Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 454266888 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2018

Fashion Day all’Istituto De Nicola di San Giovanni La Punta
di m-nicotra
962 letture

Attori senza diversità
di m-nicotra
690 letture

La Cattiva scuola è ritornata buona?
di m-nicotra
647 letture

Chi si innamora troppo di sé stesso, non avrà contendenti
di s-indelicato
619 letture

Usate la testa!. Una lezione di Educazione Stradale al Polivalente di San Giovanni La Punta
di a-battiato
616 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Normativa Utile
Normativa Utile

·Detrazione lavoro dipendente € 80,00
·Scheda FLC CGIL cessazioni dal servizio del personale della scuola 2014
·Modello di diffida per il rimborso del 2,50% per indebita trattenuta sul TFR (trattamento di fine rapporto)
·Documenti necessari per ottenere la disoccupazione
·Bocciata dalla Corte Costituzionale l'assunzione diretta dei docenti


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Percorsi didattici: Valguarnera Caropepe dalla preistoria ai giorni nostri

Redazione
L'area su cui attualmente l'abitato di Valguarnera sorge si deve alla costante frequentazione preistorica del suo territorio, si sa di certo che circa settemila anni fa, durante la cultura neolitica le diverse grotte furono abitate dall'Uomo, come dimostarto dai rinvenimenti di frammenti ceramici del periodo di stentinello, fino ai siculi. In età storica il sito fu frequentato dai Greci che cinsero l'abitato con mura ( questo sistema difensivo è ancora oggi ben visibile) in quanto fortezza della vicina città di Rossomanno, dai Romani come sede di diverse mansiones e ville testimonionate da rinvenimenti di frammenti ceramici. Numerose anche le testimonianze dei periodi successivi Binzantino e Medievale.

È difficile stabilire l'epoca della fondazione di Valguarnera. Quel che è certo e che alcuni storici locali sono concordi nel far risalire le sue origini alla venuta dei siculi in Sicilia nell'anno 1450 a.C e che fosse chiamata Caripa (questo toponimo si riscontra per la prima volta in un itinerario stradale dell'Anonimo Ravennate del VII sec. a.C. Intitolato cosmografia desunto da archetipi più antichi) e poi nel corso dei secoli volgarizzato in Caropipi (quest'ultimo toponimo si ritrova in Bartolomeo Muscia nel 1296). Questo casale si formò sulla strada Siracusa Termini Il Casale di Caropepe nell'XIII secolo, esisteva come caropepe soprano che si distingueva da caropepe sottano, due piccole borgate entrambe fortificate, fino al 1626 quando Francesco Valguarnera del Caretto assunse il titolo di Principe di Valguarnera. Così nel 1627 la terra di Caropipi col nome di Valguarnera comincia ad avere vita propria , ma sempre come città baronale.

Aspetto monumentale
L'aspetto munimentale del paese è dato principalmente da alcuni palazzi e dalle numerose chiese, ognuna delle quali custodisce opere d'arte.

I musei
Nel panorama della valorizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale l'attenzione riposta da alcuni giovani valguarneresi membri dell'Associazione Valguarneresi nel Mondo e del Club per l'UNESCO di Enna ha un significato particolarmente importante perchè avviene in un momento di attenzione e riconoscimento della rilevanza del patrimonio etnoantropologico di Valguarnera Caropepe, testimoniato dalla creazione di due realtà museali, il Museo Etno antropologico e dell'Emigrazione Valguarnerese e dalla Casa Museo Caripa, come strumenti di conoscenza, memoria e diffusione di usi e costumi tradizionali ma anche come opportunità per lo sviluppo di un turismo sostenibile. Questi musei rappresentano i "contenitori" più autentici della storia di Valguarnera, in essi si trovano gli oggetti della storia e dell'identità dei valguarneresi, caratterizzate dal duro lavoro nei campi e nelle miniere, dalla fatica domenstisca quotidiana, dai viaggi della speranza.

Il Museo Etno Antropologico e dell'Emigrazione
Il 24 agosto 2010 è stata formalizzata un intesa tra il Comune di Valguarnera e l'Associazione Valguarneresi nel Mondo, che ha dato vita presso il novecentesco Palazzo Prato, ad un museo Etno Antropologico e dell'Emigrazione Valguarnerese.
Con il museo si recuperano e si conservano gli oggetti che hanno fatto parte della comune storia e della vita quotidiana di intere generazioni di Valguarneresi costrette in passato (e non solo), come la maggior parte delle comunità siciliane, ad una vita difficile e piena di fatiche, ma certamente e per questa dignitosa, non può essere dimenticata. Gli attrezzi e gli oggetti del lavoro nei campi, nelle miniere, nella vita domestica, l'emigrazione, per tutto quello che rappresentano dal punto di vista culturale, di appartenenza all'uomo, vanno nel loro vero significato mantenuti e trasmessi non come oggetti, ma come valori.Per questo l'Associazione Valguarneresi nel Mondo si pone l'obbiettivo di tramandare questi valori alle generazioni future, perchè un popolo, una comunità, che non conosce o, peggio, perde le proprie radici, perde inesorabilmente la propria identità.

La Casa Museo Caripa
La Casa Museo Caripa è ospitata nel centro storico del paese di Valguarnera Caropepe, in un edificio risalente al Medioevo ( una delle torri di controllo posta a difesa della Porta di Piazza) nei pressi della Chiesa del Purgatorio. La Casa illustra la storia personale, locale e i cambiamenti sociali, usanbdo un linguaggio che è comprensibile a tutti, il linguaggio della vita, attraverso un percorso espositivo in cui i vari oggetti diventano soggetti di communicazione viva ed attiva, così come lo sono stati un tempo. All’interno della Casa Museo Caripa sembra che il tempo si sia fermato. I vari ambienti si trovano disposti su tre livelli e il percorso ha inizio dai catoji del piano terra, per poi proseguire nel piano superiore dove trovano posto il salone e la stanza da letto. Al livello superiore si potranno ammirare in tutto il loro splendore la cucina a legna, completa di forno e di una piccola dispensa, la sala da pranzo con l’immancabile credenza ed il frigorifero ricavato nella parete, ancora oggi funzionante. Ogni ambiente è curato nei minimi particolari con gli utensili, i componenti di arredo e gli strumenti in uso decenni fa, che conservano ancora intatto tutto il loro fascino. E’ una casa Museo che espone la storia locale, i costumi e le tradizioni di un tempo.

Alla scoperta del territorio
L'Associazione Valguarneresi nel Mondo offre al visitatore anche la possibilità di visitare luoghi incantevoli e ricchi di storia dai quali Valguarnera è circondata.
Il Castello di Pietratagliata dei Gresti, edificato su uno sperone roccioso che in epoca preistorica costituiva una diga silicea naturale.
Le Miniere di zolfo di Floristella e Grottacalda, due siti che testimoniano la vita faticosa dei minatori, quanto di più triste e di più pericoloso vi sia tra i lavori dell'uomo.
L'antica città di Rossomanno, che sorge su un monte dagli orizzonti spaziosi, dall'aria purissima ma ancora oggi pieno di antiche memorie che risalgono periodo siculo ellenico. Del periodo medievale sono ancora oggi visibili i ruderi del Castello degli Uberti e un romitorio con la sua chiesa.
• I siti rupestri.

redazione@aetnanet.org








Postato il Domenica, 04 marzo 2018 ore 19:00:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.40 Secondi