Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 486092856 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
agosto 2019

Contrasto alla povertà educativa: pubblicato il bando per 50 milioni
di m-nicotra
1258 letture

Sedi vacanti e disponibili dopo le operazioni di Mobilità dei Dirigenti Scolastici a. s. 2019/20 Sicilia
di m-nicotra
984 letture

Concorso Dirigenti Scolastici, pubblicata l’assegnazione regionale dei vincitori
di m-nicotra
759 letture

Pubblicata la graduatoria del concorso per dirigenti scolastici
di m-nicotra
728 letture

Sulla povertà
di m-nicotra
674 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Eventi
Eventi

·Job orientation and Work experience in Europe
·Tavola rotonda al III IC Rodari di Acireale
·Sabato 17 marzo Gara Regionale ''EXPONI le tue idee 2018'' per il Convitto Nazionale “Mario Cutelli” di Catania.
·Tavola rotonda su dislessia, disgrafia, discalculia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività
·"Autismo: transizioni e sinergie"


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Dirigenti Scolastici: Concorso ds: corruzione e ricorsi. Non è meglio allora ricorrere al sarcasmo?

Opinioni
  Lettere in redazione
Concorso DS. Che corruzione! Meglio ricorrere al sarcasmo.

Ho letto sul sito dell’Associazione Nazionale per Dirigenti Scolastici (Dirpresidi) un articolo a firma della redazione datato  19/12/2011 dal titolo “Il concorso a preside a Caserta tra mazzette e millantatore”, in cui si parla di un esposto da parte di un capo d’Istituto contro il suo collega, B.S., della Direzione Didattica di Carinaro, in provincia di Caserta, per avere quest’ultimo organizzato un corso di preparazione per il concorso a dirigente scolastico, in via di espletamento, e di avere promesso il superamento dello stesso concorso dietro “mazzette” (1.000 euro sarebbero serviti per l’iscrizione alla Dirpresidi + 4.000 euro per l’intervento di “un alto dirigente del MIUR”+ 5.000 euro a concorso concluso).
La Dirpresidi riferisce che, letto l’esposto, ha denunciato il mazzettaro millantatore dirigente scolastico B.S. e si è costituita parte civile nel celebrando processo, aggiungendo che lo stesso mazzettaro era stato già espulso l’anno scorso dalla Dirpresidi per altri fatti.
In un paese corrotto come il nostro non ci si scandalizza più di tanto.
Ma questa vicenda presenta degli aspetti particolari.
Nell’articolo si legge che nel precedente concorso a dirigente scolastico i corsisti guidati dallo stesso mazzettaro millantatore avevano tutti superato il concorso. Oggi, quindi, essi sono tutti capi d’istituto! Allora il mazzettaro non è un millantatore, ma fa sul serio, è un uomo di parola: “tu mi dai i soldi, io ti assicuro che sarai dirigente scolastico”.
Ed è anche molto severo e scrupoloso. Dice: “A me questa volta sono spettati solo trenta posti per il corso di preparazione, mi dispiace non ne accetto altri”. E’ irremovibile. E’, appunto, di parola.
Apriti cielo! L’articolo della Dirpresidi riporta il seguente passo dell’esposto: “…è iniziata la corsa a chi faceva prima ad iscriversi al corso e se non si era raccomandati non vi era alcuna speranza di frequentare il corso di preparazione! Chi non ha fatto in tempo ha reagito, ha parlato e così sono venuta a conoscenza – scrive la denunciante – perfino delle condizioni per aspirare ad uno dei trenta posti”.
Ora, avere la possibilità di frequentare il corso significa, stando a quanto si denuncia in merito alla precedente esperienza concorsuale ed alla serietà professionale del mazzettaro, ottenere la nomina a dirigente scolastico. Diciamo la verità, con i tempi che corrono 10.000 euro per un posto di dirigente scolastico non sono poi tanti. Certo, ci sono altri aspiranti che, appartenendo alla “casta”, ai raccomandati, all’amante, all’amico e all’amico dell’amico, non pagano questa somma. Ma è pur vero che ci sono anche coloro che, non appartenendo a queste categorie, potrebbero essere sono costretti a sborsare anche 25.000, 30.000 euro per superare il concorso.
Ma nel caso del DS di Carinaro si impone un problema di giustizia sociale.  
Sì, perché non si può essere estromesso avendo la sola colpa di non aver fatto in tempo a trovare la strada giusta per frequentare il corso del mazzettaro e diventare capo d’Istituto. Gli sfortunati ritardatari, che al prossimo anno scolastico vedranno i propri colleghi docenti diventare dirigenti scolastici con qualche migliaia di euro, si ammaleranno di orticaria. E questo non è giusto! Non è sopportabile!
Non è giusto e non è sopportabile nemmeno in un concorso, come quello in via di espletamento, che è nato male ed è evoluto peggio.
Le “aperture” di un bando di concorso, chiaramente orientate a possibili imbrogli; una procedura concorsuale priva di chiarezza e trasparenza; fughe di notizie su cui indaga la polizia postale; quasi mille quiz errati predisposti da persone incompetenti, che i dirigenti apicali del MIUR decidono di eliminare dalle batterie dei test appena sette giorni prima della prova preselettiva (quel MIUR che ha esercitato con questa procedura concorsuale una violenza professionale e morale, mai vista prima nel nostro paese, nei confronti degli insegnanti); l’obbligo imposto ai candidati di correre a cercarsi i 100 quiz sorteggiati in un librone, con una procedura nata sicuramente da una mente distorta e che avrebbe fatto impallidire anche il più ottuso funzionario borbonico; moltissimi errori riscontrati persino nei 100 quiz sorteggiati; le ore di intervallo trascorse nelle varie scuole sede d’esame tra la ricezione dei quiz sorteggiati e la loro somministrazione ai candidati, con uso spregiudicato di cellulari, computer e altri aggeggi simili. E’ questo il terreno fangoso e sporco su cui nascono gli episodi di corruzione come quello di Carinaro.
In una vicenda in cui per oscuri motivi il MIUR si è ostinato a non rinviare le prove preselettive per fare chiarezza su fatti sconcertanti; in una vicenda in cui il MIUR non ha ritenuto di attendere l’esito dell’udienza del Consiglio di Stato fissata per il giorno 20 dicembre scorso, facendo svolgere le prove scritte il 14 e il 15 dicembre (appena 6 giorni prima), chiaramente inibendo il diritto di difesa in appello, comprimendo i termini di svolgimento delle prove; in una vicenda in cui il Consiglio di Stato non ha accolto i ricorsi dei ricorrenti, sostenendo che secondo il bando di concorso non era prevista la partecipazione alle prove scritte ai candidati che non avevano superato la prova preselettiva (una motivazione che non è una motivazione!); in una vicenda in cui lo stesso Consiglio di Stato ha poi ammesso alle prove scritte alcuni candidati sul presupposto che tra i 100 quiz sorteggiati vi potevano essere alcuni errati; in una vicenda in cui alcuni TAR (per es. Lombardia e Campania) hanno accolto i ricorsi dei ricorrenti ammettendoli alle prove scritte.
Diciamo la verità. In questa vicenda vogliamo condannare un dirigente scolastico mazzettaro, peraltro uomo di parola, ancorché serio e inflessibile? Vogliamo condannare un docente sfortunato che, con i 10.000 euro in mano, pronto a pagare il costo del posto di dirigente scolastico, non ha potuto partecipare al corso di preparazione del dirigente mazzettaro in quel di Carinaro?
Suvvia! Siamo in un paese in cui un’associazione di presidi, con buona pace di chi ha superato la prova di preselezione con le proprie forze e con sacrifici inimmaginabili, ritenendo che tutta questa vicenda rientri nella normalità, si batte per contrastare ogni diritto dei ricorrenti, invitando i docenti risultati idonei alla preselezione a costituirsi ad opponendum in ogni grado di giudizio. A pagamento. Naturalmente.

Lettera firmata
redazione@aetnanet.org








Postato il Mercoledì, 28 dicembre 2011 ore 16:30:00 CET di Pasquale Almirante
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4.66
Voti: 12


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi