Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 511700725 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2020

SALVIAMO LA STRETTA DI MANO
di a-oliva
546 letture

4 DICEMBRE Web-Pressing “FERMIAMO LA STRAGE DI SCUOLE PUBBLICHE PARITARIE
di a-oliva
250 letture

Convocazioni in modalità telematica per eventuale stipula di contratto a tempo determinato per l'a.s. 2020/2021 su posti COMUNI e SOSTEGNO SENZA TITOLO per gli aspiranti inclusi nelle GAE della Scuola dell'Infanzia
di a-oliva
165 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Associazioni
Associazioni

·Conte in videocollegamento con l’Assemblea annuale Anci
·Definizione nuova data concorso Gianni Rodari e insieme per suonare cantare danzare
·Domani sabato 26 ottobre 2019, alle ore 17:30 conferenza presso l'Aula Magna del Convitto “M. Cutelli” – Catania dal titolo “Le malattie debilitanti neurodegenerative''.
·Miur: assunzioni a ribasso e nuova ondata di precari
·L’Osservatorio sulla violenza di genere della Regione Calabria invita le scuole ad ‘adottare la storia di una vittima di femminicidio’. Le storie delle donne non si adottano


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Didattica: Quasimodo, un nostro classico!

Redazione
Lessi Quasimodo per la prima volta quand'ero al IV Ginnasio; non a scuola lo lessi, s'intende, ché, allora, non si concepivano simili letture divaganti dai nostri un po' stagionati e pigri programmi scolastici ministeriali; ma nella vetusta e polverosa biblioteca comunale del mio paese, per mio conto e mio divagamento, là in un cantuccio dell'unica sala di lettura, vicino alla stufa, d'inverno, alla finestra aperta sul cortile fiorito, d'estate. Sedimentati negli anni del Liceo, pochi versi rimasero, in verità, chiari e accessibili alla mia mente; il resto lo dimenticai come cosa oscura e sibillina. Oscurità, credo, accentuata in me, fra l'altro, da una gran confusione di lettura sincronica di "Tutte le poesie", che, mentre non mi offriva nessun punto certo di partenza e di orientamento, confondendomi il centro con la periferia (se mai poi vi fossero di codeste differenze nelle poesie di Quasimodo, e non fossero, invece, centro e periferia, che poli dialettici di un unico continuum poetico), tanto meno poteva darmi - simile metodo di lettura - la possibilità di cogliere lo spessore delle stratificazioni storiche di quella poesia, il suo processo di svolgimento per linee interne, oltre che esterne, di intuire l'intelligenza profonda della parola quasimodiana che cresceva sopra se stessa, divenendo sempre più amaramente saggia e divinamente presaga attraverso un continuo tormentato processo di autoriconoscimento, di autoanalisi, di autocritica, tanto da sembrare, alla fine, il suo lo svolgimento di un processo contraddittorio.

Rileggo Quasimodo dopo che è passato molto tempo (e fatte altre letture ), e provo un'emozione nuova, ma che so antica, diversa ma familiare; e risento il vibrare di un canto obliato ma noto, ma più schiarito, ma più vero alla mia esperienza di oggi tanto, che a decifrarlo mi pare, ora, che le sue oscurità, di allora,non esistono, né mai erano, forse, esistite; e che i simboli sibillini e misteriosi del poeta; i suoi miti dolorosi e cari, le sue essenziali immagini e disperanti, e i suoi trasalimenti e il "miracolo" della sua "parola" trasfiguratrice ( - tutto quello che intesi poi chiamare, dai critici, senso pascaliano della vita, sentimento orfico-pitagorico della natura, tendenza mistica e visione tragica del tempo individuale e cosmico; sofferta classicità romantica, e così via ) non erano che cose incomprensibili solo a me per difetto di età e di cultura, a me giovane troppo ignaro e inesperto dell'aspra pena del vivere e dei mali del mondo; troppo ignaro della poesia vera che è canto "religioso" disperato di speranza, certezza di cose incerte, visione di cose invisibili, dolore di cose che si ignorano: Fitta di bianche e di nere radici / di lievito odora e lombrichi, / tagliata dall'acqua la terra./ Dolore di cose che ignoro / mi nasce: non basta una morte / se ecco più volte mi pesa / con l'erba, sul cuore, una zolla. (Dolore di cose che ignoro).
E gli esempi potrebbero addursi senza soluzione di continuità : da "Acque e terre" a "Oboe sommerso"; da "Erato e Apòllion" a " Nuove poesie"; fino ad arrivare all'ultimo Quasimodo di "Dare e avere", dove - è stato detto - intenso ma disteso prevale un drammatico rapporto del poeta con la morte che rappresenta l'altro polo, il negativo,del suo immenso amore per la vita. ( G. Finzi,da Introduzione a Tutte le poesie di Quasimodo. Ed. Mondadori)

A pensarci, dunque, c'erano almeno due ordini di difficoltà per l'adolescente lettore sprovveduto qual ero io:
1) oggettive ( di contenuti e di forme particolari inerenti a quella poesia, di tecnica espressiva, di poetica della parola, di storia e di cultura, - e quella di Quasimodo attraversava la realtà e l'immaginario di due guerre ;
2) soggettive, direi esistenziali, che mi avevano impedito di capire fino in fondo il "continuum" della verità umana e storica della poesia del Nostro, il senso simbolico e allusivo della sua parola presaga.

Presagire - ha scritto Gombrich - è più profondo che pensare. Quasimodo era uno che aveva presagito il suo destino, individuale e cosmico, nella /con la sua poesia. Stavano qui, le motivazioni più profonde, psicologiche, oltre che etico-storiche, del suo ermetismo, i cui esiti non potevano che essere lirici ed epici nello steso tempo; esiti di poetica della memoria individuale e soggettiva, ma anche di poetica di impegno storico e civile, politico e sociale ( "E come potevamo noi cantare/ con il piede straniero sopra il cuore"). Esiti luminosamente oscuri e presaghi di "fughe" e di ritorni alla vita proprio di chi sa che, giorno dopo giorno, "aspro è l'esilio" e "l'armonia si muta / in ansia precoce di morire "e che "ogni amore è schermo alla tristezza" (Vento a Tìndari ).

L'ermetismo del poeta modicano - capii molto tempo dopo - non era semplice categoria concettuale, né compiaciuta scelta di oscurità formale, fine a se stessa, ma forza e resistenza morale, estremo "pudore di scrivere versi" e massimo coraggioso sforzo di ricerca (Tu ridi che per sillabe mi scarno) non solo stilistica ma spirituale, intesa sempre a confrontare la propria parola con quella degli altri, il proprio io con il mondo, il contingente con l'Assoluto, la verità con la menzogna, la vita con la morte, l'amore con l'odio, la storia con la metastoria " ... / Ma noi , qui, /chiusi in ascolto nell'antica voce,/cerchiamo un segno che superi la vita, / l'oscuro sortilegio della terra,/ dove anche fra le tombe di macerie/l'erba maligna solleva il suo fiore". ( 19 gennaio 1944).

Nuccio Palumbo





dello stesso autore




Postato il Domenica, 08 dicembre 2019 ore 08:00:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi