Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483654758 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4256 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1412 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
814 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
736 letture

L’Anima e il Corpo (Parte I)
di m-nicotra
627 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni Scolastiche
Istituzioni Scolastiche

·Scuola estiva di giornalismo Diregiovani a Catania
·Alla ricerca della lettera “c” Corso di formazione con il Robot per i docenti dell’Istituto S. M. della Mercede di Sant’Agata li Battiati
·Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
·Bando selezione esperti madrelingua FSE/PON - ICS San Domenico Savio - San Gregorio di Catania
·A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Diversamente abili: Osservatorio Integrato d'Area per il Disagio Scolastico

Istituzioni Scolastiche
 

Martedì 7, presso la scuola media Amari-Vinci di Scordia si è svolto il secondo incontro per l'Osservatorio Integrato d'Area in Materia di Prevenzione e Recupero del Disagio Minorile e della Dispersione Scolastica.
Si rende noto il Protocollo d'Intesa, stipulato tra le  Istituzioni Scolastiche del Territorio di Scordia il Comune di Scordia e l'Agenzia Unità Sanitaria Locale n° 3 di Palagonia,

PROTOCOLLO D’INTESA

OSSERVATORIO INTEGRATO D’AREA

IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO

DEL DISAGIO MINORILE

E

DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA

ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA

COMUNE DI SCORDIA

AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE N. 3 DI CATANIA-DISTRETTO DI  PALAGONIA

  • Vista la Legge Quadro n.l04 del ‘92, per l’assistenza, 1’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate.
  • Vista la Legge del 20/01/’99 n. 9, contenente disposizioni urgenti per 1’e1evamento dell’obbligo d’istruzione.
  • Visto l’art. 68 della Legge 144/’99, recante disposizioni relative all’obbligo di frequenza d’attività formative.
  • Visto il Decreto 9 Agosto 1999 n. 323, contenente norme regolamentari per l’attuazione dell’art. l della Legge sopra citata.
  • Visto il parere favorevole espresso dalla Conferenza Unificata Stato, Regioni, Città e Autonomie locali in data 2 Marzo 2000.
  • Visto lo schema di Regolamento di attuazione dell’articolo n. 68, comma 5 della Legge 17 Maggio 1999, n. 144 di disciplina degli adempimenti statali in materia di obbligo formativo, sul quale la Conferenza ha espresso parere.
  • Vista la Legge n. 59/’97, art. 21 per l’attuazione dell’Autonomia Scolastica.
  • Vista la Legge n. 285/’97, “Promozione dei “Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”.
  • Vista la Legge Quadro 328/’00, in materia di realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali.
  • Visto il D.M. n. 489 del 13/12/2001 avente per oggetto il Regolamento concernente l’integrazione, a norma dell’articolo 1 comma 6 della Legge n. 9 del 20 Gennaio 1999, delle norme relative alla vigilanza sull’adempimento dell’obbligo scolastico considerato che, il disagio minorile dipende da una serie di fattori molteplici su. cui è necessario intervenire con un approccio globale e sistemico realizzando nel territorio le opportune sinergie e collaborazioni.
  • Vista la Legge 53/93 e i successivi Decreti Attuativi sinora emanati.
  • Considerato che, il fenomeno della dispersione viene da più parti segnalato come uno dei nodi fondamentali che la società odierna deve affrontare e risolvere per favorire la crescita culturale e civile di tutti i cittadini.
  • Considerata la necessità di superare le logiche aggiuntive frammentarie per realizzare una attività unitaria, che recuperi il valore formativo della scuola.
  • Ritenuto opportuno promuovere una struttura di supporto all’interno di un sistema formativo integrato, in cui la pluralità dei soggetti implica una pluralità di rapporti con concertazione delle decisioni, che supera l’estemporaneità e fornisce ai componenti l’assunzione di nuovi compiti.
  • Visto che ogni azione per la prevenzione del disagio e il perseguimento del successo formativo può essere efficace se trasversale a tutti i livelli istituzionali e territoriali.
  • Valutata la necessità di porre in essere un “sistema integrato” di coordinamento fra istituzioni coinvolte nell’esercizio delle attività finalizzate al potenziamento della crescita culturale e professionale dei giovani, attraverso gestione di risorse umane, strumentali e finanziarie.
  • Rilevato che, gli studenti possono essere coinvolti nella lotta. alla dispersione scolastica con interventi di “peer education”.
  • Considerato che, le finalità del presente Protocollo comprendono il potenziamento e il coordinamento delle competenze e delle funzioni tra governo della scuola dell’ Autonomia e i poteri locali.
  • Ritenuto che, l’elevamento dell’obbligo scolastico e dell’obbligo formativo necessitano di azioni sinergiche a livello locale affinché l’impegno diventi “investimento di una adeguata politica territoriale di sviluppo”.
  • Considerato che, il mercato del lavoro e delle professioni non richiedono solo competenze tecniche ma, essenzialmente, competenze a tutto campo dentro cui si intrecciano cultura del lavoro e spirito d’impresa, competenze tecniche con competenze sociali e relazionali, cultura umanistica con cultura scientifica.

SI CONVIENE TRA

ISTITUZIONI SCOLASTICHE FACENTI PARTE DELL’ACCORDO DI RETE SUL TERRITORIO

COMUNE DI SCORDIA

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SCOLASTICHE

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI SCORDIA

AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 3 DI PALAGONIA

SERVIZI DI PUBBLICA SICUREZZA DI SCORDIA

ART. 1

I suddetti soggetti, nel rispetto dei propri ruoli e competenze istituzionali, si impegnano:

a) a sviluppare modelli di governo territoriale per il coordinamento delle competenze e delle funzioni tra il governo della scuola dell’Autonomia e i poteri locali;

b) a promuovere strumenti condivisi e ad esercitare d’intesa:

  • interventi di recupero sociale e ambientali;
  • interventi integrati di orientamento scolastico e professionale;
  • azioni tese a realizzare le pari opportunità d’istruzione;
  • azioni tese a garantire la coerenza e la continuità in verticale e orizzontale tra i diversi gradi e ordini di scuola;
  • interventi rispondenti ai bisogni reali;
  • interventi integrati di prevenzione e di contrasto alla dispersione scolastica;

c) a coordinare e a razionalizzare nel rispetto delle competenze dei diversi soggetti coinvolti l’uso delle rispettive risorse finanziarie, strumentali e professionali;

d) ad attivare procedure unitarie per prevenire l’abbandono, l’evasione ed il disagio in genere (vedi schema allegato );

e) ad attuare forme di monitoraggio e ricerca della popolazione giovanile;

f) ad incrementare la reciproca informazione sia con strumenti comuni che con sistemi informatici collegati in rete;

g) a favorire l’uso di tutte le strutture locali (educative e ricreative) come risorsa per la crescita dei giovani;

h) a favorire una effettiva integrazione socio-scolastica degli alunni diversamente abili, assumendo ciascun Ente preposto, per la propria parte, competenze e responsabilità per quanto attiene a  strutture, supporti e strumenti, personale, coerenti con gli interventi da effettuare;

i) a sostenere l’azione educativa della scuola dell’ Autonomia, favorendo la diffusione della legalità;

l) a combattere efficacemente il fenomeno della dispersione scolastica nell’ambito della flessibilità della scuola dell’Autonomia, cooperando per fornire agli studenti “a rischio sociale” e a coloro che abbandonano la scuola percorsi differenziati, che nascono da un rapporto più stretto tra istituzione e mondo del lavoro;

m) ad assegnare un ruolo fondamentale alla cultura del lavoro nell’ambito di percorsi di istruzione e di formazione, riconoscendo al lavoro una funzione formativa;

n) ad elaborare di comune accordo iniziative cofinanziabili dai fondi strutturali dell’Unione Europea.

ART. 2

IMPEGNI DEGLI ENTI COINVOLTI E STRUMENTI PER LA VERIFICA

Gli enti coinvolti si impegnano a rispettare le procedure previste nel presente protocollo  utilizzando le risorse economiche acquisite attraverso il finanziamento ministeriale ed a mettere a disposizione reciprocamente e gratuitamente sedi, attrezzature, servizi e risorse umane per l’effettiva realizzazione di un piano operativo provinciale e di zona di prevenzione e lotta del disagio minorile e  della dispersione scolastica.
RISORSE E STRUTTURE MESSE IN CAMPO DAI SOGGETTI FIRMATARI IL PRESENTE PROTOCOLLO

ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Le istituzioni scolastiche, nell’ambito della loro autonomia e quali istituzioni specifiche deputate alla formazione ed istruzione dei giovani,   si impegnano a  promuovere annualmente linee  strategiche di intervento di prevenzione, orientamento, promozione e di recupero  sulla base dei bisogni degli alunni sostenendo sia l’eccellenza sia i soggetti con disagio e  sotto apprendimento secondo la specificità di ciascun settore formativo, sia singolarmente sia unitariamente  - in  rete- tra di loro  con la collaborazione ed il supporto dei servizi  presenti  nel territorio e firmatarie del protocollo di intesa.

In particolare :

·        organizzeranno, ciascuna,  un  gruppo  di lavoro  sulla dispersione scolastica che opererà  in sinergia con l’osservatorio integrato d’area;

·        i collegi dei docenti  approveranno  il progetto annuale /pluriennale  relativo alle azioni  di prevenzione, integrazione, orientamento per il recupero della dispersione scolastica  tenendo conto delle indicazioni dell’Osservatorio integrato d’area;

·        inseriranno nel POF il  progetto per la successiva adozione del Consiglio di Istituto;

·        informeranno i genitori e gli alunni dei contenuti e modalità d’attuazione;

·        promuoveranno incontri periodici  per  i genitori di scuola dell’infanzia, di scuola primaria e secondaria  con la partecipazione dei membri dell’Osservatorio d’area;

·        avvieranno percorsi di orientamento precoce a partire dalla scuola dell’infanzia  progressivamente con le altre scuole  consapevoli che più l’intervento di orientamento è precoce più esso  è efficace e più riduce il rischio della dispersione;

·        avranno cura e solleciteranno in tal senso alunni, genitori, enti locali alla cura dell’ambiente scolastico perché sia accogliente, ospitale e piacevole  ricercando il benessere  psico-fisico degli alunni per favorire e facilitare  l’apprendimento;

·        predisporranno modelli  e percorsi flessibili di innovazione didattica, metodologica, organizzativa anche attraverso forme di integrazione dei sistemi dell’istruzione e della formazione professionale;

·        assisteranno, con modalità da concordare, gli alunni negli anni di passaggio da un ordine di scuola all’altro;

·        svilupperanno e potenzieranno la didattica laboratoriale motivando all’apprendimento attraverso il fare e l’agire;    

·        cureranno  l’aggiornamento e la formazione professionale del personale con riflessione periodica  sull’andamento della problematica dell’insuccesso formativo;

·        promuoveranno incontri trasversali  con i docenti delle scuole del territorio;

·        promuoveranno iniziative non limitate ai soli ambiti scolastici  ma estese anche agli ambiti familiari e sociali in specie per gli alunni in situazione di handicap che  vanno sostenuti  per tempi più lunghi;

·        procederanno a fine anno scolastico  a verificare il progetto  sulla dispersione scolastica.

 

COMUNE DI SCORDIA

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SCOLASTICHE

Si impegna a:

  • nominare un referente istituzionale dell’Assessorato all’interno dell’Osservatorio d’Area sul disagio minorile e la dispersione scolastica;
  • reperire risorse finanziarie, secondo quanto previsto da bilancio, a favore degli Osservatori d’Area, ricadenti nel Comune, la cui costituzione è formalizzata presso l’Osservatorio Provinciale sul disagio minorile e la dispersione scolastica;
  • istituire presso le scuole dell’obbligo aggiuntivi laboratori didattici e migliorare l’adeguato funzionamento di quelli esistenti sulla base delle risorse finanziarie disponibili;
  • incentivare attività extrascolastiche, finalizzate al miglioramento complessivo dell’offerta educativa
  • creare opportunità formative tese ad instaurare uno stretto raccordo tra scuola e mondo del lavoro, valorizzando le potenzialità dell’individuo e le risorse socio-economiche del territorio;
  • attenzionare e promuovere l’orientamento scolastico e professionale;
  • assicurare l’assistenza scolastica e la gratuità del diritto allo studio agli alunni e, in particolare, a quelli in situazioni di svantaggio;

e, inoltre, si impegna a sostenere:

  • 1’anagrafe scolastica per il monitoraggio sistematico degli alunni in obbligo scolastico e del1a “dispersione sommersa”;
  • la circolarità di informazioni relative alle attività finalizzate alla prevenzione della dispersione scolastica.

COMUNE DI SCORDIA

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

Si impegna a:

¨      nominare un referente istituzionale dell’Assessorato all’interno dell’Osservatorio d’Area sul disagio minorile e la dispersione scolastica;

¨      assicurare la presenza di operatori del Settore negli Osservatori d’Area;

¨      garantire interventi su segnalazione (scheda-segnalazione) in tutte le scuole dell’ obbligo presenti nel territorio;

¨      organizzare in “gruppo di lavoro” gli assistenti sociali referenti , allo scopo di monitorare ed uniformare gli interventi sulla dispersione scolastica;

¨      istituire una Banca-Dati per il monito raggio permanente e per l’elaborazione dei dati numerici, in termini quantitativi e qualitativi, dei casi di evasione dell’obbligo di istruzione, comunicati al Servizio Sociale dalle Istituzioni Scolastiche del territorio;

¨      programmare interventi specifici, “integrati”, per la prevenzione della dispersione scolastica e per la rimozione delle cause del disagio;

¨      interagire con la programmazione della “Promozione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza” (L. 2851/’97) nella fase di monitoraggio, lettura dei bisogni e di percorso progettuale d’intervento;
si impegna
inoltre a:

¨      interagire e cooperare con l’Osservatorio d’Area sul disagio minorile e la dispersione scolastica, anche in termini di risorse umane e finanziarie, se previste nel bilancio.

Azienda Unità Sanitaria Locale n. 3

L’Azienda Unità Sanitaria locale n. 3 di Catania-Distretto di Palagonia si impegna:

·        a realizzare iniziative specifiche nell’ ambito del Protocollo d’Intesa in materia di prevenzione e recupero del disagio minorile, attraverso i Servizi di Salute Mentale e Tossicodipendenze, Neuropsichiatria Infantile, il Servizio Provinciale Tutela Sanitaria Materno Infantile e l’Unità Operativa Educazione alla Salute Aziendale, nelle sue articolazioni distrettuali compatibilmente con le .dotazioni organiche e i compiti d’Istituto. Pertanto sarà costante il rapporto di collaborazione con il mondo della Scuola, i Servizi Sociali degli EE.LL., il Tribunale per i Minori, il Tribunale Ordinario, le Associazioni dei Familiari, le Associazioni di Volontariato ed il Privato Sociale al fine di contrastare il fenomeno della dispersione scolastica e promuovere il successo formativo.

·        a mantenere e potenziare quanto già attivato:

  • incontri con alunni, genitori ed insegnanti su “Promozione di comportamenti e stili di vita per il mantenimento dello stato di salute”;
  • assistenza alle famiglie per problematiche educative e relazionali;
  • interventi sul gruppo classe in merito alla comunicazione:
  • gruppi di discussione e di mutuo aiuto tra adolescenti;
  • gruppi di discussione rivolti ai genitori su: rapporto genitori/figli, riflessioni sul disagio e sulle problematiche connesse al rischio di devianza;
  • corsi di Comunicazione efficace per insegnanti, studenti e genitori;
  • attività di informazione rivolta ad educa tori, insegnanti sulle tematiche del disagio giovanile;
  • consulenza psicologica individuale e per piccoli gruppi;
  • consulenza pedagogica mirata al miglioramento delle relazioni educativo comportamentali rivolta ad insegnanti, studenti e genitori;
  • consulenza alle famiglie nell’ambito delle problematiche legate alla relazione genitori/figli;
  • documentazione attraverso studi e ricerche sull’adolescenza e il disagio giovanile;
  • attivazione di processi di ricerca-intervento su aspetti di interesse nelle varie realtà scolastiche, consulenza metodologica e interpretazione dati e conduzione di seminari formativi rivolti a gruppi di studenti e/o insegnanti su diverse tematiche (adolescenza, lettura del disagio, ecc.).

ART. 3

Per l’attuazione del presente Protocollo, l’Osservatorio d’Area con la presenza al suo interno di delegati degli Enti firmatari garantirà la realizzazione dei punti d’intesa.

ART. 4

Il presente Protocollo sarà immediatamente operativo e si concluderà nell’ anno scolastico 2008

fatta salva la volontà di prosecuzione. Esso sarà soggetto a quelle modifiche e/o integrazioni che si rendessero necessarie anche per sopravvenienza di normativa primaria.

Copia del presente protocollo viene consegnata:

  • ai Dirigenti Scolastici delle Istituzioni Scolastiche firmatarie;
  • all’Assessore alle Politiche Scolastiche;
  • all’Assessore ai Servizi Sociali;
  • al Sindaco del Comune di Scordia;
  • alle Associazioni di Volontariato organizzato, operanti sul territorio;
  • a tutte le Istituzioni che si occupano di minori;
  • agli organi di Stampa perché ne diano la massima diffusione.








Postato il Sabato, 11 marzo 2006 ore 15:24:27 CET di Santa Tricomi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati


contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi