Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 535342998 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
ottobre 2021

Liceo “G. Lombardo Radice” di Catania riparte in presenza promuovendo nella segreteria organizzativa un convegno internazionale di studi grazie al senso civico di responsabilità e alla sete di conoscenza
di a-oliva
3564 letture

Educazione civica, un paniere di concorsi, opportunità per gli studenti
di a-oliva
2373 letture

PREMIO NATALE CITTÀ DI TREMESTIERI ETNEO 33° edizione
di a-oliva
2373 letture

Covid – Prevenzione e imprudenza
di a-oliva
2371 letture

Personale docente ed educativo - Esiti del conferimento delle supplenze a seguito della procedura informatizzata da GAE e GPS, per stipula di contratti a tempo determinato dopo il completamento da spezzoni orario - A.S. 2021/2022
di a-oliva
2200 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione è ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Natura e Co-Scienza: La reciprocità, l’evoluzione e la reincarnazione (Parte 2a)

Redazione
“Quello che importa non è credere se la reincarnazione esista o meno,
ma trovare la propria completa realizzazione nel presente”.
Jiddu Krishamurti, Il libro della vita, 1997

Per comprendere il sistema vivente bisogna associare all’evoluzione materica, il sistema informale, ossia l’evoluzione psichica, cognitiva, della Conoscenza e dell’informazione, attraverso la quale il Pensatore immortale giunge al traguardo di potere esprimere compiutamente nella materia l’Armonia e la Perfezione, che invero già possiede da sempre nella Coscienza e che è sua sin dall’origine.
Si tratta del riciclo dell’energia di ogni vivente e dell’energia umana, tramite nascite e morti ripetute, che non è da intendersi come la prosecuzione dell’essere di prima o della precedente personalità, poiché è l’intero preesistente, ossia tutto il trascorso del Pensatore immortale ad essere coinvolto.
Un ciclo che a dire il vero è per molti versi non ideale, forse quasi infernale e talora penoso, che però ha l’alto scopo di giungere alla Perfezione e all’Armonia, così da fuoriuscire dal ciclo stesso ed accedere nel Regno Divino, nel Regno delle Anime.
È il raggiungimento dell’Infinità e della conseguente Immortalità, in cui la forma o il corpo fisico e la Coscienza diventano un tutt’uno immortale, inscindibile ed indissolubile, ovverossia un Corpo di Luce, in cui l’Anima è il corpo.
È pure il raggiungimento dell’unità con tutto il creato e la Natura, dove non siamo né possiamo essere nella solitudine, un’unità che dunque è libertà, perché è nella Comunione e non nella separazione che si è veramente liberi.
Ed ecco che il fenomeno dell’Immortalità, dell’Illuminazione e dell’Ascensione, consiste nel raggiungere lo stato d’integralità, cioè lo stato della Natura dove ogni elemento, anche quello più infinitesimo ed insignificante, coesistono in armonia in un tutt’uno.
In effetti ogni elemento in qualsiasi sistema della Natura svolge più funzioni, e ogni funzione importante è sostenuta da molti elementi.
Noi al riguardo sappiamo dall’evoluzione, dall’embriologia, dalla biologia e dalla fisiologia, che qualsiasi organismo sulla Terra deriva da una filogenesi.
Tale filogenesi è iniziata da un unico organismo progenitore primordiale, da un unico albero della vita, che nel corso di un tempo smisurato, immenso, si è lentamente diversificato, tramite le particelle e gli Elementi della Natura, nei minerali, nei vegetali, negli animali, nell’uomo e nel divino.
Tutto ciò quindi è ben delineato nella Natura, dove numerosi sono i riscontri e le evidenze.
Anche la classificazione delle piante e degli animali è connessa alla filogenesi.
In ogni specie infatti sono individuabili il passaggio e l’evoluzione che dalla materia indifferenziata va verso la differenziazione, la diversità e la complessità dei vari Regni della Natura.
In altri termini l’organismo primordiale da forme molto semplici a poco a poco, tramite l’evoluzione dell’espressione della Coscienza cosmica, giunge in forme e organismi sempre più complessi e perfezionati.
Il processo evolutivo è dunque in un fluire, così che ha un inizio, uno stato intermedio e un completamento tutti tra loro confluenti e complementari.
Nelle diverse fasi del processo le relazioni tra i viventi guidano l’intero ed oscillano nella dualità composta dalla segregazione e dall’integrazione.
Tali relazioni, secondo la prevalenza o meno di un estremo, possono essere di tipo predatorio, parassitario, competitivo, mutualistico e simbiotico.
All’inizio e nei primi Regni della Natura si assiste ad un’organizzazione diffusa o distribuita, decentralizzata, non gerarchica o verticistica, che arriva alla sua massima espressione nel Regno Vegetale.
I vegetali sono organismi straordinari, che hanno una complessità e un livello cognitivo ed intellettivo di gran lunga superiore di quello che sembra o di quello che noi erroneamente gli attribuiamo.
Costituiscono nella loro integralità un grandioso Corpo di Luce planetario nella Beatitudine, poiché sono un tutt’uno organico e funzionale con la Coscienza cosmica.
Sono organismi sessili, cioè non possono muoversi da dove sono, e quindi hanno la sviluppato grandemente la capacità di risolvere i problemi che devono affrontare nell’ambiente dove vivono, da cui non possono fuggire.
Ciò tramite l’interconnessione con tutto l’insieme che vive, ossia con un’autentica Comunione.  
La capacità di risoluzione dei problemi insieme all’incapacità di muoversi sono le caratteristiche che li differenziano dagli animali, i quali solitamente fuggono via dinanzi ai problemi, lasciandoli spesso irrisolti. 
Ed allora la vita delle piante ha seguito un’evoluzione diversa da quella del Regno Animale e Umano, caratterizzati dall’individualità, che è verso un’efficienza davvero sbalorditiva, talmente elevata da essere persino in grado di regolare l’intera vita planetaria e cosmica.
Ecco perché il DNA del riso, una semplice specie delle graminacee, risulta molto più complesso e di 4 volte maggiore quello dell’uomo.
La semplicità delle piante quindi è solo apparente, non è nella sostanza e questo è vero anche riguardo la cognizione e l’intelligenza, che superano di gran lunga quelle umane.
In realtà questa semplicità è stata da sempre equivocata dall’Uomo, poiché egli prediligendo un assetto gerarchico, che però in Natura e nel Cosmo non esiste affatto, in una scala di intelligenza egli si pone su un piano superiore alle piante.
Il riferimento, ad esempio, è alla scala di risalita e discesa della mente del 1305 di Raimondo Lullo, frutto di una visione antropocentrica in cui l’intelligenza è in livelli differenti secondo dei parametri umani, cioè quella massima a Dio, quella intermedia all’uomo, mentre quella inferiore alle piante e alle altre creature.
In realtà la Vita e l’Intelligenza raggiungono il loro massimo livello d’espressione in un’organizzazione diffusa o distribuita, in una rete non gerarchica, ossia quando il Cielo, la Terra e l’Uomo si congiungono in un insieme unitario con tutte le cose esistenti, in cui ogni elemento è in armonia e in funzione degli altri.
L’organizzazione delle piante è diffusa, di tipo modulare e questo significa che sono organismi connessi tra loro in una rete interattiva, estesa sia agli altri organismi viventi e sia al pianeta ed oltre.
Inoltre, in coerenza con tali prerogative dei vegetali, se a una pianta si taglia un ramo o anche diverse parti, non se ne causa la morte, poiché in genere le parti eliminate nei vegetali si riformano con facilità, efficacia e rapidità.


Figura 1 (Appendice: La reciprocità, l’evoluzione e la reincarnazione Parte 2a) La scala di salita e discesa della mente (1a Edizione Liber de ascesus et discesus intellectus, Raimondo Lullo, Montpellier 1305). In tale raffigurazione l’uomo viene indicato come la massima espressione dell’intelligenza sul piano fisico terrestre, al di sotto degli Angeli e di Dio. Le piante invece sono collocate ad un livello inferiore, sotto l’uomo e gli animali, e così considerati organismi privi di Coscienza, con intelligenza limitata e di scarsa importanza. Si tratta di una evidente sopravvalutazione del Regno Animale e dell’uomo rispetto agli altri, di un fuorviante ribaltamento della realtà.  Il Cosmo ha il suo fondamento nell’integrazione delle parti e non in una supremazia di una parte sulle altre.  Peraltro l’uomo e gli animali, sono completamente dipendenti dalle piante, mentre le piante possono fare a meno dell’uomo e di qualsiasi altro animale.  L’uomo e gli organismi animali hanno un’organizzazione gerarchica, individuale e il loro corpo è composto da organi. In questo modo l’organismo umano e animale sono molto vulnerabili. È sufficiente un solo organo che non funzioni per pregiudicare la fisiologia e la vita dell’intero organismo.  Le piante sono differenti e con un’organizzazione non gerarchica, ma diffusa, cioè non hanno organi confinati e separati, perché le funzioni necessarie alla vita possono essere svolte in tutte le altre parti integre della pianta. Tale tipo di organizzazione distribuita è più efficiente riguardo la vita e la sopravvivenza dell’organismo e della specie.  Questa loro organizzazione distribuita non è limitata al loro corpo, in quanto si estende come una rete all’intero sistema vivente. Le piante sono connesse tra loro e a tutti gli organismi viventi della Terra e quindi sono i fondamentali regolatori di tutti gli ambienti, degli ecosistemi terrestri e planetari. Le loro fasi vegetative e riproduttive seguono fedelmente il contesto terrestre e cosmico e tutte le loro variazioni cicliche. Ogni pianta non viene parassitata o colpita da una malattia a caso, ma in funzione di un’interazione ospite – parassita. La fioritura di ogni pianta avviene seguendo i ritmi stagionali, circadiani, cosmici e secondo la connessione con quanto esiste a qualsiasi livello. I loro sensi sono in numero superiore rispetto a qualsiasi animale.  L’idea comune è che i vegetali siano inferiori a qualsiasi organismo. In realtà le cose non sono così ma in un modo diverso, in quanto le piante posseggono Coscienza, Vita, Pensiero, Emozione, Sentimento, Intelligenza e persino un loro linguaggio, in forme per noi ancora sconosciute e incomprensibili, ma superiori anche rispetto a quelle dell’uomo. Facilmente possono rendere florido, pieno di armonia e di vita il più sperduto luogo o pianeta e allo stesso tempo, con la loro sparizione, ne causano la desertificazione che una volta estesa rende inabitabile qualsiasi luogo o pianeta. Figura da Dominio pubblico

Le piante sia tra loro e sia con l’ambiente danno vita a un’organizzazione o ad un’associazione diffusa ed interattiva, sia tra loro che con tutti gli altri componenti della Vita.
Gli animali e l’uomo, invece, dipendono totalmente dalle piante e se esse decidessero di fare sparire una specie dallo scenario della vita lo farebbero senza alcun problema.
A tale modello di organizzazione diffusa, nel corso dell’evoluzione, subentra uno stato transitorio caratterizzato dall’individualizzazione.
L’individualizzazione si verifica nel Regno Animale e coinvolge l’uomo.
Difatti è nell’uomo che la Coscienza da collettiva diventa individuale.
Gli animali e l’uomo hanno un corpo non modulare, fatto da organi e se si elimina un organo indispensabile o vitale, essi non ha la capacità di riformarsi e di conseguenza la vita non è più possibile.
L’organizzazione nel Regno Animale ed Umano, sia del corpo fisico e sia quella sociale e politica, è di tipo centralizzato, gerarchico o verticistico, e ha vari limiti, derivati dall’eccesso dell’individualismo e dell’egoismo.
Tanto è che l’evoluzione di tali organismi si perfeziona ed entra nel suo completamento quando si assiste alla conversione della Coscienza individuale in Coscienza Infinita e alla concomitante fusione, permanente ed indissolubile, del corpo fisico alla Coscienza.
In questo modo il corpo cambia e diventa un Corpo di Luce: un corpo che non è più nei limiti, in quanto in esso si realizza la congiunzione delle due polarità universali e dei due estremi della massima segregazione e della massima integrazione. 
L’organizzazione con la trasformazione del corpo fisico in Corpo di Luce diviene diffusa o distribuita, uguale a quella del Regno Vegetale, con l’integrazione dell’individuo o dell’individualità all’intero sistema della Vita, senza più alcuna separazione, né limiti.
In altre parole in tale complesso divenire dell’espressione della Coscienza, in livelli e gradi differenti, essa transita per tutti i Regni della Natura, sino a giungere col tempo nel Regno umano, quale espressione di una materia individualizzata, differenziata, avente un’organizzazione non distribuita e un corpo composto da organi.
Ora tali corpi individualizzati diventano prezioso strumento ad uso della Coscienza individuale, che a poco a poco giunge viepiù alla Perfezione e all’Armonia, così da accedere nel Regno Divino, torna a riavere un’organizzazione diffusa e integrale, come è nel Regno vegetale, in cui la Vita, la Coscienza, l’Intelligenza, il Pensiero e la Sapienza diventano Infiniti, senza più alcun limite.
Pertanto gli organismi viventi dall’unico progenitore, che in sé in potenza conteneva l’informazione genomica e non genomica di tutti i viventi, seguono una graduale progressione, uno sviluppo e una differenziazione, che anela costantemente al Supremo, per arrivare ad esprimerlo nella Comunione in tutta la sua compiutezza, Perfezione ed Armonia.
All’inizio in questa progressione di tale sviluppo e differenziazione, si assiste alla formazione degli organismi in Procarioti e successivamente in Eucarioti.
I Procarioti si differenziano in Batteri, Virus e Cianobatteri.
Gli Eucarioti si dividono in piante e animali.
Le piante costituiscono quasi il 99,7 % dell’intera massa della materia vivente e quindi sono prevalenti in senso lato, persino sotto il profilo ponderale.
I vegetali si dividono in Crittogame (Tallofite, Alghe, Briofite e Pteridofite), privi di fiori e che si riproducono per spore,  e in Fanerogame (divise a loro volta in Gimnosperme ed Angiosperme, quest’ultime divise in Monocotiledoni ed Dicotiledoni, le quali secondo la conformazione dei fiori si dividono a loro volta in Monoclamidee, Simpetale, Dialipetale.
Dalle alghe si è originato il Regno dei Funghi.
Gli animali si diramano in: Protozoi, Porozoi e Metazoi, quest’ultimi in Invertebrati e Vertebrati.
Ebbene considerato che in Natura traspare chiaro il tutt’uno integrato e complesso dei viventi correlato ad un’unica e indissolubile origine, e che tale tutt’uno è pure Vivente, Cosciente, Pensante e Intelligente, con  scopo e finalità ben precise, dobbiamo necessariamente ammettere che nell’evoluzione, seppure essa appaia solamente fisica e biologica, si assiste al coinvolgimento della Coscienza, della Mente, dell’Intelligenza, del Pensiero, del Sentimento, della Vita e dell’Emozione.
Tale reciproco, costante, ciclico ed intenso rapporto tra Materia e Coscienza, non interessa solo la Terra, le piante, gli animali e l’Uomo, bensì è integrale, protendendosi anche al livello planetario ed universale.
In tale contesto e occupandoci della Terra troviamo così circa la sua genesi e la sua evoluzione spiegazioni più aderenti alla vera realtà, rispetto a quelle correnti limitate solo al piano fisico.
Come l’uomo è un sistema di corpo fisico e di corpi invisibili o metafisico, anche il Cosmo e la Terra hanno la medesima costituzione con un globo visibile o fisico e globi invisibili, che compongono insieme una catena terrestre, ossia tutta una serie di mondi abitati da esseri fisici o meno, che evolvono insieme dal punto di vista spirituale, mentale e fisico, inseriti in globi materiali o meno, in cicli di ere, in eventi, in trasformazioni che dall’immaterialità vanno verso la materialità e la perfezione del divino, con lo scopo di riuscire a congiungere nell’Armonia la Materia alla Coscienza.
In particolare l’evoluzione dell’uomo coinvolge un sistema di sette corpi, mentre altri esseri della catena evolutiva planetaria come gli Elementali dell’Acqua, del Fuoco, dell’Aria, della Terra, dell’Etere e i Deva, che seguono un altro tipo d’evoluzione, non pervengono ad avere il corpo fisico, in quanto si fermano ad avere dei corpi fatti di materia eterica o della vitalità, astrale ossia delle passioni e dei desideri.
Similmente la catena planetaria consiste in una successione di sette mondi in cui ogni pianeta e gli esseri che lo popolano non seguono tutti la medesima evoluzione, ed essa non ha uno svolgimento lineare bensì integrale che unisce i due estremi.
Quindi non ha un verso esclusivo lineare che partendo da un inizio nella primitività giunge ad una fase di progresso e sviluppo massimi e lì si ferma, perché invero congiunge ogni cosa ed estremo.
Questo svolgimento può avvenire simultaneamente o ciclicamente, oppure nel senso invertito, ossia iniziare da una civiltà che dal suo massimo splendore passa ad un’altra ad uno stadio primitivo, o ancora che la civiltà sia caratterizzata nello stesso tempo da popoli diversi, in vari livelli e gradi di sviluppo e progresso.
Adesso riguardo i tessuti e gli organi di ogni organismo vivente noi sappiamo che derivano da un’unica cellula, quindi essi hanno un’unica origine e un’unica fonte.
Ne consegue che non possono mai funzionare bene quando operano separatamente l’uno dall’altro.
Per il buon funzionamento deve sussistere una perfetta integrazione tra tutte le cellule, tutti gli organi e i sistemi del corpo in armonia con l’insieme in cui si vive.
Quindi la salute non scaturisce da cellule e organi sani in sé stessi, ma da organi e tessuti perfettamente integrati e cooperanti tra loro, il che è molto diverso da quanto nel senso corrente la medicina considera.
In altri termini la Materia non è separabile dalla Coscienza perché entrambe sono un sistema integrato.
Il definito, il locale o la Materia non può essere disgiunta dal non locale o dalla Coscienza, proprio perché i sistemi sono sovrapposti e correlati costantemente tra loro, non sono affatto separati, perché se davvero lo fossero non potrebbero interagire tra loro.
Ed allora la salute, la Perfezione, l’Illuminazione, l’Immortalità e l’Ascensione non possono essere esistere o realizzarsi in una condizione separativa, magari caratterizzata dall’egoismo e dall’individualismo fuori misura, in quanto si realizzano in uno stato integrale, dove il definito è integrato con il non locale, ossia con la Coscienza.
La salute quindi è l’espressione dell’Armonia e dell’unione tra tutte le parti della vita, dell’unione indissolubile e permanente dell’Anima al corpo fisico.
Tale unione sfocia nell’Illuminazione e nell’Ascensione dove il corpo fisico diventa un corpo Divino, che non soggiace più alle malattie ed è immortale, di Luce, perché unisce in modo permanente ed indissolubile nell’Armonia sia la parte formale e sia quella informale: l’unione del Cielo, della Terra e dell’Uomo.
Ciò che succede realmente a un individuo che ha raggiunto l’Ascensione è che non lascia affatto questo mondo per andare in Cielo, perché egli è riuscito a fondere il Cielo e la Terra e li ingloba entrambi nell’Armonia.
E così egli continua a vivere nel corpo fisico meglio di prima e allo stesso tempo, simultaneamente, nel mondo dell’Anima e dell’invisibile.
In altre parole egli vive nello stesso tempo nel mondo della Veglia, del Sogno, della fantasia, dell’immaginazione e del Pensiero Infinito e così non sprofonda più, se non di rado, nell’incoscienza del sonno profondo.
Perché è proprio l’integrazione nell’Armonia di tutte le parti dell’insieme della vita, visibili ed invisibili, che determina gli stadi superiori della vita umana di cui stiamo dicendo.
Negli stati umani di Illuminazione e Ascensione dunque non si va verso il Cielo per lasciare la Terra, poiché sono stati inclusivi, integrali.
L’Ascensione significa il raggiungimento della pienezza della vita e non è il separarsi dal mondo fisico.
Quando si pensa ai Maestri, ai Santi e agli Esseri Ascesi, credendo che loro siano su nel Cielo, chissà in quale magnifico luogo, si tratta di una visione fuorviante di come invece stanno in realtà le cose.
Il Divino non è solo su nel Cielo e nello Spirito ma è ovunque, in tutte le cose della Vita, ed è sia nel mondo fisico e sia nel mondo metafisico, nella Veglia, nel Sogno, nell’Immaginazione e nel Pensiero.
Senza la visione totale non possiamo vedere in modo corretto il mondo fisico, né tantomeno trasformare il corpo fisico in Corpo di Luce.
Quindi il Maestro, che è riuscito a trasformare la sua corporeità in Corpo di Luce, non va in un luogo paradisiaco su nel Cielo, ma vive ovunque egli desidera, nell’Infinità, nell’Immortalità e nel finito.
La sua vita è nella completezza, nella pienezza sia al livello celeste e sia al livello terrestre e può fare qualsiasi cosa non sia in contrasto con l’Amore.
Egli è un uomo che ha realizzato in se stesso le nozze mistiche o alchemiche che ha congiunto le due polarità universali e vive in uno stato che ha in sé tutte le cose, cioè ingloba l’individuale, il collettivo, l’ambientale, il cosmico, il visibile e l’invisibile.
Ebbene considerato questo e che la Coscienza è immortale, ossia che non può morire proprio per la sua natura non locale, stante la nostra incapacità di mantenere per sempre lo stesso corpo fisico, ne consegue che per arrivare al punto in cui la nostra Coscienza esprime la Coscienza cosmica in tutta la sua compiutezza, necessariamente ogni individuo segue un ciclo sino al raggiungimento di questa maturazione che giunge all’Ascensione.
Il ciclo è quello delle nascite e delle morti ripetute, il cui inizio è come Coscienza collettiva o di gruppo il cui campo d’azione è nei regni fondamentali della Natura, per  giungere con un processo più o meno lungo all’individualizzazione e divenire Coscienza individuale nel Regno Umano.


Figura 2 (Appendice: La reciprocità, l’evoluzione e la reincarnazione Parte 2a)
Il ciclo della vita e delle esistenze, coinvolge in ugual misura sia la Coscienza e sia la Materia inclusi i suoi cicli terrestri e biogeochimici. Tale ciclo nel suo svolgersi è ben rappresentato dal simbolo dell’Infinito. Allo stesso tempo il simbolo dell’Infinito rappresenta l’integralità tra la Coscienza e la Materia ed anche il punto culmine dell’Infinità in cui esse si fondono in un tutt’uno indissolubile, permanente, perfetto, armonioso e immortale, donando all’uomo al termine del processo l’Illuminazione, l’Ascensione e la fuoruscita dal ciclo. Figura da Dominio pubblico

La Coscienza individuale di vita in vita anela a fondersi in modo permanente ed indissolubile alla Coscienza cosmica, corrispondente al campo unificato quantistico, subatomico, di tutte le forze universali, dalle infinite potenzialità e possibilità.
Un campo unificato da cui emerge e prende forma ogni cosa ed essere della realtà fisica.
Con la  Coscienza individuale e le diverse esperienze umane si ha quindi e ogni volta la grande opportunità di giungere, presto o tardi, al punto dell’emancipazione in cui si diviene un’unica cosa con la Coscienza cosmica, un tutto parte di un tutt’uno.
In tal modo non si ha più bisogno di seguire il ciclo delle nascite e morti ripetute, perché la Coscienza diventa un tutt’uno con quella cosmica ed è senza alcun limite, perciocché il processo sfocia naturalmente, in ciò che noi conosciamo come Illuminazione, Immortalità e Ascensione.
Difatti pervenendo allo stato di Coscienza cosmica si è nell’Infinità dove i limiti non sussistono più.
In questo modo il Corpo si trasforma in un nuovo stato e diventa un tutt’uno inseparabile, permanente ed immortale di Coscienza e Materia.
Ne consegue che l’evoluzione nella materia ha un suo percorso, una sua processualità, una sua finalità, che coinvolgono sia il fisico e sia lo spirituale, in quanto considerati due parti, due aspetti di un unico in interazione tra loro con lo scopo di giungere al traguardo d’ottenere la piena consapevolezza di se stesso o la consapevolezza integrale e perfetta, da cui deriva l’espressione della Coscienza nella sua perfezione.
Ed è ovvio che tutto questo elaborato e complesso processo fisico e metafisico, stante la condizione attuale umana soggetta all’illusione della morte, può avvenire solo per mezzo della reincarnazione, un ripiego della Natura e della Vita per sopperire alla nostra incapacità di mantenere per sempre lo stesso corpo fisico.
Così succede che alla morte fisica la Coscienza individuale, immortale ed imperitura, ritira la sua energia da tutti gli organi del corpo.
In particolare la morte succede perché la Coscienza lascia libera la sua sede nel Cuore e nella ghiandola pineale, nel punto in mezzo ai due occhi fisici, portando con sé l’intera Conoscenza e informazione, tutti i ricordi e tutte le impressioni accumulati per prepararsi ad una nuova nascita, per rincorporarsi in un nuovo bambino ancora non nato, in genere nel 4° o 5° mese di gravidanza, quando ancora il corpo è in formazione nel grembo della madre.
Una Coscienza individuale umana entra solamente in un corpo umano.
Il tipo di corpo, la famiglia, l’ambiente specifico e le condizioni sono tutte determinate dalle precedenti esperienze nelle vite trascorse e nell’ultima esistenza.
Con le nuove esperienze nella nuova vita vengono presto dimenticati i dettagli delle precedenti vite ed è così che l’individuo non subisce smarrimento, confusione, né è sopraffatto dalle emozioni e dai ricordi passati e vive pienamente ogni attimo del presente.
Quando il corpo e il cervello del bambino si sono formati la Coscienza individuale ha già dimenticato tutto il suo passato, in quanto non è tanto necessario ricordare ciò che è trascorso, poiché esso è nell’oggi, nel presente.
In effetti il passato è interamente conservato nella Coscienza, perciocché  non  viene cancellato, né perduto, quindi esiste e si trasmuta nel presente e poi nel futuro.
La memoria integrale il più delle volte viene alla luce nell’individuo in forma di impressioni, tendenze e personalità.
Soltanto il fenomeno dell’illuminazione, cioè solo il raggiungimento di uno stato coscienziale e cognitivo eccelso e straordinario, consente l’accesso a tutta la memoria integrale che è nella Coscienza, ovvero nel Vero Pensatore.
Con l’Illuminazione difatti succede che si hanno i ricordi delle vite precedenti, così che il mondo è svelato nella sua vera natura ed essenza.
Succede anche che la veglia, il sogno e il sonno vengono unificati in un solo stato.
Non si è più nel passato, nel presente e nel futuro ma si vive nel non tempo, dove tutto coesiste e vive.
In effetti ogni Coscienza individuale è sempre nell’integralità e in interrelazione con le altre e ciò spiega tra l’altro anche i rapporti tra gli esseri umani, le loro simpatie ed antipatie, le attrazioni e le repulsioni, che hanno tutte una causa in vite anteriori.
Le Anime complementari sono tali perché relative ai diversi rapporti intessuti dagli esseri umani tra loro, che determinano una certa affinità e una predisposizione a rincontrarsi a vicenda in ogni cammino terrestre.
Quante volte abbiamo il senso di aver visto o conosciuto una determinata persona, verso cui possiamo provare anche dei sentimenti, anche ad onta del fatto che non ci sia niente che giustifichi il nostro stato particolare.
Invero questo succede perché la nostra Coscienza individuale riconosce l’altra Coscienza nonostante i corpi siano diversi, dall’ultima volta che si sono incontrate.
Perciocché ogni nuova nascita in questo mondo fisico non è che un altro anello della catena personale di impressioni latenti, desideri, pensieri, emozioni e passioni, in modo che possiamo imparare dal passato, da tutte le esperienze, da tutta la Conoscenza e l’Informazione che abbiamo accumulato, di vivere il presente non ripetendo gli stessi sbagli e di prepararsi al futuro verso l’Infinità e la Perfezione.
Ogni cosa accade per l’esperienza e lo scopo dell’emancipazione della Coscienza individuale per poter esprimere nella materia tutta la sua Infinità e Perfezione ed arrivare così a trasfigurarsi in Coscienza cosmica, ossia per elevare tutta la materia sino al Divino, all’Immortalità.
È una sorta di iniziazione alla Sapienza totale ed integrale che riguarda col tempo tutti gli uomini, in modo che possano manifestare pienamente il Divino, cioè divenire l’espressione fedele della Deità consapevole, che nella materia esprime finalmente tutta la sua compiutezza e meraviglia.
In altri termini si tratta di un’educazione, di un apprendimento all’arte del pensiero, di una progressiva e costante educazione della mente, che anziché sprofondare nei limiti, nelle paure, nei condizionamenti, riesce ad innalzarsi verso l’Infinità, in un campo dalle infinite possibilità e potenzialità.
Una delle più notevoli caratteristiche del mondo invisibile, fatto di una materia più fine, tenue, quasi impalpabile o rarefatta e che ci circonda è la pronta risposta al pensiero, al sentimento, all’emozione.
Ma è molto difficile rendersi conto del lavorio della mente e del pensiero, poiché la loro attività spesso è silente e sfugge alla consapevolezza ordinaria.
In più crediamo nella profondità della mente che i pensieri siano ininfluenti sulla materia.
Cionondimeno ogni pensiero ha una sua forma, ed ha una sua vibrazione che produce effetti nella materia, seppure il meccanismo sia progressivo e il più delle volte inavvertito.
La conclusione è che il pensiero è al fondamento della Materia e della Natura.
I pensieri sono basilari, perché l’osservato è correlato all’osservatore, non ne è disgiunto.
Ciò implica che dietro gli elementi, gli atomi, le molecole e le parti della materia che vediamo vi sono dei pensieri ben definiti e delineati, nel senso che il visibile, ossia la visione o il mondo che vediamo, si compone e si struttura in modo definito e correlato all’osservatore.
Il processo misterioso accade nell’atto di osservare, con la scelta degli elementi, delle molecole e delle parti che poi, con meccanismi sinora sconosciuti e mediante la Coscienza suprema, reagiscono e si aggregano tra loro dal mondo infinitesimale e microscopico sino al macroscopico, secondo delle caratteristiche proprie e con delle specifiche sostanze e  strutture.
Tutto questo con uno scopo e una finalità determinate, in relazione alla mente, all’intelligenza ed alla loro evoluzione.
La Coscienza dispensa l’energia e la mente ne è lo strumento ordinativo, cioè ordina e sistema in un cero modo le particelle materiali e lo spazio.
La conferma di quanto stiamo dicendo è nelle ricerche della Fisica attuale riguardanti il mondo quantistico o sub – fisico, ossia il mondo microscopico ed infinitesimale prefigurato dalla Scuola di Fisica di Copenaghen.
Tale mondo non è regolato dalle leggi della Fisica ordinarie o di Newton, ma dall’equazione della funzione d’onda di Schrödinger, in cui si fondono il principio d’indeterminazione di Heisemberg, il dualismo onda – particella e la reciprocità tra mondo osservato e osservatore.
In altre parole il mondo quantistico è la parte complementare del mondo fisico, ed entrambi sono in interazione tra loro.
Il mondo quantistico è un campo dalle infinite possibilità e potenzialità, dove la materia non esiste, non c’è, non sussiste e soggiace al principio di indeterminazione di Heisemberg,  poiché essa in tale campo è molto vaga, confusa, indefinita ed è tra una particella materiale e un’onda totalmente immateriale, così come si evince dall’equazione di Schrödinger.
Tuttavia l’indeterminazione non esiste nel vero senso, in quanto il pensiero e la Coscienza determinano gli effetti fisici secondo il fine da raggiungere.
L’osservazione e l’osservato sono dunque i due aspetti di una stessa cosa: una dualità illusoria in un campo interattivo tra la Coscienza, la Mente, il Pensiero, l’Emozione, il Sentimento e il mondo fisico.
Il fondamento degli elementi della natura e quelli della tavola periodica, degli organismi biologici, della loro forma e delle funzioni e del codice chimico o DNA, è quindi da individuare nel pensiero.
In pensieri ben delineai e definiti, ben codificati e precisi suscettibili di cambiamenti in una scala temporale più o meno ampia, che eccezionalmente possono essere anche rapidi.
Tali sono i pensieri della Mente Divina o Infinita alla base della materia e del grande schema dell’evoluzione cosmica e terrestre.
Il pensiero dapprima vibra nel corpo mentale, nella materia se così possiamo chiamarla mentale, per poi interessare tramite il sentimento e l’emozione il corpo astrale e da qui riverberarsi poi nel mondo fisico.
Il processo della manifestazione fisica del pensiero si fonda proprio sulla risonanza tra i vari corpi e sul trasferimento della sua vibrazione dal Corpo Mentale al Corpo Astrale e poi al Corpo Fisico, cioè sulla loro risonanza e sulla notevole affinità esistente tra il Corpo Astrale e il Corpo Fisico.
In tal modo diventa comprensibile come il pensiero che giunge nel Corpo Astrale si riverberi nei vari tipi di materia, caratterizzati da diversi livelli  e gradi di maggiore o minore rarefazione, e come esso possa produrre gradualmente o meno i suoi effetti sulla materia fisica.   
Tutto dipende dalla sua forza, ossia dalla volontà, dalla precisione e dall’arte del pensare.   
In altre parole il pensiero, la sua forma, la sua vibrazione deve raggiungere una certa forza  per convertirsi in materia, ed essa non è dovuta al caso, ma dipende dalla precisione del pensiero e dal sapere come pensare.
Tale forza in particolare deriva dall’altruismo, dall’Amore, dalla qualità dei nostri pensieri, dalle emozioni, dai sentimenti e dagli stati d’animo che nutriamo.
Solamente l’Amore ossia l’Essenza suprema Cosciente, Vivente, Pensante ed Intelligente piena di Bellezza e Splendore è capace di dare la forza, l’energia superiori e tutto il necessario affinché il pensiero si trasformi davvero in materia e possa così manifestarsi nel mondo fisico, proprio sotto i nostri occhi, rimanendo noi stupiti e meravigliati.

Marcello Castroreale, tratto da “Il viaggio dell’Anima” Volume I © 2018 Amazon








Postato il Mercoledì, 12 maggio 2021 ore 08:00:00 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi