Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 450662295 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2018

Omaggio alla Francia e alla lingua Francese all’Istituto De Nicola
di m-nicotra
1753 letture

Progetto artistico-culturale itinerante 'Bellini tra i giovani' all'Istituto Comprensivo P. A. Coppola (Plesso De Sanctis) di Catania
di m-nicotra
1644 letture

Conferenza stampa di presentazione del maggio in bicicletta con Fiab: Pedalando sotto la lava, 5-6 maggio 2018 e Sieli in ... mountain bike e ad pedibus, 19 maggio 2018
di m-nicotra
958 letture

Italia-Tunisia e ritorno: l’italiano 'ritrovato' di Marinette Pendola
di m-nicotra
770 letture

Il calendario scolastico della Regione Sicilia, secondo l’assessore Lagalla
di m-nicotra
637 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Sergio Garofalo
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·Determinazione organico posti comuni personale Docente a.s. 2017/2018
·Convocazione per incarichi a T.D. - Disponibilità
·Profilo di Collaboratore scolastico - A.S. 2017/2018 - Disponibilità per incarichi a T.D.
·Convocazione per incarichi a T.D. - Disponibilità
·Permessi per il diritto allo studio anno solare 2018. Atto unilaterale del Direttore Generale dell’USR per la Sicilia.


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Contratto: In arrivo nel prossimo contratto un codice etico per i professori? Lo stato di polizia dentro la scuola è servito!

Sindacati
Via i docenti contrastivi e polemici.
La scuola sta pericolosamente cambiando, non la riconosco più, sempre più lontana da quel luogo dove si dovrebbe respirare cultura, dove si aiutano gli studenti ad acquisire il sapere critico, dove si respira libertà e democrazia. La fiducia è un sentimento di sicurezza che deriva dal confidare in qualcuno o in qualcosa. E’ una convinzione personale di correttezza e verità e non può essere forzata. Se si ottiene la fiducia di qualcuno si è stabilita una relazione interpersonale sulla comunicazione e sulla condivisione di valori ed esperienze. La fiducia dipende sempre dalla reciprocità. Il rapporto che si crea tra studente ed insegnante è fondamentale e si basa sulla fiducia, sulla correttezza, sulla verità. Il comportamento del docente diventa spesso un modello educativo da seguire per gli studenti.

Vietare l’utilizzo di Facebook a scuola e il dialogo sul Web tra genitori alunni e prof è assolutamente sbagliato.
La formazione, la conoscenza, il sapere, l’interesse, la curiosità per le materie deve essere condivisa il più possibile. Smettiamola con l’inquisizione e la caccia alle streghe e stregoni (i prof...) del terzo millennio.

Io come tanti colleghi continueremo a pubblicare le lezioni sul Web e condividerli sui social networks. I genitori e gli alunni sono liberi di contattarci sul Web.
Inizialmente ero contrario e l’ho scritto spesso ma il problema non sono i mezzi di comunicazione ma il cattivo utilizzo e in quale contesto e momento si fa.
Il progresso non si può fermare. Oggi i giovani fanno più cose contemporaneamente e la sollecitazione mentale è continua. Hanno un sistema di acquisizione diverso, più elastico del nostro.

La nostra generazione (ho 55 anni ) ha la capacità di distribuzione dell'attenzione carente. Noi non siamo "nativi digitali" anche se utilizziamo le tecnologie per diverse ore al giorno e facciamo fatica a fare più cose contemporaneamente.
Alcuni dicono che le donne hanno una predisposizione innata, dalla notte dei tempi, a fare più cose contemporaneamente perchè basano l'attenzione sul concetto "emozionale" degli eventi. Oggi le donne sono sempre più costrette a destreggiarsi tra lavoro e famiglia, sanno fare più cose insieme, gli uomini no.

Sfatiamo anche questa leggenda: Non è vero, come dimostra un recente studio svedese che le donne sono più multi-tasking gli uomini. Guidare e parlare al telefono (vietato), dare il biberon e controllare l'agenda: a casa o in ufficio, prima ancora che nei centri di ricerca, la guerra dei sessi sulla capacità di svolgere contemporaneamente più attività va avanti ormai quasi da quando Giulio Cesare dettava, si dice, tre testi contemporaneamente.

Il mutitasking riferito agli esseri umani vuol dire “multi-attività” o “multi-compito”. Quindi il “multitasker” è colui che fa multitasking.

Cercare di fare multi-attività può essere fastidioso quando siamo alle prese con compiti complessi, ma l'abitudine ad altri tipi di multitasking può essere piacevole, o addirittura assai gratificante. La ragione di questa irresistibile tendenza alla distrazione, ancora una volta, è legata alla struttura del nostro cervello.
Nella nostra evoluzione di esseri umani, comunicare e ottenere informazioni sull'ambiente che ci circonda, cioè sul mondo, è stato fondamentale per la nostra sopravvivenza.

La strategia che la natura ha usato per spingerci a svolgere queste attività è stata quella di “programmare” geneticamente il nostro cervello in modo tale che esso ci fornisca gratificazione (attraverso il rilascio di alcuni neurotrasmettitori, come la dopamina) quando comunichiamo o assimiliamo informazioni sugli altri e sul mondo. Per questo motivo ci piace ricevere un messaggio o individuare una notizia interessante (e non solo attraverso il pc), in quanto sono attività riconducibili a propensioni umane ben radicate nella nostra evoluzione e nel momento in cui il multitasking avviene coinvolgendo attività di questo tipo può risultare perfino piacevole.

Mentre scriviamo un articolo, studiamo, facciamo i compiti, che è un'attività faticosa per il nostro cervello, siamo spinti ad a prenderci delle pause gratificanti, dato che lo strumento attraverso cui stiamo lavorando, cioè il pc o il tablet, in pochi istanti può trasformarsi in modo camaleontico da attrezzo di lavoro a passatempo appagante. Bastano pochi clic. (Pasquinelli 2012).

Il multitasking viene svolto con successo soprattutto da chi è cresciuto immerso nell'ambiente digitale, per esempio i bambini di oggi, che per questo sono chiamati “nativi digitali”.
L'idea di usare un'aula, un laboratorio come unico spazio per la didattica è ormai superato.

Il luogo deve essere secondario rispetto alla lezione, la corretta comunicazione, la vera informazione, sono questi gli elementi prioritari di “fare didattica”.

Non ci devono essere limiti nei modi e nei processi formativi-educativi.
Durante le mie lezioni frontali vieto l’utilizzo del cellulare ma solo nel momento della spiegazione, per il resto gli studenti utilizzano l’iPad con i libri digitali e producono app (software) non solo con il classico pc e tastiera ma tramite tablet e smartphone.

Permetto agli studenti di registrare e riprendere le mie lezioni. I tempi e i modi di studio sono cambiati, continuo a ribadirlo. Ovviamente molti colleghi non sono d'accordo. A me non interessa, non ho nulla da nascondere anzi sono contento se i miei studenti acquisiscono la conoscenza con questi nuovi sistemi.

Lo studio deve essere un piacere, non un obbligo!
Invece la scuola sta diventando sempre di più un luogo dove si determinano scenari quasi inquetanti, uno stato di polizia che deve controllare cosa fa un insegnante e soprattutto che rapporti ha instaurato con i genitori e gli studenti.

Marco Rusconi, presidente dell'Ass. nazionali presidi del Lazio (come scrive la giornalista Flavia Amabile della Stampa) chiede l’introduzione di «un codice deontologico» a livello nazionale che delinei «i parametri organizzativi della governance» e «le direttrici etico-professionali» che si intende seguire nella scuola unite all’adozione di un «trasparente sistema di valutazione del contesto scolastico».

La ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli ha avvertito che «chi viene giudicato colpevole, dopo il procedimento disciplinare, sarà comunque licenziato». Una norma in questo senso potrebbe essere inserita nel nuovo contratto per la scuola.
Ovviamente non tutti i dirigenti scolastici sono d'accordo con questo sistema e mi auguro che facciano sentire la propria voce al Miur. Questo modo di limitare la libertà di comunicazione è tremendamente reazionario e fascista!

Pensate il mostro normativo che produrrà il prossimo contratto. Mi auguro che non venga firmato dai sindacati.
La performance, le punizioni, i controlli saranno elementi fondamentali mentre ci inviano a fare i corsi per diventare animatori digitali.

Come dire... cari docenti impegnatevi a diventare al più presto esperti di nuove tecnologie ma attenzione usatele solo a scuola, se gli studenti vi contattano di pomeriggio tramite il social network non rispondete, potreste essere licenziati oltre a diventare ciechi e sordi...

Paolo Latella
Insegnante e giornalista
Unicobas Scuola & Università

prof. Paolo Latella
Docente di ruolo c/o l'ITE A. Bassi di Lodi
Iscritto:
Albo dei Periti e degli Esperti della CCIAA di Lodi
Albo dei Consulenti Tecnici del Giudice del Tribunale di Lodi (Italia) in sistemi informatici per la gestione aziendale.
Ordine Nazionale dei Giornalisti di Roma - elenco pubblicisti della Lombardia
Ass. Nazionale Carabinieri

Attualmente è membro dell'Esecutivo Nazionale del Sindacato Unicobas Scuola e segretario della Lombardia

Cell: 3386389450
sito dello studio: http://www.studiosip.eu
blog didattico: http://www.profpaololatella.it
blog sindacato Unicobas: http://www.unicobaslombardia.it

Chi è Paolo Latella: http://unicobaslodi.blogspot.it/p/chi-e-paolo-latella.html





articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Lunedì, 05 febbraio 2018 ore 09:00:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.58 Secondi