Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481453755 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
827 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
696 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
665 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
639 letture

Cosa ne penso della politica. 60 ragazzi sindaci della Sicilia a Maletto per il primo raduno regionale
di g-aderno
635 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·Due giornate su Educazione alla Legalità a Caltanissetta
·Istruzioni e indicazioni operative in materia di supplenze al personale docente, educativo ed A.T.A. - Anno scolastico 2018/2019
·Personale docente scuola Secondaria di II grado - Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posti comuni nella scuola secondaria di I grado
·Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posti di sostegno dei docenti non in possesso di titolo specifico. Assegnazioni sedi. Errata corrige Scuola Primaria
·Assegnazioni provvisorie interprovinciali su posti comuni per le classi di concorso indicate nel dispositivo. Assegnazioni sedi Secondaria di II grado


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: Di giorno professore e di sera studente nella stessa scuola

Redazione
Professore di giorno, studente di sera nella stessa scuola. Ha appena sostenuto gli orali agli esami di Stato, interrogato dai propri colleghi. Robertino Capponcelli, classe 1964, una prima maturità con il massimo dei voti all'Istituto Magistrale "Carducci" di Ferrara, nel 1982, e di ruolo dal 1986 dopo aver conseguito il diploma di Corno presso il Conservatorio, ha insegnato discipline musicali alle medie modenesi fino al 2007.
Diventato insegnante di sostegno nel 1994 affiancando gli alunni meno fortunati delle superiori, ha sempre avuto l'amore per la terra nel sangue, così ha portato a termine gli studi agrari presso il corso serale dell'Istituto "Spallanzani" di Castelfranco.

Professor Capponcelli, com'è nata l'idea di tornare studente?
«Da tempo, per una mia più completa formazione professionale, desideravo colmare una lacuna culturale nell'ambito tecnico-scientifico. Un collega dello Spallanzani, conoscendo il mio interesse, cinque anni fa mi propose di iscrivermi al corso serale. Detto, fatto: a settembre del 2010 cominciava l'esperienza . All'epoca ero per questa scuola solo uno studente del serale, frequentante il primo biennio. L'anno seguente, però, nella stessa scuola ero diventato docente di sostegno in una classe dei corsi diurni».

Perché proprio allo Spallanzani?
«È stata una mia scelta. Ho richiesto e ottenuto il trasferimento dall'istituto magistrale Sigonio di Modena allo Spallanzani. Mi lusingava l'idea di associare l'insegnamento in un istituto agrario con l'apprendimento di tutte le discipline di indirizzo professionale, ricavandone un doppio risultato: lo sviluppo delle mie competenze quale insegnante di sostegno, il conseguimento da studente del diploma di perito agrario. La mia famiglia, del resto, ha origini contadine e con la terra condivido legami affettivi molto forti».

Lei è pure referente nazionale del sindacato Gilda degli insegnanti. Molti suoi colleghi l'avranno riconosciuta. Si è mai sentito in disagio?
«Indubbiamente sì, ma senza imbarazzo. Nella stessa scuola, la singolare situazione di essere per molti docenti il rappresentante sindacale di fiducia, il collega di classe e persino lo studente, poteva oggettivamente generare qualche difficoltà nel registro delle relazioni. Non c'è stato invece alcun imbarazzo, perchè ognuno è stato fedele al proprio ruolo: di giorno, per me e per i colleghi, ero un docente, la sera diventavo, esattamente come lo erano i miei compagni di classe, uno studente lavoratore. E così giustamente venivo considerato e valutato dai miei professori. Certo, non è facile a 50 anni preparare, magari di notte e sempre la domenica, compiti in classe che ti mettono alla prova ed essere valutato da colleghi che ritrovi l'indomani in sala insegnanti. Abbiamo tutti però saputo bene e correttamente distinguere ruoli e funzioni».

In veste di sindacalista è abituato a difendere i colleghi. Ma un prof come vede gli insegnanti con gli occhi di un alunno?
«Osservando i miei professori con l'occhio dell'alunno ho potuto apprezzare ancora meglio la professione docente, certamente sottostimata in questo ingeneroso Paese. Ho capito anche, da studente esperto di docenza, che il bravo insegnante deve sempre vedersi e ascoltarsi con gli occhi di un alunno».

Tra qualche giorno saprà se è di nuovo "maturo" o no. Ma cosa vuole fare da grande? Lascerà la scuola?
«Quando lascerò l'insegnamento mi dedicherò senz'altro alla coltivazione della terra a tempo pieno. Per ora scuola, sindacato e terra sono per me una triade non scindibile».

Vincenzo Brancatisano - Gazzettadimodena.gelocal.it
vi.bra@fastwebnet.it








Postato il Venerdì, 04 luglio 2014 ore 08:30:00 CEST di Redazione
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.25 Secondi