Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481531149 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
975 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
748 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
682 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
676 letture

Cosa ne penso della politica. 60 ragazzi sindaci della Sicilia a Maletto per il primo raduno regionale
di g-aderno
647 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni
Istituzioni

·Il Majorana - Arcoleo di Caltagirone sulla Nave della Legalità il 22 e 23 maggio
·Il possibile nuovo volto della scuola dell’autonomia, al convegno nazionale al Campus Universitario di Matera
·L’insegnante e il dirigente scolastico nella scuola dell’autonomia tra didattica, governance e progetto culturale - Convegno a Matera 14 e 15 marzo
·Seminario per docenti 'Famiglie, scuole, servizi e nuove tecnologie'
·L’apprendimento dell’inglese come gioco. A Didacta un metodo sperimentale basato su tecnologie e movimento del corpo


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Lavoro: E i lavoratori dipendenti sono sempre quelli che pagano fino all'ultimo centesimo

Rassegna stampa
     In queste ore il Governo sta valutando la richiesta. Per la Cgia non sarebbe uno scandalo: negli ultimi anni le retribuzioni dei lavoratori del pubblico impiego hanno subito un impennata. Ma non tutti: i dipendenti del comparto istruzione solo del 27%, appena poco sopra l’inflazione.
     Tagliare, ridurre, tassare: il tema dell’estate del 2011 è sempre lo stesso. L’ultima richiesta arriva dalla Bce al Governo: per anticipare il pareggio di bilancio è necessario ridurre, tra le altre cose, anche le retribuzioni dei dipendenti pubblici. In queste ore l’esecutivo, con il ministro Tremonti che comincia a doversi difendere anche dalle critiche all’interno della maggioranza, sta valutando se questa può essere una strada percorribile, assieme a quella di bloccare l’indicizzazione delle pensioni, tassare le rendite finanziarie, dare maggiore libertà agli imprenditori di licenziare il personale meno efficiente. In attesa di capire quale sarà l’ennesima “ricetta” al ribasso, che comporterà ulteriori sacrifici per gli italiani, si apprende che quella di calmierare gli stipendi dei dipendenti della Pa non sembra essere tra le priorità del Governo: considerando che si tratta di quasi 3 milioni e mezzo di stipendi, da una parte garantirebbe sicure entrate per un debito pubblico che ha raggiunto livelli record (1.900 miliardi di euro), ma dall’altra produrrebbe sicure ripercussioni negative sul fronte economico e sociale.
     Eppure il problema esiste: secondo la Cgia, Associazione artigiani e piccole imprese, da qualche anno a questa parte le retribuzioni dei lavoratori del pubblico impiego hanno subito un impennata. Fermarsi un “giro”, qualche anno, non sarebbe quindi così scandaloso. “Tra il 2001 e il 2009 – ha detto Giuseppe Bortolussi, segretario degli artigiani di Mestre – a fronte di una diminuzione di quasi 111.000 dipendenti pubblici, la spesa per il costo del lavoro è invece aumentata del 29,5%. In termini assoluti è cresciuta di 37,7 miliardi, passando da 127,7 miliardi riferiti al 2001, ai 165,4 miliardi spesi dallo Stato nel 2009. Sempre in questo arco temporale, l’inflazione, invece, è aumentata del 21,5% circa”.
     Da un’analisi più approfondita dei dati cui fa riferimento il sindacalista si scopre che però gli incrementi stipendiali sono stati tutt’altro che omogenei. Tra i settori dove gli aumenti sono stati più consistenti, la Cgia segnala i dipendenti degli Enti pubblici non economici, come Aci, Enit, Ice, Inps, Inail, Inpdap: il loro incremento retributivo medio è stato, tra il 2001 e il 2009, del +46%. Anche nella magistratura, dove la media stipendiale è già attorno agli 80.000 euro annui lordi, le cose non sono andate male: l’aumento medio dei magistrati è stato del +42,5%. Non si possono lamentare le Regioni e gli Enti Locali, con una crescita media del 41%. Poi a scalare i corpi di Polizia, che hanno registrato un aumento medio del 35,2%; gli Enti di ricerca con un +33,8%; l’Università (+33%), la Sanità (+30,7%), e le Forze Armate (+30,3%). E la Scuola? In fondo alla classifica, naturalmente, con un incremento del 27,9%; quindi di poco superiore all’innalzamento dell’inflazione.
     Per i dipendenti della Scuola non si tratta certo di una novità (sic!): di recente la Ragioneria generale dello Stato ha messo in evidenza come le spese gli stipendi del settore Istruzione siano i più bassi del pubblico impiego. Nel 2009 la media pro-capite ha sfiorato i 39mila euro annui, mentre anche al Ministero dei Beni culturali si è arrivati a 39.500 euro. Stipendi più elevati si registrano nella Difesa (43mila euro) e nel Ministero degli Interni (43.900). Ma le cifre più alte le spuntano i dipendenti della Giustizia con quasi 53.600 euro. Se poi ci si confronta con quanto guadagna un insegnante all’estero, le differenze diventano abissali. La conclusione è logica: se lo stipendio di un insegnante italiano dopo diversi anni di servizio si attesta attorno alle 1.300 euro nette, come si fa a chiedergli di stringere la cinghia? Se proprio si dovesse mettere mano alle tasche dei dipendenti pubblici, il Governo farebbe bene a chiedere sacrifici in comparti più “nobili”. di A.G.(Tecnica della scuola, 12/08/2011)

redazione@aetnanet.og








Postato il Sabato, 13 agosto 2011 ore 07:56:38 CEST di Giovanni Sicali
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi