Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483811693 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4376 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1446 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
853 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
838 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
763 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·Concorso per presidi va avanti, il Consiglio di Stato accoglie l’appello del Miur. Bussetti: 'Ora le assunzioni'
·Concorso presidi, Tar del Lazio annulla lo scritto
·Le avventure dei Cyberkid: impegno continuo per il futuro dei nostri ragazzi
·La certificazione ECDL cambia nome e diventa ICDL
·Decreto concretezza: Timbratura in entrata e in uscita dalla scuola per i 'Presidi' attraverso il rilevamento delle impronte digitali


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Scuola pubblica e o privata: Scuole paritarie 'libere di ... morire'

Redazione
Il futuro della scuola cattolica è stato il tema dell'incontro promosso dal Rotary Catania Ovest e dopo il saluto del presidente, notaio Carlo Zimbone, ha preso la parola Fratel Donato Petti, direttore de "La rivista Lasalliana", già Visitatore Provinciale dei Fratelli delle Scuole Cristiane. Con animata passione è stato analizzato il problema dell'eutanasia della scuola cattolica, constatando che in questi ultimi tre anni sono state chiuse ben 429 scuola cattoliche ed ogni anno si riducono i numeri dei frequentanti, rendendo instabile e insicuro il servizio scolastico di tanti docenti. La crisi delle vocazioni, la difficile situazione economica, la crisi della famiglia che si sfalda e perde i punti di riferimento, barattando la responsabilità educativa, sono tutti elementi che rendono complessa la situazione della scuola libera in Italia.

Negli altri Stati europei la libertà di educazione è riconosciuta, valorizzata e sostenuta, come in Svezia, in Irlanda, in maniera completa, così pure in Austria, in Belgio, in Inghilterra, in Francia, in Spagna e la Germania, anche mediante convenzioni particolari, che prevedono il sostegno economico alle scuole libere.
La constatazione che il costo di uno studente della scuola statale ammonta a circa seimila euro l'anno, mentre nella scuola cattolica è notevolmente inferiore, dovrebbe far riflettere che, considerando il valore del costo standard per alunno lo Stato potrebbe beneficiare di un risparmio di 17 miliardi l'anno.

In un discorso tenuto a Treviso Matteo Renzi ha dichiarato che "si aprirà un tavolo", riferendosi in particolare alle scuole materne. La Costituzione, spesso invocata come garanzia dei diritti all'art. 34 è chiara: "L'istruzione inferiore per almeno otto anni è obbligatoria e gratuita".
Non si possono adottare due pesi e due misure e mentre si accendono le piazze. I cortei studenteschi, proclamano i rituali slogan di opposizione e di condanna nei confronti del Governo.

Il Sottosegretario Gabriele Toccafondi ha spiegato lo stato dei fatti: dopo la legge Berlinguer n.62 del 2000, la parità scolastica ha ottenuto un riconoscimento giuridico, ma non economico. La legge dice che la scuola è tutta pubblica e che si divide fra statale e non statale, ma per molto tempo ha rischiato di rimanere un'affermazione soltanto di principio. Noi abbiamo dato una svolta vera con segnali precisi che vanno in quella direzione.

Quando si parla di parità scolastica c'è un mondo trasversale che la identifica nei diplomifici e nei collegi esclusivi, nella scuola privata, nella scuola confessionale. Le barricate sono molto alte e trasversali. Sono posizioni proprie di una certa sinistra, dei 5 stelle, che non fanno mistero della contrarietà a destinare risorse. Noi facciamo fatica a far comprendere che i 500 milioni di euro previsti per le scuole paritarie sono una piccola briciola rispetto ai 40 miliardi che si spendono per le scuole statali che spesso non funzionano e cadono a pezzi.
Il contributo medio di circa 500 euro per bambino non regge al confronto della spesa statale di 6 mila euro annui che lo Stato investe per ciascun alunno.

Nel 2016 il contributo statale è stato aumentato di 12 milioni di euro per 12.000 studenti disabili, erogando 1000 euro a ragazzo con disabilità, mentre la scuola cattolica per assicurare il docente di sostegno, diritto dello studente, spende 22-24 mila euro.Il contributo per le scuole dell'infanzia e primaria non sono un regalo alla scuola privata ma sono un contributo alla parità scolastica e per di più soltanto fino a Reggio Calabria. In Sicilia ci sono altre regole di autonomia, che assegnano i resti del bilancio, quando ci sono i resti.
Manca la progettualità triennale e la sicurezza di continuità del servizio, richiesta presentata alla Regione, ancora in attesa di deliberazione.

Se le scuole paritarie dovessero chiudere domattina occorrerebbero altri 6 miliardi di spesa, Lo sanno di Deputati e le forze politiche di Governo e di opposizione?.
Si tratta di13.000 scuole, con 970.000 studenti, di 120-130mila fra docenti e personale non docente.
Quando chiude una fabbrica si scende in piazza, si protesta, si chiede giustizia, quando chiude una scuola, anche storica e gloriosa, cala il silenzio e la coltre della trascuratezza copre ogni cosa.

Eppure è un servizio che viene meno, uno spazio educativo che viene negato, una luce che si spegne.
La libertà di educazione è un diritto sancito dalla Costituzione, è stato ribadito nel corso dell'incontro, e come sono state riconosciute "leggi di civiltà": l'aborto, l'eutanasia, le unioni civili, perché non riconoscere nella pratica la libertà di educazione e l'esercizio dei genitori di scegliere la scuola adatta per i propri figli, senza dover pagare due volte il servizio scolastico?

La scuola paritaria è una delle due gambe del sistema pubblico dell'Istruzione. Quella statale, con 9 milioni fra bambini e ragazzi, quella paritaria, con circa 1 milione. Se cede una delle due gambe, cede il sistema.
L'effettiva parità oltre che normativa deve essere anche economica ed allora si potrà meglio contare sulla qualità e l'efficienza dei servizi.

Nel corso del dibattito sono intervenuti l'Ing. Costanzo, Mons. Calambrogio, Fratel Stefano Agostini, direttore del Leonardo da Vinci, don Salvatore Mangiapane, presidente della Fidae, Suor Agnese dell'Istituto San Giuseppe, l'avv. Vincenzo Martines presidente degli ex allievi salesiani, il giornalista Luigi Ronsisvalle, il Prof Andrea Bettedini dell'Università di Catania e della Cattolica di Milano, un docente dell'Istituto San Giuseppe.
Parlare del costo standard per studente di circa 4.500 annui vorrebbe dire mettere in discussione l'intero sistema scolastico ed occorrerebbe portare avanti una battaglia com'è avvenuto con la "legge Cirinnà" per le unioni civili, vittoria e conquista delle sinistre a beneficio di un numero inferiore alla popolazione scolastica presente e futura che potrebbe beneficiare di tale servizio.

Dopo 70 anni d'immobilismo, lo Stato inizia a riconoscere qualcosa alla famiglia che spende per l'educazione del proprio figlio in una scuola paritaria. Portare in detrazione Irpef 400 euro di retta, risparmiando circa 80 euro fiscalmente effettive l'anno, è da considerarsi soltanto come un simbolo di attenzione, perché sarebbe giusto detrarre l'intera cifra della retta scolastica.

Questo mondo di 13mila scuole, 120mila lavoratori e quasi un milione di bambini e ragazzi hanno bisogno di serietà, ma soprattutto di certezze.

Giuseppe Adernò
g.aderno@alice.it





dello stesso autore




Postato il Lunedì, 17 ottobre 2016 ore 07:30:00 CEST di Giuseppe Adernò
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi