Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 586934271 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2024

PRESIDE CARMELO BERTINO
di a-oliva
354 letture

Convitto Cutelli incubatore di talenti: l’ex alunno Flavio Tomasello sulla skené della 59esima stagione del Teatro Greco di Siracusa
di a-oliva
265 letture

Il Coro interscolastico Bellini alle Ciminiere
di a-oliva
192 letture

GPS – Avviso apertura funzioni per la presentazione telematica delle istanze di scioglimento della riserva ai fini dell’inclusione a pieno titolo nella I fascia
di a-oliva
169 letture

Serata celestiale con il Coro interscolastico Bellini alle Ciminiere
di a-oliva
166 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Andrea Oliva
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Eventi
Eventi

·Bocelli e Mitoraj a Noto per promuovere i siti Unesco Siciliani
·Job orientation and Work experience in Europe
·Tavola rotonda al III IC Rodari di Acireale
·Sabato 17 marzo Gara Regionale ''EXPONI le tue idee 2018'' per il Convitto Nazionale “Mario Cutelli” di Catania.
·Tavola rotonda su dislessia, disgrafia, discalculia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: L'AUTOMA SPECCHIO DELL'UOMO

Rassegna stampa

L'automa specchio dell'uomo
Giuseppe O. Longo*

 

 


L'uomo ha sempre nutrito la smisurata ambizione di imitare l'atto divino della creazione e per secoli si è dedicato alla costruzione degli automi, macchine antropomorfe che riproducessero almeno qualche caratteristica umana. Lo stupore suscitato da queste 'creature del second'ordine' si è via via mescolato con la riflessione sulle possibilità tecniche concrete, e all'elemento ludico e meraviglioso si sono sostituite le finalità pratiche. Questi raffinati e suggestivi prodotti dell'ingegno umano, che preludono in forme bizzarre e inusitate alla tecnologia moderna, oggi non si costruiscono più e sono rimpiazzati dovunque, se non nei musei e nei teatri della nostalgia, da dispositivi in cui l'elettronica si rivela sempre più sollecita dell'efficienza e sempre meno dell'imitazione puntuale della natura. Eppure gli automi continuano a popolare di inquiete proiezioni e torbidi sogni l'immaginario del nostro tempo e da qui travalicano nelle creazioni artistiche e nelle attuazioni tecniche. Forme e strumenti sono mutati, ma le ricerche continuano e configurano una realtà potenziale contrassegnata dalla dubitosa e mutevole linea di separazione tra ciò che l'uomo è e ciò che potrebbe diventare, tra ciò che può attuare e ciò che può solo sognare. In questo senso gli automi incarnano sempre - anche nelle nuove vesti informatiche, robotiche e cyb-organiche - l'aspirazione dell'uomo a travalicare i limiti della propria contingenza.

 

 

Dall'intelligenza artificiale disincarnata alla robotica
Per secoli, i manufatti antropomorfi, pur nella loro stupefacente raffinatezza, restarono lontanissimi dal modello, cui li avvicinava la forma esteriore, ma non una puntuale somiglianza strutturale e funzionale. Le cose subirono una svolta radicale intorno alla metà del Novecento, con la nascita dell' intelligenza artificiale (IA), che prese il calcolatore a modello di elezione della mente umana. L'ingenuo e impossibile intento di costruire una creatura artificiale simile all'uomo nel suo complesso, fu così sostituito dal tentativo di riprodurne o simularne una sola parte, quella considerata più importante: l'intelligenza astratta e computazionale.
I limiti della prima IA erano in sostanza riconducibili all'assenza di un corpo, che, come si riconobbe, è componente essenziale dell'intelligenza umana, perché assicura il collegamento tra percezione, cognizione e azione, cioè tra mente e mondo. Nell'IA astratta mente e mondo sono disaccoppiati, anzi il mondo è affatto assente. Questa limitazione spinse al recupero del corpo e agevolò il passaggio dall'IA disincarnata alla robotica, che resuscitava il progetto antico di costruire un uomo artificiale completo di mente e di corpo, appunto l'automa.

 

 

Uomo e automa: una simbiosi biotecnologica
Nel frattempo tuttavia era cominciato un processo di ibridazione cognitiva tra uomo e computer, processo destinato a prolungarsi in un'integrazione biotecnologica sempre più spinta tra uomo e automa: provenendo da versanti diversi e opposti, l'oggetto uomo e il suo 'specchio' automa cominciarono dunque a fondersi e a confondersi, dando luogo a una vera e propria simbiosi biotecnologica.
A questo proposito è necessario osservare che homo sapiens si è sempre contaminato di tecnologia, da sempre è un simbionte, un homo technologicus, un ibrido di biologia e tecnologia in continua trasformazione. Il termine simbiosi assume qui un significato un po' diverso da quello biologico tradizionale, ma non improprio. Innestandosi nell'uomo, ogni nuovo strumento dà luogo a una creatura di nuovo tipo, che attua potenzialità - percettive, cognitive e attive - latenti e inedite, a volte del tutto impreviste. In passato la natura e la perpetua trasformazione di questa creatura erano poco visibili, tanto da autorizzare, in molte filosofie e in molte religioni, una visione fissista della natura umana; ma oggi, per il continuo potenziamento della tecnologia, i fenomeni di simbiosi sono piuttosto evidenti. Tanto che alcuni parlano addirittura di postumano, uno stadio evolutivo imminente che si lascerebbe alle spalle l'uomo quale lo conosciamo.

 

 

Umanizzazione dell'automa e automazione dell'uomo
Questa simbiosi trasformativa dalle prospettive illimitate porta a una progressiva confusione tra naturale e artificiale. Ma se è vero che l'automa tende verso l'uomo, anche l'uomo si avvicina al suo 'doppio', e con esiti forse più cospicui: il corpo umano è diventato, da parte di medici e biologi, di ingegneri e tecnici, teatro di una ricerca a tutto campo che contribuisce a integrare e infine, chissà, a sostituire il corpo con le macchine, le vere depositarie dell'incorruttibilità, dell'onniscienza, dell'olimpica serenità analgesica e, domani, forse, dell'immortalità. Il corpo diviene oggetto di sperimentazioni artistiche, diviene spettacolo e luogo di spettacolo, la sua anatomia, le sue funzioni, i suoi organi vengono disintegrati e osservati analiticamente nella prospettiva di curarli, correggerli e modificarli potenziandoli o sopprimendoli, in vista di un totale affrancamento dal retaggio bioevolutivo. Si assiste insomma a una vera e propria convergenza di due entità diversissime, che può essere vista come un'umanizzazione della macchina ma anche come una 'macchinizzazione' dell'uomo: ne scaturirà comunque qualcosa di inedito.
L'avvicinamento dell'automa all'uomo è foriero di equivoci e di non facili problemi etici, che ci richiamano alla responsabilità del creatore: di fronte alla complessità enorme della creatura, conseguenza della sua somiglianza sempre più compiuta al modello, ci si può infatti interrogare sui suoi possibili sentimenti e sulle sue reazioni. La psicologia e la sociologia degli automi, degli androidi e dei cyborg sono uno dei problemi più complessi di un futuro già a portata di mano. Perché suscitare dal nulla creature tanto simili a noi da essere capaci di soffrire? La loro sofferenza, derivante dalla coscienza di non essere del tutto assimilabili agli uomini, sarebbe un triste corollario della nostra abilità creatrice. Ho nominato la coscienza, e di fatto molte ricerche si orientano oggi alla costruzione di automi dotati di questa proprietà sfuggente ma ineludibile, di cui non sappiamo quasi nulla. Se un giorno si riuscisse in quest'impresa, cadrebbe l'ultima differenza e l'automa, finora posto di fronte a noi come un doppio inquietante e ammonitore, s'identificherebbe con noi, e ciò avrebbe effetti perturbanti e forse sconvolgenti, come chi entrasse dentro lo specchio annullando la rassicurante distanza che separa la cosa dalla sua immagine.

 

 

Ibridazione uomo-tecnologia
L'avvicinamento dell'uomo all'automa, per un altro verso, comporta altri problemi, che si aggiungono a quelli già ricordati. L'ibridazione uomo-tecnologia è sempre più veloce. La contrazione dei tempi di formazione dei successivi simbionti non è un fenomeno irrilevante, perché impedisce quell'adattamento armonioso tra le due componenti che riteniamo sia avvenuto in passato. Nascono così le sofferenze che sempre accompagnano la trasmutazione, la nascita, il trapasso, il cambiamento troppo rapido. La contropartita positiva consiste nella comparsa di capacità inedite: fare un bilancio quantitativo o almeno qualitativo dei pro e dei contro è ovviamente impossibile, e la valutazione è lasciata a ciascuno. Nel guscio tecnologico che ci stiamo costruendo intorno (e dentro) come un abito forse troppo aderente, alcune delle nostre capacità restano lì, inutili come preistorici relitti che non cessano tuttavia di reclamare il loro uso o come arti fantasma che non cessano di dolorare. Altre capacità, è ovvio, sono esaltate: la tecnologia opera insomma sulla nostra persona (unità complessa di mente e corpo) una sorta di filtraggio selettivo, che accelera lo squilibrio.
L'uomo dunque si meticcia, diviene simbionte dei suoi strumenti, modifica la propria natura, diventa altro da sé e questa metamorfosi vive da spettatore e da protagonista, con timore ed esaltazione, cerca i segni di ciò che verrà, si lacera e si ricompone tra il mito, la scienza, l'arte e la tecnologia: spinto da un destino che è in lui ma che è fuori di lui, vive un'avventura gaia e dolente, si complica in ciò che era prima e in ciò che diventerà dopo, costruisce la croce su cui adagiarsi e la nave su cui salpare.

 

 

*Professore di Teoria dell'informazione alla Facoltà d'ingegneria dell'Università di Trieste. È autore di una vasta bibliografia su epistemologia, intelligenza artificiale, problemi della comunicazione e delle conseguenze sociali dello sviluppo tecnico

 

 









Postato il Lunedì, 08 ottobre 2007 ore 11:14:46 CEST di Salvina Torrisi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 3


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.45 Secondi