Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 486051009 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1254 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
962 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
741 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
720 letture

Sulla povertà
di m-nicotra
662 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Scientifiche: I fuochi d’artificio, splendore e arte

Rassegna stampa
La pirotecnia ovvero l’arte di fabbricare i fuochi d’artificio che bruciando producono particolari effetti luminosi, è molto suggestiva e affascinante ma al tempo stesso misteriosa e poco conosciuta. Le sue origini sono antichissime e i primi esempi si hanno in Cina già nel I° secolo. In Europa fu introdotta da Bertold Schwartz, un monaco tedesco, verso la metà del XIII° secolo che fu il primo a impiegare la polvere da sparo nella formula ancora oggi utilizzata (75 % nitrato di potassio, 15 % carbone e 10% zolfo) per sparare un proiettile, mentre le prime fabbriche pirotecniche sorsero in Germania intorno al 1340 ad Ausburg, Spandau e Liegnits, ma la pirotecnia ebbe il suo massimo sviluppo soltanto a partire dal secolo scorso.

"Nobile, rischiosa e aristocratica l’arte del fuoco, progetto che si distrugge nel momento spettacolare di mostrarsi nella ricchezza oracolare delle sue meravigliose articolazioni di colori, ritmi, disegni, prospettive miracolose, rappresenta il mistero della creazione, il grandioso e l’effimero, l’eterno e il mutevole in tutto il suo spietato lirismo iconoclasta. Resta comunque l’arte più ammirata e la meno conosciuta. Tutte le arti si sono costruite un mondo, teorie, regole, storia. I fuochi marciano nel tempo del silenzio", così la definisce Francesco Nicassio, sindaco di Adelfia-Montrone cittadina barese dalla grande tradizione pirotecnica. Sì, perché non esistono libri che spieghino come si fabbricano o come si sparano i fuochi d’artificio, tutto è racchiuso nelle mura di cinta della fabbrica: le teorie, le formule, i segreti, una tradizione orale, visiva e manuale inaccessibile a tutti e che si trasmette soltanto di padre in figlio.

Poche le pubblicazioni sulla pirotecnica di cui molti scritti antichi che hanno ispirato anche le opere più recenti:
  • De la pirotecnica” di Vanoccio Biringuccio del 1540, è un trattato di chimica tecnico-scentifica;
  • La pirotecnia o sia trattato dei fuochi d’artificio usati per piacere e per bellezza” di Antonio Giuseppe Aliberti del 1749;
  • Il pirotecnico moderno – l’arte di fare i fuochi d’artifizio con poca spesa per le feste di famiglia, sponsali e altre simili occasioni” di Cesare Sonzogno del 1834;
  • Il nuovo pirotecnico ossia l’arte di preparare i fuochi d’artificio con un’appendice sui fuochi da teatro e d’acqua, sui palloni e sui globi aerostatici” di Etienne Hermart del 1889;
  • Pirotecnica moderna” di Francesco Di Maio del 1891, è un vero e proprio manuale del pirotecnico;
  • Manuale di pirotecnia in lingua italiana” di Attilio Izzo, successore di Di Maio è molto simile al precedente;
  • La pirotecnica dei dilettanti” di Arduino Burello del 1900;
  • Esplodenti” di Rodolfo Molina del 1917 è un manuale pratico per i fuochi artificiali completo di formule chimiche; l’autore fu consulente ed esperto del Ministero degli Interni all’epoca della stesura nel 1931 del TULPS (testo unico delle leggi di pubblica sicurezza) per la parte relativa agli esplosivi;
  • Fuochi artificiali” del 1960 di T. De Francesco, un manuale in cui si spiega soprattutto come fabbricare i cosiddetti fuochi di piazza (girandole, razzi, serpentelli, etc.);
  • Fuochi pirotecnici e artifizi da segnalazione” di Paolo Macchi del 1984 è più che altro una guida all’applicazione delle norme di P.S. nel lavoro di pirotecnico ed è il testo su cui studiano gli aspiranti fuochini per prepararsi all’esame;
  • Fuochi pirotecnici” di Francesco Nicassio del 1999 è l’opera di un appassionato conoscitore dei fuochi e soprattutto dei fuochisti.
Alcuni di questi volumi riportano con dovizia di particolari formule e schemi per fabbricare i fuochi ma ahimè mai come nella pirotecnia la teoria è molto distante dalla pratica. Per chi ha la fortuna di poter assistere a una giornata in fabbrica scopre che il “mastro” (il pirotecnico più esperto) mette in atto una serie di comportamenti che sui libri non vengono riportati perché i materiali che si impiegano nelle lavorazioni non sono mai qualitativamente puri al 100 %: in laboratorio le formule sperimentate sono sempre “matematicamente” esatte ma sul campo i fattori esterni influenzano sempre il risultato.

Il rischio purtroppo è insito nella professione e la tragedia è sempre dietro l’angolo ma ciò non distoglie mai il pirotecnico dal compiere la sua missione: preparare un effetto che sia più bello degli altri o che nessuno abbia ancora pensato; è così ad esempio che nascono quei capolavori della pirotecnia che sono le cosiddette “bombe da tiro”.

Quartierespiaggia.it








Postato il Domenica, 08 dicembre 2013 ore 09:30:00 CET di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 3
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi