Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547715568 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1926 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1879 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1811 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1742 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1724 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sondaggi
Sondaggi

·Universita’di Catania: dirigenti d’oro con stipendi cresciuti del 50%
·A tenaglia sulla questione della illegittima reiterazione delle nomine a t.d. nelle scuole
·Sezioni Primavera - Esiti monitoraggio
·Questionario sul Valore Legale della Laurea, termine ultimo 24 aprile 2012
·Miur e Istat assieme per la diffusione della cultura statistica nelle scuole


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


ABBAIARE ALLA LUNA L’OSSESSIONE DEI SINDACATI DEI DIRIGENTI SCOLASTICI

Sindacati
Proclami inutili, senza ragione e senza effetto, come fanno appunto i cani nelle notti di plenilunio che latrano alla luna quasi in un’assurda sfida; se la prendono con chi non c’entra e si sfogano contro il ministro del MIUR, che non si cura di reagire perché il destinatario è il Governo e non il MIUR.
Ululare contro la Fedeli, messa lì solo per un puro accidenti della politica, e digiuna di cose di scuola, è appunto come prendersela con la luna abbaiandole contro.
Ci si dimentica delle innumerevoli volte che i sindacati hanno mobilitato i presidi con scarso successo in sit in davanti al MIUR di Viale Trastevere.
E’ già avvenuto il 9 marzo 2016 da parte di FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA e SNALS CONFSAL, in una giornata di pioggia, con le parole d’ordine:
-per ottenere  la restituzione dei 14 milioni sottratti dal FUN 15/16;
-per evitare lo spostamento delle risorse del FUN dalla posizione (pensionabile) al risultato (non pensionabile e non valido ai fini della buonuscita);
-per impedire che la retribuzione di risultato, parte integrante dello stipendio dei dirigenti, diventi salario premiale e venga erogata  solo ad alcuni, a seguito di valutazione discrezionale e  a danno di tutti gli altri.
La delegazione sindacale congiunta venne allora ricevuta dal Direttore Generale  delle Risorse Finanziarie che ha dovuto riconoscere l’avvenuta decurtazione a  danno delle risorse stanziate dalla Legge 107 di oltre 14 milioni di euro pretesi dal MEF per il ricalcolo dei fondi dell’a.s. 2011/2012,  precedentemente certificati e utilizzati per retribuire i dirigenti scolastici.
Risultato, un pugno di mosche!.
Ma già la stessa sceneggiata si era vista il 15 ottobre 2015.
Un sit in dei dirigenti scolastici del Lazio organizzato unitariamente dalle organizzazioni Rappresentative dell’Area V della dirigenza scolastica del Lazio FLC CGIL Roma e Lazio, CISL Scuola Lazio, UIL Scuola Lazio e SNALS CONFSAL Lazio per protestare contro la decurtazione cautelare del 50% della retribuzione di posizione parte variabile degli stipendi dei dirigenti scolastici.
Anche in quel caso una delegazione composta da una rappresentanza dei dirigenti scolastici delle diverse province del Lazio, da responsabili regionali e nazionali dell’Area V e da segretari generali delle OO.SS., è stata ricevuta dal dott. Iacopo Greco, Direttore Generale del Dipartimento per le politiche finanziarie, dott. Rocco Pinneri, Gabinetto del Ministro, Sabrina Capasso, dirigente del Dipartimento per l’Istruzione.
La delegazione ha rappresentato all’Amministrazione le ragioni del profondo disagio dei dirigenti scolastici colpiti nella loro retribuzione proprio in un momento   caratterizzato da grande difficoltà e incertezze dovute all’applicazione della riforma e della legge di stabilità 2015.
L’Amministrazione ha richiamato la già nota intransigenza del MEF che continua a pretendere che siano messi a posto i conti nelle regioni che per retribuire i dirigenti scolastici hanno speso importi maggiori di quelli a disposizione per i contratti e ha riconosciuto le ragioni della protesta dei dirigenti scolastici, comunicando che la decurtazione sarà ridotta dal 50% al 20%.
Una presa in giro gigantesca
E non è finita
Si può ricordare la manifestazione del 4 dicembre 2014 davanti al MIUR, ove centinaia di dirigenti provenienti da tutt’Italia hanno manifestato per esprimere il loro malcontento nei confronti dell’iniquo trattamento retributivo loro riservato.
La questione è ben nota: i dirigenti sono vittime di una duplice ingiustizia. Oltre a quella storica, consistente nella mancata perequazione retributiva nei confronti della restante dirigenza pubblica alla quale non si pone rimedio per il perdurare del blocco dei rinnovi contrattuali, giunto ormai al quinto anno consecutivo, se ne è aggiunta un’altra altrettanto pesante. All’aggravarsi delle responsabilità e dei carichi di lavoro sempre meno sostenibili, accresciuti solo negli ultimi due anni nella misura di almeno il 25 %, si ha addirittura la pretesa di ridurre la retribuzione complessiva dei dirigenti scolastici per un’errata interpretazione della norma data dall’UCB/MEF.
Ancora martedì 28 gennaio 2014 si è svolto un presidio dei Dirigenti Scolastici della Flc Cgil sotto il MIUR, in contemporanea all’incontro del Ministro Carrozza con le OO. SS.
I Dirigenti hanno protestato sia per l’inaccettabile decurtazione della loro retribuzione, sia per il profondo disagio lavorativo provocato dalle enormi difficoltà vissute quotidianamente: istanze delle famiglie, problemi degli alunni, frustrazione del personale, colpito dal taglio degli organici e  dalla riduzione delle retribuzioni, scarsità delle risorse finanziarie e, come se non bastasse, crescita continua delle responsabilità, degli adempimenti e delle “molestie burocratiche”.
Ancora il Sit-in dell’ANP davanti al MIUR del giovedì 23 gennaio quando i dirigenti scolastici accorsi da tutto il Paese hanno inviato dalla scalinata di accesso al Ministero dell’istruzione, università e ricerca hanno inviato forte e chiaro all’amministrazione scolastica, che dopo infiniti tentennamenti e rinvii finalmente ha assunto una posizione chiara e ha dichiarato di voler sostenere le giuste rivendicazioni della categoria; alla politica, che non ha esitato ad uscire dal “palazzo” per incontrare la delegazione ANP che si è spostata da Viale Trastevere a Piazza Montecitorio; ai mass media, che hanno scoperto che la scuola non è soltanto il gossip sulle scuole cadenti e sulle baby-prostitute e che esistono anche le ragioni di una categoria “invisibile ma indispensabile per il Paese”, come efficacemente recitava uno striscione spiegato alla base della scalinata.
Ebbene dopo tutti questi precedenti vogliamo ancora ripetere le sceneggiate napoletane  davanti al MIUR chiamando a raccolta i dirigenti scolastici, come se fossero dei proletari qualsiasi o dei parvenù della dirigenza?
Vogliamo ancora umiliare la categoria chiamandola a forme di lotta improprie e inadatte per una categoria dirigenziale?
Troviamo allora altre forme di pressione sulla politica, più incisive e più dirette, congeniali con quella che dovrebbe essere una lobby influente e importante del paese al pari dei magistrati.
La perequazione retributiva ci va data e riconosciuta perché in un paese civile la dirigenza dello Stato deve avere un trattamento equilibrato in tutte le sue specificità.
Non ci possono essere dirigenti dello Stato privilegiati, quali i ministeriali e dirigenti dello Stato marginalizzati, quali i dirigenti scolastici.
Non ci possono essere diritti acquisiti dai primi a scapito dei secondi. Si congeli il fondo accessorio per la retribuzione di posizione e di risultato di tutta la dirigenza pubblica e lo si redistribuisca per tutti.
Ci sarà qualcuno che si vedrà diminuita la retribuzione di posizione e di risultato, e ci riferiamo ai ministeriali e ai dirigenti degli Enti Locali, a vantaggio della retribuzione di posizione e di risultato dei dirigenti scolastici.
Solo con questa compensazione si può ottenere l’obiettivo perequativo!
Se non è chiaro lo ripeto: la protesta va fatta contro i privilegi dei dirigenti dello Stato e degli Enti Locali, che non vogliono far entrare i dirigenti scolastici nell’area I, perché in questo modo avrebbero dovuto suddividere il fondo per la retribuzione accessoria anche con essi. La vera battaglia era e resta quella del riconoscimento della dirigenza vera dello Stato per tutti.
In tempi di vacche magre dobbiamo smontare anche il dogma vetero-sindacale dei diritti acquisiti perché impedisce a noi di usufruire della retribuzione di posizione e di risultato al pari degli altri.
Per questo, se la politica e il parlamento non ci sentono, allora l’unica pressione possibile è quella giudiziaria dei ricorsi a tappeto e delle class action.
 
Salvatore Indelicato
Cell 330365449
s.indelicato@libero.it








Postato il Martedì, 21 febbraio 2017 ore 13:00:42 CET di Salvatore Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati

Sindacati

contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi