Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 480169437 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2019

Chi ha sospeso la docente di Palermo deve dimettersi
di m-nicotra
884 letture

Maggio dei libri per il liceo G. Lombardo Radice tra le molteplici manifestazioni della città Metrolitana di Catania
di m-nicotra
857 letture

Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identità e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
di m-nicotra
685 letture

Al Comune di Catania l’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” celebra la 'giornata della Memoria tra ieri e oggi' – Never Again
di m-nicotra
667 letture

Necessità di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolarità dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
di m-nicotra
625 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Regionale
Ufficio Scolastico Regionale

·Rettifica elenco esclusi dalle graduatorie di conferma incarico di presidenza a.s. 2018/19
·Elenco posti di dirigenza disponibili - a.s. 2018/19
·Disponibilità posti dopo i movimenti Personale ATA a.s. 2018/2019
·Bando per il conferimento di 12 incarichi di prestazione occasionale per la preparazione di video-lezioni complete di materiale didattico a supporto e test di autovalutazione dell’apprendimento per MATEMATICA, BIOLOGIA, FISICA E CHIMICA
·Procedura per l’accesso al ruolo di Dirigente scolastico di cui all’art. 1, commi 87 e ss. della Legge n. 107/2015 - Immissioni in ruolo a.s. 2018-2019


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Integrazione sociale: Oltre gli stereotipi!

Rassegna stampa
Giada e Hassan sono nati in Italia da genitori stranieri, qui hanno frequentato la scuola dell’infanzia e ora sono alla primaria. I due bambini non sanno di essere, per la legge attuale sulla cittadinanza del 1992, giuridicamente stranieri e che tali dovranno rimanere fino alla maggiore età. Come molti ragazzi stranieri, anch’essi probabilmente lo scopriranno con disagio a 15 anni, quando dovranno fare il loro primo permesso di soggiorno autonomo. Per i loro compagni, Giada e Hassan sono italiani come tutti loro, dal momento che parlano, giocano, imparano… in italiano.

Le nostre classi sono diventate, e diventeranno sempre di più, multiculturali, non tanto a seguito dell’arrivo di bambini dai Paesi di origine ma soprattutto per l’ingresso a scuola di bambini che sono nati in Italia. Essi costituiscono già quasi il 60% degli alunni inseriti nella scuola primaria e raggiungono percentuali più alte (pari all’80%) nelle prime due classi. Il baby boom delle famiglie straniere si è consolidato soprattutto a partire dal 2004: è da quell’anno infatti che il numero dei piccoli non italiani diventa rilevante (pari all’8,3% delle nascite, fino a salire al 18,4% nel 2011). Sempre più nelle classi abbiamo e avremo a che fare con bambini italofoni, nati e cresciuti qui e che hanno un percorso scolastico simile a quello dei compagni italiani. Essi possono trovare sul loro cammino ostacoli dovuti a condizioni socio-economiche familiari svantaggiate, ma non più causati dallo sradicamento e dallo spostamento da un Paese all’altro e dalla necessità di un apprendimento immediato della seconda lingua.

Parole e rappresentazioni inadeguate
Queste trasformazioni della popolazione scolastica straniera implicano almeno tre cambiamenti anche nella rappresentazione della scuola e degli insegnanti. In primo luogo, sarà sempre più “normale” essere un bambino che ha origini familiari collocate altrove, o tratti somatici diversi, ma che fa parte a pieno titolo dei bambini di Milano, Torino, Vicenza… Il linguaggio che usiamo per definire oggi chi è giuridicamente straniero dovrà guardare sempre più al futuro e sempre meno al passato. È ormai del tutto inadeguato continuare a definirli, per esempio, “alunni immigrati”, perché tali non sono, oppure “extracomunitari”.

In secondo luogo, l’avanzare della “seconda generazione” dovrebbe avere come conseguenza la riduzione del preoccupante ritardo scolastico e degli esiti negativi che connotano i cammini degli alunni stranieri. Finora è stato purtroppo quasi “normale” inserire un alunno non italofono arrivato dal Paese d’origine in una classe inferiore di uno o due anni rispetto alla sua età. Attualmente gli alunni non italiani in situazione di ritardo rappresentano più del 17,4% nella scuola primaria, quasi la metà dei frequentati nella secondaria di primo grado e più del 70% nelle superiori. Dovremo anche rivedere le nostre rappresentazioni degli alunni stranieri nei momenti cruciali delle decisioni e delle scelte (orientamento e formazione delle classi).

In terzo luogo, diventerà sempre più evidente la discrepanza tra l’importanza che noi diamo all’educazione alla cittadinanza e le difficoltà del nostro Paese a rispondere in maniera positiva alle domande di cittadinanza reale e concreta che provengono dai nuovi cittadini. Oggi chi nasce in Italia può diventare cittadino facendone richiesta al compimento dei diciotto anni, ma deve dimostrare di essere stato residente in Italia, per tutto il periodo, senza interruzioni. I bambini stranieri vivono quindi un tempo segnato dall’appartenenza/non appartenenza. E questa situazione non è positiva né per i futuri cittadini, né per le nostre comunità.

SESAMO, didattica interculturale











Postato il Mercoledì, 17 aprile 2013 ore 11:38:49 CEST di Rosita Ansaldi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi