Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 481454827 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2019

Il saluto alla cara prof.ssa Caterina Ciraulo
di a-battiato
828 letture

#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR
di m-nicotra
697 letture

Il Certamen 'Giustino Fortunato', vinto dal Liceo Artistico Emilio Greco, di Catania
di a-battiato
665 letture

Manifestazione finale 'Legalità in arte ... Oltre 100 passi...verso la Legalità' all'Istituto Comprensivo Statale Santa Venerina
di m-nicotra
640 letture

Cosa ne penso della politica. 60 ragazzi sindaci della Sicilia a Maletto per il primo raduno regionale
di g-aderno
635 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Recensioni
Recensioni

·Kaleidoscopio di Enzo Randazzo alla Fondazione Verga di Catania
·All'Ursino Recupero presentato il volume dell'italianista Maria Valeria Sanfilippo
·Venerdì 7 luglio, alle 17:00, all’Ursino Recupero (via Biblioteca 13), avrà luogo la presentazione del volume “Giuseppe Bonaviri e le Novelle saracene” (ed. Aracne) di Maria Valeria Sanfilippo
·La Madonna dei Bambini a Sant’Agata La Vetere
·Un libro per amico, 'Un milanese a Catania' di Gianluca Granieri


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Precariato: La narrativa dei precari è un segno forte dei nostri tempi. Riflette su come cambia il lavoro e ci interroga sulla nostra identità.

Recensioni
     La narrativa dei precari è un segno forte dei nostri tempi. Riflette su come cambia il lavoro e ci interroga sulla nostra identità.
Come alcuni dei suoi personaggi – ad esempio la giovane croata Drina, bruttina ma sexy, professione (benissimo remunerata) motivational consulting – che si spostano rapidamente da una nazione all'altra, spinti dalla necessità del lavoro (quello che c'è, e che cercano di incrementare, ma anche quello che non c'è, e a cui aspirano), così, nel suo nuovo romanzo, La cospirazione delle colombe - Bompiani Milano 15 € -, Vincenzo Latronico mette da subito il turbo e corre per quasi 400 pagine, fitte, veloci, fatte di storie incastrate l'una nell'altra, di figure che si perdono e che si ritrovano, e, soprattutto, di lavori e occasioni parimenti persi e ritrovati e magari poi ripersi, fino a comporre un immenso e duro affresco della società di oggi.
     Dall'anno 2004 sino a un 2015 tutt'altro che lontano e che, date le premesse, non fa presagire nulla di buono. Perché comunque, nel libro di Latronico, tanto quanto nella vita che stiamo vivendo, i problemi e le ossessioni del lavoro sono diventati il tarlo che mangia l'anima.
     Sulla piaga del precariato, sui co.co.co. diventati co.co.pro., sulle cosidette partite iva (chi è obbligato da una ditta ad aprire una partita iva per poter lavorare, di fatto ma non de iure, come dipendente), sui lavoratori interinali e sui "tempi determinati", è uscita in questi anni, in Italia, una preziosa e mordente non piccola produzione narrativa o pamphlettistica. E varrà la pena rimandare ad alcuni di questi volumi: Pausa caffè (Sironi 2004), di Giorgio Falco, Mi spezzo ma non mi impiego (Einaudi 2006), di Andrea Bajani, Mi chiamo Roberta, ho 40 anni, guadagno 250 euro al mese (Einaudi 2006), di Aldo Nove, Vita precaria e amore eterno (Mondadori 2006), di Mario Desiati, Cronache dalla ditta (Mondadori, 2008), di Andrea Cisi.
     Ma il ventisettenne Latronico  ha una marcia in più ne. Per il piglio, il ritmo, la capacità di fissare le situazioni, descrivere i personaggi – dai più alti, come l'orrendo chief financial di un grande fondo americano, Miles Eli Rosewater (un bastardo con la puzza sotto il naso e un gran pelo sullo stomaco), ai più umili, come il giovane albanese Eltjon Thika. Che, arrivato a Milano con la mamma da Scutari in seguito al crack delle finanziarie piramidali della metà degli anni Novanta, si arrangia come può, cominciando con un negozietto dove vende kebab, ma sognando in grande.
     E però, se lo svantaggiato Eltjon lotta contro una nemesi storica che tende a designarlo come precario della vita, veri e propri precari del lavoro sono, all'inizio della vicenda, in gran parte ambientata in una grigia Milano dai cieli sinistramente bassi, i due protagonisti. Due amici da poco laureati in Storia economica, che vivono insieme nel quartiere milanese trendy dell'Isola: entrambi allievi del professor Corradini, un guru onnipotente o presunto tale. C'è una borsa di studio di dottore di ricerca disponibile per concorso alla Statale, nella disciplina del prof, e ognuno dei due spera di vincerla, figurandosi una carriera spalancata davanti. Calati nel frattempo nelle parti rispettive del ricco e del povero. Perché il bell'Alfredo Cannella è figlio di un danaroso costruttore edile veneziano, ammanicato col mondo intero; mentre Donka Berati è un orfano albanese, arrivato in Italia con una borsa di studio, dopo essere transitato a Harvard. Ma di lì l'hanno cacciato, nonostante la media dei voti altissima, per aver scritto e venduto tesine ai compagni. Delatore proprio Miles, infuriato perché l'altro è andato a letto con la sua ragazza, la Drina di cui sopra, anche lei studentessa a Harvard, ma destinata a rimanerci poco.
Già di qui è dato intuire la natura della trama, che procede rimbalzando senza un attimo di respiro da un personaggio all'altro, circolarmente allargando e restringendo il campo, nell'arco di una decina di anni e con non pochi flashback.      Concentrata specialmente sul triangolo Alfredo-Donka-Drina (entrambi i giovanotti avranno la ragazza, peraltro imprendibile, problematica, eterna donna-crisi, in circostanze e tempi diversi), ma lasciato largo spazio a una folla di comprimari magnificamente caratterizzati, tra cui, primo fra tutti, il cinico Corradini, economista che non ama l'economia ma ci campa alla grande: tanto preso dal suo mondo illusionale da non aver previsto una variabile: la morte prematura.
Sta di fatto che è il precario Donka, contro ogni previsione, a vincere gongolando la borsa (Corradini gli passa in anticipo i temi della prova): ciò che nondimeno non lo rende meno precario, visto che, alla scomparsa del Maestro, la sua carriera risulta brutalmente troncata. Alfredo, disoccupato di lusso, viene mandato a lavorare nella sede milanese del padre. Ha un momento iniziale di gloria, con un'accorta speculazione edilizia, poi mira troppo in alto, combina pasticci rimediati dal papi, se ne va in America a lavorare come consulente finanziario d'alto bordo, fa altri guai. Anche Donka deve ripartire da capo; ma per entrambi, in bilico fra essere "falchi" – magari travestiti da colombe – o vere "colombe", la sorte riserverà sorprese, e un colpo grosso finale, ma non per tutti...
     Con sorprendente maturità Latronico, il nostro piccolo Dos Passos, narra benissimo la crisi di una civiltà, la brutalità del mondo degli affari e della finanza, la boria del potere nelle università, la verminosa ossessione del denaro. E la solitudine, troppa, anche nell'amore. Guardiamoci con attenzione in questo specchio: siamo falchi o colombe? Giovanni Pacchiano (Sole24Ore 10 luglio 2011 )

redazione@aetnanet.org








Postato il Sabato, 06 agosto 2011 ore 09:45:00 CEST di Giovanni Sicali
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi