Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 489069923 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
ottobre 2019

Domenica 6 ottobre Lungomare Fest per l’intera giornata all’insegna della solidarietà.
di a-oliva
734 letture

Richiesta pubblicazione Avviso selezione Esperti - PON Competenze di base - II edizione
di m-nicotra
620 letture

Grazie Nicholas
di a-oliva
545 letture

Proposta formativa Competenze Digitali e Certificazioni ECDL-AICA per il PON Avv. Prot. 26502 “CONTRASTO ALLA POVERTÀ EDUCATIVA”.
di a-oliva
519 letture

Personale ATA - Elenco definitivo Assistenti Amministrativi disponibili alla copertura dei posti vacanti del profilo di D.S.G.A. – A.S. 2019/2020
di a-oliva
512 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Attività parlamentare
Attività parlamentare

·una campagna nella scuola contro le falsificazioni anticomuniste della storia
·Gli amici delle scuole private all’attacco della Costituzione
·Autonomia differenziata, la partita è aperta
·Al Governo si gioca a spaccare la scuola ed il paese
·Concorso presidi annulllato, Bussetti si dimetta


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Sostegno: Il Governo vuole far diventare l’insegnante di sostegno un esperto settoriale di disturbi e patologie: no del sindacato

Sindacati
Fa discutere la volontà espressa dal sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone, di introdurre un'imminente riforma del sostegno che coinvolgerà 230mila alunni disabili iscritti nelle nostre scuole, incentrata su una formazione più medicalizzata degli insegnanti, specializzando per ogni forma di disabilità: decisione che arriverebbe a separare le carriere rispetto ai docenti delle materie curricolari.
Secondo Anief si sta dimenticando che ogni professionista ha un suo ruolo definito: l’insegnante, questo deve essere ben chiaro, non ha mansioni di medico o di infermiere. Non si può pensare di sganciarlo dal team docente o di esternalizzarlo dal Consiglio di Classe. Sì, invece, alla formazione anche specialistica per tutti i docenti.
Marcello Pacifico (presidente Anief): il docente di sostegno del futuro deve rimanere una risorsa, un arricchimento, per l’alunno e per i suoi bisogni formativi, attraverso la valorizzazione delle differenze. Sempre cosciente di quali sono i singoli limiti di apprendimento, questi sì, accertati da un’equipe di medici. Accavallare i ruoli, temiamo, non farebbe il bene dell’allievo.
Sta creando disorientamento la volontà espressa dal sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone, di introdurre un'imminente riforma del sostegno che coinvolgerà 230mila alunni disabili iscritti nelle nostre scuole, incentrata su una nuova specializzazione degli insegnanti per ogni forma di disabilità, quindi più medicalizzata, e sulle loro carriere separate rispetto ai docenti delle materie curricolari. La riforma, che trae origine dal disegno di legge n. 2444, prevede sostanziali cambiamenti rispetto all’attuale figura del docente di sostegno, oggi inteso come un professionista con competenze didattiche e psicopedagogichea supporto dell’alunno disabile e dei compagni, con un ruolo psico-pedagogico-didattico finalizzato a favorire i processi di inclusione al pari degli altri docenti del consiglio di classe con cui è tenuto a condividere il progetto formativo.
Il nuovo impianto normativo terrebbe conto anche di una diversa certificazione della disabilità, sulla base delle indicazioni fornite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità già da un decennioall’interno della “Classificazione internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute”, denominato ICF. I tasselli centrali del progetto prevedono, tra l’altro, assistenza nell’istruzione domiciliare e la somministrazione dei farmaci a scuola, l’istituzione di una rete di scuole polo per l’inclusione, con 106 CTS-centri territoriali di supporto di livello provinciale, con il compito di dare consulenza e fornire ausili e software didattici agli insegnanti e a tutti gli istituti. Il progetto includerebbe poi la costituzione di un organismo di coordinamento di tutti i ministeri interessati per dare coerenza e maggior efficacia alle politiche per l’inclusione degli alunni disabili. Oltre che l’obbligo “di formazione iniziale e in servizio per i dirigenti e per i docenti sugli aspetti pedagogico-didattici e organizzativi dell’inclusione scolastica”.
Tra gli altri, il punto che probabilmente fa più discutere è il ritorno alla specializzazione di tipo monovalente, da associare alle singole disabilità, che indirizzerebbe gli insegnanti di sostegno in esperti di disturbi e di patologie, medicalizzandone il profilo, che da educativo diverrebbe curativo. Alla base di questo cambiamento sostanziale, finalizzato anche a garantire maggiore continuità educativa, lo stesso il sottosegretario Faraone ha spiegato che è giunto il momento di “riformare il sostegno, che oggi tratta le patologie come se fossero tutte uguali”.
Di queste novità non vi è però traccia nel documento di riforma “La Buona Scuola”, dove al settore del sostegno si dedica una sola pagina (parte 3.6), nella quale il Governo si limita a fare il punto della situazione e a ricordare che “soprattutto per il sostegno, il continuo ricorso a supplenze non sembra aver favorito la continuità didattica e il rapporto di fiducia tra i docenti, le famiglie e questi ragazzi che hanno più degli altri bisogno di attenzioni e di insegnamenti specifici”.
Premesso che è nell’interesse di tutti, ad iniziare dagli alunni, avere un corpo docente stabile e collocato per intero con contratti a tempo indeterminato, con il sindacato che non a caso rivendica da tempo l’immissione in ruolo di altri 40mila docenti specializzati, Anief ritiene che quello della formazione e l’aggiornamento di tutto il personale scolastico sul sostegno è un passaggio chiave. Anche la previsione di corsi formativi differenziati, organizzati sulla base delle diverse tipologie principali di disabilità, appare uno progetto formativo finalizzato a migliorare la qualità della didattica speciale.
“Quello che lascia perplessi – spiega Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir - è il forte spostamento dell’approccio, non più pedagogico, nei confronti dell’allievo: si vorrebbe infatti introdurre un nuovo docente di sostegno, più incentrato sul versante sanitario, alla cura del corpo e alle ‘patologie’, meno vicino alla didattica e all’inclusività. Dimenticando che ogni professionista ha un suo ruolo definito: l’insegnante, questo deve essere ben chiaro, non fa il medico o l’infermiere. Il docente di sostegno del futuro deve rimanere una risorsa, un arricchimento, per l’alunno e per i suoi bisogni formativi, attraverso la valorizzazione delle differenze. Sempre cosciente di quali sono i singoli limiti di apprendimento, questi sì, accertati da una equipe di medici. Accavallare i ruoli, temiamo, non farebbe il bene dell’allievo”.
Inoltre, il docente di sostegno è e rimarrà sempre un docente a tutti gli effetti. È assegnato al gruppo-classe, fa parte del Consiglio di Classe, ha i medesimi compiti e doveri dei colleghi che ne fanno parte. Pensare che sganciarlo da questo contesto, significherebbe fare non un passo avanti, ma tre indietro: si riattiverebbero, in sostanza, quei corsi monovalenti, introdotti con ilD.M. 26/06/1976, quando ancora esistevano le scuole specialie leclassi differenziali, che però hanno finito di vivere di lì a poco: la Legge517/1977 introdusse, al loro posto, “modelli didattici flessibili in cui attivare forme diintegrazionetrasversali, esperienze di interclasseo attività organizzate in gruppi di alunni ed affidate ad insegnanti specializzati dando inizio alla storia dell'integrazione degli alunni disabili nella nostra scuola”.
Anief non vuole poi nemmeno pensare che tutto questo sia indotto da spinte, già prodotte in passato, come riporta la stampa specializzata, “che andavano nella direzione della "privatizzazione" del sostegno con interventi di cooperative o entiprivati con soggetti, esterni alla scuola, con formazione specifica su singole disabilità, investiti della possibilità di effettuareinterventi individuali, rivolti cioè al singolo alunno, contraddicendo quanto elaborato e documentato dalla pedagogia e dalla didattica da un lato e contemplato dalla normativa, dall’altro, in merito all’intero processo diintegrazione scolastica”.
Il sindacato reputa, inoltre, un falso problema quello di voler portare a 10 anni, se non addirittura per l’intera carriera scolastica. Non sarebbe risolutivo ai fini della continuità didattica il vincolo di rimanere insegnante di sostegno dopo l’assunzione sul ruolo specifico. Il sindacato ricorda che proprio perché si tratta di insegnanti a tutti gli effetti deve rimanere aperta la possibilità di spostarsi sulla disciplina conservando il docente il bagaglio e l’esperienza che non potrà essere cancellata rispetto alla sua carriera scolastica e deve essere vissuta come risorsa professionale da coinvolgere con ben altri provvedimenti. Viene da sé, infine, che qualsiasi modifica venisse apportata per via legislativa, non potrà avere effetto retroattivo: un insegnante di sostegno formato sino ad oggi, anche attraverso i corsi di specializzazione per le attività di sostegno con il tirocinio formativo attivo nel corrente anno accademico2014/2015, al via in questi giorni sulla base del D.M. n. 312 del 16/05/2014, continuerà a svolgere l’attività didattica sulla base della formazione ricevuta e attenendosi alle norme oggi vigenti sulla materia.

Anief.org








Postato il Giovedì, 29 gennaio 2015 ore 05:30:53 CET di Antonia Vetro
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi