Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 490589387 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
novembre 2019

Concorso nazionale 'Globalizz@re il rispetto': premiato a Roma l’I.I.S. Enrico De Nicola
di m-nicotra
2363 letture

Lorenzo Corsaro secondo sindaco dei Ragazzi dell’Istituto S. Maria della Mercede di Padre Giuliano. Domani 14 novembre cerimonia di giuramento.
di a-oliva
928 letture

Libriamoci: lo scrittore Cono Cinquemani e ideatore del progetto Ambulanza Letteraria ospite al Liceo G. Lombardo Radice di Catania
di m-nicotra
899 letture

Bando selezione esperti FSE/PON - Liceo Lombardo Radice di Catania
di m-nicotra
736 letture

Le idee innovative del Majorana volano a Bruxelles
di m-nicotra
734 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Eventi
Eventi

·Job orientation and Work experience in Europe
·Tavola rotonda al III IC Rodari di Acireale
·Sabato 17 marzo Gara Regionale ''EXPONI le tue idee 2018'' per il Convitto Nazionale “Mario Cutelli” di Catania.
·Tavola rotonda su dislessia, disgrafia, discalculia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività
·"Autismo: transizioni e sinergie"


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: L’Elogio della Biodiversità

Redazione
Ho conosciuto una storia, tanto tempo fa. L’ho appresa in una città lontanissima, in un tempo indefinito, quasi alla fine del mondo. Me l’ha narrata un amico che l’aveva sentita da un altro, e poi da un altro ancora… Un Uomo soleva girare per le vie del mondo a piedi, percorreva, ogni giorno, chilometri e chilometri, senza stancarsi, senza mai lamentarsi, anzi, esultava, si rallegrava a “girovagare”, ad incontrare tante persone ed a parlare con tutti; amava, soprattutto, visitare i villaggi, i paesini di montagna, le periferie delle città, dove c’erano i “piccoli”, la “gente vera”, come diceva lui.
Si fermava un giorno, a volte due, il tempo giusto di conoscere e di farsi riconoscere, di raccontare, dialogare con tutti, parlare con i poveri, visitare gli infermi, intrattenersi con i bambini; mangiava poco, dove capitava, dove veniva invitato, poi ripartiva, per altri luoghi, altri paesi, altre genti. Di notte dormiva dove poteva, in una capanna, in un rifugio, in una grotta, non dava molta importanza al luogo. Non temeva il freddo, né i ladri. Ripeteva spesso: “Osservate gli uccelli del cielo: essi non seminano, non mietono e non raccolgono in granai; eppure il Padre li nutre”.

Si, proprio così! Faceva strani discorsi quell’Uomo, raccontava storie, aneddoti, “parabole”, così li chiamava, qualcuno sosteneva persino che faceva dei miracoli. E le persone accorrevano sempre più numerose, appena si spargeva la voce del suo arrivo in un paese, la gente correva, faceva la fila per vederlo, per udirlo, per toccarlo. Ascoltavano i suoi discorsi con attenzione, in silenzio, seguivano i suoi ragionamenti, anche se spesso nessuno riusciva a comprenderli fino in fondo.

Avveniva sempre così, la solita storia, si fermava un poco e poi all’improvviso, così com’era venuto ripartiva, senza lasciare traccia, senza dire dove andava, lasciando il ricordo delle sue parole e del suo sguardo. A dire il vero, lo seguivano sempre un gruppo di giovani, una dozzina d’uomini “da lui scelti, da lui chiamati”, che non lo lasciavano mai, dovunque andava, erano sempre appresso a lui. Erano persone comuni, gente semplice, alcuni tra loro erano fratelli, quasi tutti pescatori, c’era persino un ex esattore delle imposte. Lo chiamavano “Maestro”, e lui li chiamava “fratelli”.

Ricordo che una volta quell’Uomo, seduto su una vecchia panca di legno, posta nella piazza principale del paese, attorniato dal suo solito gruppo e da una piccola folla di paesani e di curiosi, che avendo saputo della sua presenza s’erano precipitati per ascoltarlo, raccontò una storia strana, bizzarra, che a noi risultò oscura, incomprensibile. “Un mattino, un padrone di casa uscì ad ingaggiare operai per la sua vigna. Si accordò con gli operai per un denaro al giorno e li mando nella sua vigna. Uscito verso mezzogiorno, trovò altri che stavano nella piazza inoperosi, e disse loro: “andate anche voi nella mia vigna e vi darò la giusta ricompensa”. Di nuovo uscì verso le tre, e poi verso le sei e fece lo stesso con altri operai. Uscì poi quasi all’imbrunire e vide altre persone e disse loro: “Perché state qua tutto il giorno senza fare nulla?” E loro gli risposero: “Perché non abbiamo trovato lavoro”. “Andate anche voi nella vigna”.

Alla sera il padrone disse al suo fattore: “Chiama gli operai e dà loro la paga, cominciando dall’ultimo, fino al primo”. Tutti gli operai ricevettero un denaro ciascuno. Tanto che i primi cominciarono a protestare: “Quest’ultimi hanno lavorato per un’ora sola e tu li paghi come noi che abbiamo sopportato il peso e il caldo dell’intera giornata!?”. Ma quell’Uomo gli disse: “Amico, stamattina con te abbiamo fatto un accordo! Prendi il tuo denaro e vattene! Agli altri voglio dare quanto ho dato a te! Forse non sono libero di decidere cosa fare dei miei soldi!? O forse sei invidioso per il mio comportamento!? Per me gli ultimi saranno i primi, e i primi gli ultimi!”.

Cosa voleva dire l’Uomo con quel discorso? Che significato aveva? A chi si rivolgeva?
Adesso, dopo tanti anni, ricordando quelle parole, forse ho capito cosa voleva dire il Maestro.
Il valore della libertà, della gratuità, del dono. Ogni uomo vale per ciò che è, per ciò che dà, per ciò che fa. Senza badare alla quantità, senza pensare alla misura, senza guardare la somma. Ogni uomo dà quel che può, poi ci sarà qualcuno che saprà valutare il “lavoro” svolto; qualcuno che “giudicherà” con saggezza, senza guardare il conto. Il dono non accetta nessuna regola, ha un valore “in sé e per sé”, senza condizionamenti, senza vincoli. Anzi di più: il dono è l’unico maniera per “regolare i conti”, il miglior modo possibile per costruire un nuovo mondo.

E poi il valore del tempo e del lavoro. Non è importante il tempo impiegato, l’apporto dato, come si è dato, e quanto si è dato. L’importante è che si dà, che si è, che si fa. Importante è dare. Con impegno, con sacrificio, con passione, con il cuore. Dare sempre. Ogni uomo è diverso dall’altro. Ognuno ha proprie qualità, dei  “talenti” unici e irripetibili. Ma tutti ugualmente importanti. Dal primo all’ultimo, dal più piccolo al più grande. Non siamo noi a “sceglierci” i talenti giusti, tutto ci viene donato, con gratuità e generosità. A noi compete solo di “mettere a frutto” i talenti ricevuti, dare “corpo” alle nostre capacità, valorizzarle, darle un senso, indipendentemente dal risultato e dalla produzione. Tutto sarà “valutato” in egual misura, equamente, secondo giustizia.

E’ il valore grande della diversità di ogni uomo, la bellezza di essere diversi, la grandezza della biodiversità. E’ la metafora della vita. A nessuno è dato sapere il tempo concesso sulla terra, non lo conosciamo, non dipende da noi; ma ognuno, per il proprio tempo, deve compiere fino in fondo il proprio dovere, ciascuno deve fare la “sua parte”, questo dipende da noi. Non importano gli anni, importa la vita, importa il “lavoro svolto”. Da questo saremo “giudicati”.
Questo è il messaggio del Maestro. Il significato del suo discorso.

Poi smise di parlare, e senza aggiungere nient’altro, salutò con lo sguardo la moltitudine di gente che s’era radunata attorno a lui, si alzò e andò via. I suoi “apostoli” lo seguirono. Un uomo, in mezzo alla folla, lo chiamò a gran voce: “Maestro, rimani ancora un po’ con noi”. Lui si voltò, sorrise, e poi scomparve.

Angelo Battiato








Postato il Venerdì, 19 aprile 2019 ore 09:00:00 CEST di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.26 Secondi