Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 507465593 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
settembre 2020

Graduatorie Provinciali ad esaurimento definitive del personale docente di ogni ordine e grado nonché del personale educativo, aggiornate ed integrate in applicazione del D.M n.36 del 23 giugno 2020, per l’anno scolastico 2020/2021 - Rettifiche
di a-oliva
1973 letture

Atlantide e la spiritualità (Parte 1a)
di m-nicotra
1875 letture

Il meglio del giallo in salsa svedese con contorno nordico
di a-oliva
1717 letture

Inizia la scuola, inizia la scalata ...
di a-battiato
1700 letture

Test sierologico personale scolastico del liceo Cutelli di Catania
di m-nicotra
1654 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·Personale ATA. Convocazione in modalità telematica per gli assistenti amministrativi aspiranti alla sostituzione dei D.S.G.A. nelle scuole normo dimensionate. A.S. 2020/2021. Chiarimenti ed integrazioni all'avviso del 24/09/2020
·Proposte di assunzione per la stipula di contratti a T.D. fino al 30 giugno su posti comuni e di sostegno senza titolo da GAE docenti Infanzia - A.S. 2020/2021 - Assegnazioni sedi
·Personale ATA. Convocazione in modalità telematica per gli assistenti amministrativi aspiranti alla sostituzione dei D.S.G.A. nelle scuole normo dimensionate. A.S. 2020/2021
·Proposte di assunzione per la stipula di contratti a T.D. fino al 30 giugno su posti comuni e di sostegno da GAE e GPS docenti Primaria - A.S. 2020/2021 - Rettifiche assegnazioni sedi
·Proposte di assunzione per la stipula di contratti a T.D. fino al 30 giugno su posti comuni e di sostegno da GAE docenti di ogni ordine e grado - A.S. 2020/2021 - Ripubblicazione assegnazioni sedi scuola dell'Infanzia


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Natura e Co-Scienza: Atlantide e la spiritualità (Parte 1a)

Redazione
La Spiritualità è la ricerca dell’essere autentico che è dentro di te:
io devo conoscere quale è la mia realtà.
Una volta conosciuta, termina qualsiasi ricerca di esperienze.
Non occorre qualche nuova avventura.
Quando conosci la vera realtà interiore,
l’essere autentico, cessa ogni ricerca”.
Osho Rajneesh

Una ragione del tutto comprensibile per cui molte persone considerano Atlantide un mito è che il suo ricordo, seppure ancora vivo in tradizioni e culture razziali e tribali dell’area atlantica e altrove, è stato a noi tramandato tramite leggende scritte in un periodo successivo dal passato molto remoto in cui tale civiltà è probabile sia esistita.
Infatti come è noto la tradizione orale, di generazione in generazione, di fatti molto remoti, porta con sé il difetto di trasformare e modificare i reali contenuti di cosa sia realmente successo e tutto con facilità diventa una leggenda, una fantasia, un mito. Comunque è quasi certo che l’umanità non ha avuto inizio con la storia ufficialmente documentata, che è molto probabile rappresenta solo una piccola parte dell’intera vicenda dell’uomo sulla Terra.

Tale civiltà di Atlantide s’irradio da un punto comune, quale sorgente delle prime culture della Terra, da un continente insulare collocabile nell’Oceano Atlantico.
Ne consegue che Atlantide col tempo si perde nelle foschie indistinte del mare.
Ma nel libro “Atlantide un’umanità perduta”, già citato nel precedente su Atlantide e la pietra filosofale, ogni cosa seppure sullo sfondo di un racconto tra la realtà, l’immaginazione, il sogno e la fantasia, non era del tutto nella leggenda e nell’incertezza, ma anzi descritta con una certa precisione.
Nel racconto il periodo iniziale e intermedio dell’umanità di Atlantide, prima di 200.000 anni fa, era indicato come quello di maggiore splendore, dove gli Atlantidei, nella totalità della popolazione, riuscirono a trasmutare il loro corpo fisico in Corpo di Luce immortale, punto di congiunzione nell’Armonia della triade del Cielo, della Terra e dell’Uomo.

Tale trasmutazione del corpo fisico fu il frutto di una lunga e vasta ricerca svolta da questi uomini eminenti in tutti i piani visibili e invisibili dell’esistenza, il risultato di un lungo percorso spirituale e fisico, che li condusse alla scoperta che la Coscienza è immortale, senza paura e sempre desta, anche quando si è nel sonno profondo o incosciente e che la vera realtà è la Coscienza totale, dove niente svanisce e perisce, perché in tale condizione non c’è più perdita di coscienza tra la Veglia, il Sogno e il Sonno profondo, ossia tra le transizioni di fasi circadiane della Coscienza dal corpo fisico al corpo metafisico e viceversa.
Constatarono con loro sorpresa che la Coscienza è sempre nella perfezione, qualunque sia la manifestazione fisica, sempre nell’integralità tra il mondo fisico e quello metafisico.
Difatti multiformi e variegati sono le sue possibili espressioni, caratterizzati da diversi gradi e differenti livelli del loro celarsi, rivelarsi e manifestarsi nella materia e nei Regni della Natura: Elementale, Minerale, Vegetale, Animale, Umano e Divino.

Un’integralità scandita da diverse transizioni della Coscienza da un regno ad un altro, al fine di acquisire sempre più esperienza e padronanza, proprio riguardo la sua capacità d’espressione, sino a riuscire a manifestare la sua perfezione, in modo da poter transitare nel mondo divino, quando finalmente riesce a congiungere nell’Armonia le due polarità universali, il corpo fisico all’Anima e divenire così un Corpo di Luce.
Da un’altra parte verificarono che la stessa materia è immortale quasi alla stessa stregua della Coscienza, perché anche se è vero che sul piano fisico i corpi e le forme possono scomparire, di certo ogni particella che li compone non muore in quanto, una volta che la forma finisce, essa viene liberata per entrare nei cicli naturali e reimpiegata in altre forme.
In più scoprirono che la cellula, l’unità biologica fondamentale di ogni organismo vivente è immortale, il che accade quando lo svolgersi del metabolismo o il mutuo scambio tra le due polarità universali e l’andamento delle fasi del mutamento, del caos e dell’adattamento sono tra loro in armonia e sincronia perfetta, nell’Infinità, così che nel suo interno, nel  citoplasma, da un lato vi sono i necessari nutrienti e dall’altro non si accumulano escrezioni, tossine, radicali liberi e altre sostanze che la danneggiano e la fanno perire.

Ed allora se niente nasce e niente muore ma tutto si trasforma, se ogni infinitesima particella della materia non scompare, se la stessa unità biologica fondamentale dei corpi viventi o la cellula sono immortali, non si può negare che l’Infinità e l’Immortalità sono reali, vere e realizzabili in ogni luogo dell’esistente, incluso il piano fisico.
In altri termini la malattia e la morte non sono inevitabili, non sono un fatto naturale predefinito, ma solo delle conseguenze spiacevoli di un destino creato da sé stessi, ossia delle illusioni create dalla mente, per quanto potenti, dolorose e coinvolgenti esse siano.

Tutto questo aprì loro il cammino per realizzare in sé stessi il 4° stato (Turya) di Coscienza totale, cioè lo stato della vita reale, di fusione permanente e indissolubile tra la materia o il corpo e l’Anima, ovvero tra il corpo fisico e i veicoli sottili, dove non c’è più alcuna interruzione di Coscienza tra gli ordinari 3 stati della vita (Veglia, Sogno e Sonno profondo), così da innescare in sé stessi il processo interiore ed esteriore di conversione del corpo fisico in Corpo di Luce immortale.
È la fusione nella Coscienza dei due complementari della Veglia e del Sogno: due polarità o due metà della Vita infinita, dove il mondo fisico di struggente bellezza, spesso nel dolore e nella sofferenza, si congiunge al mondo di straordinaria bellezza del sogno, del pensiero, dell’ideazione, dell’immaginazione, della fantasia, dove tutto è facile e lieve, immerso nella gioia e beatitudine.
Ed è così che questi due mondi o questi due sogni immaginifici diventano Uno e si ha la Realizzazione: il vero ed unico scopo di ogni vita sul piano fisico.
Il raggiungimento di tale suprema meta produsse il risultato che loro civiltà a sua volta conobbe un eccezionale sviluppo e progresso, cosi che Atlantide giunse a un livello sociale, scientifico e tecnologico straordinario mai visto sulla Terra, in tutti i campi del pensiero, dell’agire umano, della scienza e della tecnologia.

Molto progredite erano la scienza e la tecnologia degli ologrammi e la bionica.
La bionica, in particolare, dallo studio della struttura e delle funzioni degli organismi viventi, traeva gli elementi utili alla realizzazione di apparecchiature tecnologiche, di automi e di dispositivi automatici.
In più con l’edificazione di città straordinarie sulla Terra e su ogni altro pianeta da loro abitato, le esplorazioni spaziali, la fondazione di colonie umane su altri pianeti e la costruzione di avanzate astronavi, che non avevano bisogno di percorrere lo spazio siderale per arrivare nella destinazione prescelta, perché col salto dimensionale potevano farlo in un istante anche se il luogo era distante milioni o miliardi di anni luce dalla Terra, la loro civiltà fuoriuscì dall’ambito terrestre e si diffuse tra le stelle e in altri sistemi planetari.
In tal modo Atlantide senza più limiti divenne una civiltà eccelsa, stellare e cosmica. 
Tali risultati si ebbero con l’acquisizione da parte degli Atlantidei di un livello superiore di Coscienza dove ogni cosa diventa possibile e realizzabile, poiché  la Coscienza è tutto e senza di essa niente può esistere e venire alla luce.
Questo perché la materia e il mondo fisico non nascono, né si modellano in modo autonomo, ma in virtù della Coscienza, dell’Informazione e della Conoscenza.
Così la Coscienza o l’Anima è la radice di ogni vita, di ogni corpo, di ogni cosa, di ogni fenomeno, di ogni avvenimento, racchiudendo in sé stessa tutte le potenzialità e possibilità.
La sua caratteristica fondamentale è che non ha paura, così che quando si realizza la fusione indissolubile e permanente del corpo fisico all’Anima o della formazione della triade Cielo, Terra e Uomo, non ci sono più problemi e ogni cosa diviene facile e lieve.

Accade in questo modo una seconda e vera nascita in questo mondo fisico e nello stesso corpo fisico, ossia l’Illuminazione: uno stato mirabile, preludio della formazione del Corpo di Luce immortale.
Se ci facciamo condurre dall’Anima andremo bene, mentre in caso contrario possiamo vivere 50, 80 o 100 anni, ma siamo sempre lì pronti a cadere nelle braccia della morte e tutto finisce.
Alla fine ci accorgiamo che non ci resta più niente e con la morte o l’illusione travolgente della perdita del corpo fisico andiamo via delusi da questo mondo, sempre così come siamo e senza peraltro accedere a un luogo celestiale o paradisiaco come di solito si crede, bensì per continuare la nostra evoluzione e ritornare, presto o tardi, con una nuova nascita nello stesso mondo da incubo che avevamo già lasciato, dove nella materia non c’è niente che potrà mai colmare l’inesauribile sete d’amore che sentiamo nel cuore.
In proposito una frase del libro diceva:
 
Sebbene ci sia il niente, c’è il tutto. E dal tutto si ritorna al niente”.

Quel che vuol dire è che quando si nasce noi non abbiamo niente; le mani sono vuote.
In seguito costruiamo la nostra vita, e alla morte avremo di nuovo le mani vuote così come è nel vuoto.
Tuttavia nel vuoto, nell’aria, troviamo tutte le innumerevoli cose della vita, ed ecco che invero è il nostro livello spirituale che è insufficiente, perché se lo avessimo ad un punto più alto potremo con gli atomi dell’aria creare ogni cosa noi desideriamo.
In altri termini ciò significa che nella vita, per riuscire nel nostro cammino, bisogna considerare l’insieme, ossia l’aspetto spirituale e quello materiale, in quanto è una perdita di tempo andare appresso solo al lato fisico delle cose, tutto inutile.
Ora la paura viene dalla mente, perché essa perdendo la sua funzione originaria, vera e divina, non solo mente di continuo e senza ritegno, ma opera a suo agio nel limite e non riesce facilmente a superarlo, in quanto nutre ogni paura e preoccupazione, soprattutto quella di vivere nel fantastico mondo dell’Infinità.
Il fatto è che scoprendo come vivere in uno stato di Coscienza totale, di evidenza della Vita senza fine, ovvero di fusione degli stati di Veglia, Sogno e Sonno profondo, giocoforza si giunge non solo comprendere la vera natura della realtà che ci circonda, ma pure ad accedere ad uno stato diverso e superiore, includente la trasformazione della mente da finita a Infinita e l’Immortalità fisica.
Per capire ciò basta riflettere all’evidenza che è la presenza o meno della Coscienza che differenzia la vita dalla non vita.

In particolare è la perdita di Coscienza o la sua sospensione temporanea o meno che sia che ci precipita nel baratro della non esistenza, cioè in uno stato del tutto uguale al sonno profondo.
Anche la morte, dovuta al distacco definitivo della Coscienza dal corpo fisico, determina, almeno inizialmente, uno stato simile al sonno profondo, a cui segue necessariamente il risveglio in un corpo o veicolo diverso o metafisico.
Ebbene riguardo al risveglio nel corpo metafisico, com’era raccontato nel libro, non sempre le cose vanno per il meglio.
Succede talora che quando l’uomo in vita ha solo nutrito il lato materiale della vita, dopo la morte non vuole lasciare questo mondo e il corpo ormai esanime e privo di vita.
In altri termini l’individuo rimane avvinto al mondo fisico dai suoi pensieri, dalle sue azioni, dalle sue abitudini, dai molti desideri e dai rimpianti, così che decide di non lasciare questo mondo di illusioni a cui è legato, col grave rischio di permanervi e di non proseguire nella sua evoluzione.
Cade così nella rete dell’inganno subdolo della mente, che lo spinge a non abbandonare il suo corpo fisico, ad errare vicino ai luoghi e alle persone che conosceva, tutto nella disperata ricerca di riavere ciò che in vita possedeva ed amava.
Ed è per questo che molti luoghi, soprattutto le case, gli ospedali, i cimiteri risultano infestati e coinvolti in presunti eventi soprannaturali o fenomeni paranormali.
In tale condizione l’uomo e la Coscienza diventano un’Anima errante trattenuta nel mondo fisico dalla mente.

Ora però, senza avere più il corpo fisico che possa soddisfare i desideri della mente, l’Anima errante sul piano fisico va incontro a ostacoli e traversie di ogni sorta, ad una sofferenza notevole.
D’altronde le Anime erranti nel mondo fisico, per legge di risonanza, possono anche essere fatte prigioniere da maghi e stregoni; diciamo che diventano schiave e piegate ai loro voleri al fine di animare fenomeni paranormali, filtri magici, apparizioni di fantasmi e possessioni, che oltre a incutere paura e sgomento e talora anche malattie nei vivi, sono la causa dell’ulteriore peggioramento del loro stato doloroso e penoso, che dura fino a quando non abbiano l’anelito alla loro liberazione, che li sospinge ad incontrare la Luce di un Maestro, così da rientrare nel ciclo di reimpiego dell’energia umana o nella reincarnazione e continuare così nell’evoluzione.

Naturalmente una volta che succede la morte, senza più il corpo fisico, lo stato di Veglia, seppure continui a essere presente nella nostra consapevolezza, diventa quasi evanescente ed acquista da quel punto in cui siamo la consistenza del Sogno, mentre l’Ideazione, l’Immaginazione, la Fantasia, ossia il Sogno diventa viepiù pregnante e significativo, ovvero il nostro nuovo mondo.
Si tratta, è evidente, di un’inversione di scenario della Vita Infinita, che ci porta a comprendere come la Veglia e il Sogno siano in realtà la stessa cosa, cioè entrambi un sogno immaginifico, che per noi diventa più o meno reale in relazione al livello di Coscienza e al corpo o veicolo che la Coscienza adopera e alle sue capacità sensoriali e percettive.

Tali capacità sensoriali e percettive sono più sviluppate nel corpo metafisico, meno in quello fisico, tant’è che nel corpo metafisico i sensi tendono facilmente a fondersi nell’armonia, così da avere l’intuizione e la percezione pronta ed acuta, ovvero la conoscenza immediata e diretta di una verità.
Ed ecco: la morte e il sonno profondo sono la stessa cosa, ossia due sorelle che ci conducono in una sospensione della Coscienza, lontano dalla Vita senza fine.

In altre parole è l’assenza o meno di comunicazione, di relazione dell’individuo col mondo circostante in cui è che determina i vari stati della Veglia, del Sogno, del Sonno profondo, e di altri analoghi come, ad esempio, il coma, lo svenimento e la morte, mentre il 4° stato di unificazione di questi stati o di Coscienza totale, di comunicazione e relazione permanente, arresta ogni sospensione di Coscienza e conferisce, tramite un processo graduale ed evolutivo, l’immortalità del corpo fisico.

Tale nuovo stato di Coscienza piena e totale induce, difatti, progressivamente la formazione del Corpo di Luce, il che significa che a tale stadio l’Anima è il Corpo, senza più alcuna distinzione tra di essi.
Si verifica al contempo una concomitante trasmutazione della materia, della biologia e della fisiologia del corpo fisico.
Gli Atlantidei scoprirono che la realizzazione di questo e del processo dinamico ed evolutivo, che trasforma il corpo fisico in Corpo di Luce, seppure secondo i casi possa essere più o meno accelerato, avviene con gradualità.

All’inizio si verifica l’apertura e l’attivazione complete dei centri d’interazione tra il corpo fisico e quello metafisico, i cui 7 principali vortici toroidali (Chakra) si trovano nel corpo fisico sul capo (fronte e sommità) e lungo la colonna vertebrale, cioè in stretta interazione col sistema nervoso.
Al riguardo possiamo dire che tali centri fisici-metafisici sono i punti nodali di comunicazione, d’interazione tra il corpo fisico e il corpo d’energia o metafisico, quest’ultimo composto da una rete di canali o vasi invisibili in cui fluisce e circola l’energia vitale e plasma freddo, che è aderente al corpo fisico per alimentarlo e sostenerlo.
Tale complessa rete vasale d’energia (Nadi) è un sistema invisibile aderente al corpo fisico per sostenerlo con l’energia cosmica o universale della Coscienza, che da neutra al contatto della materia si differenzia secondo l’individuo, così da divenire specifica e atta a presiedere alla tipica biologia e fisiologia di ogni distretto corporeo, anche tramite la corrispondente ghiandola endocrina e i suoi secreti o ormoni che si riversano nel sangue.
L’insieme del corpo fisico e del corpo metafisico in realtà costituisce un unico corpo: il corpo bio - plasmatico, composto da materia organica biologica e plasma freddo.

Successivamente, secondo il grado d’evoluzione individuale, tale processo nel suo svolgersi e progredire giunge al suo compimento, ovvero nell’unificazione o congiunzione delle due ghiandole fondamentali dell’organismo presenti nel cervello: l’Epifisi o Pineale e l’Ipofisi o ghiandola maestra, dove si realizza la costante interazione del divino col corpo fisico e che è alla base della vita.
La congiunzione delle due principali ghiandole endocrine del corpo umano, corrisponde alla fusione della dualità illusoria, dello Yin  (nero) e dello Yang (bianco), del femminile e del maschile: due metà o due polarità di un’unicità coessenziali, complementari, interdipendenti e invertibili, dove ogni metà non è completamente Yin o completamente Yang, in quanto ognuna in nucleo contiene sempre l’altra.
Si tratta dunque di due metà di una dualità che sottende un’unità, le quali una volta unificate determinano la formazione del Corpo di Luce immortale.
Queste due ghiandole, ancora oggi misteriose e poco conosciute, hanno un peso di circa ½ g ciascuna, ma nonostante la loro piccola mole sono fondamentali nella regolazione dell’intero corpo fisico.
L’Ipofisi è la ghiandola maestra collegata all’ipotalamo che secerne gli ormoni più importanti del corpo tramite due lobi, anteriore e posteriore, tanto è che presiede alle altre ghiandole endocrine, alle cellule, ai tessuti, a tutti gli apparati e ai sistemi dell’organismo.
La Pineale, in costante correlazione col liquido cerebrospinale del terzo ventricolo, è l’occhio della mente, che con i suoi particolari secreti regola principalmente gli stati sonno-veglia.

In definitiva queste ghiandole sovraintendono all’intera biologia, fisiologia e ai ritmi dell’organismo e di conseguenza sono importantissime per i secreti o gli ormoni che producono, cioè per le molecole e sostanze, che seppure siano rilasciate in piccolissime quantità (ng/ml) nel flusso sanguigno, determinano notevoli e straordinari effetti specifici nell’organismo sia in senso favorevole e sia sfavorevole.
Quando sono separate, ossia non perfettamente coordinate, come è nell’attualità e nella quasi totalità delle persone, elaborano ormoni e molecole che muovono i processi vitali, biologici e le funzioni nei limiti dell’ambito della materia biologica o organica del corpo fisico, sovente con effetti sfavorevoli al manifestarsi della Vita Infinita, tutto in risonanza con i pensieri, le azioni, le abitudini, il carattere e il destino dell’individuo.

Se ogni cosa è nei limiti di una mente immersa nell’egoismo e nel materialismo, non possiamo avere effetti diversi da ciò che si è e passare da una vita nel finito alla Vita Infinita.
Questo è semplice da capire, non altrettanto semplice da comprendere è l’utilità del lato negativo delle cose proprio per avere il positivo che ricerchiamo, cioè di come usare nella pratica il finito e tutto ciò che ci è utile per avere l’Infinito a cui aneliamo, ovvero di come trarre tutto il bene da ogni esperienza positiva o negativa che sia.
Senza il Cuore e col ragionamento ristretto solo al lato fisico della vita si tende non solo a mantenere i propri difetti ma anche ad imitare quelli degli altri, al punto che la mente si riempie solamente dei difetti e del lato negativo delle cose; degli aspetti negativi di noi stessi, delle persone e delle cose intorno a noi.
Quando apprezziamo la qualità delle persone sovente succede che non siamo del tutto sinceri, magari perché rispettiamo o amiamo la persona, o ancora perché ne abbiamo paura.
Diciamo che questa è la base del carattere umano, che ostacola il corretto funzionamento e lo sviluppo delle due ghiandole endocrine citate.

E così quando non abbiamo che pensieri negativi, queste due ghiandole liberano nel sangue sostanze alterate che spingono verso il limite, addensano il corpo e liberano nel sangue delle tossine e radicali liberi, che impediscono la biologia e la fisiologia corrette del corpo e la loro stessa unificazione.
Ed è proprio per questo che le due ghiandole non riescono a svilupparsi, né a unificarsi, al punto che il corpo fisico col tempo sarà deteriorato, sia da tutti questi aspetti negativi ritenuti nella mente e sia dalle tossine presenti sempre di più nel circolo sanguigno.
Però quando l’uomo segue il cammino senza fine della Spiritualità ed impara a superare il lato fisico, a superare le piccole cose fisiche, le difficoltà ed impiega con profitto tutto ciò che utile per il suo avanzamento, queste due ghiandole nella testa alla fine si congiungono e si coordinano tra loro.
Ed ecco che con l’avvenuta loro congiunzione ogni cosa cambia nel senso favorevole alla Vita Infinita, perché da queste due ghiandole viene elaborato un secreto diverso e particolare conosciuto, sin dai tempi più remoti e in Atlantide, col nome di Amrita (in sanscrito immortale, non morto), corrispondente all’Ambrosia dei Greci e dei Romani o all’Acqua di Immortalità, di composizione pressoché sconosciuta.

Tale secrezione mirabile delle due ghiandole unificate è in grado di trasmutare il corpo fisico rendendolo perfettamente in armonia con quello plasmatico o spirituale.
L’uomo giunto a tale stadio è un essere liberato dalle catene della materia, fuoriesce dal ciclo di nascita, vecchiaia, malattia e morte e diventa immortale, cioè riesce a mantenere per sempre lo stesso corpo fisico, senza più la necessità di reincarnarsi in un corpo diverso per continuare la sua evoluzione e portare fino in fondo il suo cammino.
Ciò che accade è un importante e fondamentale mutamento interiore che sfocia in un altrettanto mutamento esteriore del corpo fisico, che così diviene un’unica cosa con la Coscienza e senza fine, cioè perfettamente in risonanza col Pensiero Infinito.
L’Amrita o Acqua di Immortalità, ossia il secreto composto da molecole ed ormoni del tutto nuovi e modificati, dell’Ipofisi e della Pineale congiunte,  è assimilata a un nettare, perché ha il colore e la consistenza del miele.
La sua sintesi è il risultato dell’avvenuta congiunzione (nozze mistiche) del corpo fisico a quello metafisico, del corpo all’Anima.

A tale punto il corpo fisico è in un’interazione costante e armoniosa col corpo metafisico, il che porta al mutamento delle sostanze che si producono, che sono completamente diverse da quelle ordinarie, perché in risonanza con la Vita senza fine. 
Ciò che accade è una nuova, sconosciuta e mirabile biologia e fisiologia del corpo fisico assimilabile a una nuova nascita nello stesso corpo, che in questo modo si trasforma in un corpo eccelso, divino, pieno di ogni capacità, potere e beatitudine.
Un corpo perfetto nell’Armonia: la forma stessa dell’Amore, in grado di vivere in tutti i piani dell’esistenza, che non potrà più soccombere alla vecchiaia, alla malattia e alla morte.
L’Amrita, una volta sintetizzata dalle due ghiandole unificate del cervello, come un prezioso distillato condensatosi nella testa, similmente come in un condensatore di riflusso di un distillatore, comincia a colare verso il basso.

Successivamente giungendo all’altezza dell’ugola dapprima rallenta un poco la sua discesa per permeare l’encefalo, così da trasformarlo in risonanza con la Vita Infinita e poi continua verso il basso per distribuirsi ai due lati destro e sinistro del corpo, in modo da diffondersi nelle cellule, nei tessuti, nei suoi sistemi, distretti ed apparati permeandoli interamente, innescando alla fine la fusione permanente e indissolubile dell’Anima al Corpo fisico.
A questo punto l’Anima è il corpo capace di agire sia sul piano fisico e sia su quello metafisico, che non solo è nella perfezione ma irradia a questo punto pure la Luce divina in quanto essa non trova più nessun ostacolo al suo irraggiarsi, perché ogni limite cessa d’esistere, acquisendo il corpo delle caratteristiche superiori e delle notevoli capacità come quella, ad esempio, di attraversare i muri.
Di questo incredibile fenomeno della Natura troviamo una descrizione nei Vangeli, quando si narra che Gesù Cristo dopo la morte risorge ed incontra i suoi discepoli in carne e ossa, cioè col corpo uguale a quello di prima, che ha ancora le ferite riportate nella crocifissione, ma allo stesso tempo è pure un corpo diverso, straordinario, perché è in grado di attraversare i muri e di apparire e sparire a piacimento, e di assumere sembianze diverse.

Quindi quando succede tale trasformazione tra l’Anima e il Corpo non esiste più nessuna differenza e ogni cosa si converte in Vita infinita, ed è così che si diventa immortali.
Così in quel libro era raccontato che in Atlantide, in un primo tempo, si ha una Spiritualità elevata congiunta ad un altrettanto elevato livello di Coscienza e di sviluppo scientifico e tecnologico, tutto con l’acquisizione di un livello elevato di comunicazione e comunione, sicché col Corpo di Luce ogni donna e ogni uomo di Atlantide sprofonda nella beatitudine, in un Paradiso.
Ora tale corpo immortale è nello stesso tempo ordinario e straordinario.
Pertanto, anche se poteva farne a meno, lo stesso l’uomo di Atlantide si nutriva col cibo, per lo più prodotto da sintesi, però con la consapevolezza delle funzioni corporee svolte dall’alimentazione, ossia dalle proteine, dai grassi, dagli zuccheri e dai Sali e ciò in riferimento alla loro interazione  con i diversi veicoli fisico e sottili.
Difatti le proteine hanno a che fare più col corpo fisico, i grassi col cuore e i vasi sanguigni, i carboidrati con i polmoni, la gola e il palato, i sali con la testa.
Inoltre seppure il Corpo di Luce non contragga malattie, né imperfezioni, lo stesso in Atlantide si conoscevano la medicina e le terapie mediche più efficaci per ogni tipo di malattia o d’alterazione biologica e fisiologica.
Al riguardo si studiavano, in particolare, i rimedi naturali e la medicina frequenziale con l’uso dell’energia cosmica e quella dei cristalli.

Con l’idonea stimolazione delle due ghiandole endocrine della Pineale e dell’Ipofisi, anche con l’uso della tecnologia, riuscivano persino in un istante a saldare qualsiasi frattura ossea.
Per stabilire la natura della malattia usavano la percezione sensoriale specchio anche a distanza, consistente nella visualizzazione della persona e facendo attenzione a ciò che percepivano nel loro corpo, che così rifletteva come uno specchio i sintomi della malattia specifica del soggetto, giungendo ad una diagnostica di estrema precisione.
Tuttavia con la tecnologia costruirono dei dispositivi che ricalcavano tale modalità diagnostica e altri che irradiavano pure le frequenze caratteristiche della salute, capaci di ripristinare in breve tempo lo stato di salute nel corpo fisico, il più delle volte senza ricorrere a sostanze chimiche e di sintesi.
La storia dell’umanità, con l’acquisizione del Corpo di Luce da parte degli Atlantidei, si apre a un periodo eccezionale di splendore, progresso e sviluppo.

La Coscienza è la Vita cosciente di se stessa senza la quale c’è la stasi, il che significa che è pure la Libertà con le sue caratteristiche quali la comunicazione, la relazione, l’immedesimazione agli altri.
In altri termini non è il rinchiudersi nei limiti della prigione dell’individualismo, tant’è che un individuo nel sonno profondo, nel coma o morto, cioè abbandonato dalla Coscienza, non ha nessuna comunicazione, né relazione con chicchessia, né  con l’ambiente in cui è, né tantomeno senza Coscienza potrebbe avere relazione in qualsiasi altro piano dell’esistenza fisico o non che sia.  
Invece col Corpo di Luce immortale le caratteristiche della Coscienza si ampliano a dismisura e in modo esponenziale  all’infinito, non conoscono più alcun limite, così che i confini tra mondo della materia e il mondo spirituale non esistono più e si assiste tra di essi al libero fluire dell’Armonia: la forma stessa dell’Amore.

Nello stesso tempo cambia pure la nozione di Dio, poiché ogni Corpo di Luce immortale è nell’Eternità e nell’Infinità e al contempo è nella materia, cioè è il divino nell’uomo e nella materia, tanto è che dal corpo fisico in tale stato si irradia la Luce o il divino, che per quanto sia nello Splendore è pure pienamente cosciente e coinvolto nel mondo fisico, ma senza più alcun limite, anzi con infinite capacità ed espressioni.
In Atlantide, come era narrato nel libro, l’uomo quindi doveva superare l’uomo per aiutare l’uomo e la loro Spiritualità non compendiava luoghi ultraterreni quali, ad esempio, l’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso, perché la felicità e il dolore sono qui sulla Terra e non si trovano lassù.
Ed ecco:

Quando non si è ammalati, quando nella famiglia si gioisce del benessere materiale ed è felice di ogni cosa: non c’è nessuna immagine equivalente di felicità sulla Terra. Pensare lassù nel Cielo è l’Aria, il Vuoto, è il non essere distratto da alcuno, è l’essere seduto là senza nessuno, ossia una vera tristezza.
L’umanità ha bisogno di aiuto, ha bisogno di uomini che l’aiutino per progredire nella Spiritualità e ritornare al più presto a Dio. Lassù non c’è ne bisogno”.

Quindi per gli Atlantidei Dio non era calmo e pacifico ma in quanto Assoluto, oltre che origine ed organizzatore del mondo fisico, della Natura, è pure la forza possente ed eccelsa che spinge ogni cosa e creatura sempre nel cammino dell’evoluzione spirituale e materiale, modificandola e accelerandola se necessario anche col ricorso ad eventi spiacevoli e dolorosi, soprattutto quando gli esseri sono fortemente attirati dai piaceri fisici.
In altre parole possiamo dire che l’Anima vuole stare tranquilla e in pace, ma lo stesso non è per Dio, perché egli è alla base di tutta la vita, prefiggendosi lo scopo primario che l’uomo arrivi presto alla sua realizzazione interiore, che concerne il suo cuore e la sua mente, dove ogni cosa si muove nel contesto di un cammino unico di crescita dei pensieri, dei sentimenti, delle emozioni, delle azioni, delle abitudini, del carattere e del destino.

Pertanto ciò che viene chiamato Dio in Atlantide non era relativo ad un concetto astratto o a un essere assiso su nel Cielo che da lì, dalla sua elevata posizione e condizione, sovraintendeva pacifico al creato e alle creature, bensì era concepito come un’energia divina, fonte unica del Cosmo, dell’evoluzione e di tutto ciò che esiste coinvolta pienamente nel mondo fisico.
L’energia divina o cosmica è dunque la fonte della Vita senza fine e dell’Universo, che gli Atlantidei usavano anche per soddisfare i loro fabbisogni di energia, trasformandola con le piramidi o tramite vari dispositivi tecnologici nell’elettricità necessaria nelle case e negli edifici e nei vari tipi di energia utili nella propulsione dei motori montati nei veicoli.

Il riferimento è all’energia del vuoto o ZPE (Energia del punto zero), la cui sorgente è la massa oscura associata alla materia visibile: una materia ed energia che non emettono radiazioni rilevabili, che è pari al 95% della massa esistente nel cosmo, da cui prende vita e forma il 5% della restante materia visibile, che compone gli infiniti Universi del piano fisico.
Tale energia all’origine scaturisce neutra o indifferenziata ma nel suo mirabile svolgersi verso il piano fisico, per apparire in forme e funzioni specifiche, necessariamente al contatto con la materia cambia, cioè si divide in due polarità, due metà o principi illusori, da cui nel prosieguo scaturiscono determinate caratteristiche e diventa così specifica, tanto è che noi possiamo parlare di energia del vuoto, gravitazionale, nucleare, magnetica, elettrica, animale, vegetale, sessuale e ciò secondo il suo campo d’azione e di manifestazione.
Ovviamente nell’uomo tale energia si converte in energia umana.
Quando l’uomo si innalza e supera l’uomo si trasforma ancora per divenire energia divina, in grado di compiere i miracoli e di togliere ogni imperfezione da qualsiasi luogo e da chiunque.
È il trasmutarsi del niente in tutto: un miracolo della Vita Infinita che accade in ogni istante, che noi distratti dalle cose illusorie di questo mondo non cogliamo appieno.
Diventa tutto ciò che esiste, perfino energia della salute e della malattia in relazione allo stato dell’organismo ed è così che la biologia, la fisiologia e il metabolismo divengono differenti e conformi allo stato dell’esperienza che è da vivere.

È l’energia della Vita senza fine oppure è l’energia che spegne ogni funzione corporale nel caso della morte, è l’energia infinita e inesauribile dei cicli terrestri e cosmici con cui ogni forma muta per divenire altre forme, dove ogni energia e materia si trasformano in tutte le altre, ogni particella in un’altra, il tutto inserito in cicli senza fine di mutamento, caos e adattamento.
È il gioco mirabile della manifestazione del divino sul piano fisico, secondo ciò che sono i pensieri, le azioni, le abitudini, il carattere da cui infine si modella il destino di ogni cosa ed essere.
Essa è ovunque e coinvolta nella sua totalità nei diversi piani dell’esistenza, sia immateriali e sia del piano fisico, quindi è trascendente quanto immanente nello stesso tempo.
Questa energia dirige tutto e niente e nessuno né è separato.

Nel maschile e nel femminile tale energia cosmica diventa la potente energia sessuale, talché in Atlantide il sesso e la sessualità erano ritenute espressioni sacre dell’energia divina, l’unione sacra all’origine dei corpi in cui si incarnano le Anime, per niente frammista al peccato e alla vergogna, perché è chiaro che nell’essenza non c’è niente di peccaminoso e di vergognoso in un atto che è all’origine di ogni vita.
Il sesso e la sessualità, in Atlantide, non erano nemmeno in funzione esclusiva alla procreazione e al piacere personale.
Difatti col dominare tale energia e la fusione delle due polarità si può persino creare la vita in senso lato anche al di là dell’atto sessuale, si può rinvigorire e ringiovanire il corpo fisico a piacimento e la donna senza unirsi a un uomo può entrare in gravidanza per partenogenesi e dare così origine a un nuovo individuo.

L’energia sessuale permette anche di trasformare un corpo fisico in uno d’energia o di Luce.
Anche se molti possono dubitare è però evidente che l’energia sessuale, il sesso, la sessualità e la procreazione sono molto di più di quello che sembrano, e di certo non sono limitate e circoscritte al godimento sensuale e alla sfera sessuale di un uomo e di una donna.
D’altronde la partenogenesi è un fenomeno della biologia e della Natura, la cui descrizione si ritrova in diverse fonti della letteratura, dove perfino la mancanza di scambio genetico tra due individui non è quasi mai di menomazione all’evoluzione della specie, così come comunemente si crede.
Ora per meglio capire l’energia cosmica neutra possiamo immaginare una Grande Anima o Coscienza Suprema, un’immensa Luce, da cui prendono origine tutte le altre scintille di Luce o Anime, in modo che così per mezzo della Coscienza, dell’Informazione, della Conoscenza, della Bellezza e del suo differenziamento in relazione al piano di esistenza, sia possibile dare la vita agli Esseri celesti, agli Elementali della Natura, agli esseri col corpo fisico e qualunque altra cosa sia esistente sul piano fisico.
Tale realtà, considerate la perennità della Coscienza e della stessa materia, è un principio assoluto, increato, esistente da sempre, senza principio, né fine.

Questo principio assoluto atemporale con la volontà d’esprimersi e di creare, diviene temporale, scindendosi in due metà della stessa natura ma non della stessa apparenza, al fine di determinare un contrasto e l’apparizione fisica, che dunque è il risultato dell’interazione di due polarità o due metà di una stessa cosa, della stessa sostanza, mutuanti e cooperanti.
Al contempo crea lo strumento della mente in modo da originare e ordinare la proiezione olografica solida dello spazio-tempo, con tutte le sue particelle, da cui si ha il mondo fisico con tutte le sue forme, proprietà e caratteristiche.
Infatti la fonte della Creazione per rendere manifesto e visibile il creato se ne separa, sicché sul piano fisico diventa due principi, mutuanti e invertibili, per determinare un contrasto e ordinare con la mente lo spazio-tempo.

In proposito quel libro con altre parole spiegava così:

Siamo una particella della Luce divina.
Ma Dio è una terminologia, un concetto puramente umano, perché nessuno ha incontrato Dio, né tantomeno nessuno ne conosce la sua profonda e vera natura. 
Ed è Dio che ci dà la capacità di trasformare il corpo di materia in Luce o in un corpo di energia, e quando questo ci è donato, tale trasformazione non è qualcosa di nuovo, né tantomeno di straordinario, perché è un fenomeno della Natura e della Vita che sono senza fine, senza morte e senza limiti.
In Atlantide questo è già successo.
In quell’epoca l’umanità non aveva bisogno di un corpo esclusivo di materia, perché 200.000 anni fa l’umanità aveva già un corpo di Luce: un corpo materiale e spirituale che poteva agire sui diversi piani dell’esistenza: fisico e non fisico.
Ma poi col tempo tutto ciò è andato perduto e adesso abbiamo dei corpi limitati al piano fisico e così crediamo che il mondo che esiste sia solo quello materiale, dove nel corso dell’evoluzione abbiamo creato oggetti materiali, creato del cibo. 
Lentamente, quasi senza accorgersene, gli Atlantidei dalla loro mirabile condizione e con tutte le loro grandi capacità di creazione sono caduti nell’orgoglio di credere d’essere loro stessi gli artefici della vita e d’essere in grado di creare l’Universo, ed è così che nello scenario della Vita senza fine è comparsa la morte.
In fin dei conti dopo la vita cosa succede ?
La morte e si riprende lo stesso ciclo.
Trascorsi 80, 100 anni si muore e non resta niente.
Dopo 200.000 anni di evoluzione Dio ci fa ricordare questo.
200.000 anni  fa gli Atlantidei avevano il Corpo di Luce e non hanno capito d’avere un dono splendido, unico e prezioso, si sono confusi e smarriti nelle loro stesse creazioni, nei loro artefatti e non hanno voluto nemmeno condividere questa loro conquista con le altre popolazioni terrestri.
Ed è per questo che tutto è stato per poter vivere l’esperienza solo nella materia, il che implica contraddizioni e blocchi di ogni tipo che però sono utili, in quanto adesso spingono l’uomo verso l’uscita da questa illusione, in modo da riavere  di nuovo il Corpo di Luce immortale, senza più la necessità di reincarnarsi per continuare, dove il vivente e il morente divengono parti complementari, coessenziali, invertibili e coesistenti della Vita senza fine”.

Marcello Castroreale



Il Tetraedro o Piramide con base triangolare è uno dei cinque poliedri di Platone, correlati agli Elementi della Natura (Etere, Fuoco, Aria, Acqua, Terra).  In particolare tale poliedro è simbolo del sentimento o del senso di sé che anela al raggiungimento della perfezione, dell’energia universale, del Fuoco capace di cambiamento e di trasfigurare ogni cosa. Rappresenta dunque l’unione o la triade del Cielo, della Terra e dell’Uomo, da cui deriva la formazione del Corpo di Luce immortale.   Se lo immaginiamo all’interno del cranio il vertice superiore è in corrispondenza della sommità della testa, ossia del centro metafisico del Divino, della Coscienza suprema o del Cielo, deputato alla captazione dell’Energia cosmica divina.  I due vertici posteriori rappresentano la Terra in unione col Cielo e quindi l’unificazione delle due ghiandole endocrine del cervello: Ipofisi e Pineale. Mentre il vertice anteriore, in relazione col centro metafisico della fronte, rappresenta l’Uomo, la sua Coscienza e la sua mente in unione con l’Infinito. In più il corpo dell’uomo è caratterizzato dalle due polarità universali o due tipi di energia (Yin e Yang, Oscurità e Luce, Negativo e Positivo, Femminile e Maschile, ecc.) che nel corpo metafisico formano due tetraedri ascendente e discendente, il Cielo e la Terra, che fondendosi in Armonia nell’uomo danno origine al ternario perfetto del Cielo, dell’Uomo e della Terra.  In definitiva dall’unione nell’Armonia tra questi centri metafisici e dei due tetraedri ascendente e discendente, scaturiscono la fusione del Cielo, dell’Uomo e della Terra e il Corpo di Luce immortale: un corpo straordinario e meraviglioso capace di vivere ed agire su tutti i piani dell’esistenza: fisico e metafisici.
Figura da Pixabay 





articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Domenica, 06 settembre 2020 ore 08:00:00 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.29 Secondi