Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 482007184 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Caldo canicolare, basta con l'esame di Stato tra fine giugno e luglio. Bisogna anticipare l'esame di maturità
di m-nicotra
1691 letture

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
1269 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
837 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
815 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
739 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sondaggi
Sondaggi

·Universita’di Catania: dirigenti d’oro con stipendi cresciuti del 50%
·A tenaglia sulla questione della illegittima reiterazione delle nomine a t.d. nelle scuole
·Sezioni Primavera - Esiti monitoraggio
·Questionario sul Valore Legale della Laurea, termine ultimo 24 aprile 2012
·Miur e Istat assieme per la diffusione della cultura statistica nelle scuole


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: 1973: Do you know Chile? Il primo 11 Settembre in America. L’attacco alla casa Rosada e l’uccisione del presidente Allende.

Rassegna stampa
     Sicuramente tutti i mezzi d’informazione l’11 Settembre, riempiranno le testate rievocando  la tragedia delle Torri Gemelle, come accade di consueto nella ricorrenza di questa immane tragedia; ma non dedicheranno alcuna riga in ricordo della morte del Presidente costituzionale cileno, Salvador Allende, avvenuta nel 1973, sospinta anche da mani criminali.
     Salvador Allende, una vita politica interamente dedicata al servizio del suo popolo; nato a Valparaiso (Chile) nel 1908, a solo 23 anni si laurea in medicina.
Laureatosi in medicina all’Universidad de Chile nel 1932 inizia a lavorare come medico, impegnandosi anche come delegato nelle lotte sindacali; contemporaneamente fonda il Partito Socialista Cileno.
     Inizia la sua vita attiva in politica con la carica da deputato nel 1937,  essendo in quel periodo Segretario nazionale del partito; nella sua ascesa verso al governo verrà nominato Ministro della Sanità.
     Dal 1966 al 1969  sarà Presidente del Senato, candidandosi a Presidente della Repubblica nel 1970. Vince le elezioni e la sua figura passerà alla storia come il primo Presidente Socialista del Cile, scelto per via democratica.
     Politico chiaro e determinato nel suo primo discorso diretto al popolo, esprimerà una frase che probabilmente  “colpirà nel  cuore” coloro  che programmarono la sua morte:“In America Latina la grande massa comprende la tappa storica nella quale vivono, prende coscienza del dramma dei Paesi in via di sviluppo e sano perfettamente bene che il grande nemico di ieri, oggi e sempre è l’Imperialismo!.”
     La sua scelta programmatica per governare comprenderà quarantuno punti, tutte misure atte a  sradicare le diseguaglianze sociali, come garantire il latte tutti i giorni a ogni bambino cileno.
     Sicuramente furono due le misure, le più indicative che portarono la  fine del governo Allende: la riforma agraria con la concessione di crediti bancari ai contadini per acquistare le loro terre e,  la più “irritante”, la nazionalizzazione del rame. Molto spesso il Presidente ripeteva questa frase:  “il rame è il pan del Cile, perché dobbiamo lasciarcelo rubare”?…
     Il rame, la riserva mineraria più importante del Paese e sicuramente del mondo, in quel periodo produceva il 20% del fabbisogno mondiale. Tutta la produzione era in mano alle multinazionali straniere che tra il 1965 e 1970, avevano ottenuto profitti per quasi 600 milioni di dollari.
     Salvador Allende aveva osato troppo e per quelli che ardivano nei loro intenti  vi era  un piano diabolico  ben congegnato, conosciuto (troppo tardi) come il “Plan Condor”; ideato a tavolino nei saloni della sede del governo in Asunciòn, capitale del Paraguay.
     Parteciparono all’esecuzione del piano, capi militari di quasi tutti i paesi latinoamericani e ovviamente il principale ideatore, Henry Kissinger posteriormente premiato con il Nobile per la pace. Gli avvenimenti, come la Storia si incaricherà di dimostrare, non lasciarono estranei gli Stati Uniti. “Non vedo perché dovremmo restare con le mani in mano a guardare mentre un Paese diventa comunista a causa dell'irresponsabilità del suo popolo. La questione è troppo importante perché gli elettori cileni possano essere lasciati a decidere da soli”, ammise senza giri di parole Henry Kissinger, il potentissimo segretario di stato americano dell’era Richard Nixon. L’appoggio americano ai golpisti rientrava in una più vasta strategia di contrasto– denominata operazione Condor -verso quei paesi sudamericani indirizzati ad una deriva marxista: Argentina, Bolivia, Brasile, Paraguay, Perù, Uruguay e, appunto, Cile.
“El Golpe” del Cile fu uno dei tanti che accaddero nel Continente tra 1960-1970  e che “obbedivano” al suddetto piano .
     Nella drammatica sera dell’11 settembre 1973, Allende cercò di resistere ma fu annientato insieme a tutto il suo popolo, sarà ammazzato a colpi di fucile dentro il Palazzo della Moneta, a Santiago del Cile.
Il popolo che cercò di resistere fu incarcerato  perseguitato e torturato; più di duemila persone furono  portate in un campo di calcio e fucilati. Forse la storia più straziante è quella del cantautore Victor Jara che fu anche un  importante militante del Partido Comunista de Chile e membro del comitato centrale delle Juventudes Comunistas de Chile.   Mentre cercava di intrattenere i prigionieri con la sua chitarra,  per evitare che continuasse a suonare  gli furono tagliate le mani  prima di essere colpito a morte.
     Della tragica storia del Cile, la pagina più dolorosa è rappresentata dal fatto che il suo principale esecutore non sia stato mai giudicato per i crimini commessi.
     Augusto Pinochet morì tranquillamente nel suo letto, con la benedizione di grande parte della chiesa cattolica.
“Nunca Màs”, due parole che vorremo fare vere per sempre noi latinoamericani.“IL dramma accade in Cile, per il male dei cileni, però rimarrà nella storia come qualcosa che successe senza soluzione a tutti gli uomini di questo tempo e che persisterà nella nostra vita per sempre”. Gabriel Garcìa Màrquez.

Postato da  Inès Cainer (Breaking News, U.S.A & America Latina).

"Siamo tutti americani"

     Gli avvenimenti cileni del settembre ’73, con la loro scia di sangue e terrore, ebbero una vasta eco in tutto il mondo e particolarmente in Italia. Il segretario del Pci, Enrico Berlinguer, che sapeva bene quanto fosse diverso il Cile dall’Italia, ne trasse spunti e suggestioni per un discorso di più ampia portata e che porto alla elaborazione della teoria del “compromesso storico”. In un lungo saggio dal titolo “Riflessioni sull’Italia dopo i fatti del Cile” (pubblicato in tre parti su Rinascita, il settimanale del Pci, il 28 settembre e poi il 5 e 12 ottobre 1973) Berlinguer tratteggia la strada che porterà all’alleanza con la Democrazia cristiana, cioè con l’altro blocco popolare e sociale del Paese.
     Secondo Berlinguer la crisi politica dei primi anni ’70, generata dalla emergenza economica ed eversiva, poteva essere superata solo attraverso un’alleanza, un compromesso, tra le maggiori forze popolari italiane. Scriverà: “Certo, noi per primi comprendiamo che il cammino verso questa prospettiva non è facile né può essere frettoloso. Sappiamo anche bene quali e quante battaglie serrate e incalzanti sarà necessario condurre sui più vari piani, e non solo da parte del nostro partito, con determinazione e con pazienza, per affermare questa prospettiva. Ma non bisogna neppure credere che il tempo a disposizione sia indefinito. La gravità dei problemi del paese, le minacce sempre incombenti di avventure reazionarie e la necessità di aprire finalmente alla nazione una sicura via di sviluppo economico, di rinnovamento sociale e di progresso democratico rendono sempre più urgente e maturo che si giunga a quello che può essere definito il nuovo grande «compromesso storico» tra le forze che raccolgono e rappresentano la grande maggioranza del popolo italiano”. Un intervento, quello del segretario del Pci, (e che pubblichiamo integralmente) destinato a rappresentare uno spartiacque nella stagnante politica italiana e a far approdare il Pci in area governativa, la prima volta nel 1976 con il governo della cosiddetta “non sfiducia”, e successivamente nel 1978 con il governo di “solidarietà nazionale”, argine quest’ultimo alla luttuosa stagione eversiva che ebbe culmine nell’anno 1977, forse quello più buio della Repubblica. Ancora più buio di quel ’78 che, con il rapimento e l’uccisione di Aldo Moro, l’altro artefice della stagione del “compromesso storico”, chiuderà definitivamente l’esperienza governativa del Partito comunista.
Insieme alle Torri, che oggi tutti ricordiamo, val bene un pensiero al Cile.
     In memoria dei morti, dei lutti e delle sofferenze di quell’11 settembre 1973 e in memoria di una stagione della nostra storia italiana, incarnata giganti politici (Berlinguer e Moro), al cui cospetto i nani della politica di oggi appaiono ancora più miserabili.

Pasquale Di Bello
(Infiltrato.it)

redazione@aetnanet.org









Postato il Domenica, 11 settembre 2011 ore 10:58:08 CEST di Giovanni Sicali
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi