Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 383428559 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2017

Scuola secondaria di II grado a.s. 2017/18 - Movimenti
di a-vetro
3019 letture

Secondaria di II Grado a.s. 2017/18 Pubblicazione Organico e disponibilità prima dei movimenti
di a-vetro
2659 letture

Scuola secondaria di I grado a.s. 2017/18 - Movimenti
di a-vetro
2514 letture

Il governo regala 500 milioni di euro alle scuole private
di m-nicotra
2387 letture

Attribuzione degli incarichi dei Dirigenti scolastici con decorrenza 1/9/2017: conferme, mutamenti e mobilità interregionale
di a-vetro
2321 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Andrea Oliva
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Sergio Garofalo
· Marco Pappalardo
· Alfio Petrone
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Uffici scolastici contro MIUR: lo strano caso dei depennamenti dalla II fascia
·Problematiche del personale docente IRC: richiesto incontro urgente alla Ministra
·Proposte concrete per l’immissione in ruolo dei Direttori sga
·Gli Assistenti Tecnici negli Istituti Comprensivi - una proposta fondamentale e indispensabile
· Segreterie scolastiche al collasso, i Dsga scrivono alla Ministra: non ce la facciamo più. Anief chiede compensi aggiuntivi


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Charlie tra la vita e la morte

Redazione
Con una decisione del 27 giugno 2017, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha dato torto ad una coppia britannica che si batte perché il proprio figlio di 10 mesi, affetto da rara patologìa genetica degenerativa che non lascia, umanamente, scampo, non venga "scollegato" dalle apparecchiature che lo tengono in vita e possa beneficiare di un trattamento sperimentale di "ultima possibilità" negli Stati Uniti o all'ospedale Santo Bambino di Roma. La Corte di Strasburgo ha giudicato, a maggioranza, che le giurisdizioni britanniche potessero legittimamente ritenere, visti i rapporti di esperti in medicina, che non sarebbe nell'interesse del bambino continuare a vivere con la respirazione artificiale, né ricevere un nuovo trattamento sperimentale. Secondo i giudici britannici, tali cure non gli procurerebbero alcun beneficio e il bambino soffrirebbe considerevolmente.

Di conseguenza, l'ospedale britannico in cui Charlie è ricoverato ha il potere di trattenerlo contro la volontà dei genitori e di interrompere la respirazione artificiale, fino alla sua morte naturale.
Per l'ospedale e i giudici britannici, il suo interesse consiste nel morire per non soffrire; per i genitori, invece, nel tentare di tutto per vivere. Su questo punto, i giudici di Strasburgo ritengono "evidente" che l'interesse dei genitori si oppone a quello del loro bambino.

Le autorità britanniche hanno designato un tutore per rappresentare il bambino. In maniera surreale, la Corte ha immaginato che il piccolo abbia una propria «volontà», quella di morire, e che essa è espressa dal tutore. La Corte nota, infatti, con soddisfazione che «visto che (Charlie) non poteva esprimere le sue volontà, le giurisdizioni interne hanno vegliato a che queste volontà fossero espresse tramite il suo tutore, un professionista indipendente espressamente nominato allo scopo dalle giurisdizioni interne»
Trattandosi del diritto al rispetto della vita, la Corte si è nascosta ancora una volta dietro la constatazione dell'assenza in Europa del consenso in materia di fine vita o di eutanasia, per accordare al Regno Unito un largo margine di apprezzamento sulla protezione della vita delle persone malate, come nel caso: Lambert contro Francia del 5 maggio 2015.
Così, i genitori del piccolo Charlie, che l'accompagnano coraggiosamente in questa prova, hanno avuto la tristezza di vedere la Corte confermare che, in sostanza, sarebbero dei cattivi genitori e quindi devono decidersi a lasciar morire il loro figlio... nel suo stesso interesse.

Più generalmente la Corte sottolinea che questa questione è «eccezionale», e tuttavia essa pone un precedente che è grave, poiché accetta il principio che la morte di un bambino possa essere decisa, contro la volontà dei genitori, in ragione del suo stato di salute.

Questo principio potrebbe condurre all'accettazione dell'eutanasia dei neonati, già praticata e tollerata in certi paesi europei. Basterà applicarlo per altri bambini portatori di handicap gravi ma non mortali, che, come nel caso di Vincente Lambert, potranno essere abbandonati alla morte per disidratazione e sedazione.
Riflettendo sul caso del piccolo Charlie Gard - di cui sono piene le odierne cronache , anche mediante lettere, appelli, preghiere - si constata come la scienza umana, secondo i Minosse della Corte Europea dei Diritti Umani, non ha al momento conoscenze e strumenti idonei ad assicurare un'esistenza dignitosa al piccino che, pertanto, deve morire, violando il suo diritto personale a vivere, quello genitoriale e, soprattutto, ignorando con supponenza il comandamento di Dio, padrone della vita e della morte: "Non uccidere" .
La problematica è di grande valenza sociale e morale che interpella la coscienza anche di giudici cattolici e laici. E' compito dello Stato garantire e sostenere la ricerca, perché possa raggiungere migliori traguardi per il benessere dei cittadini.

E' compito di ogni uomo e del giurista cattolico annunciare e testimoniare a questo mondo che non spera, non prega, non ama, che Dio esiste. Alla luce di questa verità la vita di Charlie è nelle mani di Dio e i medici hanno il dovere di sostenerla fino all'ultimo respiro ed i giudici hanno il dovere di "amare la giustizia".
La guarigione di Charlie apre una nuova via in difesa della vita e a favore della ricerca.

Giuseppe Adernò





dello stesso autore




Postato il Martedì, 11 luglio 2017 ore 08:54:05 CEST di Giuseppe Adernò
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.37 Secondi