Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 482010272 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Caldo canicolare, basta con l'esame di Stato tra fine giugno e luglio. Bisogna anticipare l'esame di maturità
di m-nicotra
1693 letture

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
1269 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
838 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
815 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
739 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Attività parlamentare
Attività parlamentare

·Educazione Civica dibattito al senato il 13 giugno
·Scuola intitolata ad Agnelli? No, Grazie
·La carenza dei medici figlia di una politica assurda
·Dagli studenti un forte segnale contro le politiche del governo
·Il governo colpisce il Centro-Sud e premia chi tassa gli studenti


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Riforma: Documento dei Docenti dell'Istituto Superiore Ramacca - Palagonia sul piano governativo 'La buona scuola'

Istituzioni Scolastiche
I docenti dell'istituto superiore di Ramacca - Palagonia, riuniti in assemblea in data 11/XI/2014, sottoscrivono il seguente documento quale esito della propria riflessione a proposito del piano di riforma "La buona scuola" proposto dal governo Renzi e in risposta all’invito del Governo, del MIUR e dell’USR (nota MIUR prot. n° 3043 del 2/10/2014; circolare USR prot. n° 25529 del 3/10/2014).

Da anni i docenti delle scuole italiane di ogni ordine e grado si trovano in una condizione di grande difficoltà: scarso riconoscimento economico, decrescente partecipazione ai reali processi di cambiamento della scuola, crescente precarietà dei diritti sul posto di lavoro, esiguo apprezzamento sociale. Il piano de "La buona scuola" continua, nonostante la forma seducente con cui si rivolge ai docenti e alle famiglie italiane, questa tendenza: riduzione dei diritti dei lavoratori, incertezza economica, marginalizzazione dei docenti dall'organizzazione e dal vivo coordinamento della vita scolastica, deprezzamento sociale del ruolo, precarizzazione della funzione docente e delle condizioni di lavoro degli insegnanti.

Ciò che il governo presenta è uno strano strumento che non è una legge, non è un disegno di legge, non è una proposta di legge, non è un regolamento ministeriale. È una forma nuova di gestione e organizzazione del personale docente che ignora e liquida la forma istituzionale della contrattazione. Orario di lavoro, struttura ed entità della retribuzione, mansioni, qualità e carichi della funzione docente, come di qualunque altro lavoro, vanno definiti in sede di contrattazione. Al contrario, imporre un piano di riforma - su cui si apre una consultazione predefinita nelle forme, nei modi, nelle possibilità di dissentire - significa limitare arbitrariamente i diritti dei lavoratori, che si vedono privati improvvisamente dello strumento più importante di tutela dei propri diritti: la contrattazione.

Non si tratta di una semplice questione di rivendicazioni sindacali: è in gioco il futuro della scuola pubblica italiana. Per questo motivo riteniamo doveroso moralmente, oltre che professionalmente, esprimere la nostra opinione.     

I punti critici del Piano sono molti e suscitano in noi grande preoccupazione; ne riassumiamo i più importanti, su cui manifestiamo le nostre perplessità e il nostro dissenso:

Retribuzione: il sistema proposto degli "scatti di competenza" al posto degli scatti di anzianità trasformerà i docenti in contendenti che, per accaparrarsi una quota esigua di risorse,  verranno valutati principalmente per ciò che non fanno in classe ("crediti formativi e professionali") e solo in parte per il reale lavoro didattico senza specificare come e in base a quali criteri; la conseguente incertezza retributiva, a parità di lavoro didattico, rischia di provocare la fuga dei docenti dal lavoro in classe per inseguire le attività extra-didattiche che attribuiscono crediti e, per di più, il medesimo punteggio che in una scuola permetterà di ottenere lo scatto lo impedirà in un'altra. Che ne sarà allora del "merito"? E soprattutto, che ne è dell'elementare principio di giustizia secondo cui a parità di lavoro deve corrispondere un pari trattamento salariale?  

Funzione docente: il piano stravolge la funzione docente assestando un colpo durissimo ai principi costituzionali dell'autonomia intellettuale e didattica del docente. La trasformazione del collegio dei docenti in consiglio dei docenti e la sua marginalizzazione nella vita scolastica, a fronte di un DS dai poteri accresciuti e di un nuovo Nucleo di Valutazione dotato di un ventaglio preoccupante di poteri arbitrari e quasi monocratici, sancisce la fine del modello italiano di scuola pubblica: una scuola sinora incentrata sul funzionamento degli organi collegiali, cioè sul principio della partecipazione e della democrazia, nel rispetto delle diverse funzioni dei vari organi. Il cattivo funzionamento, purtroppo frequente, degli organi collegiali non giustifica la riduzione degli spazi di democrazia all'interno dell'istituzione scolastica, piuttosto dovrebbe spingere ad un loro rafforzamento nella logica, finalmente, dell'attuazione dell'autonomia scolastica che, esistendo sulla carta ma senza adeguate risorse economiche, è sempre rimasta un miraggio nella scuola italiana;

Precarizzazione: l'assunzione promessa di 150.000 precari  ha una grave contropartita: una complessiva precarizzazione della professione docente. A fianco dell'organico di diritto (ogni docente incardinato su una specifica cattedra) nascerà l'organico funzionale, ossia un insieme di docenti che faranno la spola tra le scuole di una provincia o di una rete territoriale per svolgere le supplenze e affiancare l'attività dei docenti su cattedra nelle attività extra-didattiche (progettazione, progetti POF, attività extra-curriculari). In realtà l'organico funzionale più che "organico dell'autonomia", come vorrebbe il Piano, corre il rischio di creare un esercito di docenti di serie B che saranno in balìa sistematica degli eventi accidentali della vita scolastica e della discrezionalità dei Dirigenti Scolastici, insomma docenti tappabuchi la cui professionalità e le cui motivazioni, oltre che la qualità del lavoro, saranno inevitabilmente penalizzate dall'incertezza dei compiti e dalla mobilità di sistema. E non basta: la precarizzazione spacciata come "mobilità" virtuosa e razionalizzazione del lavoro riguarderà tutti, anche i docenti su cattedra, perché il Piano promette di incentivare il passaggio tra i due tipi di organico, con la minaccia subdola di una possibile e incombente precarizzazione per ogni singolo docente.

I fondi: nel piano è dichiarata l’impossibilità da parte della Stato di garantire i finanziamenti adeguati alla scuola pubblica statale e la conseguente necessità di attrarre fondi privati: ciò appare gravemente in contrasto con il mandato istituzionale che la Costituzione assegna alla scuola della Repubblica, così come la equiparazione tra scuola pubblica e scuola paritaria a cui si dichiara di voler assicurare risorse. Inoltre nonostante gli anglismi (crowdfunding e matching fund per dirne alcuni) l'unica certezza che si ricava dal piano è che la ristrutturazione dello stipendio dei docenti avverrà senza nessun onere aggiuntivo per lo Stato, finanza virtuosa ottenuta risparmiando sugli scatti di anzianità sistematicamente sottratti ad un terzo dei docenti, e che gli scatti (di qualunque tipo: di "competenza" o di "anzianità") saranno bloccati sino al 2018. Riteniamo, infine, che per qualificare l’istruzione pubblica statale occorrano risorse economiche statali aggiuntive, sottratte in questi ultimi anni da tutti i governi, che portino la spesa dell’Italia per istruzione, formazione e ricerca ai livelli della media europea, ossia al 6% del PIL.

Sulla base di queste osservazioni e delle idee di scuola e di insegnamento che emergono dal piano "La buona scuola", i docenti che sottoscrivono il presente documento invitano le famiglie, il personale docente della scuola pubblica italiana, gli studenti a confrontarsi su un'idea di scuola che, prima di essere un'impresa che produce eccellenze o insuccessi, che attrae fondi privati o meno, che realizza utili o perdite, che gareggia con altri istituti scolastici alla ricerca di fondi, è, innanzi tutto, un'istituzione democratica che cura ed educa il capitale umano del Paese; invitano inoltre il governo ad aprire una reale consultazione sullo stato della scuola pubblica italiana e sul suo futuro, partendo dal principio che i difetti, le lentezze, le inefficienze del sistema scolastico non si curano con la precarizzazione del corpo docente, con la trasformazione del Dirigente Scolastico in un manager la cui bravura si misura solo dalla capacità di attrarre fondi economici, con il risparmio sugli investimenti destinati alla scuola, con una complessiva diminuzione dei diritti dei lavoratori.     Nessun paese è virtuoso o meritevole se non lo sono i suoi cittadini e nessun cittadino può essere veramente tale se non ha avuto modo di sviluppare la propria intelligenza, autonomia di giudizio e dignità personale. La scuola è solo una parte del sistema sociale, ma una parte essenziale: nostro compito di docenti è quello di creare le condizioni migliori e più adeguate perché l'intelligenza e la dignità di ciascuno studente si possano esplicare e rafforzare. Se non si persegue questo scopo, che noi tutti condividiamo e che non ritroviamo nelle pagine del piano "La buona scuola", nessuna scuola è veramente buona, meritevole e virtuosa.

I docenti sottoscrittori dell'istituto superiore di Ramacca - Palagonia








Postato il Venerdì, 14 novembre 2014 ore 07:45:00 CET di Redazione
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi