Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481454972 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
828 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
697 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
665 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
641 letture

Cosa ne penso della politica. 60 ragazzi sindaci della Sicilia a Maletto per il primo raduno regionale
di g-aderno
635 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni Scolastiche
Istituzioni Scolastiche

·Alla terza Edizione il Gran Galà al Convitto Nazionale Mario Cutelli di Catania
·Alla scoperta dell’unico Paese dell’Est europeo dove si parla una lingua neolatina: la Romania!
·Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
·I premiati del concorso giornalistico 'thevoicekw' del Liceo Classico Spedalieri e dell’Istituto Alberghiero Wojtyla di Catania
·Al politecnico di Milano il 7 giugno 2019 si è svolta la premiazione del concorso Policultura 2019.


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


News: Lecce, la professoressa si fa toccare il sedere su youtube

Rassegna stampa

 

La professoressa viene ripresa anche di faccia con la sigaretta in mano ed è poi ripresa di schiena seduta ed attorniata dagli studenti di una probabile scuola media.
Gli studenti a turno con fare divertito infilano la mano dentro i pantaloni e palpeggiano la prof!
Roba da non crederci.
Lecce, parla la professoressa che nel filmato su Internet viene toccata dagli alunni
Il video registrato con un telefonino: avviata una indagine dalla Procura
Video scandalo: prof si fa toccare dagli alunni
Lei si difende: "Ma io li ho scacciati"

E il corriere della Sera lo ripubblica al link  http://mediacenter.corriere.it/MediaCenter/action/player?uuid=34c7f88a-bb92-11db-97e5-0003ba99c53b oscurando la faccia della professoressa e degli studenti.

dal sito La Repubblica

LECCE - Gli studenti toccano la professoressa mentre un compagno di classe riprende la scena con il videofonino. E' accaduto l'anno scorso in un istituto privato di scuola superiore a Lecce, ma il filmato è stato immesso sul web solo pochi giorni fa e subito è scoppiato lo scandalo. La Procura ha aperto un fascicolo contro ignoti per atti sessuali con minori. Un'indagine parallela è stata avviata anche dal Provveditore agli studi di Lecce Antonio Campanelli.
Nelle immagini, è ripresa la giovane professoressa di matematica, seduta alla cattedra mentre a turno, almeno tre studenti le toccano il fondo schiena senza provocare alcuna reazione. Finché uno di loro azzarda un po' troppo e la professoressa gli scaccia via la mano.
Quest'anno, la professoressa di matematica ha cambiato scuola; insegna in un altro istituto e si dice scandalizzata per quello che è accaduto
Questa la difesa della prof: "Lo hanno fatto a mia insaputa", contesta. "E' stata una vera e propria simulazione e non appena ho capito quello che stava succedendo, li ho scacciati e sono corsa dal preside per chiedergli di convocare i genitori. C'era un gran confusione attorno alla cattedra; non mi ero accorta che qualcuno stava riprendendo la scena con il videofonino: se me ne fossi accorta l'avrei sbattuto contro il muro e avrei fatto in diecimila pezzi il telefonino".

(13 febbraio 2007)

Lecce, parla la professoressa che appare nel filmato su Internet
La registrazione con un videofonino. La Procura avvia un'indagine
Video scandalo, prof si fa toccare dagli alunni
Lei si difende: "Ma io li ho scacciati"
di BRUNO PERSANO

LECCE - Gli studenti toccano la professoressa mentre un compagno di classe riprende la scena con il videofonino. E' accaduto l'anno scorso in un istituto privato di scuola superiore a Lecce, ma il filmato è stato immesso sul web solo pochi giorni fa e subito è scoppiato lo scandalo. La Procura ha aperto un fascicolo contro ignoti per atti sessuali con minori. Un'indagine parallela è stata avviata anche dal Provveditore agli studi di Lecce Antonio Campanelli.

Nelle immagini, è ripresa la giovane professoressa di matematica, seduta alla cattedra mentre a turno, almeno tre studenti le toccano il fondo schiena senza provocare alcuna reazione. Finché uno di loro azzarda un po' troppo e la professoressa gli scaccia via la mano.

Quest'anno, la professoressa di matematica ha cambiato scuola; da ottobre insegna in un altro istituto e si dice scandalizzata per quello che è accaduto. Non accetta insinuazioni, e anche di fronte a immagini che a tratti appaiono quasi inequivocabili, si difende sostenendo che lo hanno fatto a sua insaputa.

Cos'è capitato quella mattina?


"Hanno simulato: ecco cos'è successo, una vera e propria simulazione. Non appena ho capito quello che stava succedendo, li ho scacciati e sono corsa dal preside per chiedergli di convocare i genitori. C'era una gran confusione attorno alla cattedra; non mi ero accorta che qualcuno stava riprendendo la scena con il videofonino: se l'avessi visto l'avrei sbattuto contro il muro quel delinquente e avrei fatto in diecimila pezzi il telefonino".

E invece lei come si è comportata?
"Ci sono i verbali che parlano chiaro. Sono andata dal preside e credo che lui abbia preso dei provvedimenti contro quei ragazzi. Lo sa perchè l'hanno fatto?"

Me lo spieghi lei.
"Perchè uno di loro voleva farsi bello con suo cugino e fargli vedere che aveva una prof carina, ma neppure hanno capito cosa hanno fatto".

Forse volevano vendicarsi di un suo modo troppo rigido di insegnare.
"Non è vero, con loro avevo un bellissimo rapporto. Con me potevano parlare di tutto, sapevano che li avrei capiti".

Nell'istituto dove insegna sanno quello che le è capitato nella scuola privata?
"Certo che lo sanno e a loro ho detto che non voglio nessuno intorno alla cattedra. State lontano mille miglia da me: vi ascolto, ma non voglio più nessuno vicino a me. Mi è bastato quello che è successo l'anno scorso".

(13 febbraio 2007)
 

dal sito IL Giornale

 

Prof a luci rosse, un nuovo caso a Lecce. Il video su internet

di Redazione - martedì 13 febbraio 2007, 17:42

Lecce - Dopo Nova Milanese, Lecce. Il provveditore agli studi, Antonio Campanelli, ha aperto un'indagine nella scuola media di secondo grado dove sarebbe stato girato un filmino hard, che coinvolgerebbe una docente e studenti minorenni di una scuola della provincia di Lecce. Il file è stato diffuso su Youtube. Nel filmato - di un'ottantina di secondi - si vede una giovane professoressa e tre suoi alunni, probabilmente minorenni, in immagini hard. Secondo primi accertamenti potrebbe essere successo a Monteroni - il titolo del filmato è professoressa Monteroni - a pochi chilometri da Lecce.
Filmato Il video mostra il volto della docente, un particolare del suo fondo schiena, il volto di due dei tre ragazzini, impegnati a toccarla. Il filmato è giunto ai carabinieri del Norm della compagnia di Lecce che lo hanno a loro volta trasmesso al pm di Lecce Maria Cristina Rizzo, magistrato che si occupa di reati a sfondo sessuale. Oggi, in un'intervista a una tv regionale, il preside dell'Istituto professionale nel quale lavora attualmente l'insegnante ("con incarico annuale", ha precisato) ha detto che le immagini non sono state girate nella sua scuola, ma in un istituto privato. La professoressa avrebbe confidato allo stesso preside dell'episodio e del filmato che le sarebbe stato estorto.
Indagini Gli investigatori hanno anche predisposto indagini per scoprire chi abbia ripreso le immagini, se lo ha fatto con il consenso dei protagonisti, e per accertare una eventuale manipolazione delle riprese. Controlli sono stati inoltre predisposti per identificare i ragazzini e accertare la loro età.
La difesa Attraverso il legale di fiducia, l'avvocato Massimo Bellini del foro di Lecce, la professoressa filmata dai suoi allievi in un'aula di un istituto professionale di Lecce, si difende, e si dice vittima degli studenti. E che per altro non si sarebbe accorta di essere ripresa con un videocellulare. La professoressa si è appreso che è originaria di Novoli (Lecce), e che dasata vive a Monteroni (Lecce). Per questo, il video inviato non si sa ancora da chi sul portale YouTube di internet il 7 febbraio scorso, è intitolato "Professoressa di Monteroni".
L'episodio Nella ripresa la docente ha parte della schiena scoperta, e si vede l'elastico delle mutandine, così sottile da lasciar pensare a un perizoma. Nel filmato si vedono inoltre tre ragazzi, tutti minorenni. Uno le cinge la vita, l'altro dopo essersi riscaldate le mani le inserisce la mano nel fondo schiena e un altro ancora la inserisce a sua volta, ma andando a fondo, tanto che la professoressa, che è seduta in cattedra con la penna in mano, allunga la sua di mano e gliela rimuove. La professoressa, pare di matematica,al momento non risulta indagata. E non risulta indagato nessuno tra gli studenti minorenni. Nell'aula, oltre ai tre attori del filmato, due dei quali riconoscibili al pari della professoressa, se ne intravvedono altri. Il filmato sarebbe stato girato lo scorso anno, ma come si è già detto, è stato immesso su YouTube solo il 7 febbraio scorso.

L'inchiesta dopo lo scandalo della professoressa palpeggiata in classe Video hard a scuola:«Episodio già accaduto» Lo avrebbero detto due studenti della classe ai carabinieri che li hanno interrogati in qualità di vittime
BARI - I carabinieri hanno interrogato alcuni degli studenti minorenni di un istituto privato protagonisti di un video, ripreso con un telefonino e diffuso sul web, in cui palpeggiano in aula sul fondoschiena una insegnante. Due studenti in particolare, sentiti alla presenza dei genitori, avrebbero detto che quell'episodio filmato non era l'unico del genere, ma che ve ne sarebbero stati altri analoghi. Tutti i ragazzi sono stati ascoltati in qualità di persone offese. Infatti il magistrato che coordina le indagini ha iscritto nel registro degli indagati l'insegnante con l'ipotesi di reato di atti sessuali con minori e corruzione di minori.
LA DIFESA DELL'INSEGNANTE - La donna si era difesa asserendo di essere lei la vittima, e di aver già fatto una denuncia dell'episodio al preside nel marzo 2006. Particolare questo che è stato però smentito dal direttore della scuola, il quale, in una nota diffusa dal suo legale, sostiene che nè lui, nè il preside o altri collaboratori sarebbero stati messi a conoscenza dell'episodio.
15 febbraio 2007
 









Postato il Martedì, 13 febbraio 2007 ore 15:46:18 CET di Salvatore Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4.32
Voti: 34


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi