Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483758426 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4341 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1436 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
836 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
758 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
756 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni Scolastiche
Istituzioni Scolastiche

·Scuola estiva di giornalismo Diregiovani a Catania
·Alla ricerca della lettera “c” Corso di formazione con il Robot per i docenti dell’Istituto S. M. della Mercede di Sant’Agata li Battiati
·Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
·Bando selezione esperti madrelingua FSE/PON - ICS San Domenico Savio - San Gregorio di Catania
·A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Contratto: Area programmatica in CGIL-Catania: Il CCNL 2006/2009 è tuttora vigente, se il preside del “Boggio Lera” è stato condannato se la prenda con se stesso.

Sindacati
Abbiamo letto con ritardo, ma con crescente incredulità e con qualche sorriso, la lunga e accorata lettera del Prof. Giovanni Torrisi, Dirigente scolastico del Liceo scientifico “Boggio Lera” di Catania, pubblicata su “La Sicilia” di domenica 9 ottobre.
Egli lamenta come “oggi tentare di essere persona perbene con dignità “costa”.
Nel parlare comune il “perbene” si riferisce generalmente all'osservare le leggi, per il Torrisi nel violarle.
Un comportamento tanto più censurabile in un prestigioso funzionario statale, cui compete nell'organizzazione della scuola il garantire, nella crescita dei futuri cittadini, gli studenti, lui affidati, il rispetto delle istituzioni della Repubblica, ivi compreso il culto della legalità, l'osservanza delle leggi e delle sentenze.
Ad esse il Torrisi contrappone, con umiltà, le sue “ caratteristiche di persona e di preside, non certo immune da imperfezioni, ma, portato naturalmente a comportamenti rispettosi dei diritti altrui, se diritti sono” (sottolineatura nostra).
Imperfetto sì, ma capace di giudicare, oltre e contro la legge e la magistratura, se possa o no consentire; un monarca assoluto, quasi vicino a Dio.
Ora la magistratura lo ha condannato:

per aver violato l'obbligo di informazione preventiva alla Rappresentanza Sindacale Unitaria (RSU), relativamente al piano delle risorse complessive per il salario accessorio e all'attuazione della normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro;
per condotta antisindacale (art. 28, Legge 300/70), attraverso l'adozione di provvedimenti disciplinari illegittimi nei confronti dei docenti componenti la RSU.

Così stanno le cose, ed è impossibile per Torrisi, come per Berlusconi, agitare il “legittimo impedimento, a volte anche a tutela dei docenti della scuola”. Una frase oscura, così come quella relativa ad una “persecuzione delle cose”. Vogliamo pensare che volesse scrivere “prosecuzione”, ma l'amarezza per l'offesa ricevuta, la condanna, ha inceppato la penna. Una congiura dei giudici. Piccoli Berlusconi crescono.
Ma lasciamo il preside ai suoi tormenti.
Quello che ci interessa, e serva da monito a chi di Torrisi volesse seguire le orme, è che la giurisprudenza si sta consolidando.
Alla sentenza ottenuta dall'Avv. Antonio Leonardi, si accompagnano analoghe sentenze (Velletri, 27/09/2011; Lucca, 14/07/2011; Catania, 15/09/2011) che possono essere lette sul sito della FLC CGIL nazionale (http://www.flcgil.it/scuola/negare-la-contrattazione-d-istituto-e-comportamento-antisindacale.flc): esse affermano il principio giuridico che il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) 2006/2009 è tuttora vigente, e che pertanto la contrattazione integrativa d'istituto si deve sviluppare nei modi e sui contenuti previsti dall'art. 6 del CCNL, e che delle norme Brunetta si può fare strame.
(All'interno la lettera del preside Tporrisi a La Sicilia di Catania)

per il Coordinamento provinciale
LAVORO SOCIETA'
Gabriele Centineo

La lettera del preside Torrisi a La Sicilia
Torrisi: «Sempre rispettoso dei diritti altrui»

Giorni fa è stato pubblicato sul quotidiano "La Sicilia" un articolo intitolato: "La diatriba al Boggio Lera - giudice dà ragione ai Cobas". In esso, riportando parti estrapolate dal contesto del dispositivo e mancanti di completezza, si evidenziavano comportamenti antisindacali, censurati dal giudice, che, in verità, hanno lasciato molti lettori, che conoscono il mio modo di essere, piuttosto increduli. Devo dire che anch'io sono rimasto un po' incredulo, conoscendo atti e fatti, e non solo quelli cui si fa riferimento nell'articolo forse producendo più consistente incredulità.
Ma, considerato che non ritengo che sia necessario dar seguito a ciò che non mi consentirebbe di mantenere il mio "stile", come il suddetto articolo, visto che mi fido della capacità di "leggere" del lettore, in particolare di chi ha avuto modo di conoscere le mie caratteristiche di persona e di preside, non certo immune da imperfezioni, ma, portato naturalmente a comportamenti rispettosi dei diritti altrui, se diritti sono, in ogni caso aperto e disponibile, chiaramente però, per rispetto alla mia dignità e al mio ruolo, non propenso ad accettare l'illegittimo e l'arbitrario, il cui accoglimento non troverebbe alcuna giustificazione.
Non intendevo pertanto rispondere, ritenendo più opportuno occuparmi di altro, in particolare della scuola. Ma amici e conoscenti fra cui diversi docenti - anche non più in servizio al "Boggio Lera" - facendo leva sulla realtà di oggi che evidenzia spesso poca attenzione per la realtà delle cose, tendenza a recepire i fatti come vengono presentati; frequente richiamo alla legalità non vissuta, frequente incapacità di "leggere", mi hanno sollecitato a scrivere, per evitare che passi una persecuzione delle cose che, benevolmente, è da dire non corrispondente al vero. Se non altro per tutelare l'immagine del "Boggio Lera", che risulta un po' intaccata, senza che nessuno abbia avvertito l'esigenza di difenderla.
Non mi va di scendere nello specifico, si potrebbe dare spazio ad un "battibeccare" che non qualifica nessuno. Potrei argomentare sul dispositivo del giudice che parla "solo" di parziale accoglimento del ricorso; potrei far riflettere sul significato della compensazione delle spese disposte dallo stesso giudice; potrei precisare sul perché è stato ritenuto illegittimo il procedimento disciplinare attivato dallo scrivente, sulla manomissione di un atto, che il giudice non disconosce ma sostiene che, nel caso specifico, occorreva procedere in sede penale e civile; potrei argomentare sul perché il giudice dà ragione allo scrivente sulle materie di contrattazione, ormai ridotte, dopo la legge 150/2009, e tanto altro che darebbe una visione "più completa e chiara" del dispositivo. Ma non lo faccio, per i motivi suindicati, che ritengo vengano compresi.
Si, è vero, il giudice ha invitato lo scrivente a fornire alcuni documenti in tempo utile e con maggiore completezza, e ciò è stato ritenuto di rilevanza antisindacale. Chi ha avuto modo di conoscere atti e fatti, se che c'è stato sempre, da parte dello scrivente costante disponibilità a fornire quanto previsto dalle disposizioni di legge, ma in qualche caso non si è potuto per legittimo impedimento, a volte anche a tutela dei docenti della Scuola, che però il giudice, sulla base di norme e disposizioni giurisprudenziali, ha ritenuto di non dover accogliere. Potrei dire tanto altro, come evidenziare che lo scorso anno lo scrivente, a proposito di assemblee sindacali, ha consentito anche quelle dei precari della provincia, che hanno avuto modo di esporre le loro ragioni durante un Collegio Docenti, e ciò a riprova di tendenze antisindacali del sottoscritto, ma non ritengo sia necessario Infine, oggi tentare di essere persona perbene con dignità "costa", perché il mondo dei più spesso preferisce percorrere altra strada.
Giovanni Torrisi
Preside Liceo Scientifico Statale "Boggio Lera"








Postato il Martedì, 11 ottobre 2011 ore 17:18:29 CEST di Pasquale Almirante
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4
Voti: 12


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi