Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483812207 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4376 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1446 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
853 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
838 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
763 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Attività parlamentare
Attività parlamentare

·Al Governo si gioca a spaccare la scuola ed il paese
·Concorso presidi annulllato, Bussetti si dimetta
·Educazione Civica dibattito al senato il 13 giugno
·Scuola intitolata ad Agnelli? No, Grazie
·La carenza dei medici figlia di una politica assurda


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Un'occhiata all' EDUCAZIONE 2010 e 2011( il 2008 non è il 2011!)

Sondaggi
Al MIUR chi scrive i comunicati ormai non ci capisce più niente. Infatti per stare dietro alle assurdità che la Gelmini deposita qua e là, in un comunicato presente nel sito, scrivono: Dati Ocse smentiscono classi-pollaio dal 2000 spesa per studente aumentata del 6%. I dati del rapporto Ocse sull'istruzione in Italia confermano la necessità di proseguire nella direzione delle politiche adottate dal governo e ne indicano alcuni risultati positivi. Viene dimostrata l'assoluta infondatezza delle polemiche sul presunto sovraffollamento delle classi.
I dati Ocse dimostrano infatti che gli studenti italiani vivono in classi relativamente poco numerose, con un insegnante ogni 10,7 alunni nella scuola primaria (media Ocse 16) e uno ogni 11 alunni nelle secondarie (media Ocse 13,5).Inoltre, la riorganizzazione dei curricoli e la razionalizzazione delle ore di insegnamento attuate dalla Riforma vanno nella giusta direzione, poichè gli studenti italiani trascorrono a scuola un numero di ore superiore alla media Ocse. Infatti gli studenti dell'area Ocse tra i 7 e i 14 anni hanno una media di tempi d'istruzione di 6.732 ore, mentre la media italiana è di 8.316 ore. A questo dato, si collega il tema dello stipendio inferiore alla media dei docenti italiani. Gli insegnanti italiani infatti sono numerosi, per fare fronte all'elevato numero di ore di insegnamento; questa è una delle cause della loro retribuzione non alta. I dati Ocse dimostrano inoltre che, tra il 2000 e il 2008, la spesa delle scuole per ogni studente è aumentata del 6%, mentre è aumentata dell'8% per ogni studente universitario.              E’ molto significativo che, dopo il taglio di 133.000 posti in tre anni, la Gelmini, commentando inconsapevolmente i dati del 2008, continui a dire, come un disco rotto, che gli insegnanti sono troppi e che per questo motivo essi vengono mal retribuiti.
Ora invece i tagli ci sono stati e il trenta per cento dei cosiddetti risparmi è stato e sarà utilizzato per garantire la retribuzione degli scatti nei tre anni tagliati 2010-2011-2012.
Per fare ciò a regime i 960 milioni del merito dal 2012 non saranno più disponibili per altre operazioni. Ma è possibile che al Miur non ci sia nessuno che spieghi a questo disgraziato ministro questa elementare questione di bilancio!
Tali servizi non saranno valutati giuridicamente per raggiungere i successivi scaloni.
Un milione di dipendenti della scuola ogni volta che dovrà passare di scalone dovrà attendere tre anni di più. Lo conferma una recente Circolare del MEF. Anche i precari neo nominati in ruolo dovranno sostare nel primo scalone non solo 9 anni ma altri 5 (3+2) derivanti dalla cancellazione delle anzianità prodotta dall’art. 9, comma 23,della legge 122/2010 e dalla legge 111/11 che ha convertito il decreto legge 98/11 e prorogato al 2014 tale taglio dei servizi. Infatti l’articolo 16, comma 1 lettera b) di tale legge stabilisce “la proroga fino al 31 dicembre 2014 delle vigenti disposizioni che limitano la crescita dei trattamenti economici anche accessori del personale delle Pubbliche Amministrazioni previste dalle disposizioni medesime”.
Lo scrivono  nello stesso comunicato ma non si sono accorti che i dati della spesa per l’istruzione e l’intero Rapporto 2011 si riferiscono all’anno 2008!
La spesa per l’istruzione del 2008, superiore a quella del 2007, è da attribuirsi alla finanziaria presentata dal governo Prodi. Chi scrive i comunicati, se non la Gelmini, dovrebbe saperlo!
Se il Rapporto 2011 si riferisce all’anno 2008 non si capisce come possa indicare i risultati positivi della politica della Gelmini realizzati con la legge 133/2008 che ha avuto il primo anno di attuazione nel 2009-2010!
Non si capisce perché la Gelmini debba compiacersene. Gli effetti della sua politica dei tagli hanno portato nel 2010 la spesa rispetto al PIL al 4,2%.
Infatti oggi i dati dell’Italia sono molto più bassi di allora: nel 2010 si trattava
del 4.2% del PIL!
Infatti con riferimento alla spesa pubblica valutata rispetto all’andamento del PIL nel Programma di stabilità (PS) del DEF 2011-14 approvato dal Parlamento, alla Tavola
V.1, la previsione di spesa relativa  all’istruzione scende dal 4,2% sul PIL del 2010 al 3,7% del 2015 e al 3,2% del 2030.
Questa scelta di riduzione della spesa strutturale per l’istruzione è la più significativa forse unica in Europa. Essa si potrà realizzare con i tagli agli enti locali e con il blocco
degli scatti.
Essa contraddistingue in Europa il Governo Berlusconi in questo fondamentale settore.
 
La spesa totale per l’istruzione(Scuola e Università)
 
CONFRONTO ITALIA(MEDIA OCSE)
% A
% B
Anno 2008
9,4 (12,9)
4,8(5,9)
Anno 2007
9,0 (13,3 )
4,5 (5,7)
Anno 2000
9,8 (13,0 )
4,5 (5,1)
Anno 1995
9,0 (12,1 )
4,6 (5,2)
 
A=percentuale della spesa totale (scuola e università) per l’istruzione sul totale della spesa pubblica
B= percentuale della spesa totale (scuola e università) per l’istruzione rispetto al PIL
Il dato complessivo OCSE è superiore alla somma di scuola è università perché comprende anche i dati della scuola dell’infanzia e per l’educazione permanente
 
La spesa totale nel 2008 per Scuola e Università
 
CONFRONTO ITALIA(MEDIA OCSE)
% A1
% B1
Anno 2008 SCUOLA
6,7(8,7)
3,3((3,8)
Anno 2008 Università
1,7(3,0)
1,0(1,5)
Anno 2007 SCUOLA
6,4 (9,0 )
3,1 (3.5)
Anno 2007 Università
1,6 (3,1 )
0,8 (1,2) ()
 
A1=percentuali della spesa per la scuola e per l’università sul totale della spesa pubblica
B1= percentuali della spesa per la scuola e università rispetto al PIL
Chi lo desideri può consultare nell’allegato le tabelle e i relativi grafici che nel rapporto 2011 trattano tali materie.    (di Osvaldo Roman da ScuolaOggi)

redazione@aetnanet.org









Postato il Giovedì, 15 settembre 2011 ore 08:14:01 CEST di Pasquale Almirante
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi