Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 479817726 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2019

Maggio dei libri per il liceo G. Lombardo Radice tra le molteplici manifestazioni della città Metrolitana di Catania
di m-nicotra
738 letture

Al Comune di Catania l’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” celebra la 'giornata della Memoria tra ieri e oggi' – Never Again
di m-nicotra
622 letture

Chi ha sospeso la docente di Palermo deve dimettersi
di m-nicotra
603 letture

Necessità di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolarità dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
di m-nicotra
572 letture

Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identità e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
di m-nicotra
561 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ministero Istruzione e Università
Ministero Istruzione e Università

·InnovAgorà, al via dal 6 all’8 maggio la piazza dei brevetti della ricerca italiana
·#FuturaLeonardo, dal 2 al 4 maggio a Roma le scuole celebrano Leonardo da Vinci a cinquecento anni dalla morte
·Olimpiadi di Problem Solving, premiati ‘i cervelloni’ d’Italia. Quasi 25.000 gli studenti in competizione
·On line i dati sugli esiti degli Esami di stato nella Scuola secondaria di II grado per l’anno 2017/2018
·Bussetti incontra organizzazioni sindacali. Annunciati nuovi concorsi per la scuola


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Dalle cudduredde ai panareddi: quando la cucina si fa arte

Redazione
Per rendere solenni eventi festivi e cerimoniali, il pasto condiviso con la famiglia, con gli amici e con il vicinato, ha da sempre rappresentato un evento irrinunciabile tanto che lo storico Fernand Braudel affermava che mangiare e bere non erano soltanto necessità, o al caso lussi sociali, ma veri e propri giuochi comunitari, rapporti fra l’uomo e la società, fra l’uomo e il mondo materiale, fra l’uomo e l’universo soprannaturale. Natale e Pasqua nella società contadina tipica del nostro territorio sono da sempre due appuntamenti che segnano la scansione temporale dell’esistenza materiale e spirituale della popolazione e il cibo preparato e consumato collettivamente, con la sua ritualità e la frugale ostentazione, contribuiva ad attenuare l’insicurezza e la precarietà del vivere quotidiano.

L’IPSSEOA dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Cucuzza Euclide” di Caltagirone, si è fatto carico di tramandare le tradizioni locali delle “cudduredde” e dei ”panareddi” tenendo due laboratori sulla preparazione di questi dolci tipici calatini. I laboratori rientrano in un ciclo di seminari dal titolo “Storia, origini e tradizioni culinarie”, e in sintonia e supporto della Società Filosofica Italiana sezione Iblea, l’Istituto alberghiero ha proposto per quest’anno scolastico 2018/2019 il recupero e la condivisione delle tradizioni locali permettendo di cogliere per pochi istanti ‘un tempo che non è perduto ma soltanto passato’.

Gli incontri sono stati supervisionati dal Sig. Lillo La Rovere e il Sig. Gaetano Cannilla, dalla Sig.ra Alda Maltese e la Sig.ra Maria Di Gregorio che hanno spiegato ai docenti del settore enogastronomico sia la preparazione che l’esecuzione dei dolci, ricordando i momenti familiari più significativi. Lo scopo è stato quello di indirizzare i docenti alla corretta non solo preparazione del dolce, ma anche delle procedure legate a essa (costruzione della figura, pizzichi, tagli della pasta), al fine di impartire la tecnica agli studenti delle classi che successivamente sono state coinvolte.

Caltagirone, ‘La città dei cento Presepi’, esprime a Natale la sua tradizione culturale, devozionale e artistica e preannuncia tutto il suo fascino fatto di aromi, legna, arancio secco e cannella, che si concentrano per le vie dei carruggi, teatro di racconti famigliari antichi e di tradizioni che si tramandano di casa in casa. Ci si lascia sedurre da antichi sapori culinari come le cudduredde esteticamente sublimi e preziose. La fragranza del miele unita alle mandorle e al vino cotto ha una forza incredibile, spalancando la porta a ricordi, sensazioni, personaggi e luoghi che se ne stavano quietamente acquattati. La ricetta è simile per tutti, ma ogni famiglia aveva e ha il suo tocco segreto, aggiungendo agli impasti interni, di mandorle o vino cotto, cannella, scorze di limone o arancia, vaniglia. La preparazione è lunga e richiedeva, tempo fa, l’intervento di tutte le donne della famiglia, compresi i bambini, era un appuntamento a cui non rinunciare, e stringendosi attorno al tavolo distinto nelle sue fasi di lavorazione e attorno al forno a legna si attendeva la cottura, possibilmente chiara, dei dolci. Ogni anno le cudduredde erano migliori dell’anno precedente! E in un certo senso è ancora così: le poche e costanti madri e nonne di famiglia si riuniscono in casa per diversi pomeriggi dedite alla preparazione, e particolare attenzione viene data ai ‘pizzichi’, perché è da questo merletto ricavato da una mollettina in rame che preme sulla pasta esterna, a far evincere la cura e la precisione della cudduredda sfornata da una famiglia piuttosto che da un’altra.

La competizione alimentare continuava con l’approssimarsi della Pasqua. Durante la Quaresima, si era soliti osservare lunghi periodi di digiuno e di moderazione alimentare, dalle tavole si escludeva carne, uova e formaggi, ma con l’avvicinarsi della Settimana Santa le privazioni terminavano e si cominciava a utilizzare le uova per la preparazione dei dolci pasquali. Le uova sono il simbolo della Pasqua, la nascita e la rinascita, simbolo della Resurrezione di Gesù e come tali vengono utilizzate nel panareddu, un dolce povero come una delle tante varianti del pane. Così come accade per le collorelle, anche per i panareddi si scatenava una sana competizione fra le famiglie. Ognuno custodiva la propria proporzione degli ingredienti dell’impasto e di sicuro quello fatto dalla propria famiglia era sempre quello più buono, quello più raffinato con maggiore uvetta, che rappresentava la cifra della bontà dell’elaborazione artistica. Ogni famiglia di base preparava la forma a “panareddu” (cestino) per augurare abbondanza, ma non mancavano quelli a forma di "campanaru" (campanile) per risuonare le campane al Cristo risorto, a forma di "gadduzzu" (galletto o colomba) per i ragazzi, di "pupa" (bambola) per le bambine e a “cuore” per i propri amati.
 
Al di la di queste considerazioni, lo scopo dei laboratori è stato quello di rivivere queste dimensioni perdute: la base fondamentale è che la cudduredda ed il panareddu richiamano alla condivisione su cui si fonda il rito e la festa, richiama all’identità comune di un popolo di cui si celebra la memoria.

I laboratori hanno voluto trasmettere quest’appartenenza alla storia, questa condivisione di ricordi e immagini passate, sintonia di profumi familiari ed emozioni ritrovate.

Stefania Sinardo e Sebastiano Russo







articoli correlati




Postato il Giovedì, 18 aprile 2019 ore 09:00:00 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.25 Secondi