Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481455006 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
828 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
697 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
665 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
641 letture

Cosa ne penso della politica. 60 ragazzi sindaci della Sicilia a Maletto per il primo raduno regionale
di g-aderno
635 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Associazioni
Associazioni

·Promosso dall'associazione ''Stella Danzante'' il 15 marzo 2019 dalle ore 15:00 alle ore 20:00 si svolgerà l’VIII Giornata Nazionale di sensibilizzazione sui disturbi del comportamento alimentare presso il centro fieristico “Le Ciminiere” di Catania
·Per soddisfare le tante richieste ritorna in scena il 9 marzo alle ore 21.00 al Metropolitan di Catania la replica de ''I Promessi Sposi Amore e Provvidenza''
·Incontri, Teatro, Cinema: al centro le DONNE
·2° Galà degli ex Allievi del Convitto “Mario Cutelli”.
·X Edizione Rassegna Premio Giorgio Gaber - Obiettivo Nuove Generazioni


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Pensioni: L’anticipo dei tempi delle manovre finanziarie. Un freno alle pensioni di anzianità

Rassegna stampa
      Nella riunione di oggi dei tecnici richiamati a Roma dal ministro Giulio Tremonti per mettere a punto i dettagli dell'«operazione anticipo» della manovra si parlerà anche di pensioni. Non ci sono conferme ufficiali, naturalmente. Ma più fonti ieri convergevano sia sull'ipotesi Nella riunione di oggi dei tecnici richiamati a Roma dal ministro Giulio Tremonti per mettere a punto i dettagli dell'«operazione anticipo» della manovra si parlerà anche di pensioni. Non ci sono conferme ufficiali, naturalmente. Ma più fonti ieri convergevano sia sull'ipotesi di modifiche alle misure appena adottate per rafforzarne l'impatto sui saldi sia sull'ipotesi del varo di nuovi interventi strutturali.  La novità assoluta riguarderebbe in particolare gli assegni di anzianità. Un intervento sul meccanismo delle quote (fissate fino a fine 2012 a 96 con almeno 35 anni di contributi per i dipendenti e a 97 per gli autonomi) potrebbe consentire in 3-4 anni un vero e proprio blocco dei ritiri anticipati, con l'allineamento dell'età ai 65 anni necessari per la vecchiaia. I risparmi potrebbero arrivare a una minore spesa per 1,6-1,8 miliardi l'anno in pochissimi anni con il raggiungimento di «quota 100», vale a dire 64 anni di età e 35 di versamenti più la finestra mobile e i tre mesi di aspettativa di vita nel 2015 per i lavoratori dipendenti. A questo passaggio strutturale, capace di produrre risparmi di portata ancora maggiore nel medio-lungo termine, si aggiungerebbero l'ulteriore anticipo dell'aggancio del momento del pensionamento all'aspettativa di vita (dal 2013 al gennaio prossimo) e un drastico avvicinamento della scalettatura prevista per l'aumento dell'età di vecchiaia delle donne del settore privato. Il primo ritocco non porterebbe fortissimi risparmi (attualmente con il via nel 2013 sono previsti 38 milioni il primo anno e 262 il secondo). Un vero calo della spesa previdenziale potrebbe arrivare, invece, dall'aumento anticipato della vecchiaia delle donne: l'attuale normativa fa partire l'adeguamento nel 2020 per arrivare a 65 anni nel 2032. Un avvio di questa gradualità già a partire dal gennaio prossimo, potrebbe garantire risparmi importanti e variabili a seconda della velocità con cui si porterebbe l'allineamento a 65 che, vale ricordarlo, per le dipendenti statali scatta l'anno venturo. Ma ci sono almeno altri due interventi che potrebbero entrare nel nuovissimo «pacchetto previdenza» da mettere in piedi per garantire i risparmi che potrebbero non arrivare dalla riforma fiscale-assistenziale.
       Il primo riguarda gli assegni di reversibilità, il secondo toccherebbe invece l'attuale meccanismo di indicizzazione. Sulle pensioni ai superstiti la manovra è già intervenuta con la cosiddetta «norma anti-badanti» voluta dalla Lega. Ora la stretta si potrebbe allargare per ridurre il numero degli assegni di reversibilità negli anni a venire o anche ritoccando le percentuali degli assegni attuali, calibrati su diverse fasce di reddito. Le pensioni di reversibilità italiane, come è stato ricordato con una certa enfasi in questi ultimi giorni, sono tra le più generose d'Europa e con i 5 milioni di assegni pagati annualmente dall'Inps valgono una spesa di circa 38 miliardi. Infine le indicizzazioni. La manovra varata in luglio (legge 111/2011) prevede che ai soggetti con trattamenti pensionistici superiori a 5 volte il minimo non sia riconosciuta l'indicizzazione per il 2012 e il 2013, con esclusione della fascia di importo del loro trattamento fino a 3 volte il minimo, un segmento per il quale l'indicizzazione è riconosciuta nella misura del 70 per cento.
      Ebbene il congelamento potrebbe essere esteso anche agli assegni minori, fino a un blocco totale per i prossimi due anni. Quanto vale questa misura? Calcolando un'indicizzazione all'inflazione calcolata sull'indice Foi all'1,6%, la sola Inps dovrebbe pagare l'anno prossimo 2,6 miliardi di adeguamenti. Fin qui le ipotesi sugli interventi che, per come sono configurati, troverebbero qualche difficoltà a essere sostenuti anche da una parte del Governo e della maggioranza. Un'opposizione ferrea arriverebbe invece dai sindacati e dal centro-sinistra. Ieri solo Giuliano Cazzola (Pdl) è intervenuto a favore di nuove misure sulle pensioni «per evitare che «la riforma dell'assistenza si traduca in macelleria sociale». L'ex ministro del Lavoro Cesare Damiano (Pd) ha espresso un secco «no» a nuovi tagli e lo stesso ha fatto Maurizio Zipponi (Idv), mentre la Cgil, con Vera Lamonica, parla di «misure da respingere perché producono ingiustizie e approfondiscono le diseguaglianze». Davide Colombo (Sole24Ore, 9 agosto 2011) di modifiche alle misure appena adottate per rafforzarne l'impatto sui saldi sia sull'ipotesi del varo di nuovi interventi strutturali.
La novità assoluta riguarderebbe in particolare gli assegni di anzianità.
      Un intervento sul meccanismo delle quote (fissate fino a fine 2012 a 96 con almeno 35 anni di contributi per i dipendenti e a 97 per gli autonomi) potrebbe consentire in 3-4 anni un vero e proprio blocco dei ritiri anticipati, con l'allineamento dell'età ai 65 anni necessari per la vecchiaia. I risparmi potrebbero arrivare a una minore spesa per 1,6-1,8 miliardi l'anno in pochissimi anni con il raggiungimento di «quota 100», vale a dire 64 anni di età e 35 di versamenti più la finestra mobile e i tre mesi di aspettativa di vita nel 2015 per i lavoratori dipendenti.
      A questo passaggio strutturale, capace di produrre risparmi di portata ancora maggiore nel medio-lungo termine, si aggiungerebbero l'ulteriore anticipo dell'aggancio del momento del pensionamento all'aspettativa di vita (dal 2013 al gennaio prossimo) e un drastico avvicinamento della scalettatura prevista per l'aumento dell'età di vecchiaia delle donne del settore privato. Il primo ritocco non porterebbe fortissimi risparmi (attualmente con il via nel 2013 sono previsti 38 milioni il primo anno e 262 il secondo). Un vero calo della spesa previdenziale potrebbe arrivare, invece, dall'aumento anticipato della vecchiaia delle donne: l'attuale normativa fa partire l'adeguamento nel 2020 per arrivare a 65 anni nel 2032. Un avvio di questa gradualità già a partire dal gennaio prossimo, potrebbe garantire risparmi importanti e variabili a seconda della velocità con cui si porterebbe l'allineamento a 65 che, vale ricordarlo, per le dipendenti statali scatta l'anno venturo.
      Ma ci sono almeno altri due interventi che potrebbero entrare nel nuovissimo «pacchetto previdenza» da mettere in piedi per garantire i risparmi che potrebbero non arrivare dalla riforma fiscale-assistenziale. Il primo riguarda gli assegni di reversibilità, il secondo toccherebbe invece l'attuale meccanismo di indicizzazione.
Sulle pensioni ai superstiti la manovra è già intervenuta con la cosiddetta «norma anti-badanti» voluta dalla Lega. Ora la stretta si potrebbe allargare per ridurre il numero degli assegni di reversibilità negli anni a venire o anche ritoccando le percentuali degli assegni attuali, calibrati su diverse fasce di reddito. Le pensioni di reversibilità italiane, come è stato ricordato con una certa enfasi in questi ultimi giorni, sono tra le più generose d'Europa e con i 5 milioni di assegni pagati annualmente dall'Inps valgono una spesa di circa 38 miliardi.
      Infine le indicizzazioni. La manovra varata in luglio (legge 111/2011) prevede che ai soggetti con trattamenti pensionistici superiori a 5 volte il minimo non sia riconosciuta l'indicizzazione per il 2012 e il 2013, con esclusione della fascia di importo del loro trattamento fino a 3 volte il minimo, un segmento per il quale l'indicizzazione è riconosciuta nella misura del 70 per cento. Ebbene il congelamento potrebbe essere esteso anche agli assegni minori, fino a un blocco totale per i prossimi due anni. Quanto vale questa misura? Calcolando un'indicizzazione all'inflazione calcolata sull'indice Foi all'1,6%, la sola Inps dovrebbe pagare l'anno prossimo 2,6 miliardi di adeguamenti.
      Fin qui le ipotesi sugli interventi che, per come sono configurati, troverebbero qualche difficoltà a essere sostenuti anche da una parte del Governo e della maggioranza. Un'opposizione ferrea arriverebbe invece dai sindacati e dal centro-sinistra. Ieri solo Giuliano Cazzola (Pdl) è intervenuto a favore di nuove misure sulle pensioni «per evitare che «la riforma dell'assistenza si traduca in macelleria sociale». L'ex ministro del Lavoro Cesare Damiano (Pd) ha espresso un secco «no» a nuovi tagli e lo stesso ha fatto Maurizio Zipponi (Idv), mentre la Cgil, con Vera Lamonica, parla di «misure da respingere perché producono ingiustizie e approfondiscono le diseguaglianze».
Davide Colombo
(Sole24Ore, 9 agosto 2011)

redazione@aetnanet.org









Postato il Martedì, 09 agosto 2011 ore 14:26:52 CEST di Giovanni Sicali
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi