Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 482007588 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Caldo canicolare, basta con l'esame di Stato tra fine giugno e luglio. Bisogna anticipare l'esame di maturità
di m-nicotra
1693 letture

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
1269 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
838 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
815 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
739 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Giurisprudenza
Giurisprudenza

·Il Tribunale di Roma, in una recente sentenza, ha sancito il valore abilitante della laurea unitamente ai 24 cfu in materie psico-antropo-pedagogiche
·Corte D’Appello di Bologna: - Il D.S. non può comminare una sanzione di sospensione dal servizio per i docenti. Grande vittoria del Sindacato 'Politeia Scuola'
·Il caso dei DM, lungo quasi venti anni!
·Il Tar del Lazio accoglie il ricorso dei docenti di Geografia contro lo scandalo delle cattedre atipiche
·ASA Scuola - Il verbale d’invalidità anche se scaduto è ancora valido: da rifare l’assegnazione provvisoria di scuola dell’infanzia della provincia di Catania


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Manifestazioni non governative: Mostra sul 150.mo al MEETING di Rimini. “Perché l’Italia è ancora unita?”

Rassegna stampa
     Non è stato affatto semplice preparare la mostra “150 anni di sussidiarietà”, che sarà inaugurata al Meeting di Rimini dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Tuttavia la lunga gestazione di preparazione a questa manifestazione, le accurate e appassionate ricerche degli studenti, il confronto e spesso la scontro dialettico tra i rappresentanti del comitato scientifico, con docenti di chiara fama che hanno sottratto tempo al loro lavoro, offre la misura dello spessore nell’impegno e nella partecipazione per onorare con una originale visione storica i 150 anni dell’Unità d’Italia.
     L’idea che la Fondazione per la Sussidiarietà ha voluto realizzare è un contributo in controtendenza rispetto alle letture e alle rievocazioni prevalentemente politiche che sono state fatte in questi mesi.
     Alla fine, il lungo lavoro di ricerca non ha prodotto solo una mostra che illustra (con immagini, foto d’epoca, filmati e brevi testi scritti) gli ultimi centocinquant’anni della nostra storia, ma anche un testo documentato e meditato, quasi con sofferenza, che rovescia i canoni dei libri classici di storia nazionale. Qui, in questa circostanza, i protagonisti politici risorgimentali, quelli dell’Italia giolittiana, quelli del fascismo e della ripresa economica e democratica stanno un poco sullo sfondo. In primo piano c’è la storia del popolo e della società reale italiana, che ha una tradizione plurimillenaria, che supera ampiamente l’arco dei 150 anni di unità politica e affonda le sue radici nella cultura greco-romana e viene esaltata dal grande avvenimento cristiano che, alla fine, ha caratterizzato il modo di pensare, la mentalità, l’approccio alla realtà e la stessa organizzazione sociale, spesso prescindendo dall’assetto politico dell’Italia rinascimentale dei “cinque stati”, dell’Italia occupata dagli eserciti stranieri, dell’Italia del Risorgimento costruita da Cavour, Garibaldi e Casa Savoia anche in ragione di equilibri politici internazionali.
     È stata una scelta discutibile? Qualcuno potrebbe anche avere delle legittime obiezioni. Eppure, anche chi ha una lettura molto “politica” delle vicende italiane non può che rimanere profondamente stupito e ammirato di fronte al percorso sociale, educativo, economico permeato da una visione cristiana del popolo italiano.
     Mentre l’Italia del 1861, raggiunta l’unità politica, doveva fare i conti con la morte di Cavour, i primi grandi problemi sociali, un’autentica guerra contro il brigantaggio delle regioni meridionali e persino le dispute sulla capitale del Regno, il mondo cattolico dava inizio a un periodo quasi irripetibile di autentica “santità sociale”, fondando opere in campo educativo, assistenziale, sanitario e predisponendo il suo ingresso nell’assetto economico in modo mutualistico, con la fondazione di casse rurali, cooperative, organizzazioni operaie, che avevano lo scopo dichiarato di difendere i ceti meno abbienti della società italiana. Spesso in collaborazione, spesso in concorrenza o addirittura in contrasto con le organizzazioni operaie di ispirazione socialista, anarchica e mazziniana, questo mondo cattolico riuscì a creare una sorta di welfare prima che ancora si immaginasse l’attuale welfare state e all’interno di una legislazione carente quando non ostile ai principi della carità cristiana.
     La stessa passione dei cattolici nell’accettare lo stato unitario, ma di operare soprattutto per le parti più deboli della società, si avverte con la tragedia della prima grande guerra mondiale (il secondo periodo che la mostra descrive) e poi con l’avvento del fascismo, dove la Chiesa e i cattolici preparano lentamente una “resistenza degli animi” sul piano educativo, contro le leggi “fascistissime”, contro le leggi razziali, contro la visione dello Stato che si identifica nella statolatria e nell’esaltazione del potere personale del capo.
Non si limiteranno solo a questo i cattolici. Mentre la Chiesa diventerà l’unica istituzione a cui si affideranno gli italiani, molti cattolici parteciperanno attivamente alla Resistenza e nello stesso tempo si prepareranno alla gestione della futura rinascita del Paese.
     Il terzo periodo su cui la mostra si sofferma è quello della Costituente, dove in un’Italia divisa dalle ideologie, imbarbarita e impoverita dai disastri della guerra e della guerra civile, si riuscirà a trovare, con grande buon senso, un comune terreno istituzionale che garantirà i diritti fondamentali non solo dell’individuo, ma dell’uomo che vive in una comunità, in una società, e difenderà il ruolo insostituibile dei corpi intermedi che sono il tessuto portante del vivere civile. Tra luci e ombre, quel periodo tanto controverso, e tanto aspro nelle divergenze ideologiche, garantirà, a conti fatti, una Italia liberale e democratica.
     Quasi contemporaneamente agli anni della Costituente e a quelli di poco successivi, l’Italia, con la scelta atlantica e l’aiuto del piano Marshall, ma certo non solo per quello, riuscirà a realizzare quello che è ricordato come il “miracolo economico” italiano, un autentico balzo dalla condizione di Paese povero, anche nell’anteguerra, a Paese che fa il suo ingresso nel gruppo dei sette più ricchi e influenti del mondo. Anche in questo caso si potrà vedere, ed è ben documentato, lo spirito innovativo, la capacità di cambiamento del popolo italiano, il grande realismo e la sua incredibile laboriosità.
     Guardando alle vicende degli ultimi anni sembra che questa identità italiana sia andata perduta e la crisi economica, sociale e politica abbia ridotto le capacità degli italiani. Il percorso di questa mostra, attraverso i momenti salienti di questi centocinquant’anni, può essere un aiuto a ricordare che si può ripartire anche dallo spirito che ha animato quei periodi, certamente difficili, ma anche esaltanti per tutti gli italiani.

Gianluigi Da Rold (da Il Sussidiario.it)

redazione@aetnanet.org









Postato il Giovedì, 18 agosto 2011 ore 13:37:18 CEST di Giovanni Sicali
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi