Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 456719487 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2018

Sicilia terra d’accoglienza al II Circolo Didattico 'G. Mazzini' di Bronte
di m-nicotra
1415 letture

Personale Scuola Secondaria di II grado - Movimenti a.s. 2018/2019
di m-nicotra
1013 letture

Incarichi, mansioni, servizio e riconoscimento economico dei Collaboratori dei DS nell’anno scolastico 2017-2018
di m-nicotra
739 letture

Nicolosi ricorda Gioacchino Russo Morosoli patron della Funivia dell’Etna
di m-nicotra
668 letture

Programma le regole 2018, premia la 'Teresa di Calcutta' di Tremestieri Etneo
di m-nicotra
501 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Patrizia Bellia
· Sebastiano D'Achille
· Sergio Garofalo
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Attività parlamentare
Attività parlamentare

·La toppa di Giuliano sullo sciopero è peggio del buco
·Con le maestre in lotta, per cambiare le politiche sula scuola
·Diplomati magistrali, una sentenza gravissima, adesso mobilitazione
·il governo inventa l’alternanza scuola/guerra
·Manovra. Scuola: rimuovere l’anomalia dei docenti ingabbiati


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Dirigenti Scolastici: La rabbia dei presidi e le tre risposte sindacali: assedio, assemblee e sciopero

Sindacati
L’assedio dei presidi dell’ANP programmato per il 25 maggio alla sede del MIUR e al Parlamento procede con la sua macchina organizzativa per portare a Roma con ogni mezzo quanti più dirigenti possibile, con l’obiettivo non dichiarato di stoppare la quatriade di Carlini che con il suo 52% di deleghe potrebbe firmare il rinnovo contrattuale in qualsiasi momento. Si attende solo l’emanazione formale dell’atto di indirizzo dell’Aran che dovrebbe tramutare lo stanziamento del DEF già approvato dal Parlamento in istruzioni operative all’agenzia per i rinnovi contrattuali. Carlini e la sua quatriade non potranno in ogni caso portare a casa la perequazione stipendiale perché con 85 euro mensili in media non si copre neanche la perdita dovuta all’inflazione; figuriamoci quindi la delusione che ne subirebbe la categoria ancora una volta. La quatriade, cgil cisl uil snals, non ha aderito alla protesta dell’Anp e ha invece organizzato una raffica di 20 assemblee regionali per la stessa giornata, sovrapposte quindi all’assedio dei DS arrabbiati dell’Anp del 25 maggio.

Il dirigente scolastico dovrà optare per andare a Roma o andare nel capuologo  della propria regione; ma avrà anche una terza opzione e cioè optare per lo sciopero dell’intera giornata indetto dall’UDIR.
L’UDIR è una nuova organizzazione, nata appena tre mesi fa (codice tesoro 800/SJT), che si presenta al prossimo conteggio Aran della rilevazione delle deleghe previsto per il 31 dicembre 2017, in vista del quale ha già raccolto in questi mesi quel minimo del 5% di deleghe per essere certificato rappresentativo, e che ha lanciato a tappeto una serie di assemblee sindacali in tutta Italia, segue invece una terza via, quella dei ricorsi giudiziari, ritenendo inutile se non controproducente mobilitare la categoria in manifestazioni di strada e di piazza non congrue con la status dirigenziale dei presidi.

L’ufficio studi del sindacato UDIR ha calcolato che solo nel 2015 sono stati persi altri circa 4.600 euro a capo d’istituto: la Ministra dell’Istruzione conosce tutto questo, perché nell’ultima decade di aprile Udir le ha inviato una lettera aperta sul tema della perequazione economica dei dirigenti scolastici, attraverso cui il sindacato le ha esternato tutto “il profondo malessere per l’inarrestabile diminuzione dei livelli stipendiali nonostante il corrispettivo incremento dei carichi di lavoro e di responsabilità”.

A Fedeli è stato anche chiesto se fosse al corrente che “gli stipendi netti dei dirigenti, al 31 agosto 2013” erano “di 3.200  euro mensili”, mentre “oggi si aggirano intorno ai 2.500 euro". Così come se fosse “cosciente, altresì, che la spinosa questione della perequazione interna (v. RIA) è stata illegittimamente risolta a discapito delle nuove generazioni di Dirigenti che dal concorso 2004 a oggi sono stati immessi in ruolo con un ulteriore calo stipendiale di 700 euro netti al mese”.

Carlini e la quatriade hanno nel frattempo tirato fuori dal cilindro il colpo del coniglio e cioè un incontro con il ministro Fedeli previsto per l’11 maggio al quale non parteciperà l’ANP di Rembado. Sappiamo tutti che la Fedeli proviene dalla CGIL e quindi c’è il fondato sospetto che l’incontro dell’11 maggio sia la copertura reciproca rispetto a una iniziativa che possa sbloccare lo stallo.
Per capire come si dispiega la strategia Carlini-Fedeli possiamo partire dalle richieste della quatriade contenute nella lettera di richiesta di convocazione e cioè:
  •     aprire immediatamente il confronto sul rinnovo del contratto dell’Area della dirigenza dell’Istruzione e della Ricerca per ricondurre alla regolazione contrattuale le materie sottratte attraverso interventi legislativi (valutazione, formazione e mobilità) e per superare la differenziazione salariale all’interno della categoria e nel rapporto con il resto della dirigenza pubblica;
  •     escludere dalla procedura di valutazione anche la classificazione in fasce dei dirigenti oltre alla sua ricaduta sulla retribuzione;
  •     escludere dalle responsabilità della dirigenza scolastica i compiti impropri ed estranei alla realizzazione del servizio educativo di istruzione e di formazione;
  •     superare le problematiche che ostacolano la continuità e l’efficienza della gestione delle scuole autonome.
Ora non è dato capire come possano Carlini e la Fedeli “ superare “ la sperequazione stipendiale con il resto della dirigenza statale. Già l’uso del verbo superare al posto di verbi più precisi quali realizzare o equiparare manifesta tutta la difficoltà dell’operazione che ricordiamo necessiterebbe portare il FUN dagli attuali 110 milioni a 300 milioni. Cosa che può avvenire con una legge ad hoc che certamente non può solo essere promessa; cioè si ha il sentore che si verifichi la stessa operazione mistificatoria dei precedenti contratti e cioè si dice rinnoviamo il contratto senza perequazione e mettiamo a verbale la promessa del ministro di un impegno futuro a stanziare le somme necessarie.
Se l’idea di Carlini e Fedeli fosse questa allora si sono sbagliati di grosso e rischiano il tracollo politico e sindacale. Verrebbero sommersi da montagne di ricorsi e di proteste. La stessa CGIL ha poi in corso un ricorso contro il taglio del FUN dinanzi al TAR Lazio ed entrerebbe in contraddizione con se stessa.

La proposta dell’UDIR è quella dell’emanazione di un DPCM che a risorse invariate e cioè senza nuove leggi , si redistribuisca il FUN esistente di tutto il montante dei FUN di tutte le aree , pari a 2,5 miliardi, in maniera tale che la scuola acquisisca il differenziale riducendo gli importi degli accessori delle altre aree privilegiate della dirigenza pubblica.
La cosa strana è che l’ANP non fa propria la proposta UDIR lasciando il suo 38% di rappresentanza in balia di nessuno.
Restiamo in attesa del bollettino di guerra dell’11 maggio ed allora capiremo come si dipaneranno le rispettive strategie.
 
Salvatore Indelicato
s.indelicato@libero.it
cell 330365449








Postato il Martedì, 09 maggio 2017 ore 17:26:39 CEST di Salvatore Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.37 Secondi