Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 480149453 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicitą
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e societą
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli pił letti del mese
maggio 2019

Chi ha sospeso la docente di Palermo deve dimettersi
di m-nicotra
877 letture

Maggio dei libri per il liceo G. Lombardo Radice tra le molteplici manifestazioni della cittą Metrolitana di Catania
di m-nicotra
853 letture

Introduzione di sistemi di verifica biometrica dell'identitą e di video sorveglianzaper i dirigenti pubblici e per il personale pubblico. Richiesta di abrogazione
di m-nicotra
676 letture

Al Comune di Catania l’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” celebra la 'giornata della Memoria tra ieri e oggi' – Never Again
di m-nicotra
664 letture

Necessitą di tutelare i diritti acquisiti e salvaguardare la titolaritą dell’insegnamento per le docenti e per i docenti della classe di concorso A-21
di m-nicotra
621 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganą
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasą
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e societą
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilitą
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilitą
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Universitą
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Associazioni
Associazioni

·Promosso dall'associazione ''Stella Danzante'' il 15 marzo 2019 dalle ore 15:00 alle ore 20:00 si svolgerą l’VIII Giornata Nazionale di sensibilizzazione sui disturbi del comportamento alimentare presso il centro fieristico “Le Ciminiere” di Catania
·Per soddisfare le tante richieste ritorna in scena il 9 marzo alle ore 21.00 al Metropolitan di Catania la replica de ''I Promessi Sposi Amore e Provvidenza''
·Incontri, Teatro, Cinema: al centro le DONNE
·2° Galą degli ex Allievi del Convitto “Mario Cutelli”.
·X Edizione Rassegna Premio Giorgio Gaber - Obiettivo Nuove Generazioni


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritč e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Cultura e spettacolo: Storie di bambini cattivi

Recensioni
Manuale per educatori e insegnanti di frontiera (e non)
Una storia sulla fatica di crescere: Angelo, il cattivo di turno che la famiglia non vuole più, viene spedito in una comunità di recupero, dove trova altri ragazzi mal in arnese come lui e padre Costantino, il personaggio chiave della vicenda che porta scritto nel nome la cifra del suo essere: paziente, tenace, fermo ma pieno di tenerezza. Manuale per educatori di frontiera e non.

Nato anche dall’esperienza presso una comunità alloggio per minori dell’autore, che si è accostato alla psicologia dell’età evolutiva ed alla scrittura come strumento per comunicare emozioni e per narrare il disagio, Ero cattivo (Edizioni San Paolo) di Antonio Ferrara racconta la storia di un ragazzino difficile, costretto a trascorre un periodo di recupero in una comunità di campagna.

Una faccia da schiaffi, ecco chi è Angelo: mai un pensiero giudizioso, un gesto da ragazzo normale, mai un attimo di tregua. Duro, cinico, violento, facile immaginare per lui un destino segnato. Di quelli che nella vita non combinano niente di buono, in fondo si dice che se la sono cercata. E Angelo, da buon cattivo, è uno che sa la cerca da sempre, da molto tempo prima di mandare al creatore, facendole prendere un colpo al cuore, la Balducci, professoressa d’inglese. Gran brutta storia.

Ha corso un bel rischio Antonio Ferrara, a prendere uno come Angelo, ragazzino difficile, figlio di un ambiente degradato, metterlo tra le pagine di un romanzo e farne il protagonista di un racconto di vita tormentata che poteva scivolare nel pedagogico, sfiorare il buonismo o sprofondare nell’edificante. Se non fosse che Ferrara i tipi come Angelo li ha conosciuti da vicino. Sette anni da educatore di ragazzi difficili in una comunità alloggio a Napoli hanno lasciato segni che non si cancellano e innescato nel tempo la voglia di raccontare quel disagio e provare a dar voce a un mondo e a un dolore che non hanno voce, immaginando però spiragli di speranza.
 all’occhiello alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna - possiede la durezza del reale e la leggerezza della letteratura. È una storia sulla fatica di crescere: Angelo, il cattivo di turno che la famiglia non vuole più, viene spedito in una comunità di recupero, dove trova altri ragazzi mal in arnese come lui e padre Costantino, il personaggio chiave della vicenda che porta scritto nel nome la cifra del suo essere: paziente, tenace, fermo ma pieno di tenerezza.

È l’educatore che resiste con ostinazione alle provocazioni dei ragazzi e sa sdrammatizzarle con ironia, l’uomo che crede ciecamente nel Bene e nella possibilità delle persone di cambiare in meglio. «In Costantino, personaggio reso quasi esemplare, paradossale e persino un po’ sopra le righe - racconta Antonio Ferrara - c’è una parte di me e della mia esperienza. È lui a incarnare il pensiero di fondo del romanzo.

Quell’idea che si ritrova nell’ultima riga di una lunga frase di Danilo Dolci che ho voluto come epigrafe: ciascuno cresce solo se sognato. Significa che l’educatore in gamba non può appiattire i ragazzi sul presente. Guai immaginarli fermi e immutabili nel tempo». Padre Costantino ha la passione dei ritratti. Fissa con dolcezza i visi arrabbiati dei ragazzi e li disegna come saranno da grandi, perché li vede in prospettiva. A chi commenta Non mi somiglia, risponde non ancora.

«La chiamano profezia educativa, significa provare a immaginare un futuro diverso, non scontato. Credendoci. È quella strana alchimia per cui a furia di contemplarla finisce che l’utopia si autoavvera. Anch’io l’ho sperimentato». E qui Antonio Ferrara autore-educatore e pure illustratore accenna a un tratto di biografia . «Per un anno intero la professoressa d’italiano delle medie mi ha lasciato illustrare il compito in classe nella metà destra del foglio protocollo.

Mi lasciava fare nonostante le prese in giro e le proteste dei compagni. Venticinque anni prima che fosse chiaro a me, la professoressa Scotti aveva capito. Mi aveva visto in prospettiva». Come dire che se qualcuno crede in te, è convinto che puoi farcela, prima o poi ce la farai. Nessuno ha soluzioni pronte all’uso ma può aiutare il prossimo a prendere in mano la propria vita. Nel racconto anche un cane ha il suo perché: è Selvaggio, il meticcio mordace e indisciplinato, che Angelo s’impegna con alti e bassi a educare.

«Anche Selvaggio è un espediente, la metafora della responsabilità che un educatore deve ribaltare sui ragazzi, perché è a loro che tocca il compito di educare la propria parte selvaggia. Come Angelo, anche il cane non ha bisogno di punizioni ma di qualcuno che accettandolo gli mostri un punto di vista diverso su quel che combina. In maniera lieve - continua Ferrara - faccio sospettare che prendendosi cura del cane quel ragazzo sta educando se stesso». In educazione, la violenza non serve; fare muro contro muro è una strategia perdente. La vera scommessa è l’empatia, parola chiave che Antonio Ferrara ha nel cuore, perché nella sua vita di scrittore e di educatore ne ha sentito la forza travolgente.  Troviamo citato Wim Wenders e i suoi angeli invisibili che accanto agli uomini ne leggono i pensieri, i sogni e i desideri e le paure, e a furia di ascoltarli hanno voglia anche loro di avere quegli stessi desideri e sogni. «Mettersi nei panni degli altri è un modo per capire; come quegli angeli bisogna imparare a leggere nella testa dei ragazzi. Perché così, spiazzandoli, si può aiutarli a riconoscere i loro pensieri, e a offrire contemporaneamente anche le parole così difficili per esprimerli». In fondo questo anche il mestiere dello scrittore. «L’autore in fondo nomina le tue emozioni e non parla solo delle sue, e lo fa scegliendo una lingua così articolata e levigata, frutto di un grande sforzo, che alla fine suona autentica.

E allora sì che chi legge riesce a stupirsi, a piangere, a ridere e a soffrire, a entrare con tutto se stesso dentro le storie, sentendole anche proprie. Comprese quelle cosiddette più dure. Che - conclude Ferrara - non bisogna temere di proporre ai più giovani. Perché lì ci sono le chiavi e le parole con cui i ragazzi possono affrontare i problemi e i dolori che comunque attraversano, troppo spesso in solitudine». Ad Angelo piace come parla Costantino, che dice sempre, non dice mai se. Perché questo lo fa sentire forte e capace, perché comprende che lì c’è una tenerezza che indurisce e fa crescere. E fa immaginare che alla fine chi perde vince.

Pur non risparmiando al lettore situazioni dolorose, Antonio Ferrara sembra prediligere un registro più lieve, ironico e spesso divertente. Anzi, estremizzando, fino a sfiorare il paradossale, le condizioni dei ragazzi ospiti della comunità – dove spicca il temperamento equilibrato ed artistico di Padre Costantino –, l’autore riesce a trasmettere i sentimenti contraddittori del protagonista, il suo turbamento interiore e le difficoltà che incontra nel superare le asperità del proprio carattere, così che il cambiamento di Angelo si possa concretizzare passando attraverso diversi stadi di ribellione, ma anche una graduale presa di coscienza: «Ero stufo di essere cattivo, di essere incapace, di essere me. Volevo essere qualcun altro, adesso, uno diverso e capace».

redazione@aetnanet.org








Postato il Giovedģ, 29 marzo 2012 ore 00:02:22 CEST di Giuseppina Rasą
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati

Recensioni

contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternitą dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi