Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483980841 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4433 letture

Plauso alle ordinanze di sospensione dell’efficacia esecutiva delle sentenze del Tar. Concorso Ds 2017
di m-nicotra
1762 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1472 letture

Concorso Ds 2017.Verso l’impugnazione della graduatoria. Il Tar sospende i giudizi,in attesa del Cds
di m-nicotra
1145 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
949 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Giurisprudenza
Giurisprudenza

·Il Tribunale di Roma, in una recente sentenza, ha sancito il valore abilitante della laurea unitamente ai 24 cfu in materie psico-antropo-pedagogiche
·Corte D’Appello di Bologna: - Il D.S. non può comminare una sanzione di sospensione dal servizio per i docenti. Grande vittoria del Sindacato 'Politeia Scuola'
·Il caso dei DM, lungo quasi venti anni!
·Il Tar del Lazio accoglie il ricorso dei docenti di Geografia contro lo scandalo delle cattedre atipiche
·ASA Scuola - Il verbale d’invalidità anche se scaduto è ancora valido: da rifare l’assegnazione provvisoria di scuola dell’infanzia della provincia di Catania


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Lavoro: Lettera aperta al Presidente del Consiglio, Prof. Mario Monti

Opinioni

LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA ITALIANA, PROFESSOR MARIO MONTI

 

Egregio Presidente del Consiglio, Chiarissimo Professore,
a seguito del Suo intervento nella trasmissione televisiva “Che tempo che fa”, avvenuto in totale assenza di contraddittorio, noi insegnanti intendiamo denunciare con sdegno il tentativo di svuotare ulteriormente di contenuti, di motivazioni, di valore e di credibilità sociale la nostra professione.

Ci rammarichiamo che, cercando il plauso dell’opinione pubblica e dei mass media, sia stata diffusa a nostro danno un’ennesima mistificazione, che, in un momento di grande mobilitazione e di protesta di docenti e studenti a difesa della scuola pubblica e democratica, assume i toni di una grave e quanto mai inopportuna provocazione.

E’ difficile credere che Lei abbia mistificato la realtà dei fatti, perché non si cura di capire e tanto meno di conoscere le ragioni della scuola; è certo che Lei si sia confuso, o abbia volutamente confuso numeri e problematiche: il risultato è comunque grave per un Presidente del Consiglio che dovrebbe essere più di ogni altro sensibile e attento alle esigenze e alle necessità del Paese in un momento storico di particolare difficoltà.

Lei ha mistificato perché ha ridotto a 2 le 6 ore settimanali in più previste nel decreto di stabilità, tacendo l’aumento dalle 18 alle 24 ore frontali in classe, non ha menzionato il conseguente aggravio considerevole, “a parità di stipendio”, dell’ingente carico del lavoro “sommerso” che la nostra ordinaria attività lavorativa comporta, oltretutto imprescindibile da un oneroso impegno psicologico e umano: ore di programmazione, preparazione, correzione, riunioni e ricevimenti famiglie, ovvero interi pomeriggi e fine settimana di lavoro.

Lei ha mistificato perché ha finto di non sapere che docenti e studenti erano in piazza il 24 novembre per salvaguardare la scuola pubblica dai tagli indiscriminati e per impedire la “privatizzazione” della scuola statale e lo smantellamento di un servizio pubblico, previsti dal disegno di legge 3542 (ex ddl Aprea), attualmente in esame al Parlamento.

Nessun “grande spirito di conservatorismo” ma impegno civico, democratica protesta per la salvaguardia dei diritti sanciti dalla nostra Costituzione e della qualità culturale futura degli studenti della scuola statale.

Nessun “corporativismo”, tipico di altre categorie, non certo della bistrattata classe docente, nessuna “indisponibilità” dei docenti ai cambiamenti davvero migliorativi della scuola, nessuna strumentalizzazione o “uso” dei giovani, che sono in grado di discernere autonomamente che il Governo da Lei presieduto non ha nessuna intenzione di destinare risorse alla scuola pubblica, lasciata economicamente nella miseria ma non doma negli ideali, e non prevede alcun progetto di crescita e di sviluppo dell’istruzione e della cultura che ha da sempre reso grande l’Italia e di cui gli insegnanti sono da sempre i più autentici propugnatori.

Le famiglie italiane, che hanno i figli nella scuola pubblica, i docenti e gli studenti hanno a cuore la cultura e la loro scuola che in buona parte si regge sulle stesse famiglie, sul loro contributo, sulla loro partecipazione e sul lavoro dei docenti. Grazie a loro si conserva la cultura nella scuola, a sostegno della quale le manifestazioni di questi giorni hanno visto sfilare uniti insegnanti, studenti e famiglie, che ci affidano i loro figli e di noi si fidano e con noi collaborano.

Nella scuola che vogliamo preservare e tutelare dal degrado, ogni mattina in classe condividiamo con i nostri ragazzi studi, passioni, momenti di crescita; trasmettiamo loro valori di cittadinanza, di impegno civile, di democrazia e di humanitas; trattiamo i diritti-doveri del cittadino e la dignità dell’uomo; dell’Europa coltiviamo le radici culturali attraverso lo studio delle nobili lingue Latino e Greco; insegniamo il Risorgimento con i suoi valori di amor di patria, libertà e indipendenza; trattiamo la Resistenza, la Costituzione, i grandi padri delle lettere, le arti italiane, le scienze naturali, fisiche e matematiche, il pensiero filosofico, le culture e le lingue europee e mondiali, fino alla lontana Cina.

Nella scuola che vogliamo sostenere non c’è conservazione ma profonda aspirazione alla crescita e necessità vitale di cambiamenti democraticamente condivisi.

Da sempre, gentile Presidente, il progresso, le nuove idee, le istanze di rinnovamento sono nati nelle scuole e nelle università, avanguardie delle grandi innovazioni che la società e la storia impongono. Da qui può avviarsi un nuovo Rinascimento, civile e morale, che restituisca al nostro Paese l’antico prestigio: investire nella cultura e nella qualità dello studio significa, come dimostra la storia, lungimiranza. Il futuro di un Paese è legato a quello della sua scuola che sa veramente “guardare lontano”.
Noi docenti intendiamo testimoniare con tutta la nostra forza che svolgiamo professionalmente e con rigore il nostro lavoro in aule scolastiche molto modeste ma immuni dal trasformismo, dalla corruzione, dal clientelismo, dai reati di concussione e peculato.
Questo Suo Governo, pertanto, che non taglia gli sprechi della politica e non colpisce dovutamente evasori e speculatori finanziari, non può permettersi di offendere la professionalità di chi, laureato e vincitore di concorso pubblico, guadagna mediamente circa 1500 euro al mese, avendo anche a proprio carico spese per ricerca e aggiornamento nonché per strumenti e materiali di lavoro.
Quanto finora espresso non scaturisce da una posizione di contrasto a-priori rispetto al Suo Governo, dal quale tuttavia ci aspettiamo una lezione di grande capacità nella gestione della scuola pubblica, volta a conseguire non un mero profitto economico bensì un avanzamento sociale, civile e culturale del Paese che ci onoriamo di servire.

Forse siamo stati troppo illusi dalle tante aspettative suscitate in noi da un governo di Professori?

I Maestri laureati umiliati e offesi del Liceo Seneca di Roma






articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Lunedì, 03 dicembre 2012 ore 22:18:12 CET di Sergio Garofalo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi