Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 495512989 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
febbraio 2020

Lettera aperta alla Ministra Lucia Azzolina
di m-nicotra
3763 letture

'Agata, Vergine e Martire' di Pino Pesce al Teatro Sangiorgi di Catania. Una sacra rappresentazione multimediale fra medievalità e contemporaneità
di m-nicotra
1306 letture

Francesco Paratore Sindaco dei Ragazzi dell’Istituto 'Gabelli' di Misterbianco. I Commissari: lodevole iniziativa che dovrà coinvolgere tutte le scuole.
di a-oliva
1303 letture

Cara Lucia Azzolina, prima che diventassi ministro, eri d’accordo su tutto quello che ho scritto in questo articolo. Oggi lo sei ancora?
di m-nicotra
1300 letture

Io non sono così cattivo. Questo personaggio mi fa stare male. Non mi piace anche se lo interpreto. La banalità del male!
di m-nicotra
1255 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Redazione
Redazione

·Dopo Sant’Agata - Culto e devozione. Le Candelore abbiano un rettore spirituale
·Scuola di Formazione Politica per il bene comune. Al via sabato a Catania la seconda edizione organizzata da Fondazione Sussidiarietà e Futurlab.
·Giornata di studio 'Dentro il Processo Penale Minorile: la Persona e la Comunità, l'Educazione e la Responsabilità'
·'Agata, Vergine e Martire'. Dramma sacro di Pino Pesce al teatro Sangiorgi, di Catania
·Tre discorsi sull’ebraismo - Gershom Scholem


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Lingue straniere: I licei dove si studia cinese al posto del ''vecchio'' inglese

Comunicati
La lingua del futuro? Il cinese. Come al solito c'è voluto un po', ma alla fine anche l'Italia l'ha capito. E s'è messa timidamente al passo, aprendo le medie superiori alla lingua dei Mandarini. L'ultimo della lista è il liceo «Ariosto-Spallanzani» di Reggio Emilia, dove venerdì scorso ha preso il via un corso da 50 ore, metà delle quali con insegnante madrelingua. Un'iniziativa concordata con il Provveditorato e curata dall'associazione «Progetto Cina», sorta nel 2012 dall'intesa tra gli enti locali e un pool di investitori privati in cui spiccano Confindustria, Unindustria e la Fondazione delle Casse di Risparmio di Modena, a conferma del fatto che chi guarda ad oriente lo fa certo «per uno stimolo di riflessione culturale e linguistica», come sostiene la preside del liceo reggiano, Maria Rosa Ferraroni, ma pure (e forse soprattutto) per provare ad inserirsi in un mercato in espansione, che potrebbe finire con il travolgere ed inglobare le fragili economie europee. Sempre più morte come le lingue che, fino agli inizi del Novecento, facevano parlare il mondo: spagnolo, francese, inglese.

Gli americani, inutile dirlo, lo avevano intuito con largo anticipo. E nel 2010 oltreoceano erano più di 1.000 i licei attrezzati per l'insegnamento del putonghua, il cinese ufficiale, già padroneggiato da milioni di studenti giapponesi nel frattempo (secondo costume nipponico) portatisi avanti col lavoro e passati a studiare il cantonese e il cinese in uso nella provincia del Fujian, vere e proprie lingue nella lingua.
E il Belpaese? A rimorchio, adagio: negli anni Novanta erano soltanto quattro gli atenei con lo sguardo rivolto a levante (la romana Sapienza, l'Orientale a Napoli, Ca' Foscari a Venezia e l'università degli studi a Milano). Adesso pure gli altri si sono uniformati, finanziando anche borse di studio che annualmente consentono a centinaia di universitari di recarsi a Pechino, Shanghai e Guangzhou per perfezionare la conoscenza di una lingua che si compone di 5.000 caratteri, da imparare a memoria. «È vero che gli stessi cinesi in parte li ignorano -, dice Giada Alì, coordinatrice dell'istituto Confucio di Pisa- ma è comunque indispensabile essere in grado di riconoscerne una buona quantità». Per riuscirci, «serve tempo: almeno due anni per poter esprimersi con un minimo di scioltezza. Scrivere è più difficile e saper leggere è considerato l'ultimo gradino».

Insomma, prima si inizia meglio è. Per questo, sia pur in ritardo rispetto al resto del mondo, nel marzo del 2012 il Miur ha sottoscritto un protocollo d'intesa con la fondazione «Italia-Cina», impegnandosi a portare il putonghua nelle superiori, «attraverso l'attuazione di corsi di lingua e cultura cinese negli istituti tecnici e professionali per offrire occasioni ai giovani studenti di migliorare le loro competenze nella preparazione all'accesso al mondo del lavoro». Detto fatto: pochi mesi dopo a Bologna, all'istituto «Aldini Valeriani», è stata attivata la scuola di cinese, lingua che in Lombardia fa media in pagella già in una trentina di istituti. Ad ottobre s'è aggiunto alla comitiva il liceo «Machiavelli Capponi» di Firenze, apripista delle scuole toscane che presto s'uniranno al coro. A Prato, ad esempio, il prossimo anno scolastico inizierà con l'esordio sulla scena del liceo scientifico internazionale, nato per gemmazione dal Convitto Cignonini (tra i cui banchi sedette Gabriele D'Annunzio). Si potrà scegliere tra l'inglese ed il cinese. Chi opterà per quest'ultimo, nel quinquennio studierà in cinese anche materie come scienza, storia e geografia «per proiettarsi verso l'avvenire forte di una formazione linguistica, antropologia e culturale», spiega il rettore Mario Di Carlo. Il domani è oggi. E parla cinese. Ora anche in Italia.

Ilgiornale.it








Postato il Sabato, 21 dicembre 2013 ore 05:30:00 CET di Filippo Laganà
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.27 Secondi