Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 480117308 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2019

Chi ha sospeso la docente di Palermo deve dimettersi
di m-nicotra
863 letture

Maggio dei libri per il liceo G. Lombardo Radice tra le molteplici manifestazioni della città Metrolitana di Catania
di m-nicotra
851 letture

Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identità e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
di m-nicotra
668 letture

Al Comune di Catania l’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” celebra la 'giornata della Memoria tra ieri e oggi' – Never Again
di m-nicotra
662 letture

Necessità di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolarità dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
di m-nicotra
617 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·Decreto concretezza: Timbratura in entrata e in uscita dalla scuola per i 'Presidi' attraverso il rilevamento delle impronte digitali
·Webtrotter: Il giro del mondo in 80 minuti
·Lettera a Francesco Merlo
·Premio 2018 Domenico Danzuso
·Maturità, alternanza, test d’ingresso: il ministro Bussetti risponde alle domande degli studenti


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Dispersione scolastica: Un alunno bocciato costa 36 mila euro. Provincia di Catania 136 alunni evasori dell’obbligo scolastico

Redazione
L'abbandono scolastico e le bocciature costituiscono un grave peso anche economico per la scuola che non riesce a decollare e a "volare in alto". Secondo una recente indagine, ripresa da Francesca Borgonovi, analista Ocse, su "Gente", un alunno bocciato costa 36.700 euro. Il calcolo di tale spesa deriva anche dal fatto che i ragazzi che abbandonano gli studi senza diploma avranno redditi inferiori alla media nazionale.  Il costo della bocciatura rappresenta il 6,7% della spesa annua per l'istruzione.

Mentre secondo la media OCSE gli alunni bocciati in Italia corrispondono al 12% in Finlandia la media dei bocciati è ridotta al 5% ed i ragazzi ricevono supporto e sostegno che consente lo sviluppo delle competenze. "Negli ultimi 15 anni quasi 3 milioni di ragazzi italiani iscritti alle scuole superiori statali non hanno completato il corso di studi.
Sono cifre "da guerra mondiale".  Si legge su "Tuttoscuola" E' una shoah sociale, un'emorragia che ogni anno indebolisce il corpo sociale del paese e ne riduce la capacità di competere".

Nel corso del recente convegno ospitato dal Miur sulla dispersione scolastica, l'ex-sottosegretario all'istruzione Marco Rossi Doria ha proposto che per l'anagrafe dello studente vengano acquisiti anche i dati del titolo di studio e della professione dei genitori.
L'accertamento quali "evasori dall'obbligo scolastico" di 136 alunni della provincia di Catania e la denuncia di 232 genitori di due scuole dell'obbligo di Santa Maria di Licodia (Catania)per inosservanza continuata dell'obbligo d'istruzione di minorenni confermano come proprio i livelli culturali delle famiglie sembrano essere alla base del triste fenomeno.

Il genitore 'tipo' denunciato dai carabinieri della compagnia di Paternò nell'ambito dell'indagine ci dà: età media 35 anni, ceto medio basso, con al massimo una licenza di scuola media e con un disagio familiare evidente.
La condizione sociale e culturale è certamente la causa e il contesto in cui matura maggiormente si consolida la dispersione scolastica, ma accanto a questi fattori esterni ci sono anche quelli interni di una rigidità didattica che poco si presta al processo innovativo alla "Don Milani", capace di rivolgere particolare attenzioni alla persona e costruisce positive relazioni educative con gli studenti, i quali hanno bisogno di una scuola "diversa" e non della scuola modello "spiegazione, interrogazione, compiti, voti".
Eventuali modifiche dell'offerta formativa della scuola al fine di aiutare a prevenire gli abbandoni e a contrastarli, dovrebbero essere gli itinerari operativi per una concreta risposta al fenomeno che permane come macigno nella scuola italiana.

Anche le "fughe" verso le scuole paritarie da parte di alcuni studenti "bocciati" con l'intenzione di recuperare gli anni perduti, non sempre trovano riscontro nel processo di effettivo recupero.
L'innalzamento dell'obbligo scolastico, il passaggio verso il settore della formazione professionale, la carenza in Sicilia di tale percorso formativo, a causa dei mancati finanziamenti dei corsi regionali di formazione professionale, e quindi "sospesi". Tale vuoto organizzativo del servizio scolastico ha ulteriormente incentivato l'abbandono scolastico.

Gli anni del primo biennio di scuola secondaria superiore, non adeguatamente attrezzata alla gestione dell'obbligo scolastico, bensì proiettata verso un approfondimento dei contenuti disciplinari, disegnano un contrasto con le norme vincolanti calate dall'alto. L'estensione dell'obbligo scolastico è stata, infatti, imposta senza i necessari passaggi di preparazione e di modifiche al sistema e all'apparato scolastico.
Dare ad un ragazzo, che non ha altri stimoli a casa e vive in un contesto sociale di disagio, motivazione allo studio, desiderio di scuola, progetto di futuro, resta per sempre un impegno, un traguardo, una meta da conseguire.

Giuseppe Adernò
g.aderno@alice.it








Postato il Martedì, 28 ottobre 2014 ore 07:30:00 CET di Giuseppe Adernò
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 1
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi