Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547715591 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1926 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1879 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1811 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1742 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1724 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ministero Istruzione e Università
Ministero Istruzione e Università

·“IoStudio”, ecco le nuove modalità per richiedere la Carta dello Studente
·Proclamati i vincitori delle IV Olimpiadi di Economia e Finanza. In crescita la partecipazione delle scuole. Bianchi: “L’economia ci insegna un metodo per ragionare e ci dà gli strumenti per comprendere l’attualità”
·Lunedì 9 maggio al via la Settimana della Musica a scuola. Il 10 l’evento istituzionale con il Ministro Bianchi in diretta sul canale YouTube del Ministero
·Scuola, proclamati i vincitori delle Olimpiadi nazionali di Fisica. Oltre 50.000 gli studenti partecipanti. Bianchi: “La Fisica alimenta la nostra curiosità verso il mondo”
·Scuola, firmate le Ordinanze con le modalità di svolgimento degli Esami del primo e del secondo ciclo. Bianchi: “Sono frutto del confronto e della condivisione. Studentesse e studenti non devono avere paura di non farcela: torniamo progressivamente a


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Dirigenti Scolastici: Il colpo di coda del cartello sindacale delle 7 sorelle per escludere i presidi dal ruolo unico della dirigenza dello Stato

Redazione
La sorpresa, la rabbia e l’indignazione quando abbiamo letto il DDL 1577 pubblicato il 5 agosto sul sito del Senato, laddove all’art. 10, che ridisegna la riforma della dirigenza dello Stato, abbiamo letto con sgomento che vi era prevista l’ "esclusione dai suddetti ruoli unici della dirigenza scolastica", è stata incontenibile.
I testi dei DDL lo sappiamo li scrivono gli alti papaveri del MEF e della Funzione Pubblica e molto probabilmente il duo Renzi-Madia, al momento, forse manco sanno dell’esistenza di questo comma killer all’art.10. Ma perché gli squali e i burosauri hanno piantato questa pugnalata ferragostana ai presidi in vacanza, forse sperando che nessuno andasse a leggere i testi legislativi nascosti fra gli anfratti dei siti web della Camera e del Senato?
Ebbene stiano attenti gli 8.000 presidi che questa volta non si scherza perché si sta trattando della vita o morte professionale di una intera categoria che, dopo aver vinto nel 2000 la storica battaglia per l’autonomia e la dirigenza, non è più riuscita da allora a far coniugare la dirigenza con i requisiti e le prerogative che essa comporta.
E’ meglio ora usare un linguaggio brutale e chiaro per evitare questa volta che i soliti cialtroni, che si annidano anche al nostro interno, possano narcotizzare la categoria sviandola su sentieri ideologici e su false piste, usando i soliti argomenti dello spauracchio della valutazione per farci rinunciare, in cambio di un piatto di lenticchie, a quelli che sono i nostri diritti che vanno conquistati. I cialtroni sono e saranno tutti quelli che tenteranno ancora una volta a distanza di 15 anni di convincerci di restare in un’area riservata, in un recinto sanitario immuni dal contagio con l’area 1 che era ed è la vera area dei dirigenti dello Stato; e tenteranno di convincerci a stare quieti in quella riserva che ora chiamano “ professional “ (allora si chiamava area V) magari assieme ai medici che, però, a differenza di noi, professional lo sono veramente.
Attenzione però che la partita prima che con la politica si gioca con i nostri colleghi dirigenti dell’area dei ministeriali che ci vedono come il fumo negli occhi e faranno di tutto per stroncarci e questa volta definitivamente. E siccome gli 8.000 presidi non sono informati e coscienti di quale sia la posta in gioco, questo tentativo potrebbe forse ancora una volta riuscire. Ecco che faremo una battaglia sino alla morte anche a costo di asprezze e di incomprensioni.
Già i burosauri del MEF e della F.P. sono incavolati perché hanno dovuto accettare il ruolo unico e l’abolizione della dirigenza di prima fascia, quella che gli consentiva il raddoppio dello stipendio rispetto ai dirigenti di 2 fascia, e accettare il tetto degli stipendi a 240 mila euro e il riassorbimento della retribuzione di posizione quota fissa all’interno dello stipendio tabellare; figuriamoci se sono disponibili a far entrare nel club esclusivo dei 2.800 dirigenti dello Stato anche gli 8.000 presidi, a risorse invariate. Ma su questi punti ci ritorneremo nelle prossime puntate.
Ora concentriamoci sul cartello sindacale delle 7 sorelle. Chi sono e a quali confederazioni fanno riferimento queste OO.SS. che presidiano la ridotta della dirigenza dello Stato? Dal sito dell’ARAN si può prelevare l’elenco

RAPPRESENTATIVITA' 2013-2015 * AREA 1 MINISTERIALI

AREA I - MINISTERI

DELEGHE

%

CONF.

CISL FP

248

18,63%

CISL

UNADIS

233

17,51%

EX CIDA , EX CONFEDIR, ORA Co.Dir.P. (Confederazione Dirigenti della Repubblica)

ANMI ASSOMED SIVEMP FPM

193

14,50%

COSMED

DIRSTAT

154

11,57%

CONFEDIRSTAT

UIL PA

151

11,34%

UIL

FP CGIL

119

8,94%

CGIL

CONFSAL UNSA

110

8,26%

CONFSAL


Tutti i dirigenti ministeriali “ puri” dell’area 1 sono 2.824, e se si fossero inseriti nel 2000 anche i dirigenti scolastici si sarebbe raggiunto il valore di 13.829 dirigenti e i ministeriali “ puri” avrebbero rappresentato il 20% dell’area,  con un evidente sovvertimento di tutta l’area. Si consideri anche che il tasso di sindacalizzazione dei ministeriali è del 66% mentre quello dei presidi è più alto, l’83%, e che la distribuzione delle deleghe tra i ministeriali sconta una maggiore politicizzazione  ideologica verso i confederali.
I motivi dell’ostracismo dei ministeriali verso i presidi sono duplici: di carattere economico e di carattere ideologico.
Di carattere economico perché la riforma si farà a risorse invariate e questo comporterà riduzioni di privilegi e abolizione dei diritti acquisiti per una gigantesca redistribuzione di tutto e di tutti. Diffidate da quelli che predicano che i diritti acquisiti non si toccano perché questa è una vecchia favola del “ sindacalese politicamente corretto “ che ora va in soffitta definitivamente. Non esistono più diritti retributivi dei dirigenti acquisiti “ fraudolentemente “ nel passato a scapito dei dirigenti più deboli e tutta l’architettura retributiva andrà riscritta da zero per tutti i dirigenti dello stato. Se i futuri dirigenti dello Stato saranno solo i 2.824 allora il monte salario da redistribuire alimenterà solo loro altrimenti se i futuri dirigenti dello Stato saranno 10.824 includendo i presidi il monte salario attuale dovrà coprire una platea più ampia. Capite allora qual è la posta in gioco?
Ma questo non vi verrà detto per pudore e le ragioni del diniego saranno di natura diversa e cioè si dirà che i presidi non sono dirigenti gestionali bensì “ professional “. Allora prepariamoci a smontare mediaticamente questa bufala della dirigenza “ professional “ e facciamo valere ampiamente e a tutto tondo la verità e cioè che i presidi sono forse gli unici dirigenti gestionali dello Stato.
I motivi di bottega sindacale sono stati e sono un macigno e un impedimento all’unificazione dell’area; e visto che bisognava ammantare e giustificare il rifiuto si è creata la favola dell’area della conoscenza dirigenziale 5° dove recintare il presidi con le ridicole affermazioni che siccome i presidi sono dirigenti atipici non bisognava mischiarli con i dirigenti amministrativi.
Abbiamo cercato su internet per trovare una dichiarazione delle 7 sorelle in questi 14 anni a favore dell’area unica con i presidi e non l’abbiamo trovata. Abbiamo solo trovato comunicati di protesta contro ogni tentativo di riforma e di giustificazione e di mantenimento dello statu quo.
I presidi cercheranno di non lasciarsi sfuggire questa occasione e attendono di conoscere, se c’è o se ci sarà, una nuova posizione favorevole delle 7 sorelle. Ma è una pia attesa destinata ai sordi.
Ma cosa hanno prodotto le contrattazioni succedutesi in questi 14 anni sulle retribuzioni dei dirigenti di 2 fascia dei Ministeriali?
Ecco la tabella estratta dal conto consuntivo 2012 della Ragioneria Generale dello Stato:

Retribuzioni medie dei dirigenti di seconda fascia della PCM e dei Ministeri nel 2012 (migliaia di Euro)

In questa tabella alla voce istruzione sono inserite le retribuzioni dei ministeriali di 2 fascia e cioè gli ispettori centrali e periferici e la dirigenza intermedia. La loro retribuzione media è di 82.000 euro secondo appunto la RGS.
Gli stipendi medi dei dirigenti scolastici inseriti attualmente nell’area 5 sono di 59.371 euro considerando che la forbice tra il massimo e il minimo in base alla posizione oscilla tra 65.160 e 51.853. In realtà la sperequazione è ancora più pronunciata se si va a fare il raffronto reale e comunque dalla tabella si vede con chiarezza che comunque i dirigenti scolastici sono in coda alla tabella
Allora finiamola di trincerarci dietro le superate parole d’ordine del vecchio burocratese perché non ha più senso parlare di “ diritti acquisiti “ e di “ risorse fresche “ o di “ recupero di tagli all’interno dell’area “ o di “ incapienza del FUN dell’area 5 “ e di vetusto armamentario dialettico che ha il solo obiettivo di mantenere invariato l’attuale ingiusto assetto penalizzante per i presidi.
Se il ruolo dirigenziale dello Stato sarà unico per legge si dia attuazione conseguente e si moralizzi il riparto della retribuzione accessoria di posizione e di risultato abbandonando i recinti delle vecchie 8 aree e costruendo un sistema snello e efficiente riducendo le attuali insopportabili forbici.

Salvatore Indelicato - Vice Pres. ASASI Associazione Scuole Sicilia
s.indelicato@libero.it
Cell 330365449








Postato il Venerdì, 29 agosto 2014 ore 19:13:56 CEST di Salvatore Indelicato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi