Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 480067342 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
maggio 2019

Chi ha sospeso la docente di Palermo deve dimettersi
di m-nicotra
843 letture

Maggio dei libri per il liceo G. Lombardo Radice tra le molteplici manifestazioni della città Metrolitana di Catania
di m-nicotra
843 letture

Al Comune di Catania l’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” celebra la 'giornata della Memoria tra ieri e oggi' – Never Again
di m-nicotra
656 letture

Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identità e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
di m-nicotra
651 letture

Necessità di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolarità dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
di m-nicotra
610 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·A chi giova escludere i posti Quota 100 dai posti disponibili per la mobilità?
·Sì ai controlli biometrici dei dirigenti scolastici
·I 'veri' problemi della scuola
·L'Istruzione non ha la stessa 'attrattiva' della salute?
·Siamo prossimi all’eutanasia dell’autonomia scolastica: passare dal PTOF al PAS!


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Programmi Ministeriali: La Sentenza della Corte Costituzionale sull’accorpamento delle scuole e riduzione dei DS secondo l’ADI SCUOLA

Giurisprudenza

Come si ricorderà furono le Regioni Toscana, Emilia-Romagna, Liguria, Umbria, Puglia, Basilicata e Sicilia a porre, con separati ricorsi, questioni di legittimità costituzionale sull’articolo 19, comma 4, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 (Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria), convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111.
Il comma 4 prevede la soppressione delle istituzioni scolastiche autonome costituite separatamente da direzioni didattiche e scuole secondarie di I grado e l’aggregazione di tutta la scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado in istituti comprensivi, i quali per acquisire l’autonomia devono essere costituiti con almeno 1.000 alunni, ridotti a 500 per le istituzioni site nelle piccole isole, nei comuni montani, nelle aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche.
Le Regioni Toscana, Umbria, Puglia e Basilicata avevano ricorso anche contro il comma 5 del medesimo articolo, il quale  stabilisce che non possono essere assegnati dirigenti scolastici con incarico a tempo indeterminato alle istituzioni scolastiche autonome costituite con un numero di alunni inferiore a 500 unità, ridotto fino a 300 per le istituzioni site nelle piccole isole, nei comuni montani, nelle aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche, che saranno conferite in reggenza a dirigenti scolastici con incarico su altre istituzioni scolastiche autonome.
La Corte ha dunque dato parere favorevole ai  ricorsi sul comma 4, mentre ha respinto quelli sul comma 5.
L’ADi era a suo tempo intervenuta con una complessiva pubblicazione sul decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 a cura di Rosario Drago, dal titolo I CONTI DELLA SCUOLA. Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria, preannunciando con lungimiranza quanto poi è avvenuto.
Scriveva Drago:
È la terza volta che un provvedimento legislativo tenta di imporre uno standard unitario alla scuola di base: l’istituto comprensivo.
La prima volta (DPR 233/98), le regioni meridionali si ribellarono e disobbedirono. La cosa fu risolta con un commissariamento che provvide a sistemare le situazioni più scandalose. Ciò non impedì che negli anni successivi province e regioni si dessero da fare per sdoppiare istituti, istituire nuove scuole, consentire deroghe improbabili: era ancora l’epoca delle “ sperimentazioni” selvagge.
La seconda volta – con il D.L. 154 del 7 ottobre 2008 (ex art. 64, Legge 133/08) – il Ministro Gelmini tentò di accelerare i tempi del dimensionamento con un provvedimento d’urgenza. Anche in questo caso l’insorgere della Conferenza Stato Regioni, supportata da tutte le burocrazie nazionali e locali, dai sindacati e, localmente da Sindaci ed assessori, ne impedirono la completa attuazione.
La terza volta ora, con un atto d’imperio di Tremonti che  ignora la competenza “ esclusiva” degli enti locali in materia e, di conseguenza, non prevede il parere della Conferenza Stato Regioni.
Un problema insolubile e che produrrà scarsissimi risultati, molta perdita di tempo e qualche ricorso di successo all’Alta Corte.
La causa di queste inefficienze parassitarie, anche di fronte ad un obiettivo auspicabile e generalmente condiviso da tutti (vedi Annali PI, Gli istituti Comprensivi, Firenze, 1999),  sta nel fatto che gli Enti Locali sono formalmente coinvolti in una decisione strategica, ma non rispondono dei costi che è solo lo Stato a sostenere: un classico potere decisionale irresponsabile.
(……………………).
Inutile aggiungere che la disposizione di portare a 1.000 il tetto minimo per l’autonomia delle scuole troverà ancora più forti opposizioni locali, ma non è auspicabile nemmeno sul piano funzionale.
Le grandi scuole, con una organizzazione interna “ piatta” come la nostra senza gerarchie professionali, specializzazioni, servizi efficienti è destinata a trasformarsi in anarchia.
Ora c’è solo da augurarsi che gran parte del lavoro compiuto non venga buttato all’aria e che si trovi un responsabile accordo fra Stato e Conferenza Unificata delle Regioni.
Non è di buon auspicio il fatto che la Sicilia abbia già dichiarato di non voler più applicare la legge nazionale sul dimensionamento delle istituzioni scolastiche, bensì la propria legge regionale n. 6 del 2000.
Come noto, il dimensionamento delle scuole e l’unificazione della scuola di base in istituti comprensivi ha funzionato solo al Nord.
Fino all’anno scorso, nella sola Sicilia vi erano più direzioni didattiche che in tutto il Nord del Paese.
In un’intervista a La Stampa del 9 giugno u.s.  il Ministro Profumo non ha dato nessun chiarimento sulle iniziative che il  Governo assumerà dopo la sentenza della Consulta..

Queste le due risposte

D. La Corte Costituzionale ha bocciato gli accorpamenti decisi un anno fa dal governo Berlusconi. Francesco Profumo, ministro dell’Istruzione: che cosa accadrà ora nelle scuole che hanno perso presidi, professori – e a volte studenti – già emigrati altrove?
R. «Subito dopo la sentenza ho messo al lavoro le persone che lavorano con me al dipartimento della scuola. per capire come procedere. Nelle prossime settimane sapremo che cosa fare».

D. Ma se all’epoca fosse stato lei il ministro dell’Istruzione avrebbe dato via libera al dimensionamento?
«Naturalmente deve esserci compatibilità con le risorse, ma la priorità deve essere sempre il servizio reso agli studenti».









Postato il Mercoledì, 13 giugno 2012 ore 17:39:00 CEST di Redazione
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi