiati e sfortunati. La fama di questo sacerdote predicatore arrivò fino all’imperatore che lo volle conoscere personalmente. Questi era Claudio, detto Il Gotico (per le vittorie riportate sui Goti), che accolse affabilmente Valentino chiedendogli  spiegazioni sulla religione cristiana e sulla figura di Gesù Cristo. Pur apprezzandone la dialettica, l’imperatore non si fece del tutto persuaso ed allora, almeno così si racconta, dalla folla che ascoltava si levò la richiesta da parte di un noto (per allora!) prefetto di nome Calpurnio, avente fama (non immeritata!) di essere perfido, che invitava l’imperatore a mandare il predicatore al cospetto del giudice Asterio, giudice intelligente e saggio. Il nostro Santo, non appena entrò nella casa del giudice, prima ancora di conoscerlo, s’inginocchiò e pregò il Signore affinché illuminasse con la sua Luce gli abitanti di quella casa. Asterio, meravigliato, chiese a Valentino chi fosse questo Gesù che aveva questo potere illuminante, da lui inteso nel senso letterale del termine, ovvero portatore di luce laddove c’era il buio. Il buon giudice Asterio, infatti, aveva una figlia divenuta cieca che, a causa di tale infermità, pur essendo promessa sposa ad un nobile romano sinceramente innamorato di lei, non poteva sposarsi per l’opposizione della famiglia del futuro marito. Valentino, constatata la sincerità dei sentimenti dei due giovani, invocò Dio Padre per portare l’umanità dalle tenebre del peccato alla luce della grazia. Indi stese le sue mani sugli occhi della fanciulla che, miracolosamente, riebbe subito la vista. Tale miracolo colpì profondamente l’animo del giudice che si convertì al cristianesimo, ed insieme a lui entrambe le famiglie dei due innamorati. Così i due giovani coronarono finalmente il loro sogno d’amore e furono uniti in matrimonio dallo stesso San Valentino. Quando l’imperatore venne a conoscenza della storia e delle clamorose conversioni, per punizione, ordinò che tutti venissero uccisi. Purtroppo così fu, Asterio ed i suoi familiari furono martirizzati presso Ostia alla foce del Tevere, mentre a Valentino il perfido Calpurnio riservò una fine più crudele. Il Santo fu rinchiuso in carcere e lì ripetutamente e brutalmente torturato fino a quando, la mattina del 14 febbraio del 270 d.C. fu decapitato nei pressi della via Flaminia, a circa mezzo miglio fuori Porta del Popolo. La tradizione popolare racconta che una pia matrona romana, di nome Sabinilla, diede pietosa sepoltura alle spoglie del martire nello stesso posto dove poi si edificarono le catacombe omonime. In seguito, il papa S. Giulio I  fece ivi costruire un monastero ed una chiesa che, purtroppo, andarono distrutti durante le invasioni barbariche. Le reliquie del Santo riposano nella basilica di San Prassede a Roma.









Postato il Martedì, 11 febbraio 2003 ore 11:11:48 CET di Salvatore Di Masi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi