Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483686991 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4263 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1425 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
821 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
740 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
643 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sondaggi
Sondaggi

·Universita’di Catania: dirigenti d’oro con stipendi cresciuti del 50%
·A tenaglia sulla questione della illegittima reiterazione delle nomine a t.d. nelle scuole
·Sezioni Primavera - Esiti monitoraggio
·Questionario sul Valore Legale della Laurea, termine ultimo 24 aprile 2012
·Miur e Istat assieme per la diffusione della cultura statistica nelle scuole


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Attenti al lupo: Scandalo a Catania: la cattedra di storia ad un architetto (senza dottorato)

Rassegna stampa
Poi si chiedono perché i giovani fuggono all’estero. Ma perché mai dovrebbero rimanere in Italia a studiare, a lavorare e a fare ricerca? Per lottare tutti i giorni contro un sistema che ha abolito la selezione per merito e adotta oramai da decenni quello per cooptazione servile? Ne sa qualcosa Giambattista Scirè, 37 anni, una laurea in Storia contemporanea, un dottorato di ricerca in Studi Storici sull’Età moderna e contemporanea, e ben 5 anni di assegni di ricerca in progetti in storia contemporanea (M-Sto/04). All’attivo pubblicazioni di caratura nazionale su argomenti come il rapporto tra cattolici e laici nell’Italia repubblicana (edito da Carocci) e la storia dei diritti civili, in particolare le leggi su divorzio e aborto (editi da B. Mondadori). Aveva partecipato al concorso per un posto di Storia contemporanea (settore M-Sto/04) alla Facoltà di Lingue di Ragusa dell’Università di Catania, finendo per essere il primo degli esclusi.
La vincitrice? Una laureata in architettura.
A fine dicembre il rettore premia la candidata vincitrice, ma Giambattista non si dà per vinto e fa ricorso al Tar, vincendolo. Risultato?
La commissione torna riunirsi e conferma la sua scelta. Insomma, Per insegnare storia contemporanea è meglio un architetto (anche se le sue pubblicazioni scientifiche sono state valutate la metà dei punti di quelle del secondo classificato).
Ora il caso finisce in Parlamento, con un’interrogazione da parte del deputato del PD Paolo Corsini, al Ministro Profumo.
Come si evince dal testo dell’interrogazione parlamentare, la commissione nominata dal rettore dell’ateneo catanese, Antonino Recca, e formata dai docenti, Simone Neri Serneri dell’Università di Siena (eletto presidente della stessa), Luigi Masella dell’Università di Bari, e Alessandra Staderini dell’Università di Firenze, dichiarava vincitrice del concorso Melania Nucifora con il punteggio di 89,3 punti, contro gli 86,45 punti del secondo classificato Giambattista Scirè, che decideva subito di ricorrere al Tar.
Il motivo?
Ufficialmente la ragione del ricorso amministrativo era «la non congruità dei titoli della vincitrice rispetto al settore disciplinare oggetto del bando». La Nucifora, infatti, è in possesso di una laurea non in Storia ma in Architettura, non possiede alcun titolo di dottore di ricerca (requisito fondamentale e preferenziale per partecipare a qualsiasi tipo di concorso universitario), e risulta avere un profilo scientifico-disciplinare non congruente con il settore del concorso bandito, perché in possesso di un master in pianificazione del territorio (settore Icar-15) e di alcuni assegni di ricerca in storia dell’architettura (settore Icar-18).
E’ evidente, come peraltro ammette nel testo di riconvocazione la stessa commissione, che si tratta di una “collocazione relativamente eccentrica rispetto alla declaratoria della Storia contemporanea“.
Eppure la commissione ha deciso di considerare carta straccia l’ordinanza del Tar e di riconfermare l’esito del concorso. Al momento di stabilire i criteri specifici di valutazione, i commissari abbassavano, rispetto ai criteri usati da altre commissioni, proprio il punteggio massimo da attribuire al titolo del dottorato di ricerca (portandolo da 7 a 4 punti), titolo non in possesso della vincitrice.
Lo stesso accadeva con la modifica del punteggio attribuito ad ogni singola monografia, che risultava decisiva al fine di dichiarare vincitrice l’architetto Nucifora.
In realtà, come sottolinea l’interrogazione, Scirè otteneva ben 110 punti sulle pubblicazioni (abbassati poi a 70 a seguito del tetto massimo fissato dal bando catanese in modo, con tutta evidenza, anti-meritocratico), mentre la vincitrice appena 63, ma questo a nulla è valso ai fini del punteggio finale.
Inoltre, se il punteggio assegnato alle singole monografie fosse rimasto, come stabilito da altre commissioni, di 10 punti e non di 20, le distanze tra i due candidati sarebbero state ben più rilevanti, il che avrebbe dato la vittoria indiscutibilmente a Scirè.
La lista degli elementi di anomalia nel concorso, riportati nell’interrogazione, continua: oltre ai dubbi criteri di valutazione e all’incongruità dei titoli della vincitrice, Corsini evidenzia il fatto che alcuni saggi presentati in concorso dalla Nucifora sono contenuti in due volumi curati dallo stesso presidente della commissione Neri Serneri e che un volume scritto dallo stesso è stato inserito tra i libri di testo adottati dalla vincitrice del concorso in un suo precedente programma di esame (non in storia contemporanea ovviamente bensì in storia dell’architettura) affidatole dall’Università di Catania. Morale?
Ordinaria indecenza italiana.
Questa gente non merita solo di essere espulsa a vita dall’Università, ma anche di farsi parecchi anni di galera per truffa ai danni dello Stato e, soprattutto, dello studente.
La notizia va diffusa il più possibile. Basta con baroni, nani e ballerine.
 
Enricoberlinguer.it/qualcosadisinistra








Postato il Sabato, 02 giugno 2012 ore 05:00:00 CEST di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi