Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 470007045 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2018

Ministro Bussetti, i problemi della scuola sono ben altri!
di m-nicotra
2395 letture

Van Gogh. Un grande fuoco nel cuore al 'De Nicola' di San Giovanni La Punta
di m-nicotra
1259 letture

L’Istituto 'De Nicola' di San Giovanni La Punta si inserisce nel circuito nazionale della moda
di m-nicotra
932 letture

Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne: la funzione educativa della scuola
di m-nicotra
716 letture

Decreto semplificazione: l'aumento dei posti deve partire dalla preselettiva per non aumentare le già troppe iniquità
di m-nicotra
656 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Patrizia Bellia
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Didattica: Come comprendere la Prima Guerra Mondiale?

Redazione
Abbiamo celebrato in questi giorni, in tutte le piazze d'Italia, con la fanfara al seguito, o più semplicemente con gli stendardi comunali e i sindaci compiaciuti con la fascia tricolore, e con la festosa partecipazione dei ragazzi delle nostre scuole, il Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. Ed abbiamo assistito pure ai "sermoni" di autorità civili e militari che c'hanno ricordato la "stupidità e l'inutilità della guerra" (ma già nel 1914 papa Benedetto XV lo disse ai capi delle potenze belligeranti, allorché si apprestavano a mandare i loro eserciti al fronte). Veramente la Grande Guerra è stata un'immane e inutile tragedia con oltre 16 milioni di morti, tra militari e civili, senza contare oltre 20 milioni, tra feriti e mutilati; tra i più terribili conflitti della storia dell'umanità, peraltro senza aver risolto nulla (le guerra non risolvono mai nulla!), e avviando l'inizio del "suicidio" del continente europeo. Praticamente un carnaio, una vera macelleria umana!

Un'immensa catastrofe, costellata da errori e orrori, dall'inizio alla fine, dall'assassinio dell'arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono d'Austria-Ungheria, alle "radiose giornate di maggio" di dannunziana memoria; dal massacro di Verdun, 351.000 tra morti e feriti francesi, 281.000 tra morti e feriti tedeschi, alla disfatta di Caporetto; dall'armistizio di Compiégne a Vittorio Veneto, fino alla "vittoria mutilata" e alla "pugnalata alle spalle" che scateneranno ben altri odi e altre sventure! Perché è chiaro, come ormai sostengono molti storici, che la Grande Guerra è stata solo la "prima parte" del più ampio conflitto europeo che sarà ripreso nel 1939, con la Seconda Guerra Mondiale, e che porterà al definitivo suicidio politico-sociale-economico-militare dell'Europa.

E grande è stata la responsabilità delle élite dei paesi vincitori con la Conferenza di Pace di Parigi e il Trattato di Versailles, che invece di appianare e risolvere i contrasti, alimentarono nuove tensioni, maggiore instabilità, ma soprattutto, odio, rancore e desiderio di rivincita, tra le nazioni "sconfitte", che scateneranno l'inferno della Seconda Guerra Mondiale. Ma come capire le sofferenze e i patimenti di quei ragazzi mandati al macello a soli vent'anni!? Come immaginare le notti dei ragazzi del '99, e delle loro famiglie!? Credo che per noi risulta veramente difficile comprendere quei cinque anni di guerra, vissuti da milioni di giovani europei, rinchiusi in un groviglio di trincee, tra freddo, paura e orrore della morte, con il nemico a un tiro di schioppo e il plotone d'esecuzione sempre in agguato, per insubordinazione o diserzione. Risulta complicato capire fino in fondo le infinite ore d'attesa e di terrore, di difesa e d'assalto, tra la gavetta e la baionetta.

Bisogna scendere nei "meandri" del pensiero, della cultura, dei convincimenti, dei valori condivisi della generazione dei nostri nonni per capire ciò che per noi è incomprensibile, inimmaginabile, quasi inaccettabile: morire a soli vent'anni per la patria. La storia non è solamente un elenco indefinito di date e di cifre, non è solamente "cronaca", come affermava Benedetto Croce. Per capire la Prima Guerra Mondiale credo che bisogna studiare la psicologia, la sociologia, la cultura del primo Novecento. Nella società d'allora predominante era l'idea di Patria, di Nazione, l'amore e l'attaccamento allo Stato. E di conseguenza la difesa dei sacri confini della Nazione, la condivisione dei valori comuni, il dovere di servire la patria, "fino alle estreme conseguenze". Inoltre, erano radicati i valori del dovere, delle regole, del servizio, dell'obbedienza, dell'onore, della fatica, della sopportazione, del rispetto assoluto per le gerarchie e per la legge. Queste le idee, i convincimenti e i condizionamenti portanti di quella generazione.

E con questo bagaglio culturale i giovani d'allora partirono al fronte, pronti a combattere e a morire per la Patria. Quindi, se vogliamo pienamente comprendere la Prima Guerra Mondiale, oltre ai dati e alle date, occorre un approccio multidisciplinare, come ci insegnano gli storici dell'École des Annales. E credo che faremmo ancora fatica a capire, noi che abbiamo smarrito il senso del sacrificio, noi che abbiamo messo sotto chiave le regole e il senso del dovere, noi che abbiamo messo in bella mostra al museo delle cere le parole Patria e Nazione. Ma loro c'hanno creduto! E sono morti da eroi! Spero che un giorno ci crederemo anche noi!

Angelo Battiato





articoli correlati




Postato il Domenica, 18 novembre 2018 ore 10:00:00 CET di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.95 Secondi