Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 483690754 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4264 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1425 letture

Il Consiglio di Istituto dell'IIS Majorana-Meucci di Acireale manifesta disagio per la decisione di non autorizzare la formazione della classe terza del Tecnico Economico
di m-nicotra
821 letture

A scuola di robot al liceo scientifico ‘G. Galilei’ di Catania
di m-nicotra
740 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
649 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Redazione
Redazione

·Concorso dirigenti
·Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
·Il libro-vademecum contro il business dei titoli di studio patacca 'lauree 30 e frode' mette in guardia sulle trappole dei diplomifici dilaganti
·L’Associazione Centro Servizi Scolastici e Didattici H&G di Catania riceve un prestigioso riconoscimento da Cambridge
·L’Anima e il Corpo (Parte II)


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Personale ATA: 10 maggio ore 19.30 presso la Basilica Collegiata di Catania: Veglia ''Giovani e Lavoro''

Comunicati

Letture, riflessioni, testimonianze: tutto nel nome di Giovanni Paolo II, il "Papa operaio" beatificato l’1 maggio. E' la linea sulla quale si svilupperà domani, martedì 10 maggio, la veglia di preghiera “Giovani e lavoro” che si terrà dalle 19.30 alla basilica della Collegiata (via Etnea).

La manifestazione è organizzata dalle segreterie nazionali di Cisl, Acli ed Mcl (Movimento cristiano lavoratori), a pochi giorni dalla beatificazione di Papa Wojtyła e nel trentennale dalla promulgazione della sua prima Enciclica sul lavoro "Laborem Exercens".

Oggi il programma della manifestazione è stato presentato alla stampa da Alfio Giulio, segretario generale della Cisl etnea, Franco Luca, presidente provinciale Acli, Raffaele Di Stefano, presidente provinciale Mcl e don Piero Sapienza, responsabile dell’Ufficio di Pastorale sociale e lavoro dell’Arcidiocesi di Catania. All’iniziativa hanno dato l’adesione quasi 40 associazioni laiche e cristiane del territorio etneo.

La veglia mette insieme una rete di associazioni laiche, il sindacato e le imprese nel territorio ognuno con il proprio impegno e le proprie peculiarità, in sinergia con la Chiesa catanese con tutte le realtà ecclesiali, sempre molto attenta ai problemi sociali e sempre al fronte, vicino ai problemi e alle difficoltà delle persone. Sarà un'occasione per riflettere sulle difficoltà del territorio, per ridare senso a valori forti di solidarietà, sussidiarietà, legalità e per rafforzare la cultura della speranza, valorizzare i talenti, con le parole per i giovani di Papa Giovanni Paolo II: “Prendete in mano la vostra vita e fatene un capolavoro”.

«In Sicilia – ha detto Giulio – la condizione giovanile soffre un elevato tasso di disoccupazione e inattività, quest'ultimo vicino al 77 per cento. A Catania, il 50 per cento non ha un lavoro, il 36 per cento non lo cerca, non studia e non è impegnato nella formazione. Sono i giovani "neet". Qui, il lavoro si continua a perdere per gli effetti della crisi e per l'assenza di serie politiche di sviluppo, cresce il fenomeno della delocalizzazione verso altri Paesi e territori che offrono maggiori opportunità e costi del lavoro più bassi. Qui cresce il livello di povertà delle famiglie e degli anziani, cresce la presenza dei migranti con sempre maggiori molteplici difficoltà. Gli giovani scoraggiati hanno bisogno di rimettersi assieme per ritrovare la speranza e diventare protagonisti nella costruzione del loro futuro».

«La rete così rappresentata – conclude Giulio – intende mantenere insieme percorsi e attività che rimettono al centro il ruolo e la dignità della persona, e favoriscono la partecipazione di numerosi giovani, uomini e donne alla vita sociale del nostro territorio, per essere pragmatici e propositivi e prevenire attraverso la conoscenza e il coinvolgimento inutili fenomeni di contestazioni sterili che non mettono al centro il dialogo e proposte reali e praticabili».

 

ALLEGATO:

 

MESSAGGIO DI S. E. MONS. SALVATORE GRISTINA, ARCIVESCOVO DI CATANIA

PER LA VEGLIA DI PREGHIERA: GIOVANI E LAVORO

Con la recente beatificazione di Giovanni Paolo II sono stati messi in evidenza i molteplici aspetti del ministero apostolico di questo grande Papa. Tra questi, vorrei sottolineare le problematiche connesse con il mondo del lavoro e quelle legate all’universo giovanile, dato che nel nostro territorio si presentano con una particolare urgenza e gravità. Sono note, infatti, le statistiche di questi ultimi mesi che registrano un livello di disoccupazione tale da poter essere definita da vero allarme sociale. E d’altronde, basta scorrere le cronache dei quotidiani locali che ci danno notizie, purtroppo sempre più frequenti, di aziende che chiudono e licenziano i loro lavoratori, lasciando sul lastrico tante famiglie. A nessuno sfugge che la crisi occupazionale ha pesanti ricadute su tutta la comunità, specialmente sui giovani, tra i quali uno su due è disoccupato. E infatti, il problema del lavoro, soprattutto giovanile, è attraversato da una “zona grigia” che si dibatte tra il non lavoro, il “lavoro nero” e quello precario. Tutto ciò causa delusione e frustrazione, mortifica le  speranze per il futuro e le legittime attese dei giovani, i quali, senza un lavoro, non possono formarsi una famiglia. Il beato Giovanni Paolo II, a tal proposito, affermava che “giustizia e solidarietà esigono che venga affrontato il grave problema di chi è in cerca del primo lavoro o di chi è disoccupato”. Ma il beato Giovanni Paolo II, nei giorni scorsi, è stato spesso ricordato come uomo di profonda preghiera. Sollecitati, pertanto, da questi tre elementi: giovani, lavoro e preghiera, la CISL, le ACLI e il MCL, hanno lanciato per tutto il Paese l’iniziativa di una veglia di preghiera, alla quale hanno aderito numerose altre associazioni cattoliche e movimenti ecclesiali, che, nella nostra Chiesa di Catania, sono stati coordinati dall’Ufficio diocesano per i problemi sociali e il lavoro.

È importante convocare i giovani a pregare per il lavoro, perché i loro sforzi per cercare le soluzioni per i loro progetti di vita si devono radicare in Cristo. Sappiamo che la crisi del mondo del lavoro, nel nostro territorio, è acuita anche a causa della mafia, che inquina tutto il tessuto economico. Per questo, desidero che facciamo nostre, ancora oggi, le parole che Giovanni Paolo II pronunciò nella sua visita a Catania, nel novembre del 1994: «Se la linfa di Cristo scorre in noi, subito cominciano a maturare certi frutti buoni ben riconoscibili (…..), allora la corruzione è vinta, la violenza è vinta, la mafia è vinta” e ovunque “si realizza la civiltà dell’amore.

I vescovi italiani abbiamo riconosciuto che le nuove generazioni possono percorrere cammini di speranza perchè “perché meno disilluse, più coraggiose nel contrastare la criminalità e l’ingiustizia diffusa, più aperte a un futuro diverso». I giovani, infatti, “non vogliono più sentirsi vittime della rassegnazione, della violenza e dello sfruttamento. Per questo sono scesi in piazza per gridare che il Mezzogiorno non è tutto mafia o un luogo senza speranza. I loro sono volti nuovi di uomini e donne che si espongono in prima persona, lavorano con rinnovata forza morale al riscatto della propria terra, lottano per vincere l’amarezza dell’emigrazione, per debellare il degrado di tanti quartieri delle periferie cittadine e sconfiggere la sfiducia che induce a rinviare nel tempo la formazione di una nuova famiglia. Sono volti non rassegnati, ma coraggiosi e forti, determinati a resistere e ad andare avanti” (CEI, Per un Paese solidale. Chiesa italiana e Mezzogiorno, 11).

In tale contesto, mi piace ricordare che Giovanni Paolo II, nella nostra città, esortò tutti, e in modo particolare, i giovani, all’impegno e alla responsabilità: «Nel presente momento storico, non ci può essere posto per la pusillanimità o l’inerzia (….). Alcuni forse hanno pensato di lasciare questo territorio (….) e si sono diretti altrove, in cerca di lavoro e di serenità. Può una comunità come quella di Catania sopportare ancora una tale immagine gravosa ed avvilente? (….) A tutti dico: state in piedi, concittadini della martire Agata, sappiate vincere il male con il bene! Colui che ha sconfitto il peccato e la morte è con voi!».

Rivolgo un pressante appello alle istituzioni politiche, alle amministrazioni comunale, provinciale e regionale, alle forze imprenditoriali, al mondo della cooperazione e alle organizzazioni sindacali, perché in vista del bene comune uniscano gli sforzi per superare la crisi occupazionale.

La nostra comunità diocesana, nella veglia di preghiera del 10 maggio, invocherà l’intercessione del beato Giovanni Paolo II, che da giovane lavorò, prima in una cava di pietra e poi in un fabbrica chimica, condividendo fatica, ansie e gioie con i compagni di lavoro, affinché il Padre, datore di ogni bene, al quale chiediamo di “darci ogni giorno il nostro pane quotidiano”, ci apra la strada per uscire dalla grave emergenza occupazionale, specie giovanile.

 

+SALVATORE GRISTINA

ARCIVESCOVO

 









Postato il Lunedì, 09 maggio 2011 ore 18:22:31 CEST di Marco Pappalardo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati

Comunicati

contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi