Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483803834 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4373 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1444 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
850 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
826 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
762 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Autonomia si .... Regionalizzazione no!
·Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
·Il TAR del Lazio annulla il Concorso per DS. Unico perdente è il sistema scolastico italiano!
·Basta fango su Gino
·Domenico Mazzeo, rieletto per il terzo mandato consecutivo a Segretario Regionale Cida per la Sicilia


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Scuola pubblica e o privata: La scuola statale e lo sponsor legato ai risultati. (Non fate arrabbiare ziu Micuzzu!)

Redazione
Scuola paritaria il nuovo futuro dell'istruzione in Italia.
Sport, musica, arte, lingue, economia e competenze digitali avranno vita lunga nella scuola statale, garantisce Matteo Renzi naturalmente grazie allo sponsor. Nella scuola statale tutto dovrà essere trasformato in privato per funzionare, un'idea che piace molto alle lobbies che gestiscono i partiti di maggioranza dell'Italia renziana, in questo momento sappiamo con assoluta certezza che Valentina Aprea sta brindando.
In Italia tre scuole su quattro sono statali. A Caserta la proporzione è ribaltata: ci sono 413 scuole paritarie a fronte di 217 scuole statali. Un giro di soldi tra contributi diretti grazie alla Legge 62/2000 assegnando in media 6000 euro per classe e i contributi indiretti che nascono con accordi tra comuni e strutture scolastiche private con cifre che spesso superano i contributi nazionali in cambio ovviamente di consensi elettorali, infondo come si fa a non appoggiare un partito politico che ti garantisce 36000 euro ogni sei mesi? E' il caso del Comune di Lodi che non si trova in Campania ma in Lombardia, ha distribuito "cordialmente" contributi alle scuole paritarie della città. Lo so con "il buon senso" si aggiusta tutto, salvo dimenticare che queste scuole oltre ai contributi chiedono le rette alle famiglie... ma non serve, il Partito Democratico è "maestro" nella suddivisione dei contributi... dei rimborsi... ecc.
Tornando all'istruzione bisogna ricordare che da un lato c'è il guadagno per le scuole paritarie religiose e private (aziendali) e dall'altro ci guadagnano i docenti che, pur di accumulare punteggio e salire in graduatoria sia al sud che al nord, sono disposti alle mansioni più svariate. Ovviamente la camorra, 'ndrangheta, cosa nostra, sacra corona unita hanno ascoltato con interesse l'ultimo annuncio di Matteo Renzi (l'ha ascoltato anche Comunione e Liberazione... ) sull'intenzione di usare gli sponsor privati per risollevare la crisi economica che versano le scuole statali. Entrare nelle scuole statali e fare "business"... Carta igienica marca "sedere pulito" venduto dalla ditta " Ccà 'a pezza e ccà 'o sapone." in cambio della pubblicità in aula... oppure LIM multimediali della ditta "Ciccio il computer" dell'azienda "guarda Internet e non rumpiri i cabasisi" in cambio tutti gli studenti saranno "consigliati" a comprare il computer, l'ipad, da loro. Oppure ancora più grave: si nomina Presidente del Consiglio d'Istituto il legale rappresentante di un'azienda privata che prende in gestione tutti i laboratori e definisce i corsi pomeridiani a pagamento per gli studenti, non assumendo più i docenti di laboratorio e insegnanti di lingue. Ultimo caso estremo ma sicuramente reale: il costo dell'iscrizione si triplicherà, si assocerà la scuola ad un nome e un logo di un'azienda famosa con il vincolo di avere gli studenti migliori del territorio con risultati eccezionali anche se non meritati, pena il recesso del contratto e la chiusura della scuola.
Immaginate lo scrutinio di un istituto tecnico economico del 2017: "un dirigente guarda con sospetto un docente che ha inserito nel registro on line un voto negativo che potrebbe determinare un giudizio sospeso di uno studente... o addirittura la bocciatura... gli verrà "consigliato" di alzare il voto... perchè potrebbe far arrabbiare... "zio Micu"...e lei professore vuole far arrabbiare lo zio? Non penso proprio... vero? Baciamo le mani...
Non è fantascienza, diventerà un sistema che porterà alla distruzione della didattica, della qualità e della libertà di insegnamento. La cultura? La conoscenza? La competenza? Ma chi se ne frega, tutto deve essere figo, trendy, fashion, cool! Al diavolo la preparazione e le interrogazioni. A cosa servono?
Sarà importante trasformare la scuola pubblica statale in fondazione con la possibilità, per gli studenti che non volessero proseguire gli studi, di avere un lavoro "assicurato"... tramite lo sponsor a 600 euro al mese... cosa volete di più?
La scuola statale sarà un'azienda, una squadra di calcio... maggiori saranno le vittorie e i trofei, maggiore sarà la visibilità sul territorio e maggiore sarà lo sponsor. Nella scuola italiana (non ci sarà più distinzione tra statale e privata) i risultati positivi garantiranno gli sponsor altrimenti si chiuderà la scuola e licenziati i docenti e il personale amministrativo, tecnico ed ausiliario. Ecco... sta arrivando sul primo binario... il treno delle pericolose ipocrisie destinazione: scuola paritaria il nuovo futuro dell'istruzione in Italia. Se Maometto non va alla montagna... ci penserà Comunione e Liberazione.

prof. Paolo Latella
Membro dell'Esecutivo nazionale del Sindacato Unicobas Scuola
Segretario regione Lombardia








Postato il Mercoledì, 10 settembre 2014 ore 08:00:00 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi