Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 484141648 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2019

Concorso dirigenti scolastici quello che il Tar lazio non ha detto
di m-nicotra
4475 letture

Plauso alle ordinanze di sospensione dell’efficacia esecutiva delle sentenze del Tar. Concorso Ds 2017
di m-nicotra
2084 letture

C’è vita oltre la scuola, ovvero, tra demonio e santità
di a-battiato
1503 letture

Concorso Ds 2017.Verso l’impugnazione della graduatoria. Il Tar sospende i giudizi,in attesa del Cds
di m-nicotra
1462 letture

Il concorso a preside annullato dalla ruspa di una magistratura amministrativa irresponsabile incompetente e politicizzata. Salvato in extremis dal Consiglio di Stato
di s-indelicato
1033 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Rosita Ansaldi
· Angelo Battiato
· Nuccio Palumbo
· Andrea Oliva
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Ornella D'Angelo
· Sergio Garofalo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ministero Istruzione e Università
Ministero Istruzione e Università

·Piano nazionale scuola digitale - Avviso pubblico per l'individuazione di 120 docenti costituenti le équipe formative territoriali
·Formazione GPU, dal 15 luglio sarà online la piattaforma di formazione
·#Maturità 2019, la traccia più scelta è quella sull’illusione della conoscenza
·#Maturità2019, al via mercoledì con la prova di Italiano. Ammesso il 96,3% degli iscritti
·#Maturità2019, online le commissioni d’Esame Motore di ricerca sul sito del MIUR


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Didattica: E se imparassimo dalla pubblicità?

Rassegna stampa

«Ma cosa c'entra col tuo programma?». Ero in una pausa di un incontro sindacale per docenti di religione e una mia cara collega sentendomi raccontare di una attività in classe è rimasta u po' interdetta.
Ho la fortuna di insegnare un corso per tecnico grafico. E speriamo che la riforma non ce lo azzeri. Dopo tre anni di materie professionalizzanti, in quinta sono in grado di fare anche analisi videografiche, almeno i più "bravini". E allora da qualche anno ci provo. Chiedo loro di selezionare alcune pubblicità che passano in tv, se le trovano scaricarle dal web, o videoregistrarle direttamente. E poi ce le guardiamo spaparanzati in classe come capiterebbe sul divano di casa, o quasi. Lo so! Se entrasse il preside sarebbe difficile dirle: «Posso spiegarle, non è come sembra» (Gerry Scotti nella pubblicità del riso).
Ma mi assumo la mia responsabilità e il rischio connesso, come il pilota dell'aereo della pubblicità del Montenegro. E insieme ai ragazzi lascio che siano loro ad insegnarmi gli strumenti di lettura di uno spot pubblicitario. Quanto mi fanno bene!!! E come sarebbe bello se la grammatica e la sintassi del linguaggio visivo fosse patrimonio condiviso da una intera società, come per il linguaggio verbale.
«Ecco vedi - dico alla mia collega -  ho imparato un sacco di cose dai miei studenti con questa attività e sono proprio grato a loro. Ad esempio che la pubblicità non è fatta per far pensare una idea, ma per far sentire una emozione. E che questa emozione serve da collante, spesso mistificatorio, per unire dentro di sé un bisogno, reale o indotto che sia, e un valore (o disvalore che sia!) in relazione ad un bene che viene mostrato come potenzialmente in grado di soddisfare entrambe le esigenze. A me questo dice molto di come funziona oggi l'uomo postmoderno. ma soprattutto mi dice al di là delle ricerche sociologiche, quali sono i bisogni e i valori davvero presenti nell'anima della gente di oggi, perché sempre di più la pubblicità mette in scena l'anima di una società e delle persone che la abitano. E sono convinto che se vogliamo essere in grado di riuscire a parlare della nostra fede e di Gesù Cristo a queste persone dobbiamo incominciare a capire quali sono i canali con cui loro leggono la realtà e si rapportano ad essa».
«Cioè vorresti dire che l'evangelizzazione dovrebbe diventare uno spot e la liturgia un carosello?». «Ma ti pare??!! Come se tu non mi conoscessi... Nulla è più lontano da me di questo. Voglio dire invece che analizzare le pubblicità ci regala delle chiavi comunicative dirette e fresche che se usate con intelligenza possono davvero aprire modalità di comunicazione della fede che oggi sono poco visibili.
Ti faccio un esempio. Una delle ultime pubblicità viste con i miei studenti è quella della Rai per i 150 anni dell'unità d'Italia. E loro hanno trovato come lì il bisogno di ognuno di avere radici locali (i dialetti) si sposi col valore della lingua nazionale che sostanzia l'unità italiana. E il bene potenzialmente in grado di soddisfare entrambe le esigenze è la Rai. Ma l'emozione che fa da collante in ogni sketch in cui questa idea è rappresentata è quella di una ironia stupita che si apre poi alla gioia, che sa anche sorridere leggermente sulle diversità e non perde per questo un valore pesante e controverso come l'unità della nazione.
Cosa succederebbe se presentassimo la questione del rapporto tra le religioni con questa stessa emozione, se lavorassimo per suscitare questa ironia stupita come prima sensazione e non invece quella di una paura che minaccia la nostra identità. E lo stesso vale per le differenze tra le varie anime del cattolicesimo italiano, dove l'estremizzazione delle posizioni ormai rende impossibile capirsi anche tra chi ha sempre trovato modo di farlo».
«Beh in effetti sarebbe carino, - dice la mia collega -, ma noi abbiamo a che fare anche con dei contenuti ideali, non solo con delle emozioni. Gesù Cristo è anche verità». «È vero - le dico -, ma una grammatica e una sintassi della verità già ce l'abbiamo, costruita in decine secoli di teologia alle spalle. Una grammatica e una sintassi delle emozioni della fede invece ci manca, e oggi sarebbe invece assolutamente necessaria. E a me sembra che chi costruisce pubblicità la conosca abbastanza bene invece, e ovviamente finisce per utilizzarla pro domo sua».
Alla fine lo ho offerto il caffè... quello dello spot del paradiso...

di Gilberto Borghi in Vino Nuovo






articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Giovedì, 10 febbraio 2011 ore 18:39:20 CET di Marco Pappalardo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi